Sulla nuvoletta

gennaio 21st, 2013

Mia dolce e cara creatura,

scendi dalla nuvoletta,

sei una donna matura,

non sei più una bimbetta!

Lo so, è molto dura,

il tuo cuore non l’accetta.

Nelle favole c’è sempre il lieto fine,

tra bene e male c’è un confine,

ammonizione per il lettore:

“impara bene la lezione”.

Nella realtà, regna il caos.

Conquistati dal mouse,

e  tutte le nuove tecnologie,

ci raccontiamo un sacco di bugie.

Chi più inganna ed è furbetto,

è osannato e viene eletto!

Cara e dolce creatura,

tranquilla, non aver paura,

segui la strada di un grande maestro,

il suo nome? Gesù Cristo …

Non vergognarti, sii fiera,

chi non capisce e deride,

nasconde le proprie ferite,

convinto di essere superiore,

dà, a chi crede, poco valore.

Sta a noi non lasciarsi intimorire,

ma nemmeno infierire:

“c’è un seme nell’anima di ognuno,

non ne è esente nessuno”.

Se il terreno è fertile attecchisce,

se è arido appassisce.

Ci vuole tanto amore,

affinchè  sbocci un fiore,

ma  chi non l’ha mai avuto,

quel seme l’ha dimenticato,

non è mai sbocciato,

capir non può, se non l’ha mai provato.

watch?v=0lnZ-bxwNFo

UN GIORNO TUTTO IL DOLORE TI SARA’ UTILE* Peter Cameron

gennaio 21st, 2013

 

<<Penso che la psicoterapia sia un concetto fuorviante delle società capitalistiche, in base al quale crogiolarsi nell’analisi della propria vita sostituisce l’atto stesso di viverla.>>

Peter Cameron, Un giorno tutto questo dolore ti sarà utile

*

Mi attirava molto l’idea di lavorare in una biblioteca, un luogo dove la gente è costretta a parlare sottovoce e solo quando è necessario.

Peter Cameron, Un giorno tutto questo dolore ti sarà utile

*

“I pensieri sono più veri quando vengono pensati, esprimerli li distorce, li diluisce, la cosa migliore è che restino nell’hangar buio della mente, nel suo clima controllato, perchè l’aria e la luce possono alterarli come una pellicola esposta accidentalmente”
Peter Cameron, Un giorno tutto questo dolore ti sarà utile

*

Avrei tanto voluto che la giornata fosse tutta come la colazione, quando le persone sono ancora sintonizzate sui loro sogni e non è previsto che debbano affrontare il mondo esterno. Mi sono reso conto che io sono sempre così; per me non arriva mai il momento in cui, dopo una tazza di caffè o una doccia, mi sento improvvisamente pieno di vita, sveglio e in sintonia col mondo. Se si fosse sempre a colazione, io sarei a posto.
Peter Cameron, Un giorno tutto questo dolore ti sarà utile

*

Una narrazione straordinaria, un libro adatto ad essere regalato ad un adolescente.

Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà Utile Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà UtilePeter Cameron

Compralo su il Giardino dei Libri

ESSERE GENTILI è più importante dell’essere giusti.

gennaio 21st, 2013

Essere gentili è più importante dell’essere giusti. Molte volte ciò di cui abbiamo bisogno non’è di sentire un discorso perfetto, ma di avere accanto un cuore speciale che ascolta.

Camy

C’E’ CHI LA FA FINITA

gennaio 21st, 2013

C’E’ CHI LA FA FINITA

C’è chi prende una pistola e si spara in bocca, o chi si spara in testa, c’è chi si impiccha, chi si taglia la gola, chi respira gas o si da fuoco, c’è chi si droga per morire, chi beve per morire, chi si infila tunnel in vena, per morire, c’è chi la fa finita, bevendo ammoniaca, annegando in vasca, prendendo una pasticca, c’è chi muore per amore, per tristezza, per fallimento, c’è chi la fa finita senza mangiare, senza bere, senza respirare, chi si butta da un palazzo, chi si butta sotto un’auto, un treno, un camion, chi si uccide per disperazione.

C’è chi la fa finita rovinandosi la vita, chi violenta per rovinarla ad altri, chi beve e si schianta, chi beve per dimenticare, chi ruba, chi si lascia cadere dalla disperazione, c’è chi si rovina la vita, facendo la puttana, chi uccide, chi cerca violenza, chi cerca rissa, c’è chi la fa finita, perchè non sa andare avanti per il suo percorso e affrontare la salita.

Io combatto, per salire questa maledetta salita, e sono ancora in vita.

(Ejay Ivan Lac)

L’infanzia

gennaio 21st, 2013

L’infanzia: è il periodo che credevi fosse irripetibile ma poi con qualche tuo gesto da pazzo e con qualche gioia espressa in modo da bambini ti accorgi che sei ancora bambino o almeno hai l’umorismo dei bambini

SEI LA MIA FANTASIA

gennaio 21st, 2013

E’ difficile guardarti, perchè solo la tua forma emana il profumo della perfersione, è difficile, perchè la tua pelle innesca, come una calamita, l’attrazzione fortissima delle mie mani, verso il tuo corpo, ti guarderei ogni momento, ogni volta che ho bisogno di guardare qualcosa di calmo, qualcosa che mi faccia battere il cuore in questa vita che disegna solo menzogne, lasciati guardare mia fantasia, sei l’immagine che incide belezza nei miei sogni, sei il mio sogno, la mia musa ispiratrice delle mie sensazioni, il tuo odore, sulla pelle, su la tua anima.

Lasciati toccare, delicatamente con le mie dita una sottile linea, che solletica e ti rilassa, il calore che ti incide, il soffio delle mie labbra sulla tua schiena, alcuni baci sulla pelle, alcune carezze, sulle tue forme, modellarti e colorarti con la mia mente, sei il mio desiderio, lasciati realizzare!

(Ejay Ivan Lac)

MENTE CONFUSA

gennaio 20th, 2013

Per noi, che abbiamo la mente confusa e siamo pessimisti, abbiamo incontrato sempre lacrime e tristezza, e ti porta alle volte a guardare il mondo da lontano, per paura di toccarlo.

Ma arrivi ad un punto della vita in cui devi stringerlo tra le tue braccia, anche se si ha paura, per viverlo in tutta la sua purezza, perché se non lo farai rischi di morire, e di non avere mai ricevuto le risposte dei tuoi desideri.

(Ejay Ivan Lac)

Nostalgia?

gennaio 20th, 2013

Che poi forse non sei nemmeno tu a mancarmi, ma l’idea che mi sono costruita io su di te.

amore….

gennaio 20th, 2013

sono solo una semplice ragazza innamorata dell’idea dell’amore…<3

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni