Citazioni · Frasi Libri

NEL NOME DEL PADRE * GIACOMO CELENTANO

566-3396-2_301422160aea084d7ba054425117e0e0

La natura è da sempre il mio amore più grande, il primo, per il quale ho sempre avuto un forte trasporto che dura tuttora.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Sono un peccatore. E tuttavia ho completa fiducia nella divina e infinita misericordia di Dio.
San Giovanni nella Sacra Scrittura dice che se il nostro cuore ci rimprovera qualcosa, Dio è più grande e misericordioso del nostro cuore.
Questo è il nostro Dio, un Dio amore, e questo amore lo si evince anche guardando la natura che ci circonda.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Fin da bambino sono sempre rimasto affascinato dalla bellezza della natura, che ci avvolge nel suo abbraccio dall’origine dei tempi. Mi ricordo che all’età di dodici anni circa, mamma mi regalò una piccola cinepresa Super 8 con la quale cominciai  immediatamente a filmare gli eventi atmosferici, i temporali, l’arcobaleno e la neve, che è sempre stata la mia grande passione; ero attratto e lo sono
tutt’ora, da quei cristalli di ghiaccio che, leggeri e soffici, dolcemente ondeggiano in cielo fi no a posarsi sul suolo; ciascuno diverso dall’altro, racchiusi in un gelido mistero!
Il candore della neve e l’idea di purezza che ispira mi regala una sensazione di immenso piacere.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

La natura, opera del Signore ed eccelsa impronta del Creatore in ogni cosa, si manifesta nei variopinti colori di un fiore, nella maestosità del mare, nell’imponenza delle montagne, nelle nuvole candide che si stagliano nel cielo, nell’abbraccio caldo del sole…
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Tutto mi parla di te, o Signore, e del tuo amore con il quale hai circondato questo capolavoro della
creazione che è l’uomo. Già perché l’uomo è il capolavoro di Dio, tutto Egli ha voluto sottomettere all’uomo a patto che esercitasse il suo dominio con rispetto e amore; questo concetto sfugge oggi alla maggior parte di noi, l’uomo sfrutta la Terra e le sue risorse naturali senza valutarne prima le eventuali conseguenze, i cui terribili risvolti sono ormai evidenti.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

San Paolo dice: «La morte è entrata nel mondo per invidia del diavolo».
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Ho sempre amato la luce. Come un pittore anelo a lei, la cerco e la riproduco sulla tela che è la mia
vita. Impalpabile, rarefatta, la luce crea la differenza fra un dipinto e un’opera d’arte, fra un’esistenza marginale e una vita trascorsa in pienezza.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

E se Dio è la vita dell’uomo, la preghiera è il respiro dell’anima
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Lascia un commento