Vengo da te…….

agosto 26th, 2013

Quando ti sembra tutto finito
e questo amore non ha via di scampo
come un automa ti metti in cammino
sorda ai richiami di chi uccide il tuo amore.
Non si chiederà mai il perche
di quella tua tristezza
del tuo spento sorriso
penserà che tutto va bene
e l’indifferenza distruggerà
anche il ricordo più bello.
Sparisce la storia
cancelli la scrittura
ogni riga ogni parola
il foglio torna bianco.
Ti chiederai se basterà il tempo
per colmarlo di frasi sbagliando
scrivendolo di nuovo senza arrivare
alla fine.
Vederlo pieno di parole rinfrancherà
il tuo cuore e tornerai a vivere.
Iniziando una nuova storia…….

(Mirella Narducci)

 

Vengo da te......

L’ipocrisia

agosto 25th, 2013

La famiglia, il sociale contornate dall’ipocrisia.
Me la sento addosso è come un orticaria
mi sento pecorella ingabbiata nel rituale
di belare piano per la pace delle coscienze.
Si nasce così, retaggio di esempi famigliari
di chi predica bene e razzola male.
Voglio svegliarmi una mattina e urlare basta
allargare i polmoni e dire la verità in faccia
solo per un giorno.
I confini si apriranno e sarà esaltante
sarò il terrore di tutti i parenti
figli, marito ma avrò vinto l’ipocrisia
cambiando il mio viso da sfinge avvizzita
in una gaudente allegrona
senza più sorrisi di circostanza
schiava d’una falsità diffusa.
Non vi lamentate dunque di belare
armatevi di coraggio contro i monsoni
dell’ipocrisia, dite ciò che sentite
e che per anni avete tenuto dentro di voi.
Ricordiamoci che l’umiltà dell’ipocrita
è superbia mascherata!

(Mirella Narducci)

 

L'ipocrisia

quello che c’è tra noi…

agosto 25th, 2013

PENSIERI FACILISto pensando adesso solo a tutti i momenti che stiamo bruciando,per cosa poi?
Una parola di troppo,orecchie troppo vigili,lingue troppo veloci,cuori misteriosi.

FRASI SUL RISPETTO

agosto 25th, 2013

frasi-rispetto

Se stimi una persona e vuoi che lo sappia
non c’è bisogno di parole o celebrazioni.
Trattala con RISPETTO e vedrai, il tuo sentire sarà trasparente come acqua limpida.
Fidati. Non esiste una dimostrazione migliore.
Anton Vanligt, Mai Troppo Folle
***

Così. . . .
Scopri chi sei, e sii cio’ che sei.
Decidi che cosa viene prima, e scegli farlo.
Scopri i tuoi punti di forza, usali e dai loro spazio.
Impara a non competere con gli altri,
perché nessun altro è in gara con te.
Allora avrai..
Imparato ad accettare la tua unicità.
Imparato a definire le priorità e prendere decisioni.
Imparato a convivere con i tuoi limiti.
Imparato a darti il rispetto che ti è dovuto.
E avrai una vita più entusiasmante e vitale.
Stephen Littleword
***

Il rispetto nasce dalla conoscenza, e la conoscenza richiede impegno, investimento, sforzo.
Tiziano Terzani
***

Il rispetto delle altre culture è una grande cosa, quello che va evitato è lo scontro tra civiltà, che porterà alla fine di tutto.
Tiziano Terzani
***

Un fedele della Verità non dovrebbe fare nulla per rispetto delle convenzioni. Deve essere sempre pronto a correggersi e ogni qualvolta scopre di essere nel torto deve confessarlo, costi quel che costi, ed espiare
Gandhi
***

Non potranno mai toglierci il rispetto per noi stessi, se non saremo noi a darglielo.”
Gandhi
***

La trasmissione della vita, il rispetto della vita, il senso della vita sono esperienza intensa della donna e valori che lei rivendica.
Carla Lonzi, Sputiamo su Hegel
***

Guarda certe persone: sono infelici perché hanno fatto compromessi su ogni punto,e non possono perdonarsi di aver fatto quei compromessi. Sanno che avrebbero potuto osare di più, e invece hanno dimostrato di essere dei vigliacchi. Hanno perso valore ai loro stessi occhi, hanno perso il rispetto di se stessi. Ecco cosa fa il compromesso
Osho
***

Non trattare le persone come mezzi, perchè esse sono fini a se stesse. Relazionati a loro con amore e rispetto. Non possederle mai e non esserne posseduto. Non dipendere da loro e non creare persone dipendenti intorno a te. Non creare dipendenza in alcun modo; resta indipendente e lascia che anche gli altri lo siano.
Osho
***

Dimentica la relazione e impara a relazionarti con un altro essere. Quando entri in una relazione, cominci a darla per scontata, sia tu che il tuo partner vi date per acquisiti: questo distrugge tutti gli amori. La donna pensa di conoscere l’uomo e l’uomo pensa di conoscere la donna: in realtà nessuno dei due conosce l’altro. E’ impossibile, l’altro rimane un mistero. E dare per scontato l’altro significa insultarlo, mancargli di rispetto.
Coloro che si amano sono soli e chi ti ama veramente non distruggerà mai la tua solitudine, ma la rispetterà completamente perché è sacra, non interferirà con essa, non devasterà quello spazio.
Osho
***

Fa’ in modo che invece che compassione, ti portino rispetto
Madre Teresa di Calcutta
***

Un padre nel rapporto con suo figlio ha da ridurre lo spazio e da costruire piano piano un ponte, fra sé e la piccola nuova vita, come facevano le nonne ferro e lana, maglia dopo maglia, la tela della fiducia, del rispetto, dell’amore reciproco.
Anton Vanligt
***

Non importa cosa ci riserverà il futuro e quali situazioni ci troveremo ad affrontare.
So che comunque vada, adesso e sempre.. l’uno sull’aiuto e il rispetto dell’altro, potrà contare
Anton Vanligt
***

Cosí come laviamo il nostro corpo dovremmo lavare il destino, cambiare vita come cambiamo biancheria: non per provvedere al sostentamento della nostra vita, come col cibo e col sonno, ma per quell’estraneo rispetto per noi stessi che giustamente si chiama pulizia.
Fernando Pessoa
***

L’altro giorno è venuto da me un signore per chiedere una dedica sul mio libro. Mi è venuto da scrivere: «Al signor tal dei tali perché mi aiuti a rendere i turisti dei pellegrini».
Mi spiego: la curiosità che viene dall’interno – non quella di prendere qualcosa da portarsi a casa, il ricordino, la fotografia – parte proprio dal rispetto. Mentre invece l’industria del turismo, una delle più orribili del mondo, sollecita solo una curiosità consumistica. Come si potrebbe recuperarla? Trasformando i tour in pellegrinaggi.
In realtà il turismo è nato proprio così. In un paese come il Giappone, per esempio, si andava al monte Fuji come pellegrini, non come turisti. Quando io sono stato in Giappone mi sono rapato, ho preso il bastone e ho scalato quella montagna con l’idea del pellegrino che vuole raggiungere la cima, che sta camminando su Dio, e allora non lascia cartacce. Se si potesse riportare nel turismo questo atteggiamento, il rispetto, il senso di devozione, si salverebbero i turisti, che saprebbero di più quello che fanno e la smetterebbero di continuare a consumare, e si salverebbe anche il consumabile.
Se ci si mette a studiare una cosa, come si può odiarla? L’odio dell’Occidente verso l’Islam risiede in gran parte nel fatto che nessuno se ne occupa più, nessuno più studia questa cultura. Provate a vedere quanti studenti all’università studiano l’arabo: pochissimi. È chiaro che così si aumenta la distanza. Ma se ci si mette a studiare, l’oggetto del proprio studio diventa anche l’oggetto del proprio amore. Il rispetto nasce dalla conoscenza, e la conoscenza richiede impegno, investimento, sforzo.
Tiziano Terzani
***

Questo è il vero grande problema. Innanzitutto bisogna intendersi sulle parole. Le parole di per sé sono una trappola. Per esempio, cosa significa felicità? Per Gengis Kan forse la felicità era ammazzare un migliaio di persone, chiamare il capo di quella tribù, prendergli la moglie, violentarla sotto i suoi occhi e poi tagliarle la testa. Ma per me quella non è felicità.
Quindi parlare di diritti umani, di universalità dei diritti umani, mi lascia qualche perplessità… Vorrei che i diritti fondamentali fossero sempre rispettati, ma onestamente mi chiedo: siamo tutti d’accordo sull’universalità di questi diritti?
Certo che c’è qualcosa che accomuna gli esseri umani, che dovrebbe essere il rispetto per tutti. Un occidentale ha forse meno paura della morte di un orientale? Forse la psiche è diversa tra un orientale e un occidentale? Non credo. Un orientale ama più o meno come un occidentale, ha la stessa paura di essere solo… Secondo me di cuore ce n’è uno solo, e il cuore è uguale per tutti, la voce del cuore sa quali sono i diritti umani, i diritti degli animali, il cuore parla allo stesso modo nel petto di tutti, musulmani, ottentotti, bantù, esquimesi, uomini, donne. Il problema è che questa voce del cuore non la sta più ad ascoltare nessuno, c’è tanto rumore, quella è una voce piccola, che bisbiglia, proprio un soffio a volte.
Tiziano Terzani
***

Passiamo la vita a preoccuparci di cosa vogliono gli altri trascurando ciò che desideriamo noi.. a volte dimentichiamo persino quali sono i nostri sogni! E’ quando ci innamoriamo che mettiamo al primo posto la felicità, la libertà, l’avventura…che mettiamo al primo posto noi stessi e ciò che desideriamo! e io oggi mi sono scoperto profondamente innamorato della vita!
Fabio Volo
***

rispetto

E allora devi fermarti…..

agosto 24th, 2013

E allora devi fermarti. Se in quegli occhi non ci vedi niente, devi fermarti. Bisogna prima morire in un cuore per poterne amare un altro. Bisogna che il ricordo di un amore diventi sbiadito. Lontano. E in quel ricordo deve scapparti un sorriso, e non una lacrima. Se l’amore lo senti ancora dentro, anche quando le strade si dividono. Anche quando fa male. Devi fermarti. Aspettare la morte. E quella arriva, pian piano. E fatta di lacrime e sorrisi tirati. Di momenti e attimi trascorsi insieme. Ricordi che ti lasciano al buio, e in quel buio che i tuoi occhi si riempiono di lacrime, che il tuo sguardo diventa appannato. E in quel buio che cammini tra la gente con lo sguardo fisso privo di emozioni. Diventi una candela di cera, e la fiamma che prima illuminava il tuo cuore, ti consuma, ogni giorno. E allora devi fermarti. Lasciare che il tempo si prenda i ricordi, insieme alla rabbia e l’odio, di un amore che è stato. Lasciar morire un amore che non ci merita, ci fa soffrire, e la sofferenza rispecchia la sincerità del nostro amore. Cercare disperatamente un amore per sopprimerne un altro è una trappola che ci costruiamo giorno per giorno. Non si può scavalcare il dolore, o l’amore che ancora proviamo. L’amore non ti lascia mai in sospeso, o ti uccide, o ti fa vivere. E allora prima che il tuo cuore possa essere abitato, devi sfrattare le ombre, i fantasmi che lo abitano, prima di poter amare un altra volta, il tuo cuore dev’essere disabitato. Ogni piccola stanza deve essere tirata a lucido. Cicatrizzare le porte del cuore, quelle sbagliate, e aprirne altre. E allora si può tornare ad amare, e a vivere dopo essere morti dentro. E quando torni a vivere lo senti . In quei battiti accelerati, lo senti nella mente che non trova deviazioni. Ti lasci prendere la mano dall’amore. Nuovo. Puro,. Riprendi i tuoi passi lì…. dove si erano fermati, senza più paura, di morire un’altra volta. Perchè sai che dopo la morte c’è sempre la VITA.

Anche in amore.

 

UNA DONNA CHE SI GUARDA

agosto 24th, 2013

Una donna che si guarda sempre allo specchio, in una foto o video, con un sorriso, ai tuoi occhi può risultare egocentrica, vanitosa e antipatica, ma la verità è che lei, è molto coraggiosa.

(Ejay Ivan Lac)

DONNA ALLO SPECCHIO

 

BAREGGIO CHE ACCOGLIE

agosto 24th, 2013

Bareggio, che accoglie i miei passi quando sono avvolto dai pensieri, mi lascia camminare per le sue strade, avvolte da alberi di ciliegio e il profumo dei suoi fiori, accoglie così, i miei pensieri da quando ero piccolo, dalla piazza alla via Roma, semplice tragitto che lascia scivolare i ricordi, il verde e il sole, anche quando piove, poggiando il mio corpo sulla panchina, e mentre il vento fa ballare gli alberi, chiudo gli occhi.

(Ejay Ivan Lac)

SAN NAZARO E CELSO

 

AMATEMI

agosto 23rd, 2013

Mi scrivono, mi cercano, mi dicono che le mie parole sono confortevoli, pensano che io sia un’alieno, perchè un ragazzo non direbbe mai queste cose, alcune dicono che fingo ma poi mi scrivono ugualmente, scovano la mia mail, mi aggiungono su facebook, intasano la mia posta, senza avermi mai visto dal vivo, si innamorano, scaricano le mie foto e le appendono al muro, alcune mi raccontano perchè piangono, altre mi raccontano come si toccano, pensando a me, ed io rimango sorridente, mi invitano a cena, ed io rifiuto, mi invitano in web cam, ed io rifiuto, mi scrivono poesie, e io le leggo e poi, le cancello, perchè quando ho in testa un solo paio di occhi, rimangono quelli, fino a che durano, fino a che non si sbiadiscono.

Sono felice di questa fama, sono felice che le mie parole fanno vibrare l’anima, scaricano la mia musica, scaricano i miei video, scaricano i miei bonus, scaricano e stampano i miei scritti, sono una droga per loro, mi dicono che soffrono, mi dicono che singhiozzano, mi dicono, che sono piene di lividi, che ieri erano vergini e oggi, uno sconosciuto, le ha aperte con la forza, mi dicono che vogliono morire, che non credono più a niente, che il dolore sulla pelle le rilassa, piccole femmine indifese, in un mondo che non le ascolta, che non le rassicura, che, non le ama, ma non posso amare tutte, non posso, quando il mio cuore batte, batte per qualcuno, e posso solo leggere e stare vicino a voi, che ne avete bisogno, sono il vostro amico, sono il vostro fratellino, per ora…..

Perchè nella mia vita può succedere di tutto, magari gli occhi che ho nel cuore diventano cenere, ed io potrei sentirmi solo, ancora, ma non prendetemi come qualcosa di straordinario, ho dei difetti anche io, anche se ho un cuore, posso fare del male anche io, anche se ho un cuore, posso scatenare lacrime e fare qualche stronzata, anche se ho un cuore, ma vi voglio bene comunque mie piccole creature, e non voglio sentirvi piangere, o stringervi la pancia nel letto, perchè la vita è meravigliosa, io posso consigliarvi il meglio, ma non sono un Dio, perchè gli Dei non esistono, ma tenetemi la mano lo stesso, e ditemi che mi amate anche se un giorno mostrerò qualche mio difetto…

(Ejay Ivan Lac)

Foto by (Cali Fox)

http://www.flickr.com/photos/sublimestarchild/

i love you

 

CAPIRAI

agosto 23rd, 2013

Lo sentirai, lo capirai, quella sensazione di aver allontanato da te questo mondo, solo dopo io prenderò il suo posto.

(Ejay Ivan Lac)

CAPIRAI

 

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni