LE COSE CHE VALGONO

marzo 8th, 2015

Dimentichiamo spesso le cose che valgono, e ci si dedica spesso, a ciò che non serve.

Poi ci ritroviamo a dover far finta che tutto è giusto, e che altro non ci serve, ma nel silenzio del buio, lontano da occhi che guardano e orecchie che sentono, pensiamo, a quanto vorremmo una vita diversa…

Da quella che abbiamo ora.

(Ejay Ivan Lac)

trape

 

LEI AMA SOGNARE

marzo 8th, 2015

La donna, viene giudicata spesso dagli uomini, con ogni sfumatura offensiva possibile, e lei, disperata, cerca di adeguarsi, e nella confusione diventa più insicura e indecisa nel da farsi!

Lei spera, lei cerca, aspettando davanti alla porta della vita, l’uomo che possa finalmente ammettere di essere una creatura nelle grinfie della bellezza femminile.

Spera, di incontrare quell’essere, che possa finalmente ammettere, che non è la donna ad essere complessa, ma che l’uomo non si impegna con l’anima, ad ascoltare i suoi sguardi e pensieri.

E quindi lei, rimarrà sempre lì, davanti a quella porta, dove probabilmente nessuno verrà a prenderla…

Ma ama sognare…

E quindi ci spera!

(Ejay Ivan Lac)

donna alla finetsra

NON E’ CHE NON TI SCRIVO

marzo 8th, 2015

Non è che non ti scrivo, perché ho paura degli eventi, l’unica cosa che mi terrorizza, e mi metterebbe alla prova, sono i tuoi occhi che hanno quell’espressione, che prende…

cavolo se prende…

Fanno vibrare il mio sangue, e due sono le cose, o ti rapisco, senza dire niente, o ti affronto, per diventare più forte…

ma ogni minimo movimento del tuo corpo, sarebbe una sfida, ogni giorno.

E credimi, che tutto questo, ha un che di eccitante.

(Ejay Ivan Lac)

AVANTI

IL NOSTRO LIMITE

marzo 8th, 2015

Il nostro limite più grande, è quello di guardare le persone, per come sono fatte, e abbiamo paura, di accettarle, per quello che possono dare…

(Ejay Ivan Lac)

occhi

Nei tuoi baci mi perdo

marzo 7th, 2015

nei tuoi baci mi perdo e

voluttuosamente ne godo,

del sapor delle tue labbra

ne faccio il mio,

dei baci sul collo

che lasciano la scia

ne faccio il mio profumo,

quando fra i miei seni discendono

si fan più ardenti

ne lasciano il segno e

perdo il senno.

Nei tuoi baci mi perdo e

voluttuosamente ne godo

quando la lussuria ancor più giù

ti fa discendere ed il mio corpo

per te diventa un delizioso banchetto.

Nei tuoi baci arditi e maliziosi

mi perdo e ne perdo l’anima

quando i tuoi occhi

nei miei occhi si perdono e

scivoliamo negli abissi più profondi

25885_428024905030_326005380030_5385117_1562503_n3

 

 

 

 

 

CAPIRE E AMARE LE DONNE DIFFICILI

marzo 6th, 2015

donne difficili

Non è da tutti riuscire a capire ed amare le donne difficili, spigolose, quasi inaccessibili. Solo apparentemente sono solari ed estroverse, anche sicure di sé, ma in realtà sempre diffidenti e insicure, sempre sulla difensiva. E si tengono tutto dentro. Non guardatele troppo negli occhi, perché non vogliono far vedere a nessuno la loro rabbia, delusione, paura, fragilità. La solitudine le accompagna, anche quando hanno decine di corteggiatori. Perché amano ma non dipendono mai dall’amore, da quell’amore che per loro è solo un sogno. E sono dure, prima di tutto con se stesse. Solo chi sa guardare “oltre” il sorriso riesce a vedere il muro impenetrabile che hanno eretto. Che difende la loro interiorità ricca ma ferita, spaventata. La loro sensibilità troppe volte ferita. Il difficile vissuto che solo loro conoscono. Perché sono donne spigolose, difficili, quasi inaccessibili. Quelle con l’anima in fiamme e il sorriso splendente.

Agostino Degas

Citazione

marzo 5th, 2015

Ciò che si fa per amore

orologio-artigianale-con-numeri-8-15

no potrà mai essere un errore.

Tomas Antecini

NON SOSTITUITEVI AI BAMBINI, AIUTATELI A CRESCERE

marzo 5th, 2015

a-infancia-e-sua-singularidade

“Un bambino risponde «grazie» perché ha sentito che è il tuo modo di replicare a una gentilezza, non perché gli insegni a dirlo.

Un bambino si muove sicuro nello spazio quando è consapevole che tu non lo trattieni, ma che sei lì nel caso lui abbia bisogno di te.

Un bambino quando si fa male piange molto di più se percepisce la tua paura.

Un bambino è un essere pensante, pieno di dignità, di orgoglio, di desiderio di autonomia, non sostituirti a lui, ricorda che la sua implicita richiesta è «aiutami a fare da solo».

Quando un bambino cade correndo e tu gli avevi appena detto di muoversi piano su quel terreno scivoloso, ha comunque bisogno di essere abbracciato e rassicurato; punirlo è un gesto crudele, purtroppo sono molte le madri che infieriscono in quei momenti. Avrai modo più tardi di spiegargli l’importanza del darti ascolto, soprattutto in situazioni che possono diventare pericolose. Lui capirà.

Un bambino non apre un libro perché riceve un’imposizione (quello è il modo più efficace per fargli detestare la letteratura), ma perché è spinto dalla curiosità di capire cosa ci sia di tanto meraviglioso nell’oggetto che voi tenete sempre in mano con quell’aria soddisfatta.

Un bambino crede nelle fate se ci credi anche tu.

Un bambino ha fiducia nell’amore quando cresce in un esempio di amore, anche se la coppia con cui vive non è quella dei suoi genitori. L’ipocrisia dello stare insieme per i figli alleva esseri umani terrorizzati dai sentimenti.

«Non sono nervosa, sei tu che mi rendi così» è una frase da non dire mai.

Un bambino sempre attivo è nella maggior parte dei casi un bambino pieno di energia che deve trovare uno sfogo, non è un paziente da curare con dei farmaci; provate a portarlo il più possibile nella natura.

Un bambino troppo pulito non è un bambino felice. La terra, il fango, la sabbia, le pozzanghere, gli animali, la neve, sono tutti elementi con cui lui vuole e deve entrare in contatto.

Un bambino che si veste da solo abbinando il rosso, l’azzurro e il giallo, non è malvestito ma è un bambino che sceglie secondo i propri gusti.

Un bambino pone sempre tante domande, ricorda che le tue parole sono importanti; meglio un «questo non lo so» se davvero non sai rispondere; quando ti arrampichi sugli specchi lui lo capisce e ti trova anche un po’ ridicola.

Inutile indossare un sorriso sul volto per celare la malinconia, il bambino percepisce il dolore, lo legge, attraverso la sua lente sensibile, nella luce velata dei tuoi occhi. Quando gli arrivano segnali contrastanti, resta confuso, spaventato, spiegagli perché sei triste, lui è dalla tua parte.

Un bambino merita sempre la verità, anche quando è difficile, vale la pena trovare il modo giusto per raccontare con delicatezza quello che accade utilizzando un linguaggio che lui possa comprendere.

Quando la vita è complicata, il bambino lo percepisce, e ha un gran bisogno di sentirsi dire che non è colpa sua.

Il bambino adora la confidenza, ma vuole una madre non un’amica.

Un bambino è il più potente miracolo che possiamo ricevere in dono, onoriamolo con cura.

«Non insegnate ai bambini la vostra morale è così stanca e malata potrebbe far male /…
Non indicate per loro una via conosciuta ma se proprio volete insegnate soltanto la magia della vita /…/
Non insegnate ai bambini ma coltivate voi stessi il cuore e la mente, stategli sempre vicini, date fiducia all’amore il resto è niente».
(Giorgio Gaber “Non insegnate ai bambini”)”.

F.Morrone

Quel sogno….

marzo 4th, 2015

Ti cerco…
come le api cercano i fiori addobbati a primavera tra danze di farfalle che si abbracciano gli ultimi petali rimasti
Cammino…
nei vicoli di strade senza uscite
come un bambino che ha smarrito la strada.
Negli occhi della gente,
ti cerco,
tra sguardi sfuggenti di anime passeggere,
nelle solitudini, di canzoni e poesie,
nel rumore silenzioso del mare con le sue onde, nei canti liberi dei gabbiani
ti cerco…
nella gioa nel dolore, ogni giorno,
come se fossi l’ultimo…
non sai la paura se dovessi incontrarti,
la paura di amarti di stringerti,
sicuro di non riuscire a fermarmi.
Ti cerco…
nell’ultimo raggio di sole,
nell’immenso cielo che abbandona i suoi colori,
tra stelle luminose t’invento,
come se fossi un sogno,
da sempre…
sperando di non trovarti mai…

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni