POESIE DI ANTONIA POZZI

ottobre 7th, 2012

Naufraghi sugli scogli,
ognuno narra
a sè solo – la storia
di una dolce casa
perduta,
sè solo ascolta
parlare forte
sul deserto pianto
del mare -

Triste orot abbandonato l’anima
si cinge di selvagge siepi
di amori:
morire è questo
ricoprirsi di rovi
nati in noi.

Naufraghi, Antonia Pozzi
***

Curva tu suoni
ed il tuo canto è un albero d’argento
nel silenzio oscuro.
Limpido nasce dal tuo labbro – il profilo
delle vette – nel buio – .
Muoiono le tue note
come gocce assorbite dalla terra.
Le nebbie sopra gli abissi
percorse dal vento
sollevano il suono spento
nel cielo.
Notturno, Antonia Pozzi
***

Tristezza di queste mie mani
troppo pesanti
per non aprire piaghe,
troppo leggere
per lasciare un’impronta -

tristezza di questa mia bocca
che dice le stesse
parole tue
- altre cose intendendo -
e questo è il modo
della più disperata
lontananza.
Sfiducia, Antonia Pozzi
***

Se io capissi
quel che vuole dire
– non vederti più –
credo che la mia vita
qui – finirebbe.
Ma per me la terra
è soltanto la zolla che calpesto
e l’altra che calpesti tu:
il resto
è aria
in cui – zattere sciolte – navighiamo
a incontrarci.
Nel cielo limpido infatti
sorgono a volte piccole nubi
fili di lana
o piume – distanti –
e chi guarda di lì a pochi istanti
vede una nuvola sola
che si allontana.
ricongiungimento, Antonia Pozzi
***

Forse non è nemmeno vero
quel che a volte ti senti urlare in cuore:
che questa vita è,
dentro il tuo essere,
un nulla
e che ciò che chiamavi la luce
è un abbaglio,
l’abbaglio supremo
dei tuoi occhi malati -
e che ciò che fingevi la meta
è un sogno,
il sogno infame
della tua debolezza.

Forse la vita è davvero
quale la scopri nei giorni giovani:
un soffio eterno che cerca
di cielo in cielo
chissà che altezza.

Ma noi siamo come l’erba dei prati
che sente sopra sé passare il vento
e tutta canta nel vento
e sempre vive nel vento,
eppure non sa così crescere
da fermare quel volo supremo
né balzare su dalla terra
per annegarsi in lui.
Prati, Antonia Pozzi
***

Con l’alba
dal mare salivo
per alte scalee: si piegavano
cieli d’attesa ai margini
della pietra.
E traboccò per la spianata il sole.
Trepidi fiotti corsero nei fusti
delle colonne,
dense vene si aprirono
di linfa bionda:
si levarono i templi nella luce
con mani vive
e misuravo tra le aeree dita
gli spazi
di un eterno mattino
Atene, Antonia Pozzi
***

Riallacciavano le formiche
Nere file di vita tra l’erba
Vicino ai capelli
E sul mio- sul tuo volto sudato
Una farfalla batteva le ali.
Dopo, Antonia Pozzi

DEFICIT ECONOMICO DEL GOVERNO e LEGGE DELL’ATTRAZIONE

ottobre 6th, 2012

Immagina di essere il proprietario di una grandissima società dove migliaia di persone lavorano per te. [...] Immagina di non lavorare personalmente con nessuna di queste persone ma di affidare tutto a un manager. Il tuo manager le comprende, le consiglia, le dirige.  Quindi ogni volta che hai un’idea riguardo a qualcosa, la esprimi al tuo manager, che dice, “me ne occuperò subito”. E lo fa. In modo efficiente. Con efficacia e precisione. Proprio come piace a te”.
[...]
Tu hai un manager che è così e anche di più. Hai un manager che lavora costantemente in tua vece e si chiama Legge dell’Attrazione, e tu non devi fare altro che chiedere affinché questo Manager Universale scatti in piedi al tuo comando [...]
[...]

Il nostro governo è così inefficiente e inefficace. Se ha bisogno di più denaro, non fa altro che prenderlo arbitrariamente da noi. Non c’è responsabilità finanziaria; il denaro viene speso per futili scopi, poi si lamentano che non ci sono i fondi per le cose che contano davvero per noi. E’ un disastro. Non so proprio come qualcuno possa raddrizzare la situazione. Provo delusione. Provo biasimo. Provo rabbia.
Ma ora ricordo di avere a disposizione questo Manager Universale capace ed efficiente che lavora per me. Così chiedo quanto segue, facendo del mio meglio per tenere a mente che questo manager è veramente bravo, e sarà in grado di soddisfare efficientemente le mie richieste.
- Giuda le persone al governo affinchè siano responsabili dal punto di vista fiscale,
- Fai in modo che per ogni euro speso in tasse, guadagniamo di più,
- Mostrami i segni di prigresso relativi al valore e all’efficienza del governo,
- Metti i leader in ruoli focalizzati al miglioramento della situazione,
- Voglio vedere meno favoritismi e più interesse genuino nelle questioni,
- E’ tutto per ora. Grazie di occuparti di queste cose.

IL POTERE DI FAR ACCADERE LE COSE* E&J Hicks

*

Il Potere di Far Accadere le Cose Il Potere di Far Accadere le Cose

L’arte del permettere

Esther e Jerry Hicks

Compralo su il Giardino dei Libri

Amanti

ottobre 6th, 2012

Penso a quanto sia impudico il bisogno d’averti tra le braccia sfiorare il tuo corpo con la stessa emozione della prima volta, accarezzarti il seno, scivolare con le dita fino al tuo candore. Assaporando il tuo amore, fatto di gemiti soffocati in gola, di sapori indescrivibile e insaziabili. Schiavi di noi e della nostra passione, dove le parole non servono, solo gli occhi parlano e raccontano anche quello che non si dovrebbe mai dire. Ma la voglia è prepotente e s’insinua tra corpo e mente, tra realtà e fantasia, non m’importa adesso sapere che non è vero, non importa sapere che è un sogno fatto di illusioni, non importa se questo letto di rose  dove siamo adesso, nei prossimi giorni ci graffierà l’anima con le sue spine, ora..siamo solo noi, poi..ci penseremo.

(Stefano A.)

Sì te stesso

ottobre 6th, 2012

 

Meglio apparire brutto con quello che sei, che apparire bello con quello che non sei e non sarài mai. Isac Randazzo

La stanza vuota

ottobre 6th, 2012

Non c’è più la nostra stanza, ho chiuso dietro le mie spalle quello spazio ora vuoto, ormai gabbia senza aria, ne luce, non ci sono più passi, ne fiori, ne amore. Ora mi addormento con le tue frasi nella mente, ritornano per addolcire il sonno, la tua voce un effluvio che torna, un tuo dono per non farmi dimenticare. Il vuoto, sei uscito  senza chiudere la porta, ora spengo  io la luce, trattengo ancora un poco del  tuo passato amore, addormentandomi  nei  miei  lunghi  silenzi.

(Mirella Narducci)

EXPECT MIRACLES* Joe Vitale

ottobre 5th, 2012

L’unico modo per vivere veramente i tuoi sogni è ripulirti dalle tendenze negative e assumere il totale controllo della tua felicità. Allora imparerai a lasciare che i miracoli accadano ogni giorno della tua vita.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Chi guarda indietro e vede le cose in modo positivo vedrà il suo futuro come qualcosa di gradevole e vincente. Tutto inizia a finisce con l’atteggiamento di gratitudine. Questo è uno dei metodi più rapidi che ho trovato per far funzionare la legge d’attrazione nella mia vita.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Dovete riconoscere e capire che il vostro valore prescinde dalle circostanze passate o presenti. Siete importanti in quanto persone, potete generare dentro di voi la forza necessaria per raggiungere i vostri obiettivi indipendentemente da quello che credete di essere in questo momento.
Basta una decisione e potete reinventarvi adesso cominciando da zero.
Sì, avete questo potere.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Ti sfido a rimetterti in gioco… Che tu ci creda o meno, puoi davvero scegliere di cambiare e di permettere ai miracoli di entrare nella tua vita!
Joe Vitale, Expect miracles

*

L’ispirazione nasce dal Divino e se agite a partire da quell’ispirazione e poi la lasciate tornare al Divino raccoglierete la ricompensa. Può giungere come un lieve sussurro ispirante o come un’esplosione improvvisa di un pensiero elettrizzante: entrambi sono in grado di darvi ciò che volete di più, anche se non siete sicuri di come avverrà.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Ciò che ho imparato dal viaggio è: seguire il flusso. Le cose cambiano in continuazione e sono diverse da ciò che vi aspettate o pianificate. Il segreto per godere il viaggio e imbattersi in meravigliose sorprese è essere flessibili e aperti.
Fate pure dei piani, ma siate aperti al cambiamento e all’adattamento.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Credo che una forte fiducia legata all’azione sia la vera chiave. Puoi cercare di convincerti di essere felice, ma se la tua mente è piena di opinioni autolimitanti che sostengono il contrario, non farai nessun progresso. L’unico modo per vivere veramente i tuoi sogni è ripulirti da queste tendenze e assumere il controllo totale della tua felicità. Allora imparerai a lasciare che i miracoli accadano ogni giorno della tua vita.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Lasciar andare significa proprio ciò che vuol dire. Può sembrare ridicolo che dopo tutto questo pianificare e visualizzare ci si aspetti da voi che lasciate andare, ma è l’unico modo per ottenere il risultato.
Dipendere dal risultato e aspettarsi che esso arrivi in un certo modo riduce le vostre possibilità. Dovete lasciar andare, essere certi che la strada vi verrà mostrata e che riceverete ciò che avete prefigurato.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Dovete riconoscere e capire che il vostro valore prescinde dalle circostanze passate o presenti. Siete importanti in quanto persone, potete generare dentro di voi la forza necessaria per raggiungere i vostri obiettivi indipendentemente da quello che credete di essere in questo momento.
Basta una decisione e potete reinventarvi adesso cominciando da zero.
Sì, avete questo potere.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Potete realizzare qualsiasi cosa facendo un passo alla volta. Anche la vita che volete vivere. Se cercate di avere la visione globale di cosa volte fare nella vostra vita vi spaventerete. Evitatelo, nono provateci nemmeno. Il trucco è di focalizzarvi sul momento, focalizzarvi e fare ciò che vi viene chiesto di fare in quel momento perché quello è l’unico luogo in cui potete esercitare il vostro potere.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Se nella vita di ogni giorno siete riconoscenti, siete anche più felici. Potete sentirvi dei miserabili o essere una persona felice e forte. Perché non scegliete di essere riconoscenti quando ci vuole lo stesso sforzo per essere miserabili?
Se vi suona strano dire che lo sforzo è lo stesso per entrambe le attitudini, guardatela in questo modo: si usa la stessa quantità di energia per dire qualcosa di gentile e per dire qualcosa di negativo.
Joe Vitale, Expect miracles

*

Non è importante soltanto perdonare se stessi, ma anche perdonare gli altri.
Potreste pensare che questo è un vantaggio solo per chi viene perdonato, ma in realtà è chi perdona a trarne il maggior beneficio.
Il perdono ha uno straordinario potere curativo sul vostro cuore e sulla vostra mente, anche se chi vi ha ferito è lontano o è addirittura morto.
Joe Vitale, Expect miracles
*

Expect Miracles Expect Miracles
Come trasformare la tua vita in ciò che hai sempre sognato
Joe Vitale

Compralo su il Giardino dei Libri

Figlia Mia

ottobre 5th, 2012

Una meteora non brillerà mai come una stella,
perciò che tu diverrai meteora o stella,
ricorda di brillare durante il tuo viaggio
e di lasciare la più brillante delle scie,
solo così il tuo bagliore rimarrà impresso
negli occhi di chi saprà guardare.

Tomas Antecini

AVREMMO BISOGNO DI TRE VITE: una per sbagliare, una per correggere gli errori

ottobre 5th, 2012

Avremmo bisogno di tre vite:
una per sbagliare,
una per correggere gli errori,
una per riassaporare il tutto.
Alberto Jess

Mare addio

ottobre 5th, 2012

Ecco l’inverno, il pontile che si allunga sul mare, sente i miei passi. Sono lì per salutarlo, tutta l’estate mi ha visto a contemplare l’orizzonte, guardando mete che non  vedo  e sognando luoghi  lontani.  Le nebbie  autunnali  formano confini  tra le due  vastità, il vento mi porta il profumo della sua carezza. Fra un pò scenderà  la luna, anche lei per un saluto, vuol rassicurarmi come  il mare, trasformando il triste  addio  in un  arrivederci per  l’estate che verrà.

(Mirella Narducci)

« Prev - Next »