SALIRE SUL PALCO

gennaio 29th, 2014

Salire sul palco è un po come fare sesso, il pubblico sono gli occhi che hai sempre desiderato, riuscire a penetrare tutti, con la musica, e vedere i loro volti divertirsi.

Hai raggiunto il tuo scopo, farli innamorare di te.

(Ejay Ivan Lac)

mic_withlights

 

LA DIVERSITA’ DELLE RAZZE

gennaio 29th, 2014

Il razzismo esisterà sempre, perché la natura ha deciso così, non puoi cambiare quello che la vita ha creato, puoi solo imparare ad accettare la diversità…

(Ejay Ivan Lac)

razza2

 

OGNI CREATURA

gennaio 29th, 2014

Ogni creatura ha forme e colori diversi, perché tutti noi deriviamo da un processo naturale che nessun essere umano può comandare.

(Ejay Ivan Lac)

razze

FRASI SUI CONSIGLI

gennaio 29th, 2014

love-night_00040641

Ascolta i consigli. Segui il cuore.

Anton Vanligt

 

***

Io mi so dar ottimi consigli, Ma poi seguirli mai non so. E per questo nei pasticci spesso son
Alice nel Paese delle Meraviglie

***

I peggiori uomini danno i migliori consigli.
Philip James Bailey, Festus
***

Domanda consiglio a chi ben si corregge.
Leonardo da Vinci
***

L’interesse e il talento sono i soli consiglieri coscienziosi e utili.
Honoré de Balzac, Il curato di Tours
***

I vecchi amano dare buoni consigli per consolarsi di non poter più dare cattivi  esempi.
François de La Rochefoucauld
***

È più facile consigliare di sopportare che sopportare.
Robert Browning, Balaustion’s Adventure
***

Noi odiamo quelli che non accettano i nostri consigli e disprezziamo quelli che lo fanno.
Josh Billings
***

Noi domandiamo un consiglio, ma andiamo cercando approvazione.
Charles Caleb Colton, Lacon
***

I saggi non hanno bisogno di suggerimenti. Gli sciocchi, non ne tengono conto.
Benjamin Franklin
***

In generale, si chiedono consigli solo per non seguirli o, se si seguono, è per avere qualcuno da rimproverare per averli dati.
Alexandre Dumas (padre), I tre moschettieri
***

A chi tiene il piede fuori della sventura, è facile dare consigli a chi soffre.
Eschilo, Prometeo incatenato
***

Gli amici sono veicoli al piacere e vanno frequentati in quanto tali e abbandonati quando vogliono erigersi a consiglieri.
Ennio Flaiano, Taccuino del marziano
***

La notte porta consiglio. A condizione che si dorma.
Roberto Gervaso
***

Ci sono consigli che valgono un tesoro, ma la più piccola somma di denaro ci è più gradita del consiglio più prezioso.
Roberto Gervaso
***

Chi non chiede mai consiglio è un insipiente. La sua stoltezza lo fa cieco alla Verità e lo rende cattivo, orgoglioso, pericoloso per ogni altro uomo.
Khalil Gibran, La voce del maestro
***

È già come se si sapesse far da sé, quando si ricorre a un buon consiglio.
Johann Wolfgang Goethe
***

Date ascolto al consiglio di chi molto sa; ma soprattutto date ascolto al consiglio di chi molto vi ama.
Arturo Graf, Ecce Homo
***

È sempre sciocco dare consigli: ma dare buoni consigli è fatale.
Oscar Wilde, aforismi
***

Tutti gli uomini sanno dare consigli e conforto al dolore che non provano.
William Shakespeare
***

Il miglior consiglio lo dà l’esperienza; peccato che arrivi sempre troppo tardi.
Abraham Nicolas Amelot de la Houssaye, Riflessioni, sentenze e massime morali
***

Chiedi al tuo prossimo soltanto cose che tu sai meglio di lui. Allora il suo consiglio potrà essere prezioso.
Karl Kraus, Pro domo et mundo
****

Tutto quello che possiamo fare è dare un consiglio, aggiungendo: “Questo consiglio avrà valore soltanto se tu riconoscerai da solo, con l’esperienza e con l’osservazione, che è buono da seguire”.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890
***

Niente si regala tanto generosamente quanto i propri consigli.
François de La Rochefoucauld, Massime
***

In ogni situazione…

gennaio 28th, 2014

palloncini

In ogni situazione, anche in quella più complessa, è possibile individuare il quid positivo che è sempre presente: due facce della stessa medaglia. Sta a noi decidere quale osservare.

Anna Biason

Tra noi è finita….

gennaio 28th, 2014

Come fai ancora ad amarmi se tra noi è finita.

Come fai a dirmi ti amo se tra noi è finita.

Tra noi è finita la telefonata, le risate insieme, le passeggiate e le mani che si intrecciavano. Tra noi sono finiti gli abbracci e i baci, gli sguardi e le carezze. Tra noi è finita la distanza che si annullava nei nostri corpi che si toccavano e si amavano. Tra noi è finita, ma ciò che non potrà mai finire è, il tuo sguardo che hai lasciato sopra il mio, il profumo della tua pelle che ancora sento, non potrà mai finire il ricordo che ho di te, la nostalgia di quando chiudo gli occhi è vedo i nostri momenti come istantanee. Non potrà mai finire la nostra prima volta, il tuo sorriso, il tuo nome, piacere io sono….

Tra noi è finita, ma non finirà mai quello che io ho amato.

 

 

Auschwitz 27 gennaio 1945: dal ricordo la speranza

gennaio 27th, 2014

Quando la dignità dell’uomo viene rubata,

soppressa, barattata con parole di pietra,

sguardi freddi di disprezzo.

Quando l’uomo viene ridotto a un numero senza valore,

quando non conta il nome che porta,

l’emozione che prova,

la vergogna che gli scivola addosso per il disagio,

la sofferenza che vede intorno e che sente dentro;

quando non ha più ricordi, perché gli hanno rubato anche quelli…

quando l’attesa della morte è speranza…

non è più un uomo, non è più nulla, non sente più nulla.

DAL RICORDO LA SPERANZA CHE L’UOMO SIA UOMO OVUNQUE NEL MONDO…(Alessia S. Lorenzi)

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o parte di esso senza la citazione dell’autrice)

papavero-e-filo-spinato

 

FRASI DI ANNA FRANK

gennaio 27th, 2014

ANNA FRANK

La verità è tanto più difficile da sentire quanto più a lungo la si è taciuta.
ANNA FRANK

Nonostante tutto io ancora credo che la gente sia davvero buona nel proprio cuore. Io semplicemente non posso costruire le mie speranze su basi fatte di confusione, infelicità e morte
ANNA FRANK

Ah, quante cose mi vengono in mente di sera quando sono sola, o durante il giorno quando debbo sopportare certa gente che mi disgusta o che interpreta male tutte le mie intenzioni! Perciò finisco sempre col ritornare al mio diario, è il mio punto di partenza e il mio punto di arrivo, perché Kitty è sempre paziente; le prometterò che nonostante tutto continuerò a fare la mia strada e a inghiottire le mie lacrime.
ANNA FRANK

La pigrizia può sembrare attraente, ma il lavoro dà soddisfazione
ANNA FRANK

Viviamo tutti con l’obiettivo di essere felici; le nostre vite sono diverse, eppure uguali.
ANNA FRANK

Lasciatemi essere me stessa, e sarò contenta
ANNA FRANK

La coscienza tranquilla rende forti
ANNA FRANK

Pensa a tutta la bellezza ancora rimasta attorno a te e sii felice
ANNA FRANK

Trovo meraviglioso quello che mi succede, e non soltanto quello che è visibile all’esterno del mio corpo, ma quello che vi si compie internamente. Appunto perché non parlo mai con nessuno di me e di queste cose, ne parlo con me stessa.
ANNA FRANK

Se un cristiano compie una cattiva azione la responsabilità è soltanto sua; se un ebreo compie una cattiva azione, la colpa ricade su tutti gli ebrei.
ANNA FRANK

Sono felice di natura, mi piace la gente, non sono sospettosa e voglio vedere tutti felici e insieme.
ANNA FRANK

È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo.
ANNA FRANK

Chi è felice farà felici anche gli altri, chi ha coraggio e fiducia non sarà mai sopraffatto dalla sventura.
ANNA FRANK

***

Un libro speciale:

Io Voglio Vivere Mirjam Pressler Io Voglio Vivere
La vera storia di Anne Frank
Mirjam Pressler

Compralo su il Giardino dei Libri

Il letto di Brigid.

gennaio 26th, 2014

brigit

 

Nelle Isole Ebridi (che forse devono il loro nome proprio a Brigit o Bride) le donne dei villaggi si radunavanoper fabbricare un’immagine della Grande Dea Madre. La vestivano di Bianco e ponevano un cristallo sul suo cuore, simbolo di luce e di nascita.

In Scozia, la vigilia di Santa Bridget le donne adornavano i loro vestiti con delle spighe di avena. Portavano in grembo un cestino intrecciato di grano e un bastone a forma fallica che veniva adagiato vicino al “letto di Brid” fatto per l’occasione con lenzuola pulite e profumate. Simbolo di purezza e di nuova nascita. Lasciavano accanto al letto moltissime candele proprio a voler significare l’avvento di questa nuova luce che nasce dall’interno.

La Mattina dopo controllavano se l’impronta del bastone era rimasta nelle ceneri del focolare, acceso in precedenza per scaldare la visita della Dea, era presagio di prosperità per l’anno avvenire. Il significato di questa usanza viene dal fatto che le donne invitavano la dea a scendere e nascere nel loro letto e ad unirsi al potere maschile, capace di donare nuova vita e dare speranza di prosperità e luce.

La soffitta delle streghe )O(

« Prev - Next »