facile e difficile …

aprile 10th, 2013

Facile è occupare un posto nell’agenda telefonica.
Difficile è occupare il cuore… di qualcuno.

Facile è giudicare gli errori degli altri.
Difficile è riconoscere i nostri propri errori.

Facile è ferire chi ci ama.
Difficile è curare questa ferita.

Facile è perdonare gli altri.
Difficile è chiedere perdono.

Facile è esibire la vittoria.
Difficile è assumere la sconfitta con dignità.

Facile è sognare tutte le notti.
Difficile è lottare per un sogno.

Facile è pregare tutte le notti.
Difficile è trovare Dio nelle piccole cose.

Facile è dire che amiamo.
Difficile è dimostrarlo tutti i giorni.

Facile è criticare gli altri.
Difficile è migliorarne uno.

Facile è pensare di migliorare.
Difficile è smettere di pensarlo e farlo realmente.

Facile è ricevere.
Difficile è dare.

482752_573358416009247_1696409397_n

guardare le vecchie foto …

aprile 10th, 2013

Guardare delle vecchie foto fa sempre uno strano effetto,

frazioni di felicità vera o esibita,

con sorrisi di cuore o di plexiglass,

al fianco di persone inutili o speciali,

in posti banali o da favola,

sono istanti di vita sprecati o rubati all’eternità.

(Michelangelo Da Pisa)

images (18)

Ci sono giorni. . .

aprile 10th, 2013

Qualcosa, ho da dire....

 

Ci sono giorni che spaccherei tutto! Soprattutto la tua faccia! Ti griderei, con la rabbia agli occhi che sei un bastardo;ma non ci riesco!Perchè in fondo non lo penso realmente. . . Ho ricordi indelebili che,nonostante tutto, fanno ancora male,ma di un male che mozza il fiato;come un coltello che,piano piano  trafigge il costato,come un veleno che,minuto per minuto  consuma ogni pezzo di te. E,seduta accanto al mio dolore ogni giorno mi domando di come sto!? Come sto?Io come vivo?Come mi trovo? Chi viene a prendermi?Chi apre lo sportello?Chi segue ogni mio passo?Chi mi telefona e mi domanda adesso: come stai?Chi mi dice che sono bellissima?Chi grida il nome mio?………Peccato che di te,sono rimaste solo le iniziali nel mio cuore;e,anche se il tempo non è mai passato tra di noi,credo di non aver voglia più di ritrovarle. Ed ora,con me,anche il mio cane abbaia alla malinconia. . .

TEMPO FA

aprile 10th, 2013

Tempo fa, andai a casa di una mia amica, mi chiamò al telefono disperata, andai a casa sua e la vidi chinata davanti al gabinetto del suo bagno, vicino a lei una bustina di coca e delle bottiglie di vodka, gli chiesi cosa stesse combinando, lei si girò verso di me dicendomi che tutto era una merda, e mi abbracciò così forte da graffiarmi la schiena con le unghie, cercai di staccarla, ma lei stringeva sempre più forte, gli gridai contro che così facendo rendeva quello che lei chiamava merda un inferno, e se avrebbe continuato questo abbraccio lo avrebbe dato al suo ragazzo morto tempo indietro, così si staccò lentamente e mi vomitò sul braccio, e continuava senza fermarsi, ma non avevo schifo, se guardavo quello che buttava fuori vedevo lame laceranti che mi graffiavano la pelle, da li ho capito quanto male aveva dentro di lei.

Cercai di farla riprendere e la portai sul divano, la guardai negli occhi e gli feci un sorriso, perchè il sorriso è l’arma vincente per far scaldare il cuore di qualcuno che soffre, gli diedi una carezza, perchè una carezza è come il sole che ti scalda l’anima, si mise stesa sul divano e gli dissi che non volevo più vederla in quello stato, e che se avrebbe ancora tirato su la coca io mi sarei allontanato da lei, e non gli avrei più dato il mio corpo da stringere, ne un sorriso ne una carezza, e lei rispose “sarebbe terribile tutto questo…”

Così la lascia dormire, e mi misi sulla poltrona del suo salotto, a controllare ogni sua mossa, mi misi a ripulire tutto, anche il mio braccio, e dopo aver chiuso la porta a chiave mi addormentai tranquillo, nuovamente su quella poltrona, perchè ero consapevole che il mio affetto aveva funzionato, apri il tuo cuore e tutto si risolve.

(Ejay Ivan Lac)

VOMITO

A TE CHE SEI DIVERSO

aprile 10th, 2013

Mi rivolgo a te, che sei diverso, lo si vede appena ti si guarda, la gente ti giudica come problematico, ma sappi che anche se sei diverso, non hai nulla di differente da altri esseri umani, già è importante che tu abbia un cuore e un cervello, mentre chi ti ride dietro per i tuoi difetti di cervello non ne ha, e presumo che non abbia neanche un cuore, mi rivolgo a te, perchè so che soffri, vorresti fare quello che fanno gli altri, ma la natura ha deciso di impossibilitarti, ma questo non significa che tu non possa fare molte altre cose, perchè sei una creatura umana, sei un essere che respira come tutti gli altri esseri umani, guardi fuori dalla finestra e il mondo ti fa paura, ma forse non ti è chiaro che, il mondo deve avere paura di te, se ne hai la possibilità esci di casa e affronta il calore del sole e il gelo dell’inverno, se hai dei sogni cerca di realizzarli, sempre, e per nessuna ragione al mondo devi versare una lacrima, per questo mondo bastardo.

Molte volte ti senti solo, molte volte il tuo cuore batte, vorresti conquistare una persona, ma hai paura del tuo aspetto, si proprio così, pensi che il mondo sia contro di te e che nessuno possa mai amarti come vorresti, perchè la notte versi le lacrime della tua sofferenza invece di far vedere la tua esistenza, ne ho incontrate tante persone come te, e non avevano nulla di diverso da me o da altri, anzi, penso che io sia molto più fragile di loro, di te, non avere mai paura di essere quel che sei, e se ti guardi allo specchio e ti fai schifo, non significa che potresti far schifo anche ad altri, se riesci a tirare fuori la bellezza interiore quello che hai fuori si trasformerà in un bellissimo bagliore, di luce, di originalità, di simpatia.

Lo scrivo a te, lo scrivo a tutti voi, che siete diversi, ma avete tutti una cosa in comune, l’esistenza di vivere, come tante tigri vi voglio fuori nel mondo, vi voglio sorridenti, felici, spietati, e se qualcuno vi fa soffrire ridete sul loro viso, la forza e la bellezza di un essere umano si misura con la mente e il cuore, quello che sta fuori, è solo una figura insignificante..

(Ejay Ivan Lac)

Falsi invalidi, truffa di oltre un milione di euro

 

. . . almeno per ora!

aprile 10th, 2013

Turbolenze umane

 

Amami!Amami davanti ai raggi caldi di una giornata di primavere. Amami sempre. Amami quando hai mille ragioni per non farlo,quando il tempo trova mille scuse per allontanarci,quando la tua mente trova tante irrazionalità,quando sei seduto a tavola nell’ora di pranzo,quando sei sotto la doccia e,dopo una giornata intensa trovi anche la forza di cantare! Amami quando ascolti la tua canzone preferita,quando hai mille impegni,quando non hai tempo di far niente! Puoi amarmi sempre;ma fallo anche quando ti lascio allontanare,quando il mio carattere diventa insostenibile,e soprattutto quando senti la mia mancanza e io non sono li con te. . . Amami sempre,e ti prego,non dirmi: non potrei amarti…almeno per ora! Perchè se mi ami,devi amarmi sempre,sempre!

Un DONO

aprile 10th, 2013

Il regalo più bello che la vita ti possa offrire è svegliarti e sapere che ci sei e che con te ci sono le persone che ti vogliono bene. Tutto questo è un Dono.

Isac Randazzo

Io ho scelto…

aprile 10th, 2013

Quando mi dicevi io ho scelto te, mi sentivo come un oggetto sullo scaffale di un supermercato,

o come se avessi fatto un provino e superato l’esame, il tuo esame.

Quando mi dicevi io ho scelto te, mi sentivo un miracolato, un fortunato, mi sentivo quasi “speciale”.

Scattava in me una sorta di competizione, come se avessi uno sfidante in amore subito pronto a prendere il mio posto.

Tu dicevi ho scelto te,

e in me c’era la voglia di stupire come se ci fossero altri da poter scegliere, sentivo la colpa di essere stato scelto…

Mi sentivo come una margherita senza colori, bianca in un prato insieme ad altre mille, senza nessuna particolarità, senza nessuna sfumatura.

Io non volevo essere speciale,

non volevo essere felice,

non volevo aver paura.

non volevo fare gesti eclatanti quelli che si fanno per poi essere ricambiati,

io non chiedevo molto, volevo solo essere amato,

ma tu hai scelto me insieme a tutti gli altri…

Ed io per una volta ho scelto…

Ho scelto me stesso….

c2b0l0n3lyc2b0m00nc2b02

IL MONDO FA LA COSA GIUSTA

aprile 9th, 2013

Il mondo fa la cosa giusta, gira sempre con precisione ed ottiene sempre ciò che vuole, realizza i suoi desideri, ha il calore del sole e guarda le stelle, sono le persone che non girano mai con precisione, sono confuse e vanno sempre dalla parte sbagliata, non ottengono mai ciò che vogliono, e se il mondo gira in avanti le persone camminano sempre all’indietro.

(Ejay Ivan Lac)

terra

 

« Prev - Next »