FRASI SULL’IRA

settembre 11th, 2014

ira

L’ira è un’erbaccia, l’odio è l’albero.
Sant’Agostino
***

L’ira: un acido che può provocare più danni al recipiente che lo contiene che a qualsiasi cosa su cui venga versato
Lucio Anneo Seneca
***

Le tigri dell’ira sono son più sagge dei cavalli della sapienza.
S.BELLOW

***
Ciò che seminai nell’ira

crebbe in una notte

rigogliosamente

ma la pioggia lo distrusse.

Ciò che seminai con amore

germinò lentamente

maturò tardi

ma in benedetta abbondanza.
Peter Rosegger
***

È da tutti ed è facile adirarsi, e donare denaro e far spese: ma farlo con chi si deve, nella misura giusta, al momento opportuno, con lo scopo e nel modo convenienti, non è più da tutti né facile. Ed è per questo che il farlo bene è cosa rara, degna di lode e bella.
Aristotele, Etica Nicomachea
***

L’ira non è l’aggressività, che al pari della sessualità è una pulsione assolutamente fondamentale per la conservazione dell’individuo e della specie. L’ira è un sentimento mentale ed emotivo di conflitto con il mondo esterno o con se stessi che controlliamo poco e maneggiamo peggio perché, in preda all’ira, non siamo più padroni delle nostre azioni.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi
***

L’ira è irragionevole nelle sue cause e dannosissima ne’ suoi effetti, pel furore a cui si abbandona, per gli eccessi a’ quali trascorre, per l’avversione altrui, pel rimorso, pel pentimento. Essa non può esser temperata che dalla pazienza o tolleranza, dal freno dell’orgoglio e del proprio temperamento.
Baldassarre Poli, Saggio d’un corso di filosofia
***

L’ira infosca la mente, ma fa trasparente il cuore.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali
***

Colui che ha l’amore rende a sé estranea l’ira, ma chi coltiva l’odio raccoglie per sé fatiche inopportune.
Giovanni Climaco
***

Non ho mai conosciuto uno che non valesse un fico secco e che non fosse irascibile.
Ezra Pound
***

Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l’ira.
Salomone
***

Terribile è l’ira e difficile a calmarsi, quando i congiunti muovono guerra ai congiunti.
Euripide
***

Figliuol mio,» disse ‘l maestro cortese,

«quelli che muoion nell’ira di Dio

tutti convegno qui d’ogni paese; e pronti sono a trapassar lo rio

chè la divina giustizia li sprona, sì che la tema si volve in disìo.
Dante Alighieri
***

Temi i giusti e i mansueti, la loro ira sarà terribile
***
La fine dell’ira è il principio del pentimento
***

Chi vive guidato dalla ragione si sforza, per quanto può, di ricambiare l’odio, l’ira, il dispregio, eccetera, di altri contro di lui, con l’amore, ossia con la generosità.
Spinoza
***

L’essere beato e immortale non ha affanni, ne ad altri ne arreca; è quindi immune da ira e da benevolenza, perché simili cose sono proprie di un essere debole.
Epicuro

OGGI LA LUNA…

settembre 11th, 2014

Oggi la luna è affollata…

E’ piena!

(Ejay Ivan Lac)

OGGI

 

TI DIRANNO TI AMO E TI VOGLIO BENE

settembre 11th, 2014

Ti diranno ti amo e ti voglio bene, ma non conservare queste parole nell’anima se non vedi i loro occhi che brillano, quando le pronunciano, o se lacrimano quando te ne vai!

(Ejay Ivan Lac)

TI

LA PAURA DI DISTURBARE

settembre 11th, 2014

La paura di disturbare, la paura di dire quelle cose che rimangono in gola, la paura, che ti assale, quando vuoi chiedergli quanta voglia hai di guardare i suoi occhi, la paura di raccontagli quanto è invadente nei tuoi sogni, quanto è importante per te…

Quella paura, che senti quando farai tutto questo, il carburante giusto per non pentirsi mai di non averlo mai fatto!

(Ejay Ivan Lac)

paura

 

PERDONARE CHI TRADISCE

settembre 11th, 2014

Se perdoni chi ti ha tradito, non hai rispetto per te stesso!

(Ejay Ivan Lac)

TRADI

SE NON VUOLE PIU’

settembre 11th, 2014

Quando non vuole più camminare con te sulla tua strada, indicagli lo svincolo più vicino!

(Ejay Ivan Lac)

lasciare-andare

SPESSO DIMENTICHIAMO

settembre 11th, 2014

Spesso dimentichiamo che abbiamo tre contenitori con funzioni diverse, il cervello per le idee e i sogni, il cuore per le scelte e sentimenti, la pancia, per le nostre emozioni, ansie e paure!

Se riusciamo a collegarli insieme, potremmo scoprire azioni e risposte che cercavamo da tempo!

Basta imparare!

(Ejay Ivan Lac)

anima

Gli angeli

settembre 11th, 2014

Era finita con la macchina in un burrone, insieme alla figlia di pochi mesi, nelle vicinanze nessuno, solo una vecchia fattoria. La donna gridava aiuto con un filo di voce, quando all’improvviso due ragazzi si avvicinarono per cercare di tirarla fuori, dieci minuti concitati, guardava quei ragazzi e gridava. Grazie. grazie, prendete prima mia figlia, loro non dicevano una parola, presero la piccola e la adagiarono sul prato, quando sono andati verso la mamma, era svenuta, la tirarono fuori. Si svegliò poco dopo, mal concia, e vidi quella fattoria tra i campi, pian piano la raggiunse. Aveva bisogno di un telefono, di aiuto. Non pensò ai ragazzi in quel momento. Arrivò alla fattoria, aprì una donna, sulla cinquantina, con uno sguardo triste e gentile. Alla vista di quella donna agitata la signora la fece subito accomodare.

-Vieni cara, stai tranquilla, accomodati, cos’è successo.

Le raccontò l’accaduto tremando con ancora la bambina in braccio….

Sono uscita fuori strada, finendo in un burrone qui vicino, due ragazzi mi hanno aiutata, intanto che parlava lo sguardo finì su una foto che la signora aveva in soggiorno.

Ecco signora, sono quei due ragazzi che mi hanno aiutata, sono i suoi figli? Voglio ringraziarli dove sono…La donna accarezzò la ragazza e dopo qualche secondo di silenzio, gli disse.. Si, sono i miei figli. Sono morti cinque anni fa…

 

Le persone che lasciano questa terra non se ne vanno mai per sempre, sono sempre con noi, come l’amore, non si manifestano sempre, ci camminano vicini, ci sfiorano, ci accarezzano di notte…Le persone che lasciano questa terra ci amano ogni giorno, anche quando pensiamo il contrario…

DAL RICORDO LA SPERANZA CHE MAI PIU’…

settembre 11th, 2014

usa_11_sept_xin--400x300

(11.09.2001 – 11.09.2014)
Capita di chiedersi se la vita abbia o meno un senso. Un senso lo ha, ma a volte sprechiamo tanto tempo a cercarlo chissà dove e in chissà quale oggetto inutile. Poi capisci che il senso è la possibilità di viverla la vita, la possibilità che ti viene data ogni giorno di ricominciare e continuare a scrivere la tua storia. Quando quella vita viene strappata senza pietà, comprendi quanti non potranno più continuare a scrivere la loro storia, perchè resta intrappolata in quell’istante tragico e straziante che sarà la storia di tutti coloro che hanno visto, che hanno sentito, che hanno vissuto, che hanno pianto… e comprendi anche che per qualcuno, la vita degli altri conta meno di nulla….
(© Alessia S. Lorenzi – Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

- Immagine dal web -

 

 

« Prev - Next »