TOGLIAMO IL DISTURBO, saggio sulla libertà di non studiare * PAOLA MASTROCOLA

giugno 20th, 2013

cover
Questo libro è una battaglia, perché la cultura non abbandoni la nostra vita e prima di ogni altro luogo la nostra scuola, rendendo il futuro di tutti noi un deserto.
È anche un atto di accusa alla mia generazione, che ha compiuto alcune scelte disastrose e non manifesta oggi il minimo pentimento.
Infine, è la mia personale preghiera ai giovani, perché scelgano loro, in prima persona, la vita che vorranno, ignorando ogni pressione, sociale e soprattutto famigliare. E perché, in un mondo che li vezzeggia, li compatisce, e ne alimenta ogni giorno il vittimismo, essi con un gesto coraggioso e rivoluzionario si riprendano la libertà di scegliere se studiare o no, sovvertendo tutti gli insopportabili luoghi comuni che da almeno quarant’anni ci governano e ci opprimono.
Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

Ci sono norme dell’interazione sociale che non hanno neanche bisogno di essere scritte tanto sono scontate: non si inzuppa la propria brioche nel cappuccino altrui! Così come non si va in mutande al ristorante, e non si fa la lingua ai passanti.
Non si fa, ecco, appunto. Mi sono spesso sentita così, scrivendo questo libro: come una che al bar prende una brioche e la intinge nel cappuccino di un altro. Mi sono sentita scorretta e storta, inappropriata e sconveniente, e fuori posto. Mi girava in testa un costante, opprimente «non si fa», un’autocensura preventiva che però non preveniva un bel niente, un sottile senso di colpa senza effettive colpe… Non stavo trasgredendo le normali regole del vivere civile; certo è, però, che stavo pensando cose che non bisogna pensare, né dire, né vedere.
Ma io le vedevo. Come facevo a non dirle? E come facevo a non pensare le cose che mi veniva da pensare, vedendo quel che vedevo?
Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

esiste oggi un culturally correct ingombrante, greve. Siamo intrisi fino al midollo di idee sulla cultura e sulla scuola neutralmente buone, quiete, grigie, tranquille, che si possono cioè tranquillamente avere, che vanno sempre bene perché le abbiamo tutti, e quindi non si fa brutta figura a dirle, anzi, aprono ogni porta e non increspano mai il mare della nostra vita sociale. Idee che però, secondo me, non abbiamo mai veramente pensato. Idee ricevute, non nostre. Nel senso che le abbiamo
ricevute da altri, ma non sappiamo più bene né da chi né quando. Forse erano già lì da qualche parte, pronte all’uso: una specie di prêt à penser. Le abbiamo indossate, e adesso fanno parte di noi e non le mettiamo mai più in discussione: e infatti dominano il nostro mondo. Col tempo, hanno formato strati e strati, fino a costruire una specie di cappa pesante che adesso ci opprime. Come il guscio di una tartaruga opprime la tartaruga (non a caso va così lenta…), ma le fa anche da casa. Eh sì, perché le idee comuni non nostre sono anche molto calde e protettive, rassicuranti, consolanti. Viviamo tutti sotto una cappa, come in una confortevole casa sottovetro, un enorme barattolo cosmico comune. Che però è invisibile.
Non mi piace vivere sotto una cappa e fare la tartaruga. Lo trovo soffocante. Soprattutto una cappa così massiccia, stratificata da anni e anni di incrostazioni mentali collettive. Volevo provare a uscire, andare a guardare il sole, e così mi sono permessa di avere delle idee culturalmente scorrette. Anche a costo di rimanere lì, inerme, senza guscio.
Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

Comunque, dovrei smetterla. Non va bene che uno debba sgolarsi tanto a dimostrare che sarebbe meglio sapere la propria lingua piuttosto che non saperla. Essere costretti a dire cose ovvie procura un senso di nausea. Ci sono cose nella vita che avrebbero una loro intrinseca evidenza, che non sarebbe il caso di star tanto a spiegare, come invece sto facendo. Anche se, è pur vero, io le dico così a naso, solo col buon senso di una che per mestiere insegna, e scrive. Null’altro so dire, di più scientificamente provato e inconfutabile, sull’enorme importanza di ortografia e grammatica. Ho studiato altro. Perciò basta così, vedete voi se ho ragione o no.
Solo una richiesta: ditemi se le devo ancora insegnare queste cose o no. Forse, se i ragazzi non sanno più l’italiano, vuol dire che la scuola non ha più ritenuto che fosse il caso di insegnare l’italiano. Forse tutti in Italia (o meglio, in Europa) hanno deciso questo: che non è più utile insegnare la propria lingua, e si sono dimenticati di dirlo anche a me, e allora io sono l’ultima a fare una cosa che non interessa più a nessuno, e quindi è bene che smetta.
Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

Incredibile come si sia evoluta l’arte del peluche: quand’eravamo piccoli noi, c’era giusto l’orsacchiotto o, proprio per gli originali, la scimmietta e il cagnolino, stop. Invece adesso abbiamo reso peluche anche i pesci, i pappagalli, i serpenti e le lumache, animali che col pelo, a essere sinceri, hanno ben poco a che vedere, e che tutto suscitano tranne il desiderio di stringerli affettuosamente al petto la notte mentre dormiamo. Te lo vedi un serpente boa come compagno della nanna?
Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

Otto meno cinque, diventano un’orda. Che si sposta compatta e inesorabile, se sbagli il tempo ti travolge.
Io a volte sbaglio il tempo e vengo travolta. Noi insegnanti non abbiamo il pass per l’aldilà, siamo uguali ai nostri allievi, tutti fratelli, pari. Nessuno ci fa passare, offre un varco, si scosta. Non ci vedono neanche e se ci vedono è come aver visto l’aria: non siamo nulla. Veniamo assorbiti e sospinti. Come i puledrini presi in corsa nel mezzo della mandria. Nel selvaggio West. Così mi sento le mattine che sbaglio il tempo, un puledro. Vecchio.
Travolta dall’Orda procedo sospinta, inerme. Sono stretta dagli studenti-orda, a un passo, anche meno. È così che, passandoci in mezzo, li vedo. Li vedo meglio da vicino, attraverso con gli occhi i loro corpi, i giubbotti, gli zaini. E mi accorgo di quanto sono vestiti bene. Soprattutto le ragazze: jeans attillati, scarpina giusta con un po’ di tacco, cinturina viola o di lamé, golfino con scollo a V, T-shirt bordata di pizzetto, collanina di perline, fermacapelli con il fiore, orologino Armani, piccolo tatuaggio alla caviglia, minutissimo brillantino alla narice destra, maquillage, contorno-occhi, leggero fard.
Ed è a questo punto che nasce in me un pensiero acuminato: penso che ci vuole tempo. Ci vuole un tempo lunghissimo a prepararsi così per venire a scuola. E ci vuole anche arte, e pazienza. E un’infinita attenzione.
Di colpo mi rendo conto che è un lavoro delicato e complesso: si chiama «prepararsi per andare a scuola». Trovare le cose giuste, indossarle bene, combinare i colori insieme. Nulla lasciato al caso.
I ragazzi fanno tutto questo, impiegano tutto questo tempo e pazienza e abilità, proprio per venire a scuola. Ecco, è questa frase, questa finale implicita che mi illumina: si vestono così per venire a scuola. In vista della scuola. Affinché. Al fine di.

Paola Mastrocola, Togliamo il Disturbo

Persa nei suoi pensieri…..

giugno 20th, 2013

 

Lei con la sua età, guarda il cielo

con occhi cisposi,son cirri che

non si vogliono aprire, stanchi di

tutta quella luce che abbaglia  la

vista.

Il tempo, le ha fatto dono di solchi

che rigano il viso, inaspriscono i

lineamenti.

E’ cambiata non più si riflette negli

specchi per cercare un passato dove

si trovava bella.

La carta crespa del volto la mette al

riparo dai clamori delle lotte, rassegnato

è il suo animo come le ormai poche

lacrime che scendono nei rivoli nati

dalla pazienza, dagli anni, che lei più

non sente, perchè tornata bambina

e più non conta!

(Mirella Narducci)

 

Persa nei suoi pensieri

Litha

giugno 19th, 2013

1010456_377026215730982_1881711010_n

 

 

Che possiate sempre vivere della Gioia della Madre )O(

 

 

LaSoffittadelleStreghe )O(

PER TUTTA L’UMANITA’

giugno 19th, 2013

L’uomo dovrebbe imparare a creare qualcosa per soddisfazione, bravura e intelligenza, e rendere il suo creato un bene per tutta l’umanità, essere riconosciuto come colui che ha creato quella determinata cosa, in questo modo si potrebbe vivere in un mondo senza soldi.

(Ejay Ivan Lac)

MONDO

Ti ho solo incontrato nella vita….

giugno 19th, 2013

 

Passi leggeri scalzi lasciano orme,

soffici ombre sulla mia anima.

Sei venuto a svegliare il mio cuore

addormentato in una fiaba antica,

ci sono dentro in questo mondo

fantastico, non riesco a destarmi,

vorrei contemplare la vita con i tuoi

occhi, vedere il mare, i giorni frizzanti,

scrutare quegli orizzonti senza confini.

Vorrei allontanare le delusioni, gli errori

i fallimenti, mettere a tacere il risentimento

della donna forte che forte non è.

Spesso non piange ma le sue lacrime nascono

e muoiono dentro di lei.

Geisha disegnerà il sorriso sul suo volto per

confonderti e non udrà il tuo richiamo le

mancherà il coraggio, amala così com’è, non

chiederle niente perche i suoi occhi ti diranno

in silenzio che lei soltanto è la scrittrice della

sua vita, e all’ultima parola, solo lei metterà

il punto e nessun altro!

 

(Mirella Narducci)

 

Ti ho solo incontrato nella vita

 

L’UNICA OSSESSIONE CHE VOGLIONO TUTTI: L’AMORE

giugno 19th, 2013

1070008.tif

L’unica ossessione che vogliono tutti: «l’amore». Cosa crede, la gente, che basti innamorarsi per sentirsi completi? La platonica unione delle anime? Io la penso diversamente. Io credo che tu sia completo prima di cominciare. E l’amore ti spezza. Tu sei intero, e poi ti apri in due.

Philip Roth

E’ il silenzio che ….

giugno 19th, 2013

libro tanya bì

E’ il silenzio che scuote l’ animo delle persone e non futili parole che sovente risuonano senza valore. Il silenzio spesso è l’ unico vero atto linguistico.

Tanya Bì ©

COME DOVREBBE ESSERE

giugno 19th, 2013

Voglio che ti fermi un attimo a pensare, tu che stai leggendo queste parole, voglio portarti nel mondo che dovrebbe essere, prova per un attimo ad immaginarti tutto mentre leggi, ora tu come stai? ti senti triste, può darsi che tu ora stai lavorando, o pure, nel peggiore dei casi, stai senza una lira, chi potrebbe stare meglio? tu che non lavori o chi lavora?

Potrei dirti che potresti stare molto meglio se non lavorassi, immagina un mondo senza soldi, dove tutti restano a casa con tutti i beni possibili, fatti da persone che, costruiscono e realizzano idee fantastiche per migliorare la vita di tutti, un mondo senza denaro, cancellerebbe la guerra, la cattiveria, l’odio, la povertà, non esisterebbe la superiorità, la superficialità, un mondo dove tutti aiutano tutti, le macchine lavorano al posto degli esseri umani, menti che realizzano un bene per il gusto di averlo creato, prova ad immaginare, di creare un super televisore, non per i soldi, ma per la tua soddisfazione personale, e renderlo disponibbile all’interà umanità.

Le menti ingeniose potrebbero così realizzare quello che i soldi non gli permettono di fare, non si userebbe più il petrolio, si avrebbero città meravigliose, contornate da palazzi altissimi che non hanno un costo, ma fatti solo per la voglia di creare qualcosa di straordinario per il bene dell’uomo, diventeremmo così una creatura che vive su un pianeta, in pace e serenità, aiutandoci l’uno con l’altro, niente più ideologie diverse, non ci sarebbero vanità, gelosia, disprezzo, odio, nessuno sarà diverso dall’altro, perchè tutti avranno tutto, niente più politica, niente banche, niente bollette da pagare, paura di fallire, paura di morire in mezzo ad una strada, ogni uno fa qualcosa per il bene di tutti, per vivere felici, in un mondo fatto di bene e uguaglianza, dove la natura sarà meraviglia, dove gli esseri umani non lavorano ma si godono la vita, senza ansia e senza paura.

Possiamo farlo, si può fare, se il mondo nello stesso momento si ribella senza sangue, senza guerra, bruciando semplicemente i soldi e rifiutandosi di lavorare, crollerebbero le banche, e la politica non avrebbe motivo di andare avanti, finirebbero le guerre, in quel momento, quando il mondo sarà bloccato dal popolo per giorni, settimane, mesi, la piramide darà l’ordine, ai militari e polizia, di gettare la spugna, e far cadere le armi, perchè non ci sarebbe più nulla da risanare, e loro, lascerebbero per sempre il loro trono.

(Ejay Ivan Lac)

città del futuro

La Natura )O(

giugno 18th, 2013

935919_476690912410733_40615773_n

 

 

La natura è il vestito che la Dea sceglie per mostrarsi a noi… Senza le sue meraviglie non vedremmo nulla della sua materia…

La Soffitta delle streghe )O(

« Prev - Next »