La rosa

marzo 23rd, 2013

Una rosa per te, per farti

capire come lei dai primordi

delle prime albe si sia schiusa,

con i suoi petali setosi e ti parla

con il suo linguaggio silenzioso.

Si apre, come i tuoi occhi con

magico splendore e ti regala, sogni

ed emozioni, il suo profumo t’insegna

cos’è l’amore.

Anime antiche in viali fioriti, cerchiamo

la nostra rosa, imprigionate nei corpi

liberiamo la mente lontano in quel sogno

perduto per trovare la rosa tanto desiderata

per portarla nella nostra gabbia e sentirne,

capirne la voce, che più manca all’anima:L’amore!

Basta una sola rosa, toccala, annusala ti regalerà

la scala per il paradiso!!!

 

(Mirella Narducci)

 

 

Delusione

marzo 23rd, 2013

 

Rinascerò dalle ceneri della delusione subita che come un fiume di lava ha spazzato via la fiducia che nutrivo in quella persona, lasciando un deserto di nera pietra ancora fumante. Poi…tutto succede in un attimo, come quando ci si sveglia  da un bellissimo sogno e si piomba nella dura e cruda realtà  e ci si ritrova ad indossare il saio della delusione e dell’incredulità. Quella persona non era come credevo e mi chiedo… ma come ho fatto a non accorgermi di ciò? Come mi son lasciato ingannare dalle sue parole dietro le quali si nascondeva l’inganno, dai suoi sguardi d’angelo dietro i quali si nascondeva la perfidia, dal suo falso pudore dietro il quale si nascondeva la meschinità? Quante persone esistono così? Ti fidi di loro, ti affidi a loro fino a mettere il cuore nelle loro mani…Mani che giocano con la nostra fiducia, che velano il loro vero volto, mani che nascondono sempre un pugnale pronto a colpirti… E’ proprio vero che le cose non sempre sono come sembrano…

LE COSE DELL’AMORE * UMBERTO GALIMBERTI

marzo 23rd, 2013

Come controaltare della realtà sociale, dove a nessuno è concesso di essere se stesso perché ciascuno deve essere come l’apparato lo vuole, l’amore diventa l’unico ricettacolo di senso rispetto a una vita considerata alienata, il luogo dell’individuazione, lo spazio per l’esercizio della propria libertà fino ai limiti dell’anarchia, perché là dove il diritto del sentimento è considerato assoluto e divinizzato come unica e autentica via per la realizzazione di sé, che cosa ci difende dalla natura del sentimento che ha come sue caratteristiche l’instabilità e la mutevolezza? Nulla. E perciò in amore costruzione e distruzione avvengono insieme, esaltazione e desolazione camminano affiancate, realizzazione di sé e perdita di sé hanno intimi confini.

***

così l’amore si avvolge nel suo enigma: il desiderare, lo sperare, l’intravedere una possibilità di realizzazione per se stessi cozzano con la natura dell’amore che è essenzialmente relazione all’altro, dove i due smettono di impersonare ruoli, di compiere azioni orientate a uno scopo e, nella ricerca della propria autenticità, diventano qualcosa di diverso rispetto a ciò che erano prima della relazione, svelano l’uno all’altro diverse realtà, si creano vicendevolmente ex novo, cercando nel tu il proprio se stesso.

***

quando l’intimità è cercata per sé e non per l’altro, l’individuo non esce dalla sua solitudine e tanto meno dalla sua impermeabilità, perché già nell’intenzione di reperire se stesso nell’amore egli ha bloccato ogni moto di trascendenza, di eccedenza, di ulteriorità, capace di mettere in gioco la sua autosufficienza intransitiva e di aprire una breccia o anche una ferita nella sua identità protetta. Una sorta di rottura di sé perché l’altro lo attraversi. Questo è l’amore.
Non una ricerca di sé, ma dell’altro, che sia in grado, naturalmente a nostro rischio, di spezzare la nostra autonomia, di alterare la nostra identità, squilibrandola nelle sue difese.

***

Per questo diciamo che amore non è una cosa tranquilla, non è delicatezza, confidenza, conforto. Amore non è comprensione, condivisione, gentilezza, rispetto, passione che tocca l’anima o che contamina i corpi. Amore non è silenzio, domanda, risposta, suggello di fede eterna, lacerazione di intenzioni un tempo congiunte, tradimento di promesse mancate, naufragio di sogni svegliati. Amore è violazione dell’integrità degli individui, è toccare con mano i limiti dell’uomo.

***

Se ti sei innamorato una volta, sai ormai distinguere la vita da ciò che è supporto biologico e sentimentalismo, sai ormai distinguere la vita dalla sopravvivenza. Sai che la sopravvivenza significa vita senza senso e sensibilità, una morte strisciante: mangi il pane e non ti tieni in piedi, bevi acqua e non ti disseti, tocchi le cose e non le senti al tatto, annusi il fiore e il suo profumo non arriva alla tua anima. Se però l’amato è accanto a te, tutto, improvvisamente, risorge, e la vita ti inonda con tale forza che ritieni il vaso di argilla della tua esistenza incapace a sostenerla. Tale piena della vita è l’eros. Non parlo di sentimentalismi e di slanci mistici, ma della vita, che solo allora diventa reale e tangibile, come se fossero cadute squame dai tuoi occhi e tutto, attorno a te, si manifestasse per la prima volta, ogni suono venisse udito per la prima volta, e il tatto fremesse di gioia alla prima percezione delle cose. Tale eros non è privilegio né dei virtuosi né dei saggi, è offerto a tutti, con pari possibilità. Ed è la sola pregustazione del Regno, il solo reale superamento della morte.

A volte le anime si sfiorano….

marzo 22nd, 2013

A volte le anime si sfiorano come lancette del tempo, e quando si trovano l’ una sull’ altra dovrebbero afferrarsi per far rintoccare l’ amore.

Tanya Bì ©

MONDOAFORISMI*

marzo 22nd, 2013

Riscoprire un mondo di aforismi speciali ci permette di connetterci con pensieri di uomini illustri di ogni epoca.
E’ per questo che qui presento la raccolta “Mondo Aforismi” con aforismi e massime provenienti di tutte le parti del mondo e del tempo.
Assaporali con calma, un mondo di aforismi ti aspetta…

*

Se non ricordi che Amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai amato.
(William Shakespeare)

*

L’ironia e l’intelligenza sono sorelle di sangue.
(Jean Paul)

*

Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere. Sognare è necessario, anche se nel sogno va intravista la realtà. Per me è uno dei principi della vita.
(Ayrton Senna)

*

Un migliaio di parole non lasciano un’impressione tanto profonda quanto una sola azione.
(H. Ibsen)

*

La fortuna favorisce la mente preparata.
(Louis Pasteur)

*

Quale è il primo dovere dell’uomo? La risposta è breve: essere se stesso.
(Henrik Ibsen)

*

Tendiamo sempre a ciò che è vietato e bramiamo ciò che ci viene negato.
(Publio Ovidio Nasone)

*

Nulla è più duro d’una pietra e nulla più molle dell’acqua. Eppure la molle acqua scava la dura pietra.
(Publio Ovidio Nasone)

*

L’uomo energico, l’uomo di successo, è colui che riesce, a forza di lavoro, a trasformare in realtà le sue fantasie di desiderio.
(Sigmund Freud)

*

Ben fatto è meglio che ben detto.
(Benjamin Franklin)

*

Il vero amore è come una finestra illuminata in una notte buia. Il vero amore è una quiete accesa.
(Giuseppe Ungaretti)

*

Un uomo può fallire molte volte, ma non diventa un fallimento finché non comincia a dar la colpa a qualcun altro.
(William Burroughs)

*

Dona a chi ami ali per volare, radici per tornare e motivi per rimanere.
(il Dalai Lama Tenzin Gyatso)

*

Dimentica gli errori del passato. Dimentica i fallimenti. Dimentica tutto eccetto ciò che devi fare ora, e fallo.
(William Durant)

<3 AAA.Cercasi Coccole <3

marzo 22nd, 2013

AAA. Cercasi Coccole.

L’annuncio cretino fatto

dopo una seduta di una

energica ayurvetica…..

Che bello, non erano le

tue mani, ma mi sentivo

dolcemente rilassata.

Ecco qui dietro le spalle,

l’erotica sensazione, ma

non eri tu, solo le dita

sapienti di Lina, piena di

premure che con il loro

tocco leggero mi ricordava

l’amore, mentre una forte

emicrania si dissipava…….

Stanca, depressa, delusa

ho mandato un grido di aiuto,

un sos nel web!

Non ridete è una cosa seria,

<esclusi i perditempo!!!!>

 

(Mirella Narducci)

 

Non credeteci è una bufala……..

 

 

Anche gli animali hanno un anima…..

marzo 22nd, 2013

Un giorno un ragazzo in autostrada vidi un cane abbandonato, sporco tremava…affamato e assetato,
con occhi tristi…
quegli occhi sembravano dire perche mi hanno lasciato qui…? Ho dato solo amore e affetto, dove ho sbagliato…?Sono sicuro che torneranno, ma quel ragazzo sapeva che chi lo aveva lasciato non sarebbe ritornato, si avvicinò e la prima cosa c…he fece il cane…fu una dimostrazione d’affetto…
non era arrabbiato verso l’essere umano, fu amore da subito…
Il ragazzo lo prese in braccio lo portò a casa, e dopo tutte le cure necessarie la loro vita era piena d’affetto, gli diede un nome…jak
…era un labrador le sue paure erano passate grazie ad anni di amore reciproco….
Ma un giorno jak si ammalò,
dopo alcuni giorni morì, per il ragazzo una perdita immensa, un grande vuoto, dopo alcuni anni nella notte senti abbaiare, era la voce del suo cane, la sentiva in lontananza e non stava sognando, dopo lo stupore si alza scende le scale e sentiva che proveniva dalla cucina, apre la porta e non c’è
…sente ancora abbaiare, da dietro la porta che da sul giardino…era ancora jak,
ma apre e in giardino non c’è jak….
Ma il ragazzo è sicuro che è il suo cane, sente ancora abbaiare forte senza fermarsi dietro una siepe…
quando il ragazzo si avvicinò alla siepe ormai lontano dalla casa in quel momento arrivò il terremoto in abruzzo…La sua casa andò distrutta…
jak smise di abbaiare, la sua anima era ritornata solo per salvare chi lo aveva salvato.
Anche gli animali hanno un anima e la loro è più grande della nostra….

Quale maschera indossare….

marzo 22nd, 2013

Tutte le mattine apro l’armadio e non so cosa mettere, ma non perche guardo il tempo e non so scegliere o cosa indossare, non parlo di abiti, parlo di cosa possa scegliere per stare bene con le persone, con me stesso….
Ogni giorno devo scegliere una maschera e quale indossare,
certo potrei indossare sempre la stessa, ma dipende dalle situazioni, dalle persone con cui devo stare…
Allora per ogni situazione ne ho una, da indossare sulla pelle come se fosse marchiata a fuoco, senza sbavature, senza che nessuno possa accorgersi…
No, non è questione di falsità o ipocrisia, è solo che altrimenti piangerei ogni momento, perche dai, in fondo è più facile rispondere “ si tutto bene” o “non c’è male” piuttosto che mostrare la tua anima nuda a qualcuna che forse non ti capirà davvero, o mostrarla a qualcuna che ti abbraccerà e ti consolerà, ma appena volti le spalle sarà lì a ridere di te….

I pensieri scritti sono di tutti

marzo 22nd, 2013

Ieri per la prima volta mi sono fatto un giro sul web, avevo voglia di distrarmi, di leggere qualcosa, cosa? Non lo so…

Senza meta, come quando uno cammina sotto la pioggia senza ombrello e non sa dove andare…

Ci sono dei pensieri fantastici in giro, ci sono anche i miei, alcuni con scritto il nome alcuni li fanno propri, molti mi dicono perche non scrivi un libro, un libro? Io?

Io che un libro in vita mia non l’ho mai letto, ho provato a leggere dei libri, al mare, oppure chiudendomi in una stanza quando fuori magari pioveva, ma dopo sei pagine mi viene sonno, e allora vado all’ultima pagina e penso a chi l’ha scritto, poverino questo qui ha scritto un libro di centocinquanta pagine, e poi mi ha detto anche la fine, e il guaio che molte volte la capisci pure la fine di un libro.

Io penso che quando inizi a scrivere un libro, c’è sempre quel pensiero in un angolino nella testa che ti dice ( speriamo che faccio i soldi) ( che piaccia) (che tutti possono acclamarmi) poi puoi anche scrivere con il cuore in mano, ma credo che duri il tempo di sei pagine…o poco più.

Beh io un libro non potrò mai scriverlo, primo perchè con la grammatica ho litigato e non abbiamo mai fatto pace, e poi mi piace al massimo scrivere sei pagine, non di più. Dopo devo rimettere il cuore al suo posto…

Ieri ho visto molti scritti miei sgrammaticati in giro, blog, pagine facebook, ecc…ed è bello vedere come molte persone leggendo due pagine di pensiero riescono ad emozionarsi, e poco importa che nome mettono alla fine, non siamo mica qui per vendere libri, chi scrive vende emozioni, chi legge deve avere i brividi e indossarsi lo scritto come se fossi un cappotto che lo scalda, un vestito che gli calzi la sua personalità, come se fossi un paio di scarpe e dice…( questo pensiero mi rappresenta posso camminarci)

Un  emozione è un pensiero scritto, indossalo…

 

 

« Prev - Next »