FRASI DI Paramahansa Yogananda

dicembre 12th, 2013

Yogananda

Spesso noi continuiamo a soffrire senza fare uno sforzo per cambiare; ecco perché non troviamo pace durevole e appagamento. Se noi perseverassimo, saremmo certamente capaci di superare tutte le difficoltà. Dobbiamo fare lo sforzo, perché possiamo passare dalla miseria alla felicità,
dallo sconforto al coraggio.
Paramahansa Yogananda
***

La mente non ha alcun legame con il corpo se non quello che tu gli dai. Quando la mente potrà rimanere distaccata dal corpo a tuo piacimento, tu sarai libero. Ricorda che sei immortale. Per poter superare le prove della vita avrai bisogno di ringiovanire sia il corpo che la mente. Dovrai sviluppare l’elasticità mentale. Se non puoi fare fronte alle prove della vita, sarai indifeso quando i problemi e le tribolazioni arriveranno

Paramahansa Yogananda
***

Ogni istante è eternità, perché l’eternità può sperimentarsi in quel minuto.
Ogni giorno e minuto e ora, è una finestra attraverso la quale potete scorgere l’eternità.
La vita è breve, nondimeno è senza fine. L’anima non perirà, ma a causa della breve stagione di questa vita voi dovreste mietere quanto più potete dell’immortalità.

 Paramahansa Yogananda
***

La mente è l’artefice di tutte le cose. Voi dovete indurla a creare soltanto il bene. Se, con tutta la forza della volontà dinamica, vi concentrerete su un determinato pensiero, alla fine lo vedrete prendere una tangibile forma esteriore. Quando riuscirete a servirvi della volontà esclusivamente per scopi costruttivi diverrete padroni del vostro destino.
Paramahansa Yogananda
***

Il sucesso e l’insucesso sono la diretta conseguenza del vostro abituale modo di pensare. Quale di questi pensieri predomina in voi: il successo o l’insuccesso? Se il vostro consueto atteggiamento mentale è negativo, uno sporadico pensiero positivo non sarà sufficiente ad attirare il successo. Se invece è costruttivo, raggiungerete la meta, anche se vi sembra di Paramahansa Yogananda
essere avvolti dalle tenebre.
Paramahansa Yogananda
***

L’anima non può essere rinchiusa entro confini creati dall’uomo, la sua nazionalità è lo spirito;
il suo paese l’Onnipresenza.
Paramahansa Yogananda
***

Ogni forte risoluzione che prendete con grande decisione può diventare subito un’abitudine. Perchè non dovreste essere capaci di fare ciò che desiderate fare, guidai dalla ragione? Dovete tentare. Via tutti i vostri difetti! Rivedete le vostre azioni dell’anno passato. Vedete quali abitudini inopportune potete aver messo in atto: forse litigate con la gente, o mangiate troppo o siete gelosi. Prendete la decisione oggi e sappiate che non farete quelle cose mai più. I romani usavano legare i prigionieri ai loro carri e trascinarli sul terreno: un’usanza terribile. Eppure essa racchiude una lezione per noi, perchè noi permettiamo alle nostre abitudini di trattarci allo stesso modo. Dovremmo fare delle nostre abitudini le nostre prigioniere, piuttosto che le nostre carceriere; dovremmo attaccarle al carro della nostra volontà e trascinarle, invece di essere trascinate. Essere in grado di fare qualunque cosa che sappiamo di dover fare e non solo ciò che vorremmo fare per capriccio, significa essere liberi.

Paramahansa Yogananda
***

La tua religione non e’ il vestito che indossi esteriormente,
ma l’abito di luce che tessi intorno al tuo cuore.
Paramahansa Yogananda
***

Non importa quanto sei impegnato: ogni tanto non dimenticarti di sgombrare la mente dalle preoccupazioni e da tutti i doveri. Basta che tu li metta al bando. Ricorda, non sei stato creato per le preoccupazioni, ma sono le preoccupazioni a essere create da te. Non permettere loro di torturarti.
Paramahansa Yogananda
***

La libertà dell’uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole; essa non dipende da vittorie esterne, ma interne.
Paramahansa Yogananda
***

Amare davvero significa amare se stessi

dicembre 12th, 2013

Chi desidera troppo il bene degli altri, e troppo poco il proprio, ha già smesso di volersi bene da un pezzo, e cerca negli altri una gioia che non potrà mai corrispondere all’amore verso se stessi. Peraltro, quel bene verso il prossimo non sarà mai sincero come l’amore che si può avere quando si ama se stessi. Se prima ami te stesso, il tuo amore verso gli altri sarà disinteressato; ma, se non ami te stesso, farai finta di amare gli altri semplicemente perché manca qualcosa dentro di te.
Isac Randazzo
cosa-significa-amare-se-stessi-300x290

Bipolare in cerca d’amore

dicembre 11th, 2013

1465343_460592384062324_758060425_n
La felicità è un composto di sofferenza, semplicità e vita vissuta. [Tratto dal libro “Bipolare in cerca d’amore”, Isac Randazzo, 2013]
 

La stube

dicembre 11th, 2013

Fuori la tormenta
nella stube profumo
di legna.
Odori e sapori di ricordi
lontani, fatti di cose semplici:
bucato,fiori, merende.
Nuda la stanza ma calda
s’anima di uomini e cose
che nel passato avevano più
conto.
Si passavan l’ore insieme cantando
pregando, il creptio del fuoco e i
bagliori del camino facevan fuggire
le ombre della notte.
Nella vecchia stube tutto è come
una volta siediti e riposa…..

( Mirella Narducci )

 

La stube

Frasi Per Brindare

dicembre 11th, 2013

brindare

Brindo agli amici e ai nemici.
Aller persone che mi hanno fatto del male rendendomi più forte, foriando il mio carattere.
Brindo agli amici che hanno riso con me, ma che hanno anche condiviso le lacrime, mi hanno teso la mano quando ne ho avuto bisogno, e non sono scomparsi come molti fanno, nel momento del buio. Brindo ai miei genitori che mi hanno dato la vita, e alle mie sorelle che l’hanno arricchita costruendo con me quelle basi solide di un rispetto familiare che a nulla si può paragonare.
Brindo alla scrittura, che da sempre è stata la mia via di fuga quando la vita diventava insopportabilmente pesante. Brindo a un nuovo anno che si appresta ad arrivare, alle speranze risposte in esso, e al ricordo di tutti gli anni trascorsi fino ad oggi. Brindo allo specchio, questo sconosciuto da cui fuggo, impaurito dal suo saper parlare senza voce, dal suo dir tutto senza impiegare le parole. Brindo a questa meravigliosa vita, a questo viaggio bellissimo che ci è stato concesso d’iniziare. E alla mia valigia d’esperienza, che mai smetterò d’aver voglia di riempire!
Anton Vanligt
***

faccio un brindisi, e me ne vado subito. Un brindisi che m’ha insegnato mia nonna.
Viva Bacco, e viva Amore:
L’uno e l’altro ci consola;
Uno passa per la gola,
L’altro va dagli occhi al cuore.
Bevo il vin, cogli occhi poi…
Faccio quel che fate voi.

Carlo Goldoni, La Locandiera
***

Per brindare alla tua salute ho rovinato la mia…

***

Nel vino voglio soffocare i dolori,
al vino chiedo che faccia scendere
negli occhi stanchi, consolatore, il sonno

Albio Tibullo
***

Lo splendore della luna, colla sua luce,
ha dilacerata la veste della notte; bevi vino,
ché un momento simile non è possibile trovare;
sii lieto e pensa che molti splendori di luna
verranno l’un dopo l’altro sulla faccia della terra.

ʿOmar Ḫayyām
***

Sia benedetto chi per
primo inventò il vino
che tutto il giorno mi fa stare allegro.

Cecco Angiolieri
***

Brindo à casa
Brindo à vida
Meus amores
Minha família

[Un brindisi alla casa
Un brindisi alla vita
I miei amori
la mia famiglia]

O Rappa, Mar de Gente,

***

IO BRINDO A ME…. a ciò che sono.. a ciò che non diventerò mai..
brindo alla mia lealtà, al mio essere generosa…BRINDO al mio coraggio che teme anche la paura, brindo alla mia coerenza…al mio essere disponibile. Brindo ai mie pregi…ma anche ai miei difetti…non rinnego nulla del mio essere, nemmeno ciò che di me non amo. IO BRINDO A ME…una donna come tante, nulla di eccezionale, una donna più che normale. Brindo alla mia vita…che comunque vada…è stata mia e solo mia.
daichemiriconosi, dal blog ci sono giorni
***

Stanotte brindo
A chi mi manca tanto
A chi rende la mia vita più allegra
A chi sta vivendo una tragedia con coraggio
A chi sa ridere di tutto
A chi c’è sempre quando ne ho bisogno
A chi non c’è mai
A chi amo
A chi odio
A chi sopporto a malapena
A chi mi fa ridere
A chi mi ha fatto arrabbiare

Brindo
A chi aspetto
A chi mi ha tradito
A chi mi ha amato
A chi ha creduto in me
A chi ho ignorato
A  chi mi ha ignorata

Brindo a te amica e sorella lontana, a te che hai sempre fatto parte della mia vita, a te che mi sei sempre stata vicina nei momenti più belli, in quelli più brutti, a te che a milletrecento chilometri di distanza senti la mia angoscia e mi telefoni.
Brindo a te amico che non ci sei più, al tuo viso eternamente giovane, al tuo sorriso su vecchie foto conservate gelosamente, ai ricordi indimenticabili che fanno sempre così male
Brindo a te figlia ribelle, alla tua intelligenza sprecata ma nella quale continuo a credere, al tuo sorriso triste, alla tua solitudine.
Brindo ai miei nanini, che ogni tanto si affacciano alla balaustra della mia mente a ricordarmi che ci sono sempre, zitti voi, sparite!!!
Brindo alla mia tristezza, che mi porto addosso come un vestito scomodo, e che vorrei togliermi ed eliminare senza che mi venga concesso
E brindo a te mia principessa, dolcissima ed insicura, tenera come la figlia che ho sempre voluto.
Brindo al mio ottimismo, ammaccato dalla vita e dagli eventi, e tuttavia instancabile, eterno, indistruttibile.
Brindo a te luna, bianca, eterna ed indifferente, e a questo cielo stellato che mi toglie il respiro.
Brindo ai miei cinquantadue anni, arrivati in punta dei piedi, silenziosi come la neve, inesorabili come il tempo.
Brindo a me, alla mia vita che continuo ad amare malgrado tutto, malgrado gli schiaffi ricevuti, malgrado il dolore che mi porto addosso.

E brindo con la coca cola…. che sono astemia 🙂

Anna, dal blog pensieridiognigiorno.
***

Brindo a voi e a questa vita:
Pace Amore e Gioia Infinita!
Negrita
***

Bevo a una casa distrutta,
alla mia vita sciagurata,
a solitudini vissute in due
e bevo anche a te:
all’inganno di labbra che tradirono,
al morto gelo dei tuoi occhi,
ad un mondo crudele e rozzo,
ad un Dio che non ci ha salvato.
Ultimo Brindisi, Anna Achmatova

***

Oggi voglio brindare a coloro che hanno tentato di togliermi il sorriso, a coloro che hanno cercato di piegare la mia testa, a coloro che hanno tentato di impedirmi di vivere la vita serenamente, faccio un applauso e un brindisi a voi persone convinte capaci solo di fare il male. Grazie per avermi insegnato a lottare brindo alla faccia vostra, ma il brindisi più grande va a me che ho avuto la forza di lottare. Cin-Cin!
Antonia Gravina
***

VISTO COSA SUCCEDE?

dicembre 11th, 2013

Spero di vedere qualcuno vomitare sangue, sofferente sull’asfalto, dopo che ha detto parole brutte, stupide, tanto per farsi vedere, mi piacerebbe sedermi davanti al suo viso, e fagli tante foto mentre il rosso sporca le sue mani, la sua bocca, i vestiti, e ripetere con un sorriso guardando i suoi occhi:

Visto cosa succede a fare i grandi?

(Ejay Ivan Lac)

RESTARE

dicembre 11th, 2013

Restare significa avere la capacità di capire ed essere coraggiosi, mentre andar via lo può fare chiunque!

(Ejay Ivan Lac)

giovani-partenza

LA LUNA O LE STELLE

dicembre 11th, 2013

La cosa affascinante, quando guardo la luna o le stelle, non è sapere quanto siano stupende, quello lo si sa, ma è sapere che in quel preciso instante altri occhi, di altri posti, stanno guardando la stessa cosa…

Ti fa sentire meno solo…

(Ejay Ivan Lac)

Luna_e_stelle

 

FRASI SULL’INQUIETUDINE

dicembre 10th, 2013

1277240408_28

L’inquietudine del comico.

Un vero comico deve inquietare, se no è semplicemente un cabarettista, un attore brillante. L’impulso dentro di me è fare il tragico, ma non c’è niente da fare, la carne è fatta in maniera comica. Proprio le poppe, i peli che c’ho addosso mi si muovono in maniera comica. Ogni volta che penso a un film nuovo penso a una di quelle cose tragiche, ma proprio pesanti. Poi le ginocchia, le cosce partono in maniera comica e mi ributto sul corpo. Il comico deve inquietare, come inquietava Troisi, come inquietava Totò. I comici devono avere qualcosa che non funziona. Anche se ormai è diventato un luogo comune, la bellezza, la solitudine del comico. A me invece piace la gaiezza. Come diceva Edgar Allan Poe: «La solitudine è una bellissima cosa, specialmente se la puoi dividere con qualcuno».

La guitteria.

Fare il guitto è insieme una difesa e una condanna. Sul palco si è posseduti da un angelo sterminatore, si è fragili come grilli dentro un uragano. Si fanno errori a volte, ma è per debolezza, per fragilità. Un comico non sa essere furbo. Sa qual è l’anagramma che ha elaborato col mio nome Stefano Bartezzaghi? Birbone integro. Mi ci ritrovo molto: io all’integrità morale ci credo.

Roberto Benigni, La vita è bella
***

Soares scriveva e la sua inquietudine era la manifestazione del suo male di vivere.
Enrique Vila-Matas, Mal di Montano
***

La superficialità mi inquieta ma il profondo mi uccide.

Alda Merini, Aforismi e magie
***
I godimenti che la passione dà, sono orribilmente tempestosi, pagati con snervanti inquietudini che spezzano le corde dell’anima.
Honoré de Balzac
***

Se l’uomo realizzasse la metà dei desideri che ha, raddoppierebbe le sue inquietudini.
Benjamin Franklin
***

Nella vita, le due emozioni più futili sono il senso di colpa per ciò che è accaduto, e l’inquietudine per ciò che potrebbe accadere. Eccoli qui, i grandi sprechi! Inquietudine e Colpa — Colpa e Inquietudine.

Wayne Dyer, Le vostre zone erronee
***

Condizione dell’uomo. Incostanza, noia, inquietudine.

Blaise Pascal, Pensieri
***

L’uomo è nato per vivere nelle convulsioni dell’inquietudine o nel letargo della noia
Voltaire

***

Dove manca la speranza non resta più luogo all’inquietudine.
Giacomo Leopardi
***

Mi colse un’inquietudine enorme. Pensai: “Giacché mi fa male non fumerò mai più, ma prima voglio farlo per l’ultima volta”. Accesi una sigaretta e mi sentii subito liberato dall’inquietudine ad onta che la febbre forse aumentasse e che ad ogni tirata sentissi alle tonsille un bruciore come se fossero state toccate da un tizzone ardente. Finii tutta la sigaretta con l’accuratezza con cui si compie un voto.

Italo Svevo

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni