DANIEL C.DENNET * L’EVOLUZIONE DELLA LIBERTA’



Le nostre menti sono semplicemente quello che i nostri cervelli fanno in modo non miracoloso, e il talento del nostro cervello non può che evolvere come ogni altra meraviglia naturale.
Daniel C. Dennett , L’evoluzione della libertà

Le scoperte più recenti su chi siamo e su come siamo pervenuti al nostro stato attuale sono, a dir poco, terrificanti. Quello che siete, ci dicono, è un assemblaggio di più o meno un migliaio di miliardi di cellule, appartenenti a migliaia di generi differenti. Il grosso di questo ammasso di cellule è composto da “figlie” della cellula uovo e dello spermatozoo, la cui unione ha dato vita a voi; ma, in realtà, queste sono superate numericamente da trilioni di batteri, autostoppisti provenienti da migliaia di ceppi diversi stipati nel vostro corpo (Hooper et al., 1998). Ognuna delle vostre cellule ospiti è un meccanismo non pensante, un piccolo robot piuttosto autonomo. Non è più cosciente dei batteri che ospitate. Nessuna delle cellule che contribuiscono a comporvi sa chi siete, né le importa saperlo.
Daniel C. Dennett , L’evoluzione della libertà

Un individuo può essere gentile e generoso, un altro può essere spietato; c’è chi fa il pornografo e chi invece dedica la propria vita a servire Dio. Una delle tentazioni a cui l’uomo, nel tempo, ha ceduto è stata quella di immaginare che queste fondamentali differenze potessero essere ricondotte a caratteristiche speciali di un qualche elemento extra (un’anima), posizionato da qualche parte nel quartier generale del corpo. Ormai sappiamo che, per quanto sia ancora molto seducente, l’idea non è minimamente supportata da ciò che abbiamo imparato sulla nostra biologia in generale e sul nostro cervello in particolare. Più comprendiamo come ci siamo evoluti e come funziona il nostro cervello, più ci convinciamo che non può esistere alcun ingrediente extra di questo tipo. Ognuno di noi è composto di robot non pensanti e da nient’altro; non abbiamo alcun ingrediente non-fisico o non-robotico. Le differenze che distinguono una persona dalle altre sono tutte riconducibili al modo in cui, durante una vita di crescita ed esperienza, le squadre dei loro personali robot si sono assemblate. La differenza tra saper parlare francese o saper parlare cinese è una differenza nell’organizzazione di queste parti mobili; lo stesso vale per tutte le altre differenze di cultura e personalità.
Daniel C. Dennett , L’evoluzione della libertà

Che cosa faremo, ora, della nostra conoscenza? I dolori del parto delle nostre scoperte non si sono ancora placati. Sono in molti a pensare che imparare troppo su ciò che siamo – barattare il mistero con dei meccanismi – impoverirà la nostra concezione delle possibilità umane. Questo timore è comprensibile, ma se stessimo veramente correndo il pericolo di sapere troppo, coloro che lavorano in prima linea in questa attività di ricerca non dovrebbero mostrare segni di sconforto? Guardate, invece, chi sta partecipando a questa avventura per accrescere la conoscenza scientifica e sta assimilando con impazienza le nuove scoperte; non sono certo a corto di ottimismo, hanno convinzioni morali, dimostrano impegno nella vita e nella società.
Daniel C. Dennett , L’evoluzione della libertà


Frasi e Aforismi Celebri Correlati:

Lascia il tuo commento





Macrolibrarsi.it presenta il Cofanetto: Giocando con gli Angeli di Hania Czajkowski