Restami vicino……

gennaio 4th, 2014

Resta accanto ai miei occhi

mio piccolo uomo

non abbiamo ali ma braccia

per stringere i nostri corpi.

Cosa ci fai delle mie poesie,

se loro non ti possono amare,

perchè ascolti il mio pianto

quando lui non ti commuove…..

Ti ho portato nelle mie ballate,

nelle mie canzoni, resta vicino

al mio cuore.

L’ultima cosa che ci attende non

può essere la morte, non ancora

fin quando i nostri desideri

incendieranno il sangue, scorrerà

la vita, l’amore continuerà il cammino

senza spegnersi mai.

 

(Mirella Narducci)

Restami vicino......

 

 

FRASI SU GENNAIO

gennaio 3rd, 2014

rosa_d_inverno

Un nuovo inizio grazie al calendario. Succede ogni anno. Rimettiamo l’orologio su Gennaio. Il nostro premio per essere sopravvissuti alle feste è un nuovo anno. Rinverdire la grande tradizione dei propositi per l’anno nuovo. Buttati il passato alle spalle e ricomincia. È difficile resistere alla tentazione dell’inizio, alla voglia di accantonare i problemi dell’anno vecchio.
GREY’S ANATOMY
***

Il mese di gennaio è quello in cui si fanno gli auguri ai propri amici. Gli altri mesi sono quelli in cui gli auguri non si realizzano.
Georg Lichtenberg
***

O gennaio sonnacchioso
stai nel tuo mantel nebbioso.
Lunghe notti e giorni corti,
neve e brina tu ci porti.
Chiudi in casa noi bambini
e fumare fai i camini.
Tu le stelle più brillanti
specchi in ghiacci scintillanti.
Forse un mago sei, gennaio,
e tra il vento tuo rovaio,
tu nascondi un solicello,
mite, lieve, riderello,
e d’un fiore il calicanto,
doni a tutti il dolce incanto

M.COMASSI
***

Io sono il primo di dodici figli
tutto vestito di candidi fiocchi;
spargo brillanti per campi e per cigli,
porto ai camini la festa dei ciocchi.
Di ghiaccio e neve ricopro le vette
e metto al fuoco le dodici ballotte.

O.CIMA
***

Nevica: l’aria brulica di bianco;
la terra è bianca, neve sopra neve;
gemono gli olmi a un lungo mugghio stanco,
cade del bianco con un tonfo lieve.
E le ventate soffiano di schianto
e per le vie mulina la bufera;
passano bimbi; un balbettio di pianto;
passa una madre; passa una preghiera!
GIOVANNI PASCOLI, GENNAIO
***

Gennaio è un mese
freddo e scortese
porta una sciarpa
di neve e fango,

non suona l’arpa
non balla il tango
batte fra i denti
la pipa spenta,
grida lamenti
poi s’addormenta.
ROBERTO PIUMINI, POESIA DI GENNAIO
***
È pure uno strano spettacolo di toleranza quello di un fantaccino che, vestito da state nel cuor del verno, si reca giocando là dove la scalmana del perdere lo fa sudar di bel gennaio. [...] Ti pare egli che l’orare de i romitori sia di cotal sorte? e che il sobrio del digiuno e il desto de la vigilanza trapeli nel paracore con la sottogliezza del freddo che gli congela i mocci che gli escon dal naso, come i ghiacciuoli pendenti da i tetti? In cotal mentre il vento che soffia gli riarde in modo le membra che il vederlo è una pietà, e aggiunta la sì fatta miseria a la perdita de i dinari che si guadagna con le ferite e con la morte (avenga ch’ei lo sopporti con la somma del la pazienza su detta), chi è quel santificetur che lo pareggi di merito?
PIETRO ARETINO
***

Luna di grappoli a gennaio luna di racimoli a febbraio
PROVERBIO
***
Nell’oscurità invernale, l’araba tersa profondità azzurra da Baghdad dello struggente incantevole crepuscolo invernale di gennaio – mi spezzava sempre il cuore, una dolce stella lancinante in mezzo al turchino più magico del mondo, come pulsante d’amore – in quella notte vedevo i capelli neri di Maggie. – Nelle valve di Orione i veli dei suoi occhi, presi a prestito, scintillava un’oscura e fiera membrana d’una cupa potenza che covava ricchi monili della luna levatasi dalla nostra neve, e avvolgeva il mistero.
JACK KEROUAC
***

Quelle stelle che nel Nord, nelle notti chiare, sono lacrime ghiacciate tra miliardi di altre, la via lattea di gennaio come caramelle d’argento, veli di gelo nell’immobilità, che lampeggiano, pulsando al ritmo lento del tempo e del sangue dell’universo.
JACK KEROUAC
***

La vita è come un caffè

gennaio 2nd, 2014

image

La vita è come un caffè: se non ne assapori il gusto quando è amara, significa che non la ami veramente, e potrai aggiungere tutto lo zucchero che vorrai, rimarrà sempre insoddisfacente. Potrà diventare, perfino, troppo dolce.
Isac Randazzo

 

 

Se Dio dovesse scegliere….

gennaio 2nd, 2014

Se Dio non mi concederà l’amore da me sognato e desiderato, se Dio avesse disegnato percorsi con vie di fuga per farci scoprire cos’è l’amore, per poi perdersi…. allora quel giorno dovrò essere io ad andarmene via dai tuoi occhi. E lo farò quando ancora ti amerò come se fosse il primo giorno. Lo farò quando sentirò la tua mancanza insopportabile. Quando il mio cuore rallenterà i suoi battiti solo al pensiero di non poterti più vedere. Se Dio non mi concederà di essere il giardiniere del mio fiore, sarò io ad andarmene via. Se mi lascerà il buio negli occhi, sceglierò la luce nel cuore. Se Dio un giorno dovesse oscurarmi l’anima, sceglierò un cielo pieno di stelle, dove io tutte le notti ti possa trovare. E lo farò quando senza di te la mia vita non avrà più senso. Quando ancora potrò dirti che ti amo.MANI T

Una pagina di Storia

gennaio 2nd, 2014

Copertina retro L'aforismario della felicità definitivo
Non essere uno qualunque, sì te stesso: non sarai mai uguale a qualcun altro e nessuno potrà mai dirti chi sei, poiché lo saprai solo tu.
Se non prima uscirai dal “guscio delle masse”, la tua parola avrà ben poca voce in capitolo.
Non appena sarai davvero ciò che sei dentro di te, allora ogni tua azione sarà una pagina di Storia indelebile.
Isac Randazzo

PENSIERI E PAROLE

gennaio 2nd, 2014

ZenStones

L’essere umano è parte di quel tutto cEh noi chiamiamo universo, una parte limitata nel tempo e nello spazio, sperimenta se stesso, i suoi pensieri e i suoi sentimenti come un’entità separata dal resto, una sorta d’illusione ottica della sua coscienza. Quest’illusione è una specie di prigione per tutti noi, ci limita ai nostri soli desideri personali e all’affetto di poche persone che ci sono vicine. Il nostro compito deve essere quello di liberarci da questa prigione ampliando la nostra cerchia di compassione per abbracciare tutte le creature viventi e tutta la natura nella sua bellezza.

Albert Einstein
***

Quando qualcuno si alza proclamando la non violenza, viene rilasciata una forza di cambiamento. Ogni azione per la pace richiede che qualcuno manifesti il coraggio di sfidare la violenza e ispirare l’amore.

Thich Nhate Hanh
***

C’è una sola cosa che si scrive solo per se stesso, ed è la lista della spesa.
Serve a ricordarti che cosa devi comperare, e quando hai comperato puoi distruggerla perché non serve a nessun altro.
Ogni altra cosa che scrivi, la scrivi per dire qualcosa a qualcuno.
Umberto Eco
***

Il grande tormento della nostra esistenza viene dal fatto che siamo eternamente soli, e tutti i nostri sforzi, i nostri atti tendono solamente a sfuggire questa solitudine.
G.de.Maupassant
***

Non basta parlare di pace, bisogna crederci. E non basta crederci bisogna lavorare perché si realizzi.
Eleanor Roosevelt
***

Non bisogna giudicare il buon Dio da questo mondo, perché è uno schizzo che gli è venuto male
Vincent Van Gogh
***

Il Vostro corpo, dalla punta del becco alla coda, dall’una all’altra punta delle ali, non è altro che il vostro pensiero, una forma del vostro pensiero, visibile, concreta.
Spezzate le catene che imprigionano il pensiero, e anche il vostro corpo sarà libero.
Richard Bach
***

Osserva le luci

gennaio 2nd, 2014

1535460_470498379738391_1569128093_n
Nelle giornate buie, puoi notare meglio le luci.
Isac Randazzo

 

MESSAGIO SU MARTE

gennaio 2nd, 2014

Siamo le creature più belle della galassia, abbiamo la capacità di realizzare un sogno, io ora scrivo per marte, voi camminerete su di esso!

(Ejay Ivan Lac)

(Messaggio scritto per la missione Mars one, 200 messaggi che verranno lanciati nel 2019)

Marte-e-Phobos

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI

gennaio 2nd, 2014

Phileas Fogg, ve lo ricordate? il grande viaggiatore che con gli antichi mezzi che l’uomo aveva, ha girato il mondo in 80 giorni, e anche se è un romanzo, penso sia stato possibile farlo anche ai tempi dello scrittore Verne, che con la tecnologia poco sviluppata, ha scritto un racconto fantascentifico, per i loro modi di pensare.

Ora come ora non ci metterei nulla a copiare la sua impresa, ma provate ad immaginare la sensazione straordinaria che si potrebbe provare a fare il giro del mondo, ma non sto parlando di una vacanza all’anno, dico, lasciare tutto e tutti, e cominciare a prendere quel treno, l’aereo, la nave, raggiungere quelle mete che vedresti solo con il passare del tempo, se ne hai la possibilità, la sensazione di staccarsi dalla realtà e cominciare quel viaggio fantastico, vedere le persone che contatti solo via pc, perchè impossibilitati a vedersi, vedere quei posti che ti bloccano il fiato, e sentire ogni tipo di problema scivolare sul tuo percorso, senza mai girarsi, guardare sempre avanti.

Guardare le albe di luoghi diversi, sentire l’aria di ogni città, il profumo di ogni etnia, imparare le culture di anime diverse, compiere il giro del mondo, e ritornare a casa, senza sovenir, senza altre valigie ne regali, solo le immagini di un lungo viaggio, e i ricordi di strade che riempiono il cuore, guardare fuori dalla finestra e dire “Oggi è una splendida giornata”.

(Ejay Ivan Lac)

Il giro del mondo picc

« Prev - Next »