Poesie

Poesie ❤❤❤ Poesie Belle, Poesie Speciali e Poesie Più Famose da Dedicare. Poesie Straordinarie e Bellissime, Poesie Per Sognare! ► POESIE *



POESIE E FILASTROCCHE PASQUALI

aprile 20th, 2014

poesie di pasqua
Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.

Gianni Rodari
***

E Gesù rivedeva, oltre il Giordano,
campagne sotto il mietitor rimorte,
il suo giorno non molto era lontano.

E stettero le donne in sulle porte
delle case, dicendo: Ave, Profeta!

Egli pensava al giorno di sua morte.

Egli si assise, all’ombra d’una mèta
di grano, e disse: Se non è chi celi
sotterra il seme, non sarà chi mieta.

Egli parlava di granai ne’ Cieli:
e voi, fanciulli, intorno lui correste
con nelle teste brune aridi steli.

Egli stringeva al seno quelle teste
brune; e Cefa parlò: Se costì siedi,
temo per l’inconsutile tua veste;

Egli abbracciava i suoi piccoli eredi:

-Il figlio Giuda bisbigliò veloce-
d’un ladro, o Rabbi, t’è costì tra ‘piedi:

Barabba ha nome il padre suo, che in croce
morirà.- Ma il Profeta, alzando gli occhi

-No-, mormorò con l’ombra nella voce,
e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

Giovanni Pascoli
***

A festoni la grigia parietaria
come una bimba gracile s’affaccia
ai muri della casa centenaria.

Il ciel di pioggia è tutto una minaccia
sul bosco triste, ché lo intrica il rovo
spietatamente, con tenaci braccia.

Quand’ecco dai pollai sereno e nuovo
il richiamo di Pasqua empie la terra
con l’antica pia favola dell’ovo.

Guido Gozzano
***

E’ risorto Gesù!
Lo puoi trovare ora
In ogni uomo:
in chi soffre e lotta
per la libertà,
in chi soffre a lotta
per difendere la pace

nell’amico
che ti stringe la mano,
in chi cerca
l’amore degli uomini.

Hardy Tentle
***

Alleluia, alleluia, alleluia

Piange Maria davanti al sepolcro,
Io l’ho seguito, lo amavo davvero
lui mi ha guarito, mi ha dato la vita,
me l’hanno ucciso e lui non c’è più.

Alleluia, alleluia, alleluia

Vuoto è il sepolcro, non c’è più il suo corpo
sente una voce, la chiama per nome,
e con il volto segnato dal pianto,
si volge indietro e corre da lui.

Alleluia, alleluia, alleluia

Perché tu cerchi chi è vivo tra i morti?
Alzati e corri, non sono più qui!
Tu che sei l’ultima agli occhi degli altri,
vai tu per prima e grida: “È risorto!”

Alleluia, alleluia, alleluia…
***

Dentro un uovo di buon cioccolato
vorrei tanto ci fosse una cosa,
non un puffo, un anello,un soldato,
ma un momento di festa gioiosa.
Voglio dirti proprio per questo
ho pregato per voi ieri sera
perchè oggi sia un giorno lieto.
Una Pasqua di speranza vera.
R. Fontana
***

Domenica delle palme con papà Francesco

aprile 9th, 2014

Un ondeggiare verde

proteso verso il cielo

tante le mani alzate

preghiere alate

che sollevano un velo

per esser più leggero.

Lassù un puntino bianco

una finestra aperta al mondo

un volto sempre sorridente

anche con chi non è credente.

Lui accoglie ogni canto

un coro multicolore

di ogni credo e religione.

Palme e rametti di ulivo

simbolo di pace

per cuore aperto e ricettivo

al richiamo di una voce.

Timida una nuvola

attraversa la maestosa cupola

un volo di colombe

intorno a tutto il colonnato…

è quadro che lascia senza fiato!

Nell’immensa piazza

gremita di gente festosa

un grido impazza:

“w papà Francesco!”

Si aprono le porte dell’universo

il cielo è terso

si alza una leggera brezza…

è Gesù che ci accarezza!

https://www.youtube.com/watch?v=p1aSUvsB5Hk

1 un ondeggiare verde proteso verso il cielo

 

 

La rosa del deserto

marzo 28th, 2014

Se passeggiar volessi

in altro loco

e immortalar quell’attimo

con una foto

davanti agli occhi miei

gli occhi tuoi

e poi?

Siamo altri non più noi

la candela si consuma

ultimo quarto di luna

a ritrovar l’amato

lascio che sia il fato.

Quinto mese dell’anno

“maggio”

volo di un messaggio:

La rosa del deserto

in un libro ancora aperto

tra le tante rime

non trova la parola fine

un confine, oltre il quale

serve il lasciapassare.

http://https://www.youtube.com/watch?v=R6JW8b64suo

11 rosa del deserto

La goccia che goccia

marzo 24th, 2014

Goccia dopo goccia…

dove non c’è drenaggio

affoga il messaggio

e il bocciolo non sboccia.

Goccia dopo goccia…

senza un attimo di sosta

tumultuosa sommossa

che scalfisce la roccia.

Goccia,

il tuo continuo plin plin

indebolisce la mente

il corpo  è qui

ma l’anima è distante

me ne volo leggera leggera

abbracciando la primavera.

Il plin plin ora si confonde

col tubar delle colombe!

Goccia, hai ragione

la vita non è un mare calmo

nemmeno una prigione

tra un gioco e un salmo

si recita il copione

una commedia, tanti attori

amore, gioia,

sempre di più i dolori.

Goccia,

tu che con ferrea costanza

ti lasci lentamente cadere

un po’ di tregua per piacere

riposati, vai in vacanza…

Un eco nella stanza

una forte risonanza

poi  silenzio vellutato

il plin plin se n’è andato!

https://www.youtube.com/watch?v=vvhoOtFQoNc

Copia di poi

19 marzo “Caro papà”

marzo 17th, 2014

Non ti ho mai scritto papà

le letterine di tanti anni fa

iniziavano con “Cari genitori”

e  promesse di essere più buoni

oggi voglio iniziare con “Caro papà”

dimmi, in cielo come si sta?

Qui la mia vita è sempre in salita

sembra, pare, si dice

che inconsapevolmente

sei stato tu l’artefice

che ha bloccato la mia mente.

Ho cercato, l’ho sempre cercato

in ogni persona che ho incontrato

ma quell’amore non l’ho mai trovato

o forse meglio dir “recuperato”

al confronto eri sempre vincente:

tarlo della mia mente!

Complesso di Elettra?

Appena un pochino

capace però di cambiare il destino.

Chiudo gli occhi ora papà,

torno indietro, ti vedo

là in quell’orticello

che ormai era il tuo credo…

Prima che l’argine si sgretola

è buona regola

stringere il nodo della fune

e oltrepassare il fiume

niente lacrime, solo allegria

per un giorno di festa, la festa tua!

Auguri papà Giuseppe

per tutti noi “Peppino”

brindo con te

versami il tuo buon vino!

watch?v=__hsgTlM9qA

24 papà.psd

Noi gente di primavera

marzo 16th, 2014

Ho perso al gioco delle carte

ma la partita non è ancor finita

sfido la sorte

e vivo la vita.

Ho perso il punto di riferimento

ma l’ho trovato nel firmamento

un quotidiano appuntamento

dove sogno e desiderio

svelano il mistero.

Le malsane regole

come un tetto di tegole

appesantisce il cammino

nega il passo al sole

che vorrei a me vicino

per riscaldare il cuore.

Cosa mi manca,

cos’è che allora c’èra?

L’anima canta:

“era la primavera!”

Insieme a stormi di uccelli

lo sciacquio dell’acqua dei ruscelli

primavera tu torni

ancora pochi giorni

ricordo di un passo prolungato

il cuore rimasto senza fiato

in un respiro solo…

noi, gente di primavera!

Copia di 21 ancora pochi giorni

 

 

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=u09Y6rl3E-g

Specchio delle mie brame

marzo 10th, 2014

Ti guardi riflessa nella vetrina

ti chiedi: chi è quella signora?!

Ti senti ragazzina

la tua “reception” la ignora

l’immagine non la riconosce

non corrisponde

la mente si confonde

e le emozioni sono tante…

Lo sguardo …

no, non è più quello di allora

non c’è la primavera

flash di tante visioni

hanno offuscato il cristallino

un tempo limpido e trasparente

in sintonia, corpo e mente.

Il corpo invecchia

l’anima non ha età

tempo di una saetta

e del cammino sei già a metà.

Riflessa nel vetro

anima, non ti vedo

ma ti sento palpitare

come il riflusso del mare.

Lo specchio brama?

La cambio codesta trama

il sole tramonta?

Io resto gioconda

non mi guardo in vetrina

e resto ragazzina!

27 e resto ragazzina

https://www.youtube.com/watch?v=JJ6S5xnk1dc

Sigfrido

marzo 5th, 2014

Se piango, se rido

se ancora c’è emozione

è perché confido

in quell’unico amore

che nell’infuriar della tempesta

mi ha aiutato a risollevar la testa.

Un piccolo acerbo volo

per un cuore sofferente e solo

l’abisso, scongiurato

da chi l’ha tanto amato.

È entrato nelle vene

quel mutuo soccorso

ogni istante mi sostiene

e segue il mio percorso.

Se piango, se rido

se ancora c’è emozione

lo devo a te caro “ Sigfrido”

con te la mia canzone:

parole mute, prive di note

al buio e senza luce

ha preso voce!

http://youtu.be/EEwyJlB5K_0

17 lo devo a te caro Sigfrido

 

Un ricordo e un sogno

febbraio 26th, 2014

Custodito nella mente

un ricordo,

un sogno ricorrente

onnipresente.

Passano le stagioni

cambiano i colori

ma il sogno non si altera

non muta,

alimenta la mia vita.

Ossigeno puro

abbatte ogni muro

spezza ogni catena

e addolcisce la pena.

Nell’oscuro labirinto

fra tanti pensieri

vola in alto col vento

nell’azzurro dei cieli.

Un ricordo vestito di sogno

affinchè il cuore resti sveglio

una dose di adrenalina

quando leggo, “in copertina”

frasi scherzose, ironiche

a volte malinconiche

ritratto ben nascosto

nel buio e fitto bosco

nitida solo ad un anima

che in perfetta sintonia

sa leggere e ascoltare

le note di quella sinfonia.

http://youtu.be/8lRjdg-s-FA

7 alimenta la mia vita.psd

Next »