Riflessioni Sulla Vita

Le Più Belle Riflessioni Sulla Vita, Leggi Le Riflessioni Di Vita Speciali D’Autore, Frasi Di Riflessione Sulla Vita, Vuoi Riflettere sulla Vita? Leggi Le frasi Più Belle Sulla Vita!



Amo la vita ogni giorno di più…

ottobre 19th, 2014

1485068_10151931007966947_1459000501_n

Amo la vita ogni giorno di più, perché quella che sono, è merito suo.
Merito dei suoi sgambetti, che mi hanno fortificata,
delle sue carezze, che mi hanno addolcita,
delle sue urla, che mi hanno insegnato ad apprezzare il silenzio,
dei suoi sorrisi che mi hanno insegnato che c’è anche tanta tristezza,
della sua forza che mi ha insegnato ad amarla sempre di più.
(© Alessia S. Lorenzi da ”Passeggiata tra le nuvole sorvolando il Mare”)

Immagine reperita dal web

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

 

 

Lascia un segno nel cuore…

ottobre 7th, 2014

Non importa il motivo per cui le persone entrano nella tua vita,

lascia un segno nel loro cuore.

Sii luce tra le ombre,

calore tra il freddo dei cuori aridi.

Sii sorriso tra le lacrime di dolore,

aria fresca nel caldo soffocante della vita.

Sii fiore tra le rocce, affinché i tuoi colori rallegrino la tristezza dei sassi.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” Phasar 2014  € 2,99)

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

cop sito

 

 

 

 

Custodi della nostra felicità…

settembre 25th, 2014

campo_energetico_sottile_luoghi_anima

Se un amico ci ponesse tra le mani un oggetto molto prezioso dicendoci: – Fai attenzione, non romperlo e non smarrirlo: sarebbe la fine per me.  Abbine cura! -  Come ci sentiremmo?   Credo  che ci  sentiremmo investiti da una grossa responsabilità, preoccupati, ansiosi e alla continua ricerca di un posto sicuro per quell’oggetto, col rischio di romperlo o di smarrirlo, proprio per un eccesso di zelo. Vivremmo il nostro rapporto con quell’amico come un peso troppo grande, verrebbe a mancare la serenità. Bene, la stessa cosa accadrebbe se noi ponessimo un oggetto molto prezioso nelle mani di un’altra persona. Immaginiamo che quell’oggetto prezioso sia la nostra Felicità. Riporre la propria Felicità nelle mani degli altri non giova né a noi, né agli altri. La Felicità è qualcosa che dobbiamo custodire noi stessi e saperla condividere, ma mai affidarla completamente nelle mani degli altri, altrimenti dipenderemmo da quel “qualcuno” nelle cui mani l’avremmo riposta. Condividendola si moltiplica, affidandola agli  altri si potrebbe perdere. Ognuno deve essere il “custode” esclusivo della propria felicità.

(© Alessia S. Lorenzi da ”Passeggiata tra le nuvole sorvolando il Mare”)

Immagine dal web

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo  o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

 

Come il Canto del Mare (pensieri)

settembre 17th, 2014

ESSERE SPECIALI
Ognuno, nella vita, deve cercare di dare il meglio di sé,
indipendentemente dal proprio ruolo e ceto sociale.
Svolgere al meglio il proprio lavoro, cercare di essere il miglior genitore,
il miglior compagno, sforzarsi di essere migliori sempre:
questo fa di un uomo, un uomo speciale.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” eBook Phasar  2014)
UNA CAREZZA SUL CUORE
La sensibilità sa farci apprezzare la bellezza e l’autenticità delle cose semplici ma grandi;
sa accarezzarci il cuore per un sorriso e sa farci piangere per un dolore non nostro.
Ci rende fragili, ma ci fa cogliere sfumature della vita
che senza di lei non sapremmo cogliere.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” eBook Phasar  2014)
LA GIOIA DEI BAMBINI
Capacità di trarre tanto dal nulla e di gioire del poco,
trovare la felicità in quello che si ha,
la spontaneità, l’allegria, la semplicità e l’entusiasmo:
ecco la ricetta della gioia dei bambini.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” eBook Phasar  2014)
ASCOLTARE LE EMOZIONI
Se anche sapessimo parlare come il più grande oratore di tutti i tempi,
non riusciremmo a comunicare se non avessimo anche
la pazienza di ascoltare ciò che gli altri hanno da dire
e la capacità di percepire quello che non dicono.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” eBook Phasar  2014)
LA GIOIA DI UN SORRISO
La vita non è facile, ma vale la pena vivere ogni attimo, gustarsi ogni istante,
perché in ogni attimo accade qualcosa che ci insegna a vivere. Godere di ogni sorriso,
respirare ogni emozione, osservare la natura intorno a noi come non l’avevamo mai fatto.
Vivere le persone che ci stanno vicino e dare il meglio di noi in modo da poter dire alla fine
della giornata: “Che bello, oggi ho vissuto la vita, non l’ho lasciata scorrere!”.

(© Alessia S. Lorenzi da “Come il Canto del Mare” eBook Phasar  2014)

 

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)cop sito

 

 

DAL RICORDO LA SPERANZA CHE MAI PIU’…

settembre 11th, 2014

usa_11_sept_xin--400x300

(11.09.2001 – 11.09.2014)
Capita di chiedersi se la vita abbia o meno un senso. Un senso lo ha, ma a volte sprechiamo tanto tempo a cercarlo chissà dove e in chissà quale oggetto inutile. Poi capisci che il senso è la possibilità di viverla la vita, la possibilità che ti viene data ogni giorno di ricominciare e continuare a scrivere la tua storia. Quando quella vita viene strappata senza pietà, comprendi quanti non potranno più continuare a scrivere la loro storia, perchè resta intrappolata in quell’istante tragico e straziante che sarà la storia di tutti coloro che hanno visto, che hanno sentito, che hanno vissuto, che hanno pianto… e comprendi anche che per qualcuno, la vita degli altri conta meno di nulla….
(© Alessia S. Lorenzi – Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

- Immagine dal web -

 

 

O mi amano o mi odiano…io sono così

settembre 5th, 2014

1536574_613495142052553_637812619_n

Non accetto più compromessi, perché sono arrivata al punto in cui non mi piace trascorrere del tempo con chi sa solo parlare e non fa nulla per comprendere, con chi sa solo criticare perché è più facile distruggere ciò che gli altri creano piuttosto che sforzarsi di collaborare alla costruzione.
Non mi piacciono le persone che usano il cinismo come filosofia di vita, né chi chiede, chiede e chiede e non è disposto a donare nemmeno un minuto del suo tempo. Non vado d’accordo con l’arroganza e la prepotenza, né con  le persone presuntuose che si autocelebrano. Non riesco a stare vicino a chi si mette un gradino più su degli altri sentendosi autorizzato a giudicare e a criticare l’operato di chi, umilmente e con tenacia, fa il proprio lavoro. Non sono disposta a passare il mio tempo con  il “colto, istruito” che si sente superiore: sapere qualcosa in più degli altri non significa essere migliori. Non riuscirò mai a comprendere  chi si pone rigidamente su una posizione e non accetta il punto di vista degli altri o la possibilità di guardare, almeno per un attimo, da una prospettiva diversa a quella cui è abituato. Amo stare con le persone semplici, che umilmente rendono migliore il mondo e non si rendono nemmeno conto di essere persone speciali. Amo le critiche “amorevoli” e costruttive. Amo chi incoraggia e sprona coloro che provano a realizzare imprese che possono apparire impossibili a tutti, ma non a chi ci crede. Adoro le persone allegre, sorridenti e positive anche quando vivono momenti di grande difficoltà. Non riesco a convivere con i portatori di invidie e  gelosie: esse oscurano la vista e rendono poco obiettivo chi ne è affetto. Non sopporto i falsi elogi e le ipocrisie: meglio il silenzio che un finto complimento. Non sono disposta a passare nemmeno un minuto con chi non crede nella possibilità che tutti possano migliorare.

(© Alessia S. Lorenzi da “Passeggiata tra le nuvole sorvolando il mare”)

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o di parte di esso senza la citazione dell’autrice)

 

30 COSE DA FARE A 30 ANNI

maggio 28th, 2014

30

1) Abbraccia i tuoi genitori.

2) Abbi il coraggio di fare delle scelte.

3) Almeno una volta all’anno concediti un week end fuori porta con gli amici.

4) Goditi il piacere del cibo, assaporalo, non avere fretta.

5) Smettila di pensare “è troppo tardi per …”, i 30 anni sono solo l’inizio.

6) Credi nell’amore, ma non perderti, impara dai 20, dai 25 e anche dai 28.

7) Coltiva le tue passioni e ritrova quelle abbandonate durante il cammino.

8) Esci il venerdì sera, non farti prendere dalla stanchezza del lavoro.

9) Concediti 10 minuti di silenzio al giorno per ascoltarti.

10) Non accontentarti, nel lavoro, in amore, non accontentarti.

11) Chiamala, non scriverle su whatsapp, chiamala e portala fuori a cena.

12) Metti da parte dei soldi per guardare com’è il mondo lì fuori, viaggia, anche solo qualche km oltre il tuo naso.

13) Non ascoltare chi cerca di demoralizzarti, o buttarti giù, tu hai il diritto di credere nei tuoi sogni.

14) Guarda in faccia i tuoi obiettivi, affrontali, prendili a schiaffi.

15) Ascolta le storie degli anziani di oggi, quella generazione non tornerà più, e le loro parole sono tesori.

16) Non elogiare i tuoi successi, condividili con chi ami, e lascia che siano loro a parlare per te.

17) Fai un bilancio di quello che hai fatto fino ad adesso e di cosa vorrai fare.

18) Ascolta i consigli di chi ti vuol bene.

19)  Guarda i filmini di quand’eri bambino, ricorda sempre da dove hai iniziato e perditi nei tuoi ricordi.

20) Sposa l’uomo o la donna che ami, non esiste altro motivo per dire “sì”.

21) Cerca di esserci per chi ha bisogno di te.

22) Piangi se hai voglia di farlo, sfogati, ma non commiserarti.

23) Se vuoi un figlio cercalo con tutto te stesso, ma ricorda sempre che è il frutto dell’amore, non dell’ossessione.

24) Cresci i tuoi figli facendoli sentire liberi, le ali spiegate rendono felici.

25) Spogliati dei tuoi alibi, sii onesto con te stesso, 30 anni è l’età giusta per farlo.

26) Goditi la tua famiglia, sempre, anche quando vorresti scappare.

27) Coltiva la tua storia d’amore, non “sederti” mai sulle abitudini.

28) Abbandonati alle tue emozioni e non avere paura di guardarle negli occhi.

29) Se non sei felice, cambia, evolvi, inverti il tuo cammino!

30) E ricorda … “Dai 30 anni in su puoi fare tutto … o quasi.”

Stefania – da I Trentenni, dai 30 in su puoi fare tutto …o quasi.

QUANDO IL COSMO CI METTE LO ZAMPINO

maggio 15th, 2014

Maria infranzi

Capita speso di innamorarsi di chi non ricambia. Capita sia agli uomini che alle donne, credo sia una legge del cosmo.

Ho conosciuto uomini subire le peggiori angherie da streghe in terra e continuare a stargli dietro come se fossero le uniche al mondo. Ho visto donne maltrattate e insultate da vermi senza un briciolo di cervello ed ho visto, queste stesse, onorarli come dei.

Le cose sono due: o siamo un popolo di idioti o, come preferisco pensare, c’è una legge cosmica che regola certi equilibri.

Mi immagino un uomo e una donna che si amano alla follia stare insieme: esplosivi. Non esplosivi nel senso di “wow che belli che sono”, no, esplosivi pericolosi! Ma li immaginate?

Coccole e baci a profusione, peluche ovunque, fiori da far andare in crisi Olanda e Sanremo, “ciccì e cocò”, “picci picci” e “pucci pucci”… un vero incubo!

La legge cosmica non consente a due che potrebbero amarsi alla follia di stare insieme, sarebbe troppo dannoso, ci consente di stare con qualcuno che ci sta comodo, di stare abbastanza bene ma non da farci impazzire; se dovesse capitarci di impazzire per qualcuno allora stiamo pur certi che sarà il partner ad essersi accontentato e a non ricambiare l’amore con la stessa intensità.

Altra motivazione per cui la legge cosmica opera in questo modo: immaginatevi un mondo in cui tutti amano la propria anima gemella, un mondo in rovina.

 Non esisterebbero le canzoni d’amore, quelle belle e struggenti, non sarebbero stati girati fantastici film, di quelli che fanno piangere lacrime amare, non esisterebbe gran parte dell’arte, addirittura non esisterebbero figure professionali come “l’avvocato divorzista”, non esisterebbe il matrimonio perché amando al massimo e sinceramente non ci sarebbe bisogno di stipulare un contratto con vincoli, non esisterebbe la lingerie sexy per ammaliare un uomo titubante e non esisterebbero i fiori per conquistare la donna dei desideri.

Se tutti si amassero al 100% sarebbe tutto piuttosto noioso, ci ha pensato bene il Cosmo a disordinare un po’ le cose e a far si che in vita incontrassimo stronzi e stronze.

© Maria Infranzi

UN’ETICA D’AMORE

maggio 6th, 2014

 

LOVE

Ci vuole coraggio per vivere secondo i principi di un’etica d’amore, perché per farlo bisogna imparare ad affrontare le proprie paure. Non è detto che la paura se ne vada, semplicemente non ci sarà più di ostacolo. Chi ha già scelto di adottare un’etica d’amore sa che quando lasciamo risplendere la nostra luce attiriamo a noi chi risplende della stessa luce e ne vaniamo attratti. Non siamo soli.

Bell Hooks, Tutto sull’Amore

Next »