Frasi Tristi

La morte dell’anima

Una linea piatta:

è il battito del mio cuore.

Che sia morto?

Non c’è sangue che pulsa nelle mie vene;

non c’è aria nei miei polmoni.

I miei occhi vedono solo il buio.

La desolazione mi avvolge e mi tiene stretto a sé

intrappolato nella morsa del suo letale abbraccio.

Non distinguo il giorno dalla notte;

non c’è luce attorno a me;

non c’è scansione del tempo che sembra essere infinito

da quando sono piombato in questo baratro:

non riesco a risalire.

Le pareti sono lisce e scivolose,

mi sembra di cadere e finire sempre più giù.

Non trovo un appiglio che mi dia una speranza,

il dolore è così forte da sopraffarmi.

Oh Morte giungi a me,

concedimi questo regalo, graziami!

Il cavaliere errante non vuole più viaggiare:

liberami dalla sofferenza e con il tuo ultimo fatale bacio

conducimi verso la nuova vita dove non c’è dolore.

Lascia un commento