FILASTROCCHE DI HALLOWEEN

ottobre 25th, 2012

In ogni casa una zucca pelata
per questa notte un poco stregata
e una candela la illumini dentro
bella diritta e proprio nel centro.
Tanti fantasmi verranno alla porta
con gli occhi tondi e la bocca storta
e di sicuro vorranno un dolcetto
con la minaccia di uno… scherzetto!
AA.VV. 365 fiabe, storie e filastrocche, Giunti Kids

***

Halloween Halloween stregato
coi tuoi fantasmi dal passato,
con le tue streghe impertinenti
ed i tuoi mostri stravaganti.
In questa notte di paura
fantasmagorica avventura
facciamo festa mascherati,
mangiamo dolci prelibati!
Jolanda Restano
***

E’ una notte scura scura
di fantasmi e pipistrelli,
una notte di paura
da far torcere i budelli.
E’ una notte di terrore
che risveglia ogni vampiro,
una notte di rumore
da far togliere il respiro.
Ma chi avanza da lontano
con in mano il suo cestino?
E’ una mummia, un brutto nano,
è una strega o un assassino?
Ma guardate: son bambini !
Sono mostri mascherati:
chiedono dolci e pasticcini
ai vicini un po’ allarmati.
Van bussando ad ogni porta
e ridendo a crepapelle
fan scherzetti di ogni sorta
per avere caramelle.
Halloween, festa pagana
è però una buona cura :
i timori li allontana
e fa scappare la paura!
Simona Maiozzi

***

Scuri vampiri,occhi feroci maghi barbuti, orride voci.
Streghe nasone rimestan pozioni
mostri tremendi a tutti i portoni.
Candele tremanti in zucche svuotate,
orchi, fantasmi e bacchette fatate.
Maschere brutte eppur divertenti
per spaventare amici e parenti
e fare scherzi in gran quantità
a chi dolcetti in casa non ha!

Non ti vedo , amore…….

ottobre 25th, 2012

Se hai buio intorno a te alzati, fai entrare la luce, il sole  è  là  non  ti chiede nulla  brilla solo per te.  Pettina  i  capelli, scioglili, come  una cascata  toccheranno le tue spalle, tutto rischiarirà, anche un cieco  avvertirà  la dolcezza  delle tue movenze  le sfiorerà nell’aria che si sposta piano, vedrà  a  suo  modo la  follia  che lo  porta ad  immaginarti.  Vedendo dove non si vede,  in un istante ti avrà vicino, sentendo  il  tuo respiro, fino all’ultimo  alito  e più di  luce , bisogno non avrà.

(Mirella Narducci)

 

Le lacrime sono un pò come le foglie degli alberi in autunno..

ottobre 25th, 2012

 

Le lacrime sono un pò come le foglie degli alberi in autunno, cadono all’ improvviso e nessuno le “raccoglie”.

Tanya Bì ©

 

NATO SOLO

ottobre 25th, 2012

Sono nato da solo, morirò da solo, così come sono arrivato e me ne andrò vivrò la mia libertà come voglio, se mi lasci solo io non ti aspetto, perché la vita è breve, ed io non posso sprecarla ad aspettare, anche se potrei portarti dentro me, continuerò, da solo, a fare quello che ho sempre fatto, essere felice, senza aspettare nessun altro.

(Ejay Ivan Lac)

 

IL PIATTO BUONO

ottobre 25th, 2012

Rifiutano il piatto buono, avendolo assaggiato solo in parte, per poi rifiutarlo, e dopo? Dopo rosicano perché sanno di aver fatto la stronzata, perché ora quel piatto lo mangerà un’altra persona.

(Ejay Ivan Lac)

Ode alla morte

ottobre 25th, 2012

Svegliatevi, guardatevi intorno, aprite gli occhi, intorno a voi c’è
distruzione, odio, disperazione, fame, guerre e soprattutto “morte”.
Si, perchè lei è ovunque, lei esiste ed è l’unica cosa in cui io creda.
Voi, se, dico se, vi sveglierete, dovrete cercare di cambiare il mondo,
prima di tutto voi stessi, poi gli uomini, e dovrete incominciare da loro,
perchè sono loro stessi che generano il male.
Ma vi dico questo: tutto potrete cambiare, ma solo una cosa non cambierete:
“la morte”. E voi, scienziati, che cosa fate, lottate contro di lei,
cercate di vincerla? Non ci riuscirete mai, Lei è invincibile.
Rassegnatevi, avete già perso in partenza, prima di cominciare, la vostra
è solo un’illusione, un’utopia. Non mettetevi contro di Lei, io vi ho già
avvertiti, perdete il vostro tempo che potreste usare in altri modi e
per cose migliori.
La morte è il nostro fine ultimo, qualcosa di mistico, la morte può dare
la vita eterna…se esiste eternità. La morte per alcuni è anche un rifugio
dove sfuggire le ansie terrene, l’odio, la vendetta, il falso amore,
i falsi amici. Anche per me è un rifugio.
Perchè quando diciamo “voglio morire” Lei non viene, per poi arrivare
quando ci uccidono o quando ci ghermisce qualche male?
Noi aspiriamo tutti a Lei che ci attende con le braccia aperte, che ci
accoglie, che ci chiude per non farci uscire più, per farci suoi.

(1972)

Gelosia

ottobre 25th, 2012

Mi pretendi, mi vuoi, non lasci vivere. Sono un soggetto e non l’oggetto in cui infierire col sospetto.  Guardami, vedrai nei miei occhi , solo il riflesso del tuo viso.  Fammi essere donna, questa mia femminilità  lasciala  vivere.  Gelosia, una malattia la tua che mi logora e mi offende, malato hai abbandonato la ragione, cieco non vedi che sono tua. Il tuo possesso non vuole compromessi, ma alla  mia volontà,  tu non comandi!

(Mirella Narducci)

Master The Art Of Bread Making – The Easy Guide To Better Bread

ottobre 25th, 2012

Finisce sempre cosi, conosci una persona attravers Master The Art Of Bread Making – The Easy Guide To Better Bread o i tuoi pensieri, le tue idee, alcuni si fanno quasi carico delle tue sofferenze, delle tue delusioni, e tu lì a pensare ( cavoli quante persone mi vogliono bene)

C’è chi ti asciuga le lacrime, chi ti da coraggio, chi ti dice che sei un ragazzo meraviglioso, i tuoi sogni diventano quasi condivisibili, e diciamoci la verità, fa sempre piacere sentirsi dire che non sei uno stronzo qualsiasi, che per alcuni rappresenti un sorriso, una speranza, la dolcezza scritta e letta.

Fa piacere quando chi ti conosce non smette mai di darti un sorriso, quando chi si fa carico delle tue sofferenze non smette mai di darti speranza.

Invece no,

finisce sempre che dopo un giorno mi ritrovo ad ascoltare quella persona che ha più problemi di quelli che ho scritto io, che la sua vita è un disastro, che quelle parole dette pieni di speranza in fondo servivano più a lei che a me.

Finisce sempre cosi, c’è chi ti legge e non c’è mai chi ti ascolta, mai,

e tu lì solo, come uno stronzo qualsiasi senza nessuno che ascolta il tuo cuore, mai.

 

AMICO!

ottobre 25th, 2012

Amico, tu sei il mio io migliore, quello che vorrei essere, quello a cui desidererei assomigliare.

Per questo vorrei essere il tuo sostegno, vorrei cullarti quando hai paura, …e cantarti prima di dormire quando sei stanco.

Vorrei che fossimo la stessa cosa, che entrambi sapessimo tutto l’uno dell’altro.

La felicità a volte è solo aver provato l’amicizia, anche solo per un attimo. Perchè il segreto più nascosto è nel tuo e nel mio cuore.

Fidati di me amico,io mi fido già di te; quando ti vedo felice è la mia felicità, la tua tristezza è la mia pena.

Amico tu sei il mio sostegno,solido e unico.

« Prev - Next »