Frasi

FRASI CARINE ♣♣♣ Frasi Straordinarie Da Scrivere a chi Ami! Dedica una Frase Significativa, una Frase Carina e Straordinaria, FRASI SIGNIFICATIVE! Scegli le Tue FRASI!



FRASI DI SWAMI KRIYANANDA

aprile 11th, 2014

Swami-kriyananda

La felicità è un atteggiamento mentale, nato dalla semplice determinazione di essere felici sotto ogni circostanza esterna
***

Ci sono realtà che tutti condividiamo, indipendentemente dalla nostra nazionalità, lingua o gusti individuali. Così come abbiamo bisogno di cibo, così abbiamo bisogno di nutrimento affettivo: di amore, di gentilezza, dell’apprezzamento e del sostegno degli altri. Abbiamo bisogno di capire il nostro ambiente e il nostro rapporto con esso. Abbiamo bisogno di soddisfare certi appetiti interiori: il bisogno di felicità, della pace mentale e della saggezza
***

Gli uomini non possono vivere felici affidandosi solamente a dottrine spirituali o a ricchezze materiali. Per portare equilibrio nella vita di orientali e occidentali, è necessario adottare il metodo per lo sviluppo di una vita bilanciata.
***

L’oceano è composto da innumerevoli gocce. Anche se una goccia di pioggia aumenta ben poco l’umidità del terreno, quando si unisce a tante altre gocce forma insieme a loro un potente fiume, che scorre verso il mare. Anche noi, sintonizzandoci con la volontà di Dio, possiamo essere un potente aiuto nella lotta tra le forze della luce e del buio. Pregando e agendo rettamente, possiamo essere strumenti per facilitare l’avvento di un periodo di accordo e di pace internazionale e interreligiosa.
***

La vera guerra di oggi non è una guerra militare. È un conflitto tra la fede e la distruzione di ogni fede, tra l’amore e l’odio. Questa guerra potrà essere vinta se milioni di persone offriranno se stesse a Dio per divenire canali della Sua verità e della Sua giustizia. Ognuno di noi ha il potere di fare quest’offerta. Ognuno di noi ha il potere di pregare Dio così: “Signore, usami! Fa’ che possa essere, in modo impersonale, un canale del Tuo amore per tutti”. L’Amore divino è una forza. Non soccombe docilmente al male, ma gli si oppone con forza per distruggerlo completamente: se possibile, trasformandolo in amore, ma se necessario creando un varco nella foresta per salvare innumerevoli altri alberi. Se capiamo che, amando nel modo giusto, ciò che esprimiamo è l’amore di Dio, Lui potrà, attraverso di noi, innalzare la coscienza del mondo. Perché è così che Lui opera: attraverso strumenti.
***

Dio osserva il tuo cuore. Non pensare a ciò che sei o a come sono gli altri: cerca piuttosto di dare sempre amore a tutti. Anche quando cammini per la strada e vedi tante persone, prega per loro; ne hanno bisogno. Non puoi mai sapere quale cuore le tue preghiere e la tua gioia e amore toccheranno. Però se tu dai il tuo amore per gli altri dal tuo cuore, farà del bene in questo mondo, un bene reale. Noi dobbiamo vivere di più in Lui e tenere nel cuore l’amore per Dio che dimora in tutti, anche quando non è possibile amare tutti come persone. È possibile amare colui che è pieno di odio? No, non come persona. Però Dio, che ha creato questa anima, il Dio che é in questa anima, sta soffrendo. Questa anima cerca quello che vogliamo tutti, cerca la felicità, la pace; questa parte tu puoi amarla in tutti. Puoi amare in questo modo: per prima cosa medita e prova l’amore di Dio in te, quindi espandi questo amore a tutti, proiettalo ovunque. È così che Dio ti attira, attraverso la dolcezza e la gioia infinita.
***

C’è una bella storia che narra di due sorelle, in Olanda, al tempo della guerra, che di nascosto aiutavano gli ebrei e che furono tradite, catturate e portate in un campo di concentramento. Una delle due sorelle era molto santa di natura. Quando morì, tutto il suo volto—che era pieno di rughe e di sofferenza fisica—tornò ad essere il volto luminoso di una ragazza giovane, perché era completamente in gioia, in amore, in pace.
***

il primo dovere di ogni devoto è di tenere viva la lampada della devozione per Dio e di non permettere a nient’altro di spegnerla con un soffio, perché è l’unica cosa importante nella vita.

FRASI SULLA REALIZZAZIONE PERSONALE

aprile 9th, 2014

REALIZZAZIONE PERSONALE

Non è egoistico pensare alla realizzazione personale come obiettivo che primeggi su tutti gli altri nella vita. Semplicemente è il risultato ottimale per una perfetta sinergia fra la nostra vita e quella delle persone che amiamo. Un soggetto infelice, triste o non pienamente realizzato sta male da solo e peggio in compagnia. Miriamo dunque con forza alla realizzazione dei nostri sogni, non pensiamo che da chi ci sta intorno dipendano i nostri desideri. Alziamoci, adesso, e cominciamo a correre verso i nostri obiettivi!
Anton Vanligt

***

In pratica la Realizzazione Personale è il tuo grado di Libertà: libertà dalle limitazioni di Cose, Persone e Situazioni esterne nel realizzare quello che veramente desideri.
La Realizzazione Personale non è un “evento”, una cosa che ti accade come premio per esserti impegnato, dopo alcuni mesi, anni o decenni di sforzi. È invece un “processo”, un percorso, una strada che dura tutta la vita (e, ovviamente, spesso tutta la vita non basta per raggiungere la “destinazione finale”, ammesso che esista).
Italo Cillo
***

Chi può demolire la fede? Chi può cancellare la felicità? Gli uomini ci hanno provato, in ogni epoca; ma non vi sono riusciti. Felicità e fede sono inerenti all’universo. Nella crescita v’è dolore e lotta; nel conseguimento vi sono felicità ed esuberanza; nell’adempimento vi sono pace e serenità. Tra i piani e le sfere dell’esistenza esistono scale a pioli e tralicci. Colui che sale canta. E’ inebriato ed esaltato da visuali che si dispiegano. Ascende con piglio sicuro, pensando non a ciò che si trova in basso, ma a ciò che si trova più avanti. Tutto si trova più avanti. Il cammino è senza fine, e quanto più oltre ci spinge, tanto più la strada si apre.
H.Miller
***

È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante.

Paulo Coelho, L’alchimista
***

Tutti scoprono, più o meno presto nella loro vita, che la felicità perfetta non è realizzabile, ma pochi si soffermano invece sulla considerazione opposta: che tale è anche una infelicità perfetta. I momenti che si oppongono alla realizzazione di entrambi i due stati-limite sono della stessa natura: conseguono dalla nostra condizione umana, che è nemica di ogni infinito.

Primo Levi, Se questo è un uomo
***

Un uomo realizzato è un uomo finito, ma ci sono fini peggiori.

Giovanni Soriano, Finché c’è vita non c’è speranza
***

Il modo migliore per realizzare i propri sogni è svegliarsi.
Paul Valéry
***

La vera “Realizzazione Personale” rifiuta tutti i compromessi

Non sei tu ad “adattarti” alle circostanze esterne: è la tua intera Realtà ad essere trasformata dalle tue Decisioni e dalle tue Azioni.

Non c’è niente che tu non possa realizzare, niente a cui tu debba “adeguarti”. Se non ti piace il tuo lavoro, ne crei uno su misura per te. Se non ti piace dove vivi, te ne vai da un’altra parte. Se non ti piacciono più gli amici che frequenti, cerchi (o crei) una nuova compagnia. E così via.
Italo Cillo
***

FRASI DI VALDO VACCARO

aprile 7th, 2014

Valdo

La salute e la malattia non sono derivate dal caso o dall fortuna o dalla accidentalita’ (incidenti stradali o da lavoro, a parte). Ognuno di noi e’ responsabile della creazione della sua salute o della sua malattia. La malattia e’ sempre tossiemia e intossicazione, ritenzione di tossine nel sangue, nei tessuti, negli organi, nel sistema linfatico. La tossiemia e’ la causa-base di ogni malattia leggera o grave.

VALDO VACCARO

***

Per generazioni, gli scienziati del passato hanno creduto che l’alta pressione fosse una conseguenza inevitabile dell’età.

Quando però si sono accorti che diverse popolazioni del mondo invecchiavano senza conoscere questo problema, hanno dovuto ricredersi, e capire meglio dove la gente sbagliava.

E il primo elemento che accomunava le genti sane, quelle mai intaccate dall’ipertensione, era il basso consumo di sale. Giapponesi e cinesi, tanto per fare un esempio, soffrono normalmente di alta pressione per la loro abituale tendenza a consumare pesce e prodotti del mare, dove oltre al sale c’è pure il grasso e ci sono gli Omega marini.

Oggi è facile riscontrare problemi ipertensivi nei mangiatori di cadaverina, nei fumo-caffettomani e nei seguaci delle diete low-carb.

La normalità cardiocircolatoria si ottiene col famoso equilibrio corpo-mente-spirito

Diciamo pure che la normalità della pressione dipende essenzialmente da sane ed equilibrate abitudini di vita, e da corretto modo di pensare, da prese di posizioni il più possibile rilassate ed armoniose verso se stessi e chi ci sta vicino, e verso il mondo in generale.

VALDO VACCARO

***
Molto meglio un digiuno purificante, un periodo di riposo assoluto, senza alcun aiuto di insulina,seguito da un nuovo stile di vita basato su vegetali crudi (tutti ricchi di insulina ai giusti ed equilibrati livelli) e sulla frutta” (guarire dal diabete è semplice: niente pane né cereali cotti, niente zucchero né caffeina, nessun alimento cotto oltre i 45°.).

VALDO VACCARO

***
Il consumo di cibo denaturato ” provoca un prosciugamento della scintilla vitale, della carica nervosa” con conseguente “accumulo di tossine, veleni e rifiuti. Da qui lo sviluppo di malattie, incluso il diabete mellito

VALDO VACCARO – Alimentazione Naturale

***
La malattia in genere è salute danneggiata, provocata da indebolimento. E’ per questo che bisogna preoccuparsi dell’intero organismo nell’assieme e non di un suo organo in particolare.

VALDO VACCARO – Alimentazione Naturale

***
Il diabete non può essere guarito senza prima riformare e rivoluzionare l’intero modo di vivere

VALDO VACCARO – Alimentazione Naturale

***
In due o tre anni di cura insulinica il pancreas viene deteriorato irrimediabilmente. ” L’insulina illude il paziente di poter mangiare qualsiasi tipo di cibo, aggiungendo rovina a rovina.

VALDO VACCARO – Alimentazione Naturale

***

L’unica cura possibile e priva di controindicazioni è la Cura-della-non-cura, che corrisponde poi alla medicina dell’aspettativa e dell’osservazione propugnate da Ippocrate (460-370 a.C), secondo le quali il medico deve fare atto di umiltà e di sottomissione alla natura, deve limitarsi a soccorrere e coadiuvare la natura, perché la natura è sovrana medicatrice dei mali, e di conseguenza la regola fondamentale è quella del primo non nuocere, ossia primo non disturbare o contrastare l’azione della natura.
Ippocrate condannava i medici del suo tempo per un loro grave errore comune.
Non sapevano distinguere le malattie e confondevano le stesse coi sintomi.
Quello che succede pure oggi.

VALDO VACCARO

***

Acidificazione del corpo e decapitazione dell’anima

Purtroppo, è proprio su questi due punti salienti che registriamo un fallimento dell’umanità contemporanea.
La gente è acidificata nel corpo e decapitata nell’anima.
Per l’acidificazione del corpo esiste solo un rimedio e niente altro che quello, ed è l’alimentazione super-fruttariana del veganismo tendenzialmente crudista.
Per la decapitazione dell’anima, non c’è chiesa o religione al mondo in grado di venderci le indulgenze per le nostre malefatte.
L’unico rimedio possibile è quello di metterci in linea con quanto ci detta il nostro ego interno, il nostro corpo eterico-spirituale-universale.

VALDO VACCARO

***

Non esiste al mondo persona che non sappia cos’è la medicina, il medico, il medicinale.
Ma se chiedi al primo che incontri per strada cos’è l’igienismo, ti guarderà sorpreso e stupito, e al massimo ti dirà che si tratta della mania di pulirsi le mani e i denti più del necessario.
Nella ricerca di dare un significato e una migliore comprensione alla mai risolta disputa sulla salute tra igienismo naturale e medicina, tra la terapeutica responsabile e prudente di cui il mondo ha estremamente bisogno, e la medicina aggressiva-spregiudicata-sperimentale-presuntuosa-arrogante-plateale-venale che ci circonda, e di cui il mondo vorrebbe tanto farne a meno, diventa basilare non solo tracciare un profilo storico dei rispettivi percorsi, che si intersecano e si scontrano in continuazione, ma anche chiarire ancora una volta i concetti che caratterizzano e differenzino la scienza della salute-secondo-natura (ovvero l’igienismo naturale), dalla medicina vera e propria.

VALDO VACCARO

***

In lingua greca, il termine farmakon significa veleno.
Se le farmacie si chiamassero non più farmacie ma velenìe, è probabile che non sarebbero costantemente sovraffollate, come sta accadendo ai nostri giorni.
Per l’igienismo niente sale operatorie, sostituite dal riposo fisiologico totale (digiuno) associato all’acqua distillata, sistema che agisce come un bisturi nei riguardi di ogni presenza anormale interna, di ogni scoria velenosa e di ogni crescita cellulare fuori posto.

VALDO VACCARO

***

La deontologia medica è un insieme di regole virtuose che dovrebbero caratterizzare in senso positivo ogni scelta, ogni mossa, ogni comportamento e ogni parola di chi pratica questo tipo di arte.

VALDO VACCARO

***

Terrorismo paragonabile a quello dei dentisti venduti, stile il dr Bass che ha lanciato nel mondo l’idea balzana che le arance acidificano e fanno cadere i denti, eclatante stronzata che non sta nè in cielo nè in terra, ma che continua a fare il suo effetto, al pari del noto spot caffettaro “Più lo mandi giù e più ti tira su”. Se non spaventi e non imbrogli non vendi le tue porcherie.
Gente da due patacche, bassa in ogni senso come Bass, ce n’è a bizzeffe in ogni angolo del pianeta.
La compri con poche banconote, anzichè con le migliaia di Euro necessari per la pubblicità televisiva.
Le arance sono il simbolo della frutta, soprattutto d’inverno, e danno un grosso fastidio alle multinazionali del farmaco e dell’alimento caseocarneo. Colpendo le arance si colpisce il veganismo, l’igienismo e il crudismo. Tre obiettivi con una sola fava.

VALDO VACCARO

***

ESSERE FELICI FRASI

aprile 6th, 2014

FELICITA'

Quello che davvero muove la nostra vita è la felicità.
Dalai Lama, L’arte della felicità

 Quanti sciorinano precetti infallibili sulla felicità umana, e poi non sanno essere felici per un sol giorno della loro vita!

Quanti parlano per ore sull’arte di far le case, di dipingere quadri e di rizzare statue, e non hanno mai saputo, né mai sapranno fare una casa, un quadro e una statua!

Se volete esser felici, occupatevi dunque più del pane quotidiano che del prezzo dei cereali in tutto il mondo, fate meno teorie e un po’ più di pratica. Proponetevi, per esempio, di essere felici quest’oggi senza però guastarvi la felicità del domani, e tanti oggi e tanti domani felici, infilati l’uno dietro l’altro, vi intrecceranno sul capo tutta una corona di giorni, di mesi e di anni felici.

Paolo Mantegazza, L’arte di essere felici
***

Ora volerai, Fortunata. Respira. Senti la pioggia. E’ acqua. Nella tua vita avrai molti motivi per essere felice, uno di questi si chiama acqua, un altro si chiama vento, un altro ancora si chiama sole e arriva sempre come una ricompensa dopo la pioggia. Senti la pioggia.

Luis Sepúlveda , Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
***

«È possibile contemplare la storia dal punto di vista della felicità», osservò il filosofo tedesco Georg Wilhelm Friedrich Hegel, «ma la storia non è il terreno in cui cresce la felicità. I periodi di felicità sono le pagine bianche della storia».
Darrin M. McMahon, storia della felicità
***

 Che la felicità fosse come l’Euridice del mito greco, mi chiedevo, che ci sfugge dalle braccia quando ci giriamo per afferrarla e scompare appena le diamo un’occhiata?
Darrin M. McMahon, storia della felicità
***

Possiamo essere felici, saremo felici, dovremmo essere felici. Abbiamo il diritto di essere felici.

Darrin M. McMahon, storia della felicità
***

FRASI DOTTOR MOZZI

aprile 5th, 2014

Dottor-Mozzi-Facebook

La domanda che mi faccio spesso, come uomo oltre che come medico, è che cosa lasceremo in eredità alle generazioni future. Più che il denaro sarebbe importante consegnare loro il pianeta in buono stato, cioè con il minor tasso d’inquinamento possibile.
***

Il cibo è all’origine di molte patologie.
Perché il cibo sono sostanza che entrano a stretto contatto con il nostro sistema immunitario e se noi siamo programmati per tollerarle ci daranno un grande aiuto altrimenti ci daranno dei grossi problemi.
È che nessuno vuole capire che la vita è regolata da leggi semplici, noi siamo degli ingranaggi della natura, ogni cosa in natura ha il proprio ruolo.
La dieta del gruppo sanguigno è una grande intuizione che poi non va preso come un dogma. Il gruppo del sangue è l’espressione del nostro sistema immunitario che è caratteristico di ognuno di noi. E dietro a questo sistema immunitario c’è scritto ciò che possiamo o non possiamo tollerare.

Questa è una verità che purtroppo viene disconosciuta.
In base al proprio gruppo sanguigno ci sono delle famiglia di alimenti che non sono adatte alla nostra salute e altre che lo sono. Ormai ci alimentiamo in base a ciò che l’industria alimentare ci propone, a ciò che la cosiddetta scienza dice che è adatto a noi.
Il glutine è un nemico individuato. I cereali non sono adatti a questo tipo di vita, specie alla vita sedentaria, e soprattutto una vita che non è più governata dalla selezione naturale, ma è governata dalla medicina che praticamente tiene in vita tutti quanti.

Una delle leggi supreme della natura è quella della selezione naturale.
Oggi ci sono molti celiaci perché non c’è più la selezione naturale che cancellava dal pianeta i portatori di un DNA che non tolleravano il glutine. Da quando sono comparse le allergie respiratorie inesistenti, da quando è sorto l’allattamento artificiale (al cui interno ci sono delle malto destrine che sono ricavate dai cereali) da quando vengono dati alimenti ricchissimi di glutine, (a cominciare dai biscottini sciolti nel latte ed anche le pastine agglutinate).
Possiamo salvare qualche cereale ma con molta parsimonia:
Quelli con il glutine: frumento, farro, kamut, orzo, avena, segale
Quelli senza glutine: quinoa, grano saraceno (sviluppa pressione alta e glicemia), mais, amaranto, riso, miglio (il miglio contiene molto amido quindi o lo smaltiamo oppure si accumula)

Siamo programmati per fare un sacco di attività fisica, come tutti gli animali.

Il latte e i latticini possono rappresentare un grave pericolo per la salute (creano infertilità sia femminile che maschile). Il latte contiene degli ormoni di specie che entrano in conflitto con quelli umani. Contiene delle proteine, degli zuccheri e soprattutto degli ormoni che sono altamente specifici per ogni specie animale. Quindi il latte bovino è altamente specifico per i bovini. Quindi gli ormoni del latte vaccino contrastano con i nostri, soprattutto con quelli femminili, andando a colpire l’apparato riproduttivo.
La frutta contiene zucchero, e come tutti gli zuccheri, sono carboidrati, quindi o li si smaltiscono o possono creare dei problemi, specie alle persone del gruppo zero.

***

Ci sono in circolazione diverse pubblicazioni sulla relazione fra alimentazione, salute e gruppo sanguigno, però quasi tutte dicono le stesse cose, e tutte mancano della semplicità e della praticabilità. La gente deve capire che quando una persona mangia una cosa, il suo corpo gli manda a dire tutto: è un fatto e l’ho constato in tanti anni di visite.
L’introduzione di materiale non è tollerato può scatenare tutta una serie di reazioni da parte del nostro corpo: questo è ciò che la gente percepisce, vede, si riconosce. le persone mi dicono: “Sì ho mangiato questo e quest’altro e mi viene quello”. Questi sono i segnali che la natura ha messo a disposizione di in ogni essere umano, segnali che fino ad ora non erano stati collegati in modo preciso con l’introduzione di determinate sostanze.
Non lo dico per vantarmi, ma ho curato decine di migliaia di persone e fra le altre cose ho sempre cercato di mettere in relazione il sintomo con l’alimentazione. Ho impiegato tantissimi anni e con tanta cautela ho scritto questo libro, perché non c’è nulla di più importante della salute.
***

Ogni essere vivente ha un suo DNA ben preciso. Il DNA governa tutto. Dal comportamento, al modo di reagire, al carattere. Lo stesso accade con i vari alimenti. Appena introduciamo una sostanza nel nostro corpo, il sistema immunitario viene allertato. Se la sostanza è giusta, c’è l’ok del sistema immunitario, la sostanza entra e viene trasformata. Se invece la sostanza è dannosa, il corpo si ammala.

Poi dipende, ovviamente se il contatto è sporadico la reazione è impercettibile, ma se è prolungato nel tempo allora arrivano i problemi.
***

all’alba delle nostre origini, i primi uomini che hanno popolato la terra erano cacciatori-raccoglitori, onnivori con un’alimentazione basata sulle proteine animali, le bacche, i semi, i frutti spontanei della terra. Con questo voglio dire che l’uomonon è programmato per consumare cerali. La natura non ha previsto campi di grano e di riso da nessuna parte. La natura ha messo uccelli nell’aria, animali sulla terra, pesci nell’acqua, bacche, radici, germogli, foglie. Un consumo eccessivo di cereali non si adatta con la struttura antica del corpo umano. Conseguentemente mi preme anche dire che il modo generico in cui viene demonizzata la carne – soprattutto da una certa parte dell’oncologia – è a mio parere assurdo.
***

Per me l’obiettivo fondamentale è essere custode e tenere in ordine il mio angolo di pianeta
***

FRASI SULLE FARFALLE

aprile 4th, 2014

farfalle

Passa una farfalla davanti a me
E per la prima volta nell’Universo mi accorgo
Che le farfalle non hanno colore né movimento,
Così come i fiori non hanno profumo né colore.
E’ il colore che ha colore nelle ali della farfalla,
Nel movimento della farfalla è il movimento che si muove.
E’ il profumo che ha profumo nel profumo del fiore.
La farfalla è solo farfalla
E il fiore è solo fiore.
Fernando Pessoa, Poemi di Alberto Caeiro
***

Farfallina, farfallina,
tu che voli birichina
da un fiore giallo a un fiore blu
con le tue ali volte all’insù,
vieni a posarti sulla mia mano
non andar via, così lontano.
Giochiamo insieme a nascondino
ora ti vedo, sei qui vicino.
Ancora un passo, due…tre…
e sarò lì vicino a te
potrò vedere i tuoi colori che si
confondono con i fiori.

***

La felicità è come una farfalla: se l’insegui non riesci mai a prenderla, ma se ti metti tranquillo può anche posarsi su di te.

Nathaniel Hawthorne

Dovrò pur sopportare qualche bruco se voglio conoscere le farfalle
Antoine de Saint-Exupery , Piccolo Principe

Noi farfalle si vive un giorno solo e quando son le sei di sera si han già le palle piene
Altan
***

La mente umana e’ paragonabile ad una farfalla che assume il colore delle foglie sulle quali si posa… si diventa cio’ che si contempla.

Gustave Flaubert
***

Adoro le farfalle.
Probabilmente le invidio.Loro riescono a volare e sono imbellettate di colori come l’arcobaleno.
Le invidio perchè hanno quella polverina che le cosparge e gli permette di andare via con un semplice e soffice battito d’ali.In silenzio,nelle strade del mondo.
Alessia Auriemma
***

La farfalla non conta i mesi ma i momenti e ha tempo a sufficienza
Tagore
***

Che cosa può essere un fatuo senza la sua presunzione? Se togliete le ali a una farfalla, non resta che un verme.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri
***

E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali.
Alda Merini
***

Figlioli, questa notte ho sognato che ero una farfalla: ora io non so se ero allora un uomo che sognava d’essere farfalla, o se io sono ora una farfalla, che sogna di essere uomo. So che l’una o l’altra risposta sono parimenti logiche. Vi prego di meditare molto prima di scandalizzarvi.
Chuang Tzu
***

La farfalla che svolazza intorno alla lampada finché non muore è più ammirevole della talpa che vive in una galleria oscura
Gibran
***

Se le tempeste vengono provocate dal battito d’ali delle farfalle come suggerisce la teoria del caos, forse potremmo eliminare gli uragani uccidendo tutte le farfalle
R. Lee Park
***

Vorrei quasi che fossimo farfalle e vivessimo appena tre giorni d’estate, tre giorni così con te li colmerei di tali delizie che cinquant’anni comuni non potrebbero mai contenere
J. Keats
***

FRASI ALBERT EINSTEIN

marzo 27th, 2014

einstein-gross

Ci sono delle realtà che non sono quantificabili. L’universo non è i miei numeri: è pervaso tutto dal mistero. Chi non ha il senso del mistero è un uomo mezzo morto
***

Anche se le leggi della matematica si riferiscono alla realtà, non possiedono una veridicità assoluta, e se l’avessero, allora non si riferirebbero alla realtà.

***
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
***

Il valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto dà e non in base a quanto riceve.
***

Sapere che esiste qualcosa di impenetrabile,
conoscere le manifestazioni dell’intelletto più profondo e della bellezza più luminosa, che sono accessibili alla nostra ragione solo nelle forme più primitive, questa conoscenza e questo sentimento, ecco la vera devozione: in questo senso e soltanto in questo senso, io sono fra gli uomini più profondamente religiosi
***

L’unica razza che conosco è quella umana.
***

Più aumenta la mia conoscenza più mi accorgo di quanto grande sia la mia ignoranza!
***

Sembra difficile dare una sbirciata alle carte di Dio. Ma che Egli giochi a dadi e usi metodi “telepatici” [...] è qualcosa a cui non posso credere nemmeno per un attimo».
***

Ciò che veramente mi interessa è se Dio avesse potuto fare il mondo in una maniera differente,cioè se la necessità di semplicità logica lasci qualche libertà.
***

La gravità non è responsabile se gli uomoni cadono in amore
***

Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso.
***

Chi ha da fare non ha tempo per le lacrime
***

Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos’altro necessita un uomo per essere felice?
***

Cento volte al giorno ricordo a me stesso che la mia vita interiore e esteriore sono basate sulle fatiche di altri uomini, vivi e morti, e che io devo sforzarmi al massimo per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto.

***

La conoscenza è limitata mentre la fantasia comprende il mondo intero
***

Tutto è determinato da forze sulle quali non abbiamo alcun controllo. Vale per l’insetto come per gli astri. Esseri umani, vegetali o polvere cosmica, tutti danziamo al ritmo di una musica misteriosa, suonata in lontananza da un pifferaio invisibile.

I Dieci Consigli di Einstein

marzo 24th, 2014

Consigli Einstein

La Saggezza e i consigli di Einstein tratti dai suoi scritti e libri più famosi.

1. Segui la tua curiosità
“Non ho nessuno talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso.”
2. La perseveranza ha un valore inestimabile
“Non mi considero particolarmente intelligente, è solo che mi dedico ai problemi molto a lungo.”
3. Poni il presente al centro della tua attenzione
“Qualsiasi uomo che guida in maniera sicura mentre bacia una bella ragazza è un uomo che non sta dando al bacio l’attenzione che merita.”
4. L’immaginazione è potente
“L’immaginazione è tutto. E’ l’anteprima delle attrazioni che il futuro ci riserva l’immaginazione è più importante della conoscenza.”
5. Non avere paura di sbagliare
“Una persona che non ha mai sbagliato è una persona che non ha mai provato nulla di nuovo.”
6. Vivi nel momento
“Non penso mai al futuro: arriva abbastanza presto.”
7. Crea valore
“Impegnatevi cercando di creare non il successo, ma il valore in quello che fate.”
8. Non essere ripetitivo
“Follia: fare e rifare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati differenti.”
9. La conoscenza deriva dall’esperienza
“Informazione non è conoscenza. La sola fonte di conoscenza è l’esperienza.”
10. Impara le regole e giocherai meglio
“Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocarci meglio di chiunque altro.”

*

Frasi Sui Cani

marzo 23rd, 2014

cane

Cane, fedele compagno, un amico su cui posso contare, un’anima silenziosa che mi accompagna nella vita.
Stephen Littleword

*

Forse non si dovrebbe mai usare la parola «no» con un cane, perché è letteralmente devastante; non che si tratti di un concetto sconosciuto ai cani, ma, appena sentono quel suono terrificante uscire dalle labbra dei loro amici adorati, entrano in una sorta di cupa tristezza dalla quale sembra non riusciranno più a risollevarsi. Naturalmente bastano pochi minuti perché si riprendano, e questo è un altro aspetto che amo nei cani: sebbene vivano un’emozione in tutto il suo potenziale, una volta che è finita, è finita, e sono pronti per una nuova esperienza. Evidentemente non sprecano il loro tempo a rimuginare sul passato o ad aspettare con ansia un futuro temuto, ma vivono sempre immersi nel presente.
Jeffrey Moussaieff Masson , I cani non mentono sull’amore
***

«Non è possibile mettere in dubbio che nel cane l’affetto per l’uomo sia diventato istintivo.» Sono parole tratte dall’opera L’origine delle specie, di Charles Darwin, pubblicata nel 1859. L’autore aggiunge: «I lupi, gli sciacalli, le volpi e le diverse specie di felini, anche se addomesticati, hanno sempre una spiccata tendenza ad attaccare volatili, pecore e suini, tendenza che si manifesta incorreggibile nei cani che sono stati portati, quando erano ancora cuccioli, da paesi come l’Australia e la Terra del Fuoco, dove i selvaggi non tengono questi animali domestici. Quanto è raro, invece, che si debba insegnare ai nostri cani, anche giovanissimi, a non attaccare il pollame, le pecore e i porci!».

In questo passo Darwin sembra utilizzare un argomento che solo di recente è diventato di moda, e cioè che le emozioni degli animali svolgono una funzione importante in senso evolutivo; anzi, è possibile persino che l’evoluzione stessa sia fondata sulle emozioni, dal momento che secondo Darwin è stato «l’affetto per l’uomo» a produrre il cambiamento negli istinti dei cani addomesticati.
Jeffrey Moussaieff Masson , I cani non mentono sull’amore

***

Si è detto che l’uomo appare un dio agli occhi del suo cane; ma se ci si sofferma a riflettere sul fatto che la nostra concezione della divinità ci induce a formulare il concetto di un uomo enormemente potente e onnisciente, che ama, odia, desidera, premia e castiga in modo simile al nostro, non è necessario un grande sforzo di immaginazione per intuire che dal punto di vista del cane il padrone è un cane più grande del normale e straordinariamente sapiente, diverso senza dubbio nella forma e nei modi dalla media dei cani, purtuttavia canino nella sua natura essenziale.
Louis Robinson, Wild Traits in Tame Animals
***

Il cane è un eterno Peter Pan, non invecchia mai, perciò è sempre disponibile ad amare ed essere amato.
Aaron Katcher
***

Quello che ho sempre amato nei cani è l’immediatezza e l’intensità con la quale esprimono le loro emozioni. Ogni volta che dicevo alla mia cocker spaniel Taffy, il primo cane della mia vita, che saremmo usciti a fare una passeggiata, lei esplodeva in una danza di festeggiamento che si concludeva con una corsa frenetica tutt’intorno alla stanza, sempre in senso orario e a velocità sempre più alta, come se la sua gioia fosse incontenibile. Pur essendo ancora un ragazzo, sapevo già che nessun’altra creatura avrebbe potuto esprimere la sua gioia con la stessa intensità di un cane. Viceversa, quando dovevo dire a Taffy che non poteva venire con me, e pronunciavo la parola «no», lei si mostrava addolorata in modo quasi intollerabile; è difficile che un altro animale possa assumere un’espressione così profondamente delusa come un cane al quale si dice «no».
Jeffrey Moussaieff Masson , I cani non mentono sull’amore
***

Chi non ha mai posseduto un cane, non può sapere che cosa significhi essere amato.
Schopenhauer
***

Il mio è un cane lupo. Una femmina di nome Tulip. Il cane lupo ha una brutta reputazione: si dice che morda la mano di chi lo nutre. In effetti, una volta Tulip la mano me la morse, ma per errore: la scambiò per una mela bacata che entrambi cercavamo di afferrare nello stesso momento. Uno dei suoi canini mi arrivò all’osso affondando nella giuntura del pollice. Quando misi il dito sotto al rubinetto, se ne distinguevano i nervi. Tutti commettiamo degli errori e lei era molto dispiaciuta. Si rotolava sull’erba con le zampe in aria e quando vide che mi ero fasciato la mano, si mise nell’angolo più buio della camera da letto e ci rimase per il resto del pomeriggio. Non avrebbe potuto esprimere meglio il suo dispiacere.

Se si ha l’aspetto di una bestia feroce, la gente immagina che ci si comporti come tale; e gli uomini, che tendono a ignorare la selvatichezza del proprio comportamento, quando vedono un pastore tedesco scuotono la testa e dicono: “Che ti vuoi aspettare da un lupo?”

Tulip non fece mai nulla per cambiare questa situazione. Se le persone erano propense a guardarla con sospetto, dava loro tutte le ragioni per farlo. Diffidavano di lei e lei diffidava di loro. Di fatto aveva ripudiato la razza umana, o meglio tutti tranne me. Io potevo farle tutto quello che volevo, eccetto fermarla quando abbaiava ai miei simili. Sembrava saperne più di me, al riguardo. Ovunque andasse si comportava sempre con dignità esemplare e perfetta educazione, a patto di essere lasciata in pace. Ma se qualcuno provava ad avvicinarsi, ecco che diceva la sua. In quel caso parlava forte e chiaro, e ne aveva di cose da dire, anche se non capivo con precisione che le passasse per la mente. Ammetto che, per quanto fossi desideroso di saperlo, non lo ero altrettanto di scoprirlo. La sua dolcezza e la sua bontà verso di me erano tali che mi riusciva impossibile non considerarle tratti peculiari della sua personalità; la maniera con cui si rivolgeva agli altri appariva invece piuttosto dura e in certi casi, come si sa, non ci si limita alle sole parole.
Joe Randolph Ackerley , Il mio cane Tulip
***

I cani amano gli amici e mordono i nemici, a differenza degli esseri umani, che sono incapaci di amore puro e confondono l’amore con l’odio nelle loro relazioni.
Sigmund Freud
***

I cani leggono il mondo attraverso il naso e con l’urina scrivono la loro storia. L’urina è un’altra fonte di informazione sociale assai complessa; è una lingua, un codice, attraverso cui i cani non soltanto esprimono sentimenti ed emozioni, ma si parlano e si accettano.
Joe Randolph Ackerley , Il mio cane Tulip
***

Non c’è fedeltà che non tradisca almeno una volta, tranne quella di un cane.
K.Lorenz

**

Puoi dire qualsiasi stupidaggine a un cane, e lui ti restituirà uno sguardo che dice: “Mio Dio, hai ragione! Io non ci sarei mai arrivato”.

Dave Barry
***

Il genere umano è attratto dai cani perché sono così simili all’uomo; affezionati, confusi, facilmente delusi, avidi di divertimento, grati per ogni gentilezza e per la minima attenzione.
Pam Brown
***

« Prev - Next »