Frasi Sui Figli

gennaio 29th, 2013

Nei giorni tristi ti stringerò forte
e ti cullerò tra le mie braccia
come fosse il primo giorno.
Nei giorni felici terrò stretta la tua mano
per accompagnarti e sorreggerti
ancora e più forte, come fosse il primo giorno.
Piangerò quando piangerai,
mi rallegrerò dei tuoi sorrisi e delle tue conquiste,
e mi metterò ad osservare in disparte con il cuore in gola,tu
che, prima di essere mia, eri già destinata a questo mondo.
Stephen Littleword

*

I figli sono la gioia di una casa.
Stephen Littleword

*

Dobbiamo ai figli l’occasione di essere tutto ciò che possono diventare, di avere coscienza del loro valore, di saper correre dei rischi, di fare affidamento su se stessi, di attingere alla loro creatività innata e di sentire lo scopo della loro presenza al mondo.
Wayne W. Dyer, Che cosa volete davvero per i vostri figli

*

Tuo figlio cambia tutti i giorni. Per questo è ancora più interessante e importante vederlo e ascoltarlo come se fosse sempre nuovo, sconosciuto e da scoprire.
Elena Tagliaferri, Sponsor di Tuo Figlio

*

I figli devono essere rispettati in quanto entità spirituali dal linguaggio antico come il nostro. Sono compagni di avventura che condividono con noi il tempo e lo spazio, ciascuno unico con il suo bagaglio di lezioni, con i suoi obiettivi e con il proprio viaggio davanti a se’.
Mike Dooley, L’arte di far accadere le cose

*

“Figlio mio, vivi in modo da non doverti vergognare di te stesso, dì la tua parola in modo che ciascuno debba dire di te che ci si può fidare; e non dimenticare che dare gioia ci dà anche gioia. Impara a tempo che la fame dà sapore ai cibi, e rifuggi la comodità perchè rende insipida la vita. Un giorno dovrai fare qualcosa di grande: a tale scopo devi diventare tu stesso qualcosa di grande.”
F. Nietzsche, Frammenti postumi

*

Molti genitori fanno dei figli prima di avere una buona esperienza della vita,
quando hanno appena finito di essere a loro volta dei figli.
Sono ancora alla ricerca di risposte,
non hanno ancora scoperto se stessi.
NEALE DONALD WALSCH, Meditazioni da Conversazioni con Dio

*

A un bambino darei le ali, ma lascerei che imparasse a volare da solo.
Gabriel Garcia Marquez

*

Se vogliamo che i nostri figli stiano bene con se stessi, dobbiamo aiutarli. Se desideriamo siano sicuri di se stessi, dobbiamo smettere di controllarli con la paura. Se ci aspettiamo che rispettino gli altri, dimostriamo loro il rispetto che meritano. I bambini imparano dall’esempio.
Jhon Gray, Gli Uomini Vengono da Marte Le donne da venere, I Bambini dal cielo

*

Ieri è trascorso. Domani deve ancora venire.
Noi abbiamo solo l’oggi.
Se aiutiamo i nostri figli
ad essere ciò che dovrebbero essere oggi,
avranno il coraggio necessario
per affrontare la vita con maggior amore.
Madre Teresa di Calcutta, La Gioia di Amare

*

Per infinite volte, da grande, avrebbe rivisto quella immagine, proprio quella: la sagoma massiccia del padre che cammina a grandi passi davanti a lui, contro il volo della nebbia mattutina, senza mai voltarsi, né per aspettarlo né per controllare che ci fosse ancora. In quella severità, e in quella assenza totale di dubbi, vi era quanto suo padre gli aveva insegnato dell’essere padri: che è saper camminare, senza mai voltarsi. Camminare il passo lungo degli adulti, senza pietà, ma un passo limpido e regolare, perché tuo figlio possa capirlo e starci attaccato, nonostante il suo passo bambino. E farlo senza mai voltarsi, se ne avrai la forza: perché lui sappia che non si perderà, e che camminare insieme è un destino di cui non bisogna mai dubitare, giacché è scritto nella terra.
Alessandro Baricco, Questa storia

*

È sempre più forte di me. Lo è sempre stato. Perché a lui basta una parola per farmi male. Anzi, anche meno: una parola non detta, un silenzio, una pausa. Uno sguardo rivolto altrove. Io posso sbraitare e dimenarmi per ore, passare alle ingiurie, mentre a lui per stendermi basta una piccola smorfia, fatta con un angolo del labbro.
Fabio Volo, Il tempo che vorrei

*

L’evoluzione del rapporto tra madre e figlio, come ogni relazione che si instaura con un altro da sè , non è pianificabile, ma deve essere costruita e coltivata giorno per giorno, al di là di ogni possibile aspettativa
MAMME E POI ?, JOLANDA STEVANI

*

Figlio chi t’insegnerà le stelle
se da questa nave non potrai vederle?
Chi t’indicherà le luci dalla riva?
Figlio, quante volte non si arriva!
Chi t’insegnerà a guardare il cielo fino a rimanere senza respiro?
A guardare un quadro per ore e ore fino a avere i brividi dentro il cuore?
Che al di là del torto e la ragione contano soltanto le persone?
Che non basta premere un bottone per un’emozione?
Roberto Vecchioni, Figlio

*

Qual è stato in silenzio il padre parla al figlio, e spesso ho trovato nel figlio il segreto svelato del padre.
Friedrich Wilhelm Nietzsche, Così parlò Zarathustra

*

Con il tempo i genitori diventano bambini, e i figli sono costretti a crescere.
Licia Troisi, Il destino di Adhara. Leggende del mondo emerso

*

L'Educazione dei Figli L’Educazione dei Figli

“Non insegnamo basandoci su regolamenti e programmi ma attingendo a quanto è vivente”

Rudolf Steiner

Compralo su il Giardino dei Libri

Figli o Tiranni? Figli o Tiranni?

Chi comanda oggi in famiglia? La sorprendente analisi di un fenomeno sempre più diffuso

Michael Winterhoff

Compralo su il Giardino dei Libri

PNL con i Bambini - Guida per Genitori PNL con i Bambini – Guida per Genitori

Tecniche, valori e comportamenti per accrescere sicurezza e fiducia nei vostri bambini

Eric de la Parra Paz

Compralo su il Giardino dei Libri

Sponsor di Tuo Figlio (eBook) Sponsor di Tuo Figlio (eBook)

Quell’individuo unico e meraviglioso

Elena Tagliaferri

Compralo su il Giardino dei Libri

Sei tu l’amore ?

gennaio 28th, 2013

In un giorno qualsiasi accadde,

l’amore venne a cercarmi

in un momento nel tempo,

fatto di voci, parole sussurrate

mi chiamavano.

Era vicino senza volto, fra la gente

nella notte, amore   mi pregava.

Cosa  fare,  immobile, non sapevo

cosa dire  i miei occhi erano ciechi

ma il cuore  pulsava forte  e  in  me

palpitava.

Erano le tue parole   amore, improvvise

dolci che hanno sgranato il cielo  e tutto

è diventato sogno.

Ti ho chiesto sei tu l’amore?

Ne  è  seguito  un silenzio, la risposta  era

impressa nei tuoi occhi!

 

(Mirella Narducci)

Ragiona

gennaio 28th, 2013

Agisci sempre con la tua testa, anche al costo di sbagliare. Altrimenti, sarai sempre solo un burattino nelle mani degli altri. Isac Randazzo

DOLORE O DELUSIONE

gennaio 28th, 2013

Tra una caduta dolorosa, e una delusione, preferisco la caduta dolorosa, perchè il fastidio dura per giorni ma dopo svanisce.

(Ejay Ivan Lac)

LA FONTE

gennaio 28th, 2013

E se lei diventa la tua droga, allora attento a non farla diventare la tua fonte, perchè poi quando se ne andrà tu morirai d’astinenza

(Ejay Ivan Lac)

Lo sbaglio….

gennaio 28th, 2013

Non so il perche succede,

il perche il giorno prima sembrava indistruttibile, impossibile,

e il giorno dopo crolla tutto,

la fiducia, il rispetto, la voglia di essere ancora insieme.

Com’è possibile che da un giorno all’altro tutto possa cambiare,

il modo di porsi, le attenzioni, i sorrisi, tutto sembra essere stato un sogno,

pluf, tutto in fumo, in cenere, come se ormai fosse impossibile ricostruire ciò che era ieri.

Si, può succedere, di buttar via giorni, mesi, anni di affetto, di amore,

può succedere che una delusione possa mettere fine al tempo trascorso insieme, cancellarlo in un istante, come se non ci fosse mai stato niente,

perchè stupirsi quando due persone dall’oggi al domani diventano estranei,

perchè una di esse deve dire:

(Allora tutto il tempo insieme? Si può sbagliare…!!) come se il tempo insieme avesse una sorta di giustificazione, un buono omaggio per concederci uno sbaglio.

Io dico che si può sbagliare, se no non esisterebbe il perdono,

ma lo sbaglio che puoi perdonare lo vedi da lontano, lo vedi crescere ogni giorno,

ogni giorno ne vedi i cambiamenti comportamentali, lo senti crescere negli sguardi, negli abbracci, nel fare l’amore,

lo senti lo percepisci quando la persona che ami si sta staccando, si sta perdendo,

allora se lo senti nascere, lo sbaglio potrebbe essere condiviso, capito, combattuto.

INSIEME.

Ma quando l’amore tra due persone è all’apice del suo significato non si può sbagliare, e se lo sbaglio arriva dobbiamo convincerci che uno dei due stava fingendo, stava giocando, uno dei due non stava amando,

e cosi che l’amore non ti lascia niente, neanche il vuoto,

e cosi che chiudi la porta,

e cosi che il tempo non ha più ricordi,

e cosi che si diventa estranei in amore.

E non c’è niente da stupirsi.

 

Un incontro

gennaio 28th, 2013

E’ successo ci siamo incontrati

per caso, senza saper nulla

privi di passato, con i cuori

leggeri, ci siamo guardati,

abbiamo visto negli occhi, la

solitudine di abitudini sbagliate,

di giornate pesanti, di notti  bagnate

di pianto.

Incerti ci siamo presi per mano, quelle

mani che non sapevano che fare  se

intrecciarsi o no.

Ricordo quel contatto, il loro calore

che assaliva il corpo e la mente.

C’è stato un bacio, il peso  di un bacio…..

Che diventa dolce avidità.

 

(Mirella Narducci)

 

 

LA MATITA …

gennaio 28th, 2013

Non ci sono istruzioni
per l’uso della vita
ognuno ha la sua
matita.

(LAURA PAUSINI)

 

LUCI NEL SANGUE

gennaio 28th, 2013

Lo sai che esistono luci nel sangue? che ti fanno vedere quanto è bello quello che hai intorno, e se non lo sapevi, vuol dire che queste luci dentro te sono spente, hai paura di quello che puoi sentire, hai incertezza su quello che potrà essere, hai il terrore che tutto possa ripetersi e che la vita sia piena di ostacoli, messi li per farti cadere, pensi che tutto non abbia un senso e sai perfettamente che guardando fuori dalla finestra, tutto possa essere inutile…

Accendi queste luci e comincia a sorridere, chiudi gli occhi e pensa a quanto potrebbe essere facile per il tuo sangue, percorrere il tuo corpo buio e freddo, senza più sentire il peso della sua corsa, dentro te si nasconde la tua forza, dentro te, quelle luci percorrono la tua anima senza sosta, portandoti in alto, pensa solo che, quello che ti è successo doveva accadere, è già successo, non è detto che ora debba ritornare e farsi rivedere, perchè il tuo percorso è li, bianco, sei tu che lo devi riscrivere, e le luci possono aiutarti a disegnare quello che più desideri, la felicità è vedere i tuoi sogni realizzarsi, non tenere conto di chi ti ha distrutto, mangiato, tagliato, sono quadri che erano appesi, ma ora sono crollati, e non fanno più parte del tuo percorso.

(Ejay Ivan Lac)

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni