LOLITA

febbraio 17th, 2013

Tu nasci, e sai  già cos’è  l’amore.

La tua età acerba, che porta

calzettoni, gonne corte,  dietro

sulle moto dei ragazzi, con i capelli

al vento che  sono  la bandiera della

tua libertà.

Giovane e bella, delle altre non

t’importa,il tuo sorriso malizioso le

oscura tutte.

Abbracciata al tuo uomo, ne senti

il cuore che batte, ti vuole sua, tu

dolcemente cedi con languida passione,

senza amore.

Sei grata per una carezza, per un gelato,

una caramella che ingoi avida e non ti

accorgi che ti stai succhiando l’anima.

La tua verginità, si scioglie, sparisce

senza umiltà e paura…….

 

(Mirella Narducci)

 

 

 

MI SERVIREBBE SAPERE *ANTONIO MAGGIO (vincitore Festival di SanRemo giovani 2013)

febbraio 16th, 2013

L’influenza fa
cambiare le mie fantasie
le modifica e poi le rimodella ad arte.
Non sono stato mai
capace di decidere
cosa meglio sia
e cosa definire male.
Mi servirebbe sapere
se l’altra notte
quando hai detto che sei stata tanto bene
eri sincera
oppure hai avuto una parentesi
di un’ora …pure scarsa…
e non mi va di privarmi
della calma
e farmi male
e farmi male
e farmi male
tanto male
e farmi male
e farmi male
e farmi male
tanto male.
Mi servirebbe sapere
la strategia
per aggirare tutte quante le barriere
e la strada giusta per giustificare
il male e allievare il dispiacere,
mi servirebbe saperlo quanto prima…
e farmi male
e farmi male
e farmi male
tanto male
tanto male
e farmi male.
E farmi male e continuare ad aspettare
il tuo continuo andirivieni concettuale.
Forse alla fine
mi piace un po’ così:
soffrire e farmi abbandonare qui….
oh!
ti piacerebbe sapere le contromosse
utilizzate per lenire le mie pene
e sopperire finalmente
alla tua luce a intermittenza
per dotarmi di pazienza?
in fondo mi è anche piaciuto!
allora fammi  male
e fammi male
e fammi male
tanto male
e fammi male
e fammi male
e fammi male
tanto male
e farmi male
e farmi male
e farmi male
tanto male.

Antonio Maggio, Mi serverebbe sapere

FRASI NATURA*

febbraio 16th, 2013

35_bellissime_fotografie_artistiche_e_colorate_della_natura

La natura è un miracolo che si perpetua ogni giorno davanti ai nostri occhi, e noi spesso non riusciamo a vedere.
Stephen Littleword, Aforismi

*

Oltre a guardare dritti di fronte a sé, un’altro segreto per ottenere uno sguardo elegante è osservare cose belle. Le cose più belle di questo mondo sono quelle create da madre natura…
Emiko Kato, L’Eleganza dell’Anima

*

La Terra di per se stessa è uno spettacolo incantevole con le sue alte vette, i laghi ed i fiumi, le valli e le fertili pianure, ma con i ritmi di vita che conduciamo al giorno d’oggi, siamo tutti sempre così presi dalle nostre attività ed impegni, che quando abbiamo del tempo libero, le nostre menti si focalizzano solo sulla ricerca di svaghi, del buon cibo o delle ore di meritato riposo e ci dimentichiamo di volgere lo sguardo alla perfezione della Creazione di Dio.
Paramahamsa Prajnanananda, L’Universo Interiore

*

La natura può allestire spettacoli straordinari. Il palcoscenico è immenso, le luci strabilianti, le comparse infinite e il budget per gli effetti speciali illimitato.
Yann Martel, Vita di Pi

*

“Osservando la natura impariamo moltissimo. Guarda l’acqua, si abbandona con sicurezza assoluta e può occupare tutti gli spazi vuoti che incontra. Si adatta seguendo le leggi fisiche, purifica, nutre, fluisce da ogni parte, è flessibile. La trasparenza del suo atteggiamento ci deve servire da esempio per liberarci dalle incertezze, dai timori, per esprimere il meglio di noi stessi, per essere, spazzando le nebbie che sporcano la nostra visione e non ci permettono di vedere la luce del nostro spirito, né sentire il nostro vero calore. Questo atteggiamento di fermezza affronta le sfide, intraprende avventure e le vive, trasformandole in esperienze creative, positive, creando le condizioni favorevoli perché si realizzino le nostre aspirazioni.”
Anton Ponce de Leon Paiva, Il maestro al lago sacro

*

Ogni giorno troverò il tempo per entrare in comunione con la natura e per percepire in silenzio l’intelligenza che è in ogni essere vivente. Mi siederò e, in silenzio, osserverò il tramonto, oppure ascolterò il rumore dell’oceano o di un corso d’acqua, o semplicemente sentirò il profumo di un fiore. Nell’estasi del mio silenzio attraverso la comunione con la natura godrò del palpitare eterno della vita, del campo della potenzialità pura e della creatività illimitata.
Deepak Chopra, Le sette leggi spirituali del successo

*

“Bello era il mondo a considerarlo così: senza indagine, così semplicemente, in una disposizione di spirito infantile. Belli la luna e gli astri, belli il ruscello e le sue sponde, il bosco e la roccia, la capra e il magiolino, fiori e farfalle. Bello e piacevole andar così per il mondo e sentirsi così bambino, così risvegliato, così aperto all’immediatezza delle cose, così fiducioso.
Diverso era ora l’ardore del sole sulla pelle, diversamente fredda l’acqua dei ruscelli e dei pozzi, altro le zucche e le banane. Brevi erano i giorni, brevi le notti, ogni ora volava via rapida come vela sul mare, e sotto la vela una barca carica di tesori, piena di gioia.”
Hermann Hesse, Siddharta

*

Felicità è trovarsi con la natura, vederla, parlarle.
Lev Nikolàevič Tolstòj, I racconti

*

Quando si perde il profondo rapporto intimo con la natura, i templi, moschee e chiese diventano importanti.

Jiddu Krishnamurti

*

Il grande spettacolo della Natura assume un Grande Significato solo in relazione allo Spirito che lo contempla.
Erwin Schròdinger

*

Felicità è trovarsi con la natura, vederla, parlarle.
Lev Tolstoj, I cosacchi

*

Se la tua mente non sarà agitata da venti e da onde, vivrai sempre tra montagne azzurre e verdi alberi. Se la tua vera natura possiede la forza creativa della Natura stessa, ovunque tu vada, vedrai i pesci guizzare e le oche svolazzare.
Hung Tzu Ch’eng

*

La natura sa regalarmi emozioni primordiali, che allentano le tensioni della vita quotidiana, respirare l’aria cristallina del mattino, accarezzare un fiore e ascoltare le vibrazioni di un ruscello, questo, per oggi, mi basta.
Stephen Littleword, Aforismi

*

In certe notti serene, con la luna grande, si fa festa nei boschi. È impossibile stabilire precisamente quando, e non ci sono sintomi appariscenti che ne diano preavviso. Lo si capisce da qualcosa di speciale che in quelle occasioni c’è nell’atmosfera. Molti uomini, la maggioranza anzi, non se ne accorgono mai. Altri invece l’avvertono subito. Non c’è niente da insegnare in proposito. E’ questione di sensibilità: alcuni la posseggono di natura; altri non l’avranno mai, e passeranno impassibili, in quelle notti fortunate, lungo le tenebrose foreste, senza neppur sospettare ciò che là dentro succede.
Dino Buzzati, Il segreto del Bosco Vecchio

*

Noi siamo la natura. Imparare a leggere i suoi cambi d’umore e imparerete a leggere voi stessi.
Sergio Bambarén, Il Fiume di Cristallo

*

Questo è un altro aspetto rasserenante della natura: la sua immensa bellezza è lì per tutti. Nessuno può pensare di portarsi a casa un’alba o un tramonto.
Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra

 

*

Il nostro stile di vita influenza fortemente il mondo animale e vegetale, eppure ci comportiamo come se la nostra vita quotidiana non avesse niente a che vedere con le condizioni del mondo. Siamo come sonnambuli: non sappiamo quel che facciamo né dove stiamo andando. Il futuro di ogni forma di vita, compresa la nostra, dipende dai passi consapevoli che facciamo. Eppure ognuno può fare qualcosa per proteggere il Pianeta e averne cura. Dobbiamo vivere in un modo che dia ai nostri figli e nipoti la possibilità di avere un futuro. La nostra vita sia il nostro messaggio.
Thich Nhat Hanh, L’Unico Mondo che Abbiamo

*

La Creazione è affascinante per la sua perfezione e se ci soffermiamo ad osservare le molteplici varietà della flora e della fauna, gli oceani, le stelle, i pianeti, la vastità dello spazio non possiamo che rimanere esterrefatti.
Paramahamsa Prajnanananda, L’Universo Interiore

*

Strappare la bellezza al mondo ovunque essa sia e regalarla a chi ti sta accanto: per questo sono al mondo.
Alessandro D’Avenia, Bianca come il latte, rossa come il sangue

*

Mi alleno a progettare cose piccole e a realizzarne di grandi e scelgo di pensare in armonia con la natura, piuttosto che secondo il mio ego. Preferisco non interferire e mi astengo dall’immischiarmi e dal dare consigli. Opto per soluzioni pacifiche e rifiuto l’idea di dover combattere per risolvere le dispute. Antepongo l’appagamento all’ambizione, ritengo più meritevole affermarsi in base alle proprie capacità piuttosto che voler primeggiare a tutti i costi.
Wayne W. Dyer, Niente Scuse!

*

Guarda la natura da questo prato, guardala bene e ascoltala. Là, il cuculo; negli alberi tanti uccellini?
Chi sa chi sono? coi loro gridi e il loro pigolio, i grilli nell’erba, il vento che passa tra le foglie. Un grande concerto che vive di vita sua, completamente indifferente, distaccato da quel che mi succede, dalla morte che aspetto. Le formicole continuano a camminare, gli uccelli cantano al loro dio, il vento soffia.
Tiziano Terzani, La fine è il mio inizio

*

Il significato della vita non può essere espresso in parole. È qualcosa che si sente in certi momenti: quando si è vicini a una persona cara, o a un albero che ci incanta con la sua bellezza, o quando si è in completa comunione con se stessi e la Natura.
Il significato della vita è un’esperienza, non un concetto, e non la si può fermare nel tempo…
Sergio Bambarèn, “Il fiume di cristallo”

*

Le montagne sono sempre generose. Mi regalano albe e tramonti irripetibili; il silenzio è rotto solo dai suoni della natura che lo rendono ancora più vivo.
Tiziano Terzani, Lettere contro la guerra

*

Un’era è in procinto di tramontare per sempre e con essa il vecchiume di idee sterili e stantie. Fra non molto, e i primi segni già si intravedono, si guarderà alla natura con occhi diversi… Si scoprirà che l’universo è popolato di infiniti mondi… ma resterà inviolato il mistero della vita e del suo divenire. All’uomo è concesso di sollevare un velo alla volta e mai con intenti profanatori: l’Intelligenza che governa la natura ha le sue regole e pretende rispetto e umiltà da chi le si avvicina per comprenderla.
E. Valtergano, La Fucina del diavolo

*

Stupisciti della luna piena, ma non cercare di portartela con te: il suo posto è nel cielo.
Riscaldati al sole, ma non dimenticare che non ti appartiene: appartiene a tutte le creature, grandi e piccole.
Sogna pure con le stelle, ma lasciale brillare nell’alto cielo: quello è il loro posto.
Non cercare di fermare il vento o di ripararti da esso. Sussurrerà alla tua anima la verità…
Ma più di tutto fidati di chi sei: sii sempre sincero con te stesso.
Sergio Bambarèn, La Musica Del Silenzio

*

C’è un piacere nei boschi senza sentieri,
C’è un’estasi sulla spiaggia desolata,
C’è vita, laddove nessuno s’intromette,
Accanto al mar profondo, e alla musica del suo sciabordare:
Non è ch’io ami di meno l’uomo, ma la Natura di più…
George Gordon Byron, Into the Wild – Nelle terre selvagge

*

Tutto il visibile è espressione, tutta la natura è immagine, è linguaggio e colorato geroglifico. Nonostante una scienza della natura molto evoluta, oggi non siamo affatto ben preparati, né educati ad una corretta osservazione e, rispetto alla natura, ci troviamo piuttosto sul piede di guerra.
Herman Hesse, Farfalle

*

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso.
Aristotele

*

Mi piace camminare da solo per i viottoli di campagna, fra piante di riso ed erbe selvatiche, poggiando un piede dopo l’altro con attenzione, consapevole di camminare su questa meravigliosa terra. In quei momenti, l’esistenza è qualcosa di prodigioso e misterioso. Di solito si pensa che sia un miracolo camminare sull’acqua o nell’aria. Io credo invece che il vero miracolo sia poter camminare sulla terra.
Thich Nhat Hanh, Il miracolo della presenza mentale

Dove sei?

febbraio 16th, 2013

Ogni giorno chiudo la paura nel cuore, imprigiono i dubbi nel profondo, serro le incertezze nella mente, isolo ogni infausta tristezza. Faccio spazio al silenzio che mi abita, ti cerco…ma non ci sei.
Francesco

fare foto ….

febbraio 16th, 2013

“Io porto la mia macchina fotografica ovunque vada.

Avere un nuovo rullino da sviluppare mi da una buona ragione

per svegliarmi la mattina”

(Andy Wahrol)

 

FRASI BELLE CANZONI SANREMO 2013

febbraio 15th, 2013

 

T’immagini se con un salto si potesse
…Si potesse anche volare?
Se in un abbraccio si potesse scomparire?
E se anche i baci si potessero mangiare?
Ci sarebbe un pò più amore e meno fame!
E non avremmo neanche il tempo di soffrire!

MODA’, SE SI POTESSE NON MORIRE
***

E se poi capissi che tutto è uguale a prima
e come prima mi sentissi inutile?
Io non ho mai pensato se
anche l’abitudine è un bel posto
per ritrovare me…
ma senza di noi ho ancora
quella strana voglia di sentirmi sola

MALIKA AYANE, E SE POI
***

Mentre il mondo cade a pezzi
io compongo nuovi spazi
e desideri che
appartengono anche a te.
Mentre il mondo cade a pezzi
mi allontano dagli eccessi
e dalle cattive abitudini,
torneró all’origine,
torno a te che sei per me
l’essenziale
MARCO MENGONI, L’ESSENZIALE
***

La canzone mononota
Ha avuto i suoi antesignani
Uno su tutti: Rossini, Bob Dylan, Tintarella di Luna
E’ anche facile da fischiettare
Democratica, osteggiata dalle dittature
Fateci caso: l’inno cubano è pieno di note
ELIO E LE STORIE TESE, LA CANZONE MONONOTA
***

Credo negli angeli ma frequento l’inferno.
Colgo occasione così senza necessità.
Sono la venere che risorge nel niente…
Non conosco più la mia vera identità.
Portami a bere oltre le stelle!
Spiegami il senso dimmi la verità,profeta!
Fammi fumare venti d’immenso!
Dimmi il futuro che sarà…
CHIARA GALIAZZO*IL FUTURO CHE VERRA’
***

Sognavamo leoni al tramonto
nello spazio senza fine di una spiaggia africana
e il riflesso della luna riusciva a guidarci
sulla rotta non segnata dove soffia l’Aliseo
E con il sole negli occhi alzavo la vela
Puntando alla riva, che neanche si vedeva
E la vita come luce sospesa sul mare
Si rompeva in mille schegge da non potersi più afferrare
ALMAMEGRETTA* ONDA CHE VAI
***

È così che sono finito in quello che chiamano “sonno eterno”,
non è vero che c’è il paradiso, il purgatorio, e nemmeno l’inferno.
Sembra più una scuola serale, tipo un corso di aggiornamento
dove si impara ad amare al vita in ogni singolo momento.
Il pomeriggio passeggio con Chaplin, poi gioco a briscola con Pertini,
e stasera si va tutti al cinema, c’è il nuovo film di Pasolini!
Ieri per caso ho incontrato mio nonno, che un tempo ha fatto il partigiano,
mi ha chiesto: “L’avete cambiato il mondo?”
Nonno… lascia stare, dai …ti offro un gelato!
SIMONE CRISTICCHI, LA PRIMA VOLTA CHE SONO MORTO
***

Questa mia canzone
Già ti appartiene e mi lascia di te
come in uno scherzo a carnevale
La curiosità di non capire
Prendimi comprami
Con quegli occhi da diamante
Che ora scintillano e il resto ormai non conta PIù
ANNALISA SCARRONE, SCINTILLE
***

Quando non parlo e mi sto zitta
Sono felice perchè avverto la presenza delle note
E della loro, inesauribile bellezza.
MARIA NAZIONALE* QUANDO NON PARLO
***

Dormi qui, com’è facile restare sveglio
Dormi qui, ho perduto troppo tempo ma ora
Dormi qui, sono piccolo per abbracciare il cielo
Dormi qui, troppo grande per volarci dentro
E io vorrei, vorrei prenderti le mani e berci dentro
E tuffarmi nella tua purezza
Perché ormai non posso più, più stare senza
Solo se lo vuoi tu
MARTA SUI TUBI, VORREI
***

E non è tanto
Il sesso
A consolare
L’uomo
Dal suo pianto,
Ma l’amore
Buono
Ed il perdono
Santo
Del Signore.
MAX GAZZE’ * SOTTO CASA
***

Se solo avessi potuto cambiare il mondo all’improvviso
avrei asciugato le nubi in lacrime per la tua gioia avrei sfondato le porte ipocrite di un paradiso..

Avrei toccato quell’anima che vive dentro te
Sai per sopravvivere ci basta un sogno
RAPHAEL GUALAZZI, SAI (CI BASTA UN SOGNO)
***

Io la mattina mi sveglio stanca avvolta da una sorta di indolenza
mi vesto, mi spoglio, mi rimetto a letto.
Io senza te non sarò più la stessa: vorrei tornare indietro, amore, aspetta!
Lo so che ho sbagliato e ti chiedo scusa.
Amore io per te farei di tutto.
SIMONA MOLINARI E PETER CINCOTTI, LA FELICITA’   

Crepuscolo marino

febbraio 15th, 2013

E’ finito il giorno
la luce chiara del crepuscolo
fa bianco il mare.
Le onde spumose si accavallano
dolci, una sull’altra
arrivano a toccare la sponda
come dita, poi tornano al mare.
Seduta sulla rena
con le mani in grembo, sorrido
al dolce tramestio dell’acqua.
Passata è l’ansia, l’onda mi riporta
le tue parole, così tante volte ripetute,
dal suo mormorio.
Superbo e prepotente non mi fa
dimenticare e in apnea passata la
marea torno a respirare in quella
solitudine di spazio infinito, del
mio mare. 

  (Mirella Narducci)

*quel che graffia dentro è crescere… [NEK]*

febbraio 15th, 2013

*quel che graffia dentro è crescere… [NEK]*

Un vero UOMO

febbraio 15th, 2013

Un vero UOMO è colui che ha imparato ad amare prima di imparare a far l’amore, colui che si emoziona e versa lacrime senza preoccuparsi di essere “un duro”, colui che sa far ridere una donna e all’occorrenza asciugarle le lacrime.

Un vero UOMO è quello che sa guardare dritto negli occhi una donna e dirle ti amo, quello che non ha bisogno di cambiare, che non ha bisogno di una seconda possibilità, quello che ti allunga la mano e ti porta in paradiso.

Un vero UOMO è quello che non sfugge alle prime difficoltà ma aspetta anche le seconde per sfidarle, è quello che non stà con un piede in due scarpe ma le usa per camminare insieme alla donna che ama, è quello che, nonostante il periodo nero, vede sempre a colori.

Un vero UOMO è quello che si distingue.

– Claudio Cassani –

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni