LE NOSTRE CONVINZIONI

dicembre 22nd, 2012

Le convinzioni sono cose delicate e sono considerate pressoché sacre ed intoccabili dalle persone. Infatti quando vengono intaccate queste, le reazioni sono imprevedibili.
Questo però dovrebbe fare riflettere tutti noi sulle NOSTRE convinzioni.
Anche se siamo sicuri di ciò in cui crediamo, nondimeno potrebbero essere convinzioni erronee. Ragion per cui dovremmo sempre tenere aperta una porta per valutare altre idee ed opinioni su QUALSIASI argomento ci fosse proposto…Del resto che si rischia? Se non ci convinceranno rimarremo della nostra idea, no?
Imparare ad ascoltare è arte nobile e raffinata, segno di intelligenza ed apertura, equilibrio e mancanza di fanatismo. E preserva la pace.
Idee fisse e ristrette, sono, tutti gli psicologi lo sanno, segno di nevrosi e squilibrio. La scarsa disponibilità al confronto è indice di un sentimento che è l’opposto della sicurezza: la paura.
(Sergio Davanzo – EDA Personal Coaching)

S come Sguardo

dicembre 22nd, 2012

Quando hai paura di tradire le emozioni, puoi rimanere immobile se vuoi. Ma ci sono ciglia, palpebre e pupille che parlano per te, e per quanti sforzi tu possa fare, ricordati che lo sguardo non si ferma mai.

Tanya Bì ©

MaGaRi

dicembre 22nd, 2012

Magari bastasse una folata di vento per avere una spinta e “saltare” in avanti.

Tanya Bì ©

lettera impalpabile

dicembre 22nd, 2012

Caro Babbo Natale…desidererei un'incontro importante dove la fiducia non so' come, e' innata…dove l'attrazione e' una sola…e il pensiero onnipresente….dove anche il tempo pare illogico..o troppo breve o secolare…dove ogni bacio n'e' richiama un'altro….dove le mani si cercano solo per tenersi vicino….dove anche il silenzio

diventa piu' che piacevole e dove le parole aiutano a capirsi…ed ogni litigio crea un legame…poter piangere..e sentirsi a casa…poter ridere e condividerne l'allegria…fino a quando per questo Amore ci si promettera' lealta' ed impegno per la sua naturale evoluzione per far si che il nostro Voler Bene durera' in eterno —forse chiedo troppo—

zp8497586rq

BACIO BOLLENTE

dicembre 22nd, 2012

Mi piace il mio bacio perchè, è diverso come ogni cosa che faccio, se mi provi solo un attimo potrei scaldare la tua lingua e pizzicare con il calore le tue labbra, mi piace scaldare ogni cosa che faccio e lasciare il segno nell’anima dopo che me ne sono andato, hai bisogno di qualcosa che ti faccia sentire viva, io posso farti sentire accesa come fuoco sulla legna, che brucia accaldato e continua su ogni cosa che trova, il mio bacio provoca questo, fiamma bollente sul tuo cuore che pompa e butta sangue bollente, provami ora, e mi penserai per sempre.

(Ejay Ivan Lac)

LUCI DI CITTA’

dicembre 22nd, 2012

Città, buia ma lucente, mentre cammino per queste strade, solo, immerso nella mia musica grazie alle mie cuffie, sincera perchè silenziosa, non parla e non esprime menzogna, luci di città, tra le sue montagne vetrate e le insegne colorate, accendono l’asfalto e indicano calore, ogni tanto passa qualche sorriso di sconosciute ragazze, che come me, ammirano da sole, le strade vuote e silenziose, la notte, batte il suo cuore più del giorno, mentre gli umani dormono altri, come me, camminano senza sonno, tra il freddo e il gelo, tutto appare muto e sicuro, ripensando al passato vivendo il presente, chiudendo le porte al futuro, perchè quello che conta in quel momento è camminare stando bene.

(Ejay Ivan Lac)

DONNA SAPORE

dicembre 22nd, 2012

Stare vicino a te mi rende dolce e sensibile, sentire il sapore del tuo seno, forte ma delicato, come il sapore delle more che profumano il paesaggio e attirano, forzandone l’assaggio, ti sento nell’aria anche solo se passi senza vederti, il tuo odore è inconfondibile, si espande ed entra nelle narici insieme all’ossigeno, ogni tua carezza è un petalo profumato di bergamotto, forte, deciso, ma delicato, sei un’esplosione di profumi che colorano la mia strada, mi rendono vario e ricco di vita.

(Ejay Ivan Lac)

TU SEI BELLISSIMA

dicembre 22nd, 2012

Ti guardo senza conoscerti, guardo i tuoi occhi come quando guardo la luna, non riesco a staccare il mio sguardo dalla tua luce, misteriosa donna, sconosciuta come l’universo, nascondi lati segreti come l’ingnoto nasconde le sue origini, è questo che mi fa battere il cuore, averti solo per me e scoprire giorno per giorno lo spazio profondo che si nasconde dentro di te.

(Ejay Ivan Lac)

Scordarsi di quello che eravamo tutti.

dicembre 21st, 2012

Tutti i grandi sono stati bambini una volta.
(Ma pochi di essi se ne ricordano).
-Il Piccolo Principe, Antoine Saint Exupéry-

« Prev - Next »