Albero solitario

ottobre 27th, 2012

Solitario in un mare d’erba
mi offristi riparo in un
meriggio dove le nuvole
avevano inghiottito il cielo
e la luce era fuggita via.
Mi accogliesti sotto la
tua chioma in un abbraccio
protettivo, dandomi asilo
in quel nero turbinio da
tregenda. Il mio nome incisi
sul tuo tronco  a ricordarti
un amico trovato che portò via
la solitudine che ti circondava.

CI SONO SOGNI…

ottobre 27th, 2012

Ci sono sogni costosi che non puoi permetterti,  come quei gioielli  che puoi soltanto ammirare al di là della vetrina di un negozio. Sono sogni che non ci appartengono o che potrebbero rubarci. Ci sono sogni che sarebbe meglio non possedere… sogni che devono rimanere nella vetrina dei ricordi.

Certi sogni non si svendono… ♥ℐℬ

-Imma Brigante -

 

HO SEMPRE DIMOSTRATO

ottobre 27th, 2012

Io ho sempre dimostrato di essere una persona seria, e sincera, ho sempre aspettato, ho sempre capito ed apprezzato, i difetti di tutti, i problemi seri, confidenze che mi porto ancora nel cuore, ma solo di coloro che mi sono ancora a fianco, e che non mi hanno mai mentito o fatto soffrire, io ho dato tutto a loro, e anche a quelli che ora non mi cagano più, che siano ragazze, che siano amori persi, che siano amici maschi….. già, amori persi, quelle, sono coloro che non riescono a toccare il mio cuore, a capire ciò che dico, ciò di cui ho bisogno, a questo punto, non credo esista quella persona capace di dimostrare ciò che vuole, in grado di scusarsi per i suoi sbagli, quindi? io dovrei essere sempre quello che deve cucire sempre tutto? nella mia vita ho eliminato solo una piccolissima parte di persone dalla mia anima, il resto io non l’ho cacciato, sono loro ad essersi allontanati da me, io ho sempre, comunque, camminato per la mia strada!

(Ejay Ivan Lac)
 
 
 

SE MOLLI ADESSO

ottobre 27th, 2012

Se molli adesso perderai quella strada che hai sempre sognato, se molli adesso non avrai altre possibilità dopo, perchè tutto quello che hai ora è solo di passaggio, sta a te tenerti tutto saldo e morire con esso, se molli adesso morirai dalla disperazione dopo e ti pentirai ad ogni ora della tua vita.

(Ejay Ivan Lac)

NON ERA UNO SBAGLIO

ottobre 27th, 2012

Quel pomeriggio freddo, mentre la nebbia avvolgeva la città, il freddo e le prime gocce di pioggia cadevano sull’asfalto, noi due, quasi sconosciuti, sotto questo grigiore un piccolo desiderio, chiusi in quella stanza, un piccolo rifugio, dove timidamente scherzavamo e parlavamo.
Non era uno sbaglio, se per un attimo ci siamo avvicinati un po’, leggermente annoiati dal mondo fuori, curiosi di sapere che sapore avevamo, dolci sguardi e un leggero calore che scaldava la pelle, il cuore, l’ambiente, una piccola carezza sul suo viso, e poi, un bacio innocente, in cerca della sua lingua, in cerca di scoprire il suo aroma, la sua spezia, sentirla muovere nella mia bocca mi eccitava tantissimo, passava le sue mani dietro la mia testa, mentre gli accarezzavo il viso, il mento, era così dolce, delicata, due conoscenti, semplici piccoli amici, che avevano voglia di assaggiarsi, cosa si nascondeva dietro a quel bacio, provai a baciarla sotto il collo, lentamente, piano, dietro al suo orecchio, lei chiudeva i suoi occhi lasciandosi andare su quel letto, il suo corpo coperto dai vestiti, mi incuriosiva, la voglia di scoprire le sue vibrazioni, la voglia di sapere che gusto aveva il suo essere.
Non era uno sbaglio se cominciai a toccagli il seno, perchè lei si faceva toccare, e si tolse la maglietta, iniziai a baciarla sul petto, sulla pancia, ad ogni bacio lei respirava, ad ogni bacio, io mi scioglievo, il suo profumo di more su la pelle, il suo viso rilassato, baci che scaldavano mentre le nostre pelli diventavano d’oca, il freddo ci sfiorava la pelle, si tolse il regiseno e ci infilammo sotto le coperte, quel gesto eccitò a tal punto di spogliarci, aprì le gambe, io sopra di lei, le si stringeva sotto di me, non esistava più nulla di noi, solo la voglia di fare sesso, non esistevano più le parole, solo la voglia di respirare assorbendo ogni tipo di sensazione, era impossibile trattenersi, sentire il suo corpo morbido e vederlo muoversi lentamente, mi faceva diventare fuoco, il profumo dei suoi capelli e il fresco delle lenzuola bloccavano il respiro fino alla gola, fino a quando il nostro sangue non esplose in una vampata calda di eccitazione, li, in quel pomeriggio diverso, li, mentre il cuore impazziva in uno solo battito, sapevamo che quello che abbiamo fatto non era assolutamente uno sbaglio.

(Ejay Ivan Lac)

Una donna singolare…

ottobre 26th, 2012

 

Mamma… una creatura pura e trasparente come nessuna… e al tempo stesso piena di colori! Sì piena di colori! Il suo carattere era così solare, pieno di energia e di vita che all’apparenza sembrava che la sua vita andasse a gonfie vele, quando invece nascondeva angosce non dette…

Mamma hai combattuto una battaglia più grande di te, ma non hai mai fatto trapelare niente… Sempre pronta a confortare l’animo altrui, sempre con il sorriso sulle labbra, pronta ad allietare e ad aiutare gli altri. Senza mai far intravedere le tue pene… Eri una persona al di sopra di ogni possibile immaginazione… da cui tutti rimanevano incantati…  Tutti ti ammiravano… 

Hai lasciato un vuoto inenarrabile…  Una persona di cui non si può fare a meno… ed ora tua figlia non ha pace… in attesa di un ritorno che non avverrà mai più… non se ne capacita… non vi riesce…

Il tarlo del dolore la annienta… vuole solo sua madre che però è partita per un viaggio di sola andata…

Mi Piace…

ottobre 26th, 2012

 

Mi piace la gente che non guarda se l’erba del vicino è più verde, bensì cura con amore il proprio giardino.
Mi piace la gente che ogni giorno ringrazia il mondo d’avere il pane sulla tavola pensando non sia poi così scontato…
Mi piace la gente che prega per i propri affetti, ma anche per i propri nemici, affinché trovino la strada della luce.
Mi piace la gente che sa scrollarti di dosso la fatica con un sorriso…
E infine, mi piace la gente che non ha bisogno di troppe parole perché con gesto, mi sa riempire un silenzio.

Anna Biason

Solitudine

ottobre 26th, 2012

Mai mi son sentito solo nel buio delle mie notti come adesso.
Notti lunghe, insonni, terribili come la solitudine.
L’unico conforto è il tuo ricordo di dolce creatura. La tua
immagine è l’unica luce nel buio della mia stanza che m’aiuta a
vincere la paura d’esso.
Penso sempre a te, non riesco a prender sonno, non mi rassegno
all’idea che tu sia vicina a me e ancora non posso averti.
Che succederebbe se tu non saresti mai mia?

(1972)

 

Infinita passione

ottobre 26th, 2012

E’ bastato un sentiero una traccia, hanno seguito l’istinto  per inseguire il sogno. Nudi uno di fronte all’altro, due corpi, scolpiti, accarezzati da occhi pieni d’amore si cercano. Le braccia come radici s’intrecciano, si stringono  in un oceano di brividi, come due onde si  lambiscono.  Si respirano finché  sono  uniti  per darsi di più, scordare il passato che non ricordano, sono la nuova storia che non li separa più.

(Mirella Narducci)

« Prev - Next »