La via e la meta: ad un passo dalla felicità



 

Nulla di più vero e genuino potrebbe essere detto a consolidare il connubio che da sempre affianca vita e viaggio:

Non c’è strada che porti alla felicità: la felicità è la strada.
Buddha

Vivere in Asia lo considero un privilegio, vivere in Thailandia una grazia inattesa.

Sono partito senza sapere la meta, consapevole che la strada che stavo percorrendo mi avrebbe portato lontano facendomi abbandonare le certezze e stabilità accumulate nel corso di una vita. La consapevolezza d’inseguire comunque un sogno e scoprire, giorno dopo giorno, che fra la strada percorsa e la meta tanto ambita non c’era differenza.

Arrivare in uno splendido albergo di Hong Kong o in una semplice guesthouse di Siem Reap non fa molta differenza quando la stanza che ci ospita è solo il rifugio temporaneo di una notte. Le strade polverose delle campagne aride di una Cambogia in affannosa rincorsa della modernità e le inquinate vie trafficate di un’ultramoderna Bangkok sono dei semplici sentieri che percorro ogni giorno in una quotidianità che mi consente di mettermi in discussione, apprendere, vivere.

E’ incrociando lo sguardo d’impenetrabili occhi a mandorla, ascoltando suoni di lingue misteriose, abbracciando filosofie dalle radici antichissime, gustando pietanze dai sapori stimolanti che mi sento fortunato. Faccio ovviamente i conti con la nostalgia, con la lontananza e la consapevolezza che una strada ne sta escludendo un’altra. Ma non per questo continuo a guardare indietro, non per questo ho lasciato dei capisaldi per costruirmene altri.

Lascio tracce sparse qua e là, frammenti spesso sconclusionati di una vita da espatriato che mi sono cucito addosso, pensieri e parole che forse nessuno potrà capire ma che sono il mio modo di gridare al mondo che vale la pena vivere fino in fondo la strada che stiamo percorrendo. Inutile affannarsi a cercare altrove la felicità. La felicità è accanto a noi, basta saperla riconoscere.

E se “ogni viaggio ha valore quando al momento della partenza il cuore e’ pieno di ricordi e gli occhi sono lucidi al dover salutare chi si lascia” è tornare a casa che dona significato profondo al peregrinare.


Frasi e Aforismi Celebri Correlati:

5 Commenti a “La via e la meta: ad un passo dalla felicità”

  1. Magycafon 03 Set 2012 at 15:17

    Scusa, vorrei sapere di chi è questa “riflessione”… Grazie!

  2. Asialoveron 04 Set 2012 at 03:54

    Ciao Magycaf…

    la citazione originale di “ogni viaggio ha valore quando al momento della partenza il cuore e’ pieno di ricordi e gli occhi sono lucidi al dover salutare chi si lascia” la trovi sul mio blog personale (metto sempre una frase alla fine di ogni post… alcune mie altre prese in prestito) Questa è mia, è una consderazione che faccio sempre… Spero condivida…
    A presto!

    Andrea in Thailandia

  3. Magycafon 04 Set 2012 at 17:36

    Allora complimenti! Mi hai ricordato Chatwin per un attimo! Viaggiare è un dono, viaggiare è una conquista. A volte non sono necessari i chilometri trascorsi, a volte basta guardare la realtà in cui viviamo con gli occhi di chi non sa! Ecco che rappresenta una conquista! Il mondo è in se stesso una conquista! Riflessione intensa e carica di emozioni Andrea!

  4. Magycafon 04 Set 2012 at 17:38

    Scusami intendevo l’intero estratto! Forse non mi sono spiegata bene…

  5. Asialoveron 05 Set 2012 at 04:04

    Comunque sia, il brano è tutto mio… è una mia riflessione personale

    Mi hai fatto un gran complimento 🙂

Lascia il tuo commento

You must be logged in to post a comment.







LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni