dicembre 13th, 2012

Lui ha preso qualcosa da me. Mi ha portato via dei pezzetti di me. Un pezzetto alla volta. Pezzi così piccoli che non me ne sono neanche accorta

In realtà ti sembra di essere come al solito, un po’ più tranquilla, ma comunque la stessa di sempre.

dicembre 13th, 2012

Hai smesso di piangere la notte.
Hai smesso di leggere.
Hai smesso di fare discorsi seri.
Hai smesso di dire “dai, vieni qui…dimmi cosa non va” alle amiche.
Hai iniziato a dire “via, tanto ti passa”.
Tra un po’ di buon sesso, tanti giochi e tanto amore, scegli di giocare.
Perché ti va, dici.
Il fatto è che a nessuno va di smettere di sentire.
A nessuno.
Quindi non lo ammetterai mai, non lo dirai mai alla tua amica che hai un buco in testa e uno in pancia.
Non dirai mai che tocchi gli oggetti ma non li senti.
Che abbracci e vorresti essere altrove.
Che eviti accuratamente qualsiasi cosa che possa creare scompiglio o lacrime.
Non lo dirai mai, ma se ne accorgeranno tutti quando una sera, all’improvviso, scoppierai a piangere (apparentemente) senza motivo e inizierai a dire che ti manchi.
Che ti manchi, che ti manca la te capace di soffrire.

Sarah.

dicembre 13th, 2012

E non importa quante volte cambi taglio di capelli o in quante palestre ti iscrivi o quanti bicchieri di chardonnay bevi con le amiche,vai lo stesso a dormire ogni sera riesaminando ogni dettaglio e chiedendoti dove hai sbagliato,come hai fatto a non capire.E come diavolo hai potuto pensare di essere tanto felice in quel momento.Ti capita anche di convincerti che lui capirà che cosa ha perso e busserà alla tua porta.. ma infondo sai che non lo farà.

Io non lo so dire cosa mi succede a volte

dicembre 13th, 2012

e capita all’improvviso, mentre mangiamo un panino, mentre parliamo di quanto è bello il mare a settembre, mentre urliamo perché non ci siamo capiti, mentre ci laviamo i denti davanti allo specchio e ci prendiamo in giro, mentre camminiamo e siamo sereni, come se il mondo non potesse interferire quando siamo per mano. Non lo so cosa mi succede, ma all’imp
rovviso mi innamoro anche se sono già innamorata. Mi innamoro così tanto che mi viene da ridere e da saltare e da sposarmelo e da comprarci le pentole e da sceglierci i divani e le tende e da farci sei figli e da piangere di felicità. Vorrei amarlo di meno, vorrei che mi amasse di meno.Avrei meno paura, perché così tanto amore fa paura.

Parallele.

dicembre 13th, 2012

Uno si dispera e l’altro non ci pensa. Uno si rifà una vita e l’altro una dipendenza

“Con il tempo”

dicembre 13th, 2012

“Con il tempo…

si impara a convivere con le proprie assordanti solitudini.

Con il tempo…

ci si accorge che le menzogne feriscono se stessi prima che gli altri.

Con il tempo…

ci si scopre intimamente fragili, esposti alle bufere dei cambiamenti.

Con il tempo…

ma solo con infinito tempo

si tenta di rimettere insieme i cocci della propria vita.” L.G.

“Grazie!”

dicembre 13th, 2012

“Vorrei trovar parole adatte per esprimere quel che provo… un semplice grazie non basta!

Grazie a chi sopporta i miei malumori, i miei sguardi assenti e le mie risposte sgarbate.

Grazie a chi non critica difetti e vizi anzi li accetta e cerca in essi qualcosa da salvare.

Grazie a chi partecipa ai miei stati d’animo e condivide i momenti memorabili della mia vita nel bene o nel male.

Grazie a chi per me cancella la solitudine e riempie i troppi silenzi.

Grazie a chi ogni giorno mi dona un po’ del suo cuore e del suo tempo.

Per tutti voi non ho che mani piene di gratitudine, occhi scintillanti d’amore e caldi sorrisi.

Sarebbero tante le persone da ringraziare ma coloro che mi fanno stare bene ogni giorno anche solo con una telefonata o con un abbraccio sanno che questo grazie è per loro!

Grazie davvero… grazie di cuore! ” L.G.

Rischiare – Rudyard Kipling -

dicembre 13th, 2012

Ridere, è rischiare di apparire matti…

Piangere, è rischiare di apparire sentimentali… 

Tendere la mano, significa rischiare di impegnarsi…

Mostrare i sentimenti, è rischiare di esporsi…

Far conoscere le proprie idee ed i propri sogni, è rischiare di essere respinti…

Amare, è rischiare di non essere contraccambiati…

Vivere, è rischiare di morire…

Sperare, è rischiare di disperare…

Tentare , è rischiare di fallire… 

Ma noi dobbiamo correre il rischio!

Il più grande pericolo nella vita è quello di non rischiare.

Colui che non rischia niente…

non fa niente…

non ha niente…

non è niente!

(Rudyard Kipling)

Tienimi per mano al tramonto – Hermann Hesse -

dicembre 12th, 2012

Tienimi per mano al tramonto,

quando la luce del giorno si spegne

e l’oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle…

Tienila stretta quando non riesco a viverlo

questo mondo imperfetto…

Tienimi per mano…

portami dove il tempo non esiste…

Tienila stretta nel difficile vivere.

Tienimi per mano…

nei giorni in cui mi sento disorientata…

cantami la canzone delle stelle dolce cantilena di voci respirate…

Tienimi la mano, e stringila forte

prima che l’insolente fato possa portarmi via da te…

Tienimi per mano e

non lasciarmi andare… mai…

(Herman Hesse)

« Prev - Next »