Non c’è impresa più grande

dicembre 10th, 2013

1452523_642446449153524_392046014_n
Non c’è impresa più grande di credere in sé stessi.
[L’aforismario della felicità, Isac Randazzo 2013]

FRASI SULLE CAREZZE

dicembre 10th, 2013

NEWS_1239711298_carezza

Voglio parlarvi della carezza. Questo gesto in estinzione, rivoluzionario, incompreso persino dal vocabolario. Carezza: “Tenera dimostrazione di amorevolezza e di benevolenza un po’ leziosa che si fa lisciando con il palmo della mano. Esempio: far le carezze al gatto.” Riscopriamo il significato di “carezza”. Tocco della vita. Il Cristo ha resuscitato i morti con una carezza c’è l’accoglienza. In una vera carezza c’è la cognizione del dolore dell’altro, perché reggere il voltaggio di una autentica carezza è difficile quanto un miracolo. È con una carezza che Maometto sposta la montagna e la morte si concilia con la vita. La carezza è un ponte fra due abissi di solitudine. Perciò il cielo e la terra passeranno, ma certe carezze non passeranno mai.

Jack Folla

***

…E bastava una inutile carezza
a capovolgere il mondo…

Alda Merini
***

Quando tornate a casa alla sera “date una carezza ai vostri figli e ditegli questa è la carezza del papa”, scherzo, quando torniamo a casa alla sera diamo una carezza a nostra moglie. Anzi baciamola, facciamole le coccole, preoccupiamoci di lei. E dopo, dopo un bel po’ informiamoci su cosa c’è per cena. Anzi portiamola a cena fuori.

Antonio Barocci, parto di testa

***

Non si è mai troppo poveri per donare una carezza…

Romano Battaglia

***

Un bambino che cresce senza una carezza indurisce la pelle, non sente niente, neanche le mazzate

Erri De Luca
***

Bacio. Primula nel giardino delle carezze.

Paul Verlaine
***

Facevo sogni che le donne con le loro carezze sparpagliavano per riassorbirmi nella loro ombra se ho cominciato con le donne non finirò da me

Paul Eluard

***

BUONE FESTE NATALIZIE* Auguri Buone Feste Natalizie

dicembre 9th, 2013

Le feste natalizie ti inondano di cose da fare, persone da incontrare ed abbracciare, e solo se riempi le feste di tutto il tuo amore saprai trasformare la frenesia di questi giorni in energia e sorrisi. Ti auguro tutto l’amore, l’unica linfa di vita. Buone feste natalizie!
Anonimo

*

Che questo Natale faccia splendere nella vostra casa armonia, pace e serenità.

*

Che tu possa vivere quanti più sorrisi, brividi, sospiri possibili e aggiungendo, perché no, anche qualche lacrima di intensa gioia per rendere così magico il tuo tempo. Così ovunque tu sia, con chiunque tu sia, mentre continui con la tua danza di silenzi vi auguro di trascorrere in felicità oggi e tutti i giorni che verranno. Vivi il tuo presente, sogna il tuo futuro, ma abbi cura di ripescare nel tuo passato quei tasselli che ti aiuteranno a costruire ciò che vuoi essere.
Buone Feste!

*

Il Natale, è una festa per tutti: grandi e piccini. E’ fatta per stare insieme, per aspettare l’arrivo di un bimbo speciale! Il Natale è per chi è ricco e chi è povero; lui, che è lassù e sta per nascere, non vuole distinzioni, non vuole litigi e non vuole ne la guerra e tanto meno l’odio. Quel piccolino vorrebbe che si facesse di più per la sua nascita, vorrebbe tante cose belle. Da lassù lui ci sta mandando un messaggio importante che deve compiersi prima del 24 quindi non arrendiamoci all’idea del Natale, ma dobbiamo rendere felici noi e le persone che amiamo. Auguri di Buone Feste Natalizie!

*

Nella speranza che la nascita di Gesù Bambino porti gioia e serenità a tutti, donando pace a tutta l’umanità, offrendoci la volontà di perdonare, riempiendo i nostri cuori di amore. Auguri di Buone Feste!

*

Il regalo più bello che ti posso donare sta confezionato nel mio cuore, costa poco ed è l’amore. Te lo offrò augurandoti buon Natale! Che in queste feste natalizie tu possa sentire forte avvolgerti il mio amore!

*

E’ Natale ogni volta che facciamo nascere l’amore nei nostri cuori! Auguri di Buone Feste!

*

Come un fiocco di neve, possa questo periodo adagiarsi sulla vostra vita, sciogliersi tra i vostri desideri, rinfrescare il vostro futuro, idratare il vostro amore. Buone feste.

*

█▀▄ █░█ ▄▀▄ █▄░█░░█▄░█ ▄▀▄ ▀█▀ ▄▀▄ █░░ █▀▀
█▀█ █░█ █░█ █░▀█░░█░▀█ █▀█ ░█░ █▀█ █░▄ █▀▀
▀▀░ ░▀░ ░▀░ ▀░░▀░░▀░░▀ ▀░▀ ░▀░ ▀░▀ ▀▀▀ ▀▀▀
★     ☆  AUGURI      ★ ★  ★  *★  *  ★   *   ★   ☆ ┊   ♥ ┊ ☆ ┊  ♥┊┊  ┊ ♥     ♥┊ ♥   ♥┊ AUGURI   ┊┊ ┊ ☆ ┊  ♥┊ ☆  ♥┊ ┊   AUGURI ♥ ┊ ♥ ┊  ♥┊┊♥┊    *      *   ★   ★  ★  *
   ★      ☆AUGURI      ★  AUGURI *★  ☆ ★  ★*  ★  AUGURI BUONE FESTE

*

╔═══╦╗╔═╦═══╦═╗░╔╗____________ ☆
║╔╗╔╣║║░║╔╗░║░╚╗║║___________ ტ*ტ
║╔╗╚╣╚╝░║╚╝░║╔╗╚╝║__________ ტ*ტ*ტ
╠═╦═╬╦══╩╦══╬╩╩═╦╣╔═══╗___ტ*ტ*ტ*ტ
║░╚╗║║╔╗░╠╗╔╣╔╗░║║║░═╦╝__ტ*ტ*ტ*ტ*ტ
║╔╗╚╝║╔╗░║║║║╔╗░║╚╣░═╩╗_ტ*ტ*ტ*ტ*ტ*ტ
╚╝╚══╩╝╚═╝╚╝╚╝╚═╩═╩═══╝____ ▄██▄

*

Che la magia delle feste possa accompagnarvi in questi giorni e tutto l’anno, riempiendo la vostra vita di speranze e sogni! BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO!

Lui è diverso

dicembre 9th, 2013

Lui non è come gli altri…..
lui ha arcobaleni negli occhi
ha la forza delle tempeste
ha la delicatezza di una foglia
che cade sulla pelle.
Lui non è come gli altri……..
ti regala atmosfere soffuse dal
sapore dolce di baci sulle labbra.
Impetuoso ti travolge, ti cerca
ti ama, s’insinua in ogni piega del
tuo corpo cerca emozioni.
Quel gustare vita, pensieri, piaceri
pienamente mentre tu donna ti senti
arata come una terra scura, seminata
sopraffatta da ogni pioggia che vuole
dissetarti.
Lui non è come gli altri…….
Lui mi ha insegnato l’amore.

( Mirella Narducci )

 

Lui è diverso....

Il mio uomo

dicembre 9th, 2013

Il mio uomo è quello che non
nasconde mai i pensieri,
quello che adora il brivido del
tuo desiderio.
Che ti stringe al petto, facendoti
male, che con la mano ti solleva
il mento per scrutare i tuoi occhi.
Un uomo che sa cosa vuole e come
ottenerlo.
Un uomo che se non ti vede ti viene
a cercare, che ti prende con un sorriso
e tramuta lo scherzo in un intimo
amplesso.
Il mio uomo spudorato e bambino, mai
sazio pretende l’amore.
Vulnerabile cedo al suo volere mi
entra nel sangue, linfa vitale, mi
mantiene in vita.
Lui è gioia che ama!

( Mirella Narducci )

 

E’ questa la verità

dicembre 9th, 2013

E’ freddo c’è gelo intorno.
Isola, il mio cuore
lento non si riprende.
Vorrei poter urlare, insane
parole ma tutto è inutile.
Questo amore che si spegne
in una melanconica agonia
non ha più voglia d’esistere,
colpi su colpi arranca verso
incerti paradisi che promettono
illusioni e tu con occhi da
bambina cerchi di trovare la verità
che si nasconde nei ricordi e più
non vuol tornare.
Quello specchio che contempli
ogni volta si maschera per te e a
stento puoi riconoscerti,
solo il cuore in te batte regolare
mai immutato e brama e vuole
l’attenzione.
Tu con pazienza gli parli di
rassegnazione lo richiami al dovere,
gli imponi condotte severe, ma lui
palpita e ti sussurra:
Vivi….vivi…….

( Mirella Narducci )

E' questa la verità

Io ho solo scritto la tua anima….

dicembre 9th, 2013

Sei stato tu che hai scritto questo di me. Sei stato tu a scrivere che l’amore era solo desiderio. Sei stato tu che hai scritto che vuoi riprenderti il tuo mondo. Tutti questi pensieri bruttissimi. Sono usciti dalla tua anima, non dalla mia.

No amore. Io ho solo scritto ciò che tu mi hai dato. Il tuo modo di amare. Io ho solo scritto i nostri giorni, le nostre fughe. Io ho scritto il paradiso e l’inferno. La luce e il buio. Il volo e lo schianto. Io ho scritto, ma tu hai dettato. Io ho messo l’inchiostro. Tu hai messo i pensieri. Io ho scritto la tua anima, nel bene e nel male. Io ho scritto le emozioni, che senza di te non avrei mai potuto scrivere. Io ho scritto per due, è ho pianto da solo. Io ho scritto che ti amo, e tu non l’hai mai letto.

Frasi Sui Regali

dicembre 8th, 2013

 

regalo_0004

Adesso vorrei farti una richiesta molto seria:
Me lo regali un sorriso sincero?
[…] arcuare la bocca e mostrare i denti è semplice, fin troppo,
e la gente ti vede, e ci crede, ma non è di una maschera che ho bisogno nè di retorica. […]
Un sorriso vero possiede in sé un valore immenso solo se arricchito da gioia autentica.
Sorridimi, dimmi adesso, che almeno un po’ sei felice
Anton Vanligt
***

Alcuni suggerimenti per un regalo di Natale:
Al tuo nemico, perdono.
Al tuo avversario, tolleranza.
A un amico, il tuo cuore.
A un cliente, il servizio.
A tutti, la carità.
A ogni bambino, un buon esempio.
A te stesso, rispetto.

(O.Arnold)

*

Il segreto dell’amore è fare quotidianamente qualche piccola azione per fare felice la persona che ami: un’azione servizievole o un piccolo regalo, una parola di apprezzamento o un affettuoso, inaspettato, sorriso.

Swami Sivananda
***
La gente ricca riceve molti più regali di quella povera; e quello che deve proprio comprare, lo ha sempre molto più a buon prezzo.

Heinrich Böll, Opinioni di un clown
***

Ho imparato ad amarmi. E visto che stando insieme a te ti donerò me stesso, cercherò di rendere il mio regalo più bello possibile ogni giorno
Fabio Volo, è una vita che ti aspetto
***

La Vita è uno strano Regalo. All’inizio lo si sopravvaluta, questo regalo: si crede di avere ricevuto la vita eterna. Dopo lo si sottovaluta: lo si trova scadente, troppo corto, si sarebbe quasi pronti a gettarlo. Infine ci si rende conto che non era un regalo ma solo un Prestito.
Allora, si cerca di Meritarlo.

Eric Emmanuel Schmitt, Oscar e la dama in rosa

***
È successo. Dopo anni di deserto sentimentale, popolato solo da rari e consumati cialtroni, mi sono innamorata.

È una sensazione magica, mi sembra che tutto sorrida, persino Torino è diventata allegra, una città piena di vita e di progetti. Dettaglio non trascurabile, mi sento una ventina d’anni in meno. A dire il vero, anche un po’ sperduta e stordita come quando avevo diciotto anni e il futuro davanti a me appariva immenso, francamente troppo. E sai bene quanto abbia paura a essere felice. Senso dei propri limiti? Controllo del delirio di onnipotenza? Chi lo sa, ma di questo parleremo un’altra volta, adesso friggo per raccontarti la novità. Lui.

Non ho mai odiato un uomo a tal punto da restituirgli i gioielli ricevuti in regalo.

Zsa Zsa Gabor, su The Observer
***

Non so quanto dovrò pagare per questo regalo, ma siccome mi è stato recapitato con tanto di fiocco (sogni a occhi aperti), me lo tengo. Finché dura. Ahi, fa male solo a dirlo. Comunque, sto a vedere che cosa accadrà. Assieme a te, naturalmente.
Alessandra Appiano , amiche di salvataggio
***

Chi regala qualcosa di grande non trova riconoscenza, perché chi lo riceve ha già troppo peso nell’accettarlo.

Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano
***

Chip appese la cornetta senza risponderle, staccò la suoneria e schiacciò la faccia contro il telaio della porta. Aveva risolto il problema dei regali di Natale ai famigliari nell’ultimo giorno utile per spedirli, quando, in tutta fretta, aveva preso dagli scaffali vecchi libri in offerta e remainders e li aveva avvolti nella carta stagnola e legati con un nastro rosso, rifiutandosi di immaginare come suo nipote Caleb di nove anni, tanto per fare un esempio, avrebbe reagito all’edizione Oxford commentata di Ivanhoe, che si poteva definire un regalo soltanto perché era ancora avvolta nella pellicola di plastica. Gli angoli delle copertine avevano subito lacerato la stagnola, e quella che aveva aggiunto per nascondere i buchi non aveva aderito bene agli strati sottostanti, creando l’effetto di una buccia fragile, come pelle di cipolla o pasta sfoglia, che aveva cercato di attenuare appiccicando su ogni regalo gli adesivi natalizi della Lega per il Diritto all’Aborto ricevuti insieme al kit annuale di socio. Quel lavoro gli era sembrato cosi rozzo e infantile, cosi mentalmente squilibrato, a dire il vero, che aveva buttato i pacchetti in un vecchio scatolone da fruttivendolo, semplicemente per toglierseli dalla vista. Poi aveva spedito lo scatolone via FedEx a Philadelphia, a casa di Gary. Si sentiva come se avesse fatto un’enorme cagata: per quanto fosse una cosa sporca e sgradevole, adesso almeno si era liberato, e quella situazione non si sarebbe ripresentata tanto presto.
Jonathan Franzen , Le correzioni
***

Nulla è in regalo, tutto è in prestito.
Sono indebitata fino al collo.
Sarò costretta a pagare per me
con me stessa,
a rendere la vita in cambio della vita.

È così che è stabilito,
il cuore va reso
e il fegato va reso
e ogni singolo dito.

È troppo tardi per impugnare il contratto.
Quanto devo
mi sarà tolto con la pelle.

Me ne vado per il mondo
tra una folla di altri debitori.
Su alcuni grava l’obbligo
di pagare le ali.

Altri dovranno, per amore o per forza,
rendere conto delle foglie.

Nella colonna Dare
ogni tessuto che è in noi.
Non un ciglio, non un peduncolo
da conservare per sempre.

L’inventario è preciso,
e a quanto pare
ci toccherà restare con niente.

Non riesco a ricordare
dove, quando e perché
ho permesso che aprissero
questo conto a mio nome.

La protesta contro di esso
la chiamano anima.
E questa è l’unica voce
che manca nell’inventario.

Wislawa Szymborska

***

GINOCIDIO, DANIELA DANNA

dicembre 7th, 2013

 ginicidio

Forse c’è stato un tempo in cui uomini e donne hanno vissuto in armonia. Forse quando gli esseri umani veneravano la dea madre come simbolo di fertilità, di continuità della vita, questa devozione costituiva la trasposizione sul piano ideale e rituale del rispetto esistente nelle relazioni tra i sessi: il linguaggio della dea (Gimbutas 1990). Purtroppo lo ignoriamo: di quell’epoca di caccia e raccolta restano pitture rupestri, incisioni e statuette, troppo poco per non dover ricorrere a mere supposizioni, a fantasie molto più rivelatrici del mondo culturale di chi le propone che della vita sociale di quell’epoca preistorica. Nel nostro tempo invece i luoghi in cui le regole sociali prescrivono il rispetto e la reciproca stima tra il sesso maschile e quello femminile sono scarsi, limitati, circoscritti. Le pessimiste dicono: inesistenti, o comunque in via di estinzione, come piccole comunità delle foreste dell’India o degli altipiani della Nuova Guinea. Nella maggior parte delle culture, a chi appartiene al gruppo degli uomini si insegna la superiorità su chi appartiene al gruppo delle donne e su quei maschi che assumono sembianze o comportamenti etichettati come «femminili». Viceversa, a chi appartiene al sesso femminile si insegnano sottomissione, docilità e regole molteplici, poi interiorizzate, che impongono di controllarsi, di modificarsi per apparire desiderabili e innocue, e soprattutto di badare alla propria castità. Mentre al maschio tutto è dovuto, la femmina non ha diritto a nulla.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

Questa rigida separazione tra i sessi con la prescrizione della subordinazione del sesso femminile a quello maschile è la radice della violenza che vogliamo chiamare ginocida. È la violenza rivolta contro il femminile allo scopo di affermare la superiorità maschile, è lo stupro che collega al piacere sessuale un’aggressione intima contro la vittima che viene «posseduta», è l’annichilimento della volontà della partner nei maltrattamenti familiari, è l’omicidio per gelosia, per «passione», in cui la pretesa di amare la vittima nasconde la manifestazione suprema del possesso: la distruzione. Tale violenza è presente, oltre che negli atti individuali di aggressione, anche nelle norme sociali che giustificano questi atti, ad esempio dandone la colpa alla «scarsa moralità» della vittima, punendola per non aver adempiuto al ruolo femminile, e in quelle che prescrivono violenze espressamente mirate al sesso femminile, come l’uccisione per adulterio, le mutilazioni genitali (che hanno proprio lo scopo di costruire la versione socialmente accettata del sesso femminile), la sistematica denutrizione e discriminazione delle figlie femmine. Ed è il risultato di un’educazione maschile che esalta l’aggressività, di un ideale di virilità violenta in cui vengono cresciuti i maschi. La violenza ginocida è una categoria che comprende anche la violenza che i maschi scatenano contro quegli uomini, adolescenti, bambini che non adempiono il loro ruolo maschile e vengono giudicati deboli, perdenti, simili alle donne, ovvero effeminati – forse ancora più degradati delle donne stesse, poiché hanno perso la loro posizione dominante mentre le femmine, per definizione, non possono raggiungerla.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

Le parole «ginocidio», «femicidio», «femminicidio» sono state coniate dal femminismo negli anni Settanta – Jane Caputi, Mary Daly (2005), Andrea Dworkin, Antoinette Fouque (1989), Diana Russell e molte altre – per indicare non solo gli assassinii di donne ma anche tutta la violenza che si rivolge contro l’essere donna, contro il femminile, a causa del disprezzo sociale e della brama di controllo sui corpi femminili da parte del sistema di potere maschile, il patriarcato. E dunque gli esecutori di questa violenza, che certo può spingersi anche fino all’omicidio, possono essere uomini ma anche donne (un esempio sono le anziane che eseguono le mutilazioni genitali sulle bambine).
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

La creazione di una particolare categoria di «violenza ginocida» è importante perché le statistiche mostrano una prevalenza di vittime maschili di omicidio e di aggressioni: se ne dovrebbe concludere che sia il sesso femminile a godere di vantaggi e protezione. Ma questa «protezione» del genere femminile è semplicemente la limitazione del movimento delle femmine negli spazi pubblici da parte di norme sociali oppressive o semplicemente della paura degli uomini.

Infatti, così come la violenza sugli uomini viene esercitata in massima parte da altri uomini, anche le donne vittime di violenza lo sono per mano maschile. Gli stessi «protettori» delle donne, i loro compagni, familiari e amici maschi, sono coloro che perpetrano la maggioranza delle violenze ginocide. Le femmine vengono rinchiuse nelle case per proteggerle (o per proteggerne «la virtù»), ma per loro è la casa il luogo più pericoloso.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

La violenza apertamente esercitata è comunque un indicatore molto imperfetto della condizione femminile, che è quello che realmente importa. Là dove vi è sottomissione assoluta, là dove la donna non ha possibilità di vita se non si assoggetta, là dove si identifica pienamente nel ruolo subordinato socialmente imposto, la rassegnazione evita minacce e percosse. Tale assenza esteriore di violenza ha lo stesso significato della violenza più estrema: qui la schiavitù è la più assoluta.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

Riflettere sulla sottomissione e sulla rassegnazione pone quindi il problema della soggettività della definizione di violenza (come del resto della definizione di tutti i fenomeni umani): la violenza è importante solo se soggettivamente percepita? Se osservatrice e osservata hanno parametri di giudizio diversi, a chi dar credito? Può esistere una definizione oggettiva di violenza?
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

Un atto di violenza è un atto finalizzato, attraverso il dolore fisico o psicologico, a piegare la volontà di una persona, a sottometterla al proprio volere. Non importa quanto il perpetratore o la vittima siano convinti della sua rispondenza a norme sociali: per l’osservatore che vede i fatti e le loro conseguenze, questo atto è senza dubbio un’azione violenta.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

Se la violenza subita è ritenuta legittima, se è l’unico modo di interazione sperimentato (come accade ai figli di un padre violento), essa non sarà per questo priva di conseguenze sul benessere non solo fisico ma anche e soprattutto psicologico di chi la subisce, e questo anche nel caso in cui la vittima la accetti, non se ne lamenti, non cerchi neppure una via di uscita proprio perché ritiene che sia questa la normalità.
DANIELA DANNA, GINOCIDIO

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni