PENSIERI SULLA MORTE

novembre 2nd, 2012

Morire sì,
non essere aggrediti dalla morte.
Morire persuasi
che un siffatto viaggio sia il migliore.
E in quell’ultimo istante essere allegri
come quando si contano i minuti
dell’orologio della stazione
e ognuno vale un secolo.
Poi che la morte è la sposa fedele
che subentra all’amante traditrice,
non vogliamo riceverla da intrusa,
né fuggire con lei.
Troppo volte partimmo
senza commiato!
Sul punto di varcare
in un attimo il tempo,
quando pur la memoria
di noi s’involerà,
lasciaci, o Morte, dire al mondo addio,
concedici ancora un indugio.
L’immane passo non sia
precipitoso.
Al pensier della morte repentina
il sangue mi si gela.
Morte non mi ghermire
ma da lontano annunciati
e da amica mi prendi
come l’estrema delle mie abitudini.

Vincenzo Cardarelli
***

La morte è la curva della strada,
morire è solo non essere visto.
Se ascolto, sento il tuo passo
esistere come io esisto.

La terra è fatta di cielo.
La menzogna non ha nido.
Nessuno si è mai perduto.
Tutto è verità e via.

Fernando Pessoa
***

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla

Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.
Cesare Pavese

*

Per la Commemorazione dei defunti leggi anche: Frasi Sulla Morte

E’ passato il vento sulla pelle e ti ho sentita.

novembre 2nd, 2012

E’ passato il vento sulla pelle e ti ho sentita.

SimonaAmelia

Chi siamo

novembre 2nd, 2012

Nella vita ci sono cose che non capiamo con la mente ma con il cuore , perche le persone non si fidano uno del altro , perche siamo tutti contro il nostro cuore perche noi sentiamo la mente per fare una chosa la mente serbe per fare matematica non per comprendere i sentimenti dell cuore , si lo se che la vita e anche buona anche cativa ma siamo tutti uguali siamo pensieri per le persone che amiamo siamo forca per la esistensa , infondo siamo cuori che batono per la victoria . Ringo

Mai troppo tanto mai troppo poco

novembre 2nd, 2012

Noi siamo quel che siamo, diamo, prendiamo, vogliamo, lasciamo che ci derubino di noi.
Non diamo mai troppo, ne troppo riceviamo..
ignoranza è credere che siamo ”troppo” o gli altri sono ”troppo”.

Siamo la misura che vogliamo,
mai troppo buoni,

mai troppo cattivi,

mai troppo generosi,

mai troppo avidi.
La vita è un fiume che scorre

mai troppo in piena, mai troppo in secca.
Noi siamo coscenti di noi, attimo dopo attimo,
nell’ignoranza e nella savietà.
Nessuno si approfitta di noi se non noi stessi.
Siamo amici, nemici.
Siamo troppo buoni, già risuona male; troppo buoni.
Siamo troppo generosi, già risuona di egoismo; troppo generosi.
Siamo troppo onesti, troppo presuntuoso risuona di falso; troppo onesti.

Già scatta quella parte che si chiama coscenza….si ascolta nel silenzio della vita.

Noi siamo fatti di coscenza,

conoscienza,

atti,

parole,

indifferenza,

attenzione.

Penso a quanta attenzione ci serve per essere indifferenti.

Le candele consumano sull’atare della vita la loro essenza alla piccola fiamma accesa.

Posso essere, io, privo di coscenza quando strofino la capocchia del cerino che sfavilla e prende consistenza di fiamma?

Sono cerino e fiamma e mano che strofina il cerino e lo stoppino che brucia e lentamente mi consuma, io cera e candela.
Non siamo incolpevoli di essere,

nessuno è troppo tanto ne troppo poco..

Io, non sono troppo

sono quella che sono,

senza recriminazioni per lavare la mia coscenza.

Sono le lacrime sul volto,

sono il sorriso sulle labbra.

Sono il lutto della mia vita,

la speranza di un anima che piano piano va spegnedosi.

Io.. Sono.

SimonaAmelia

Il viaggio sciamanico

novembre 2nd, 2012

Cavallo Pazzo sognò e andò nel mondo in cui non c’è nulla
se non gli Spiriti di tutte le cose.
Quello è il mondo reale che sta dietro a questo,
e tutto ciò che vediamo qui è come un’ombra di quel mondo.
Egli era sul suo cavallo in quel mondo,
e il cavallo e lui in groppa
e gli alberi e l’erba e le pietre e tutto era fatto di Spirito,
e niente era di materia, e tutto sembrava galleggiare.
Il suo cavallo danzava come fosse fatto d’ombra:
così ebbe il suo nome, che non significa che il suo cavallo era pazzo,
ma che nella sua visione danzava in modo bizzarro.”

Alce Nero, Lakota Oglala

Dedicato a te, che sei lassù..

novembre 2nd, 2012

Dedicato a te, dolce anima dal cuore puro.. Sei la luna che illumina la notte, il sole che riscalda le pietre.. Come una piuma staccatasi dall’ala di un angelo, volteggi leggera a sfiorarmi l’anima.. Sei la mano che accarezza il cuore, l’allegria di una risata.. Una presenza silenziosa, discreta ma costante.. Una voce che mi culla dolcemente, gonfiandomi il petto d’orgoglio.. Sei la gioia, il dolore, la forza, la paura ma con la tua presenza riesci a infondermi una forza nuova, diversa, migliore.. Dai ancora una speranza alla mia vita, sei un faro acceso nella notte, un porto sicuro dove riposare la mia mente stanca, dove cercare la mia anima smarrita.. E’ lì che la ritrovo, nella tua anima, nel tuo cuore pulito, nella tua dolcezza infinita.. Sei l’aurora che mi sveglia ogni mattina, il tramonto che accompagna le mie sere.. Sei la notte che mi tiene sveglia, mentre mille parole sgorgano dal cuore.. Sei il mio tesoro, il più prezioso.. Quel tesoro che fa scorrere in me la linfa dell’amore e della vita.. Ti voglio bene, tesoro mio…. non ti dimenticherò mai!

 

(© Stefy)

felicità e briciole!

novembre 2nd, 2012

Il fatto che mi basti poco per essere felice
non significa che mi accontenti delle briciole.

-Italo Calvino-

(E IO,TU,NOI CI ACCONTENTIAMO DELLE BRICIOLE?)

non puoi pensare di cambiare le persone …

novembre 2nd, 2012

Non puoi pensare di cambiare le persone,
puoi decidere di amarle,
odiarle o allontanarti da esse,
ma cambiarle, questo no.
Cambiano perchè è la vita a cambiarle,
o il dolore.
-S. Littleword-

beati coloro …. !

novembre 2nd, 2012

Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni”

(Alda Merini)

« Prev - Next »