Frasi Paura

Frasi Paura ♣♣♣ La Paura e le sue Frasi, Aforismi, Citazioni e Massime Sulla Paura. Le Frasi Di Paura più interessanti e Famose, Leggi le Frasi Celebri Della Paura. ► PAURA!



PAURA* Thich Nhat Hanh

maggio 24th, 2013

Thich Nhat Hanh foto

La paura, una sensazione che nasce da dentro e ci puo’ attanagliare.
Come una morsa che ci porta all’inazione e quindi alla “non vita”. Come sconfiggerla? Come superarla traendo da dentro di noi una forza inaspettata?
Qualcuno la chiamerebbe resilienza, quella energia che ci nasce da dentro e ci fa essere grandi quando fuori il mondo vacilla e la paura fa capolino all’uscio dell’esistenza.
A noi la scelta di farci sopraffare, a noi la scelta di vincerla ed essere profondamente umani e straordinariamente ricchi di risorse.
La prima regola è quella di riconoscere cio’ che ci fa paura e indagare le motivazioni che ci spingono a provarla, così facendo la paura stessa si attenua e i contorni si fanno meno vividi, più superabili.

Frasi tratte dal libro “Paura” di Thich Nhat Hanh:

*

Pensiamo che, per essere più felici, dovremmo reprimere o ignorare le nostre paure. Quando pensiamo alle cose che ci spaventano non ci sentiamo a nostro agio, così allontaniamo i nostri timori negandoli: «Oh no, non voglio pensarci». Cerchiamo d’ignorare la paura, che tuttavia continua a restare presente.
Il solo modo per liberarsi dalla paura ed essere davvero felici è riconoscerla e cercarne le radici profonde. Invece di tentare di rifuggirla, possiamo invitarla ad affiorare alla coscienza e osservarla con uno sguardo limpido e profondo.
Paura, Thich Nhat Hanh

*

La prima cosa da fare per osservare la nostra paura è farla affiorare alla coscienza senza giudizio: ci limiteremo a riconoscere con serenità che esiste. Questo passo porta con sé un grande sollievo. Poi, una volta che la paura si sarà calmata, possiamo accoglierla abbracciandola teneramente e guardare in profondità le sue radici e la sua causa. Comprendere l’origine delle nostre ansie e paure ci aiuta a lasciarle andare.
Paura, Thich Nhat Hanh

*

Nessuno vi può liberare dalla paura. Nemmeno se il Buddha in persona fosse seduto accanto a voi potrebbe aiutarvi. Siete voi stessi che potete imparare a farlo con la pratica. Se farete della pratica della consapevolezza un’abitudine, nel momento in cui si presenteranno le difficoltà, saprete cosa fare.
Paura, Thich Nhat Hanh

*

Paura Thich Nhat Hanh Paura
Supera la tempesta con la saggezza
Thich Nhat Hanh

Compralo su il Giardino dei Libri

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Paura - Supera la Tempesta con la Saggezza

Terrore

marzo 27th, 2013

Perseguitato da un urlo agghiacciante, correva sulla cresta di un’onda di terrore
nell’oscurità punteggiata di luci che ammantava campi e fattorie. Pareva che le luci
lontane lottassero invano contro le tenebre. Si fermò a riprendere fiato, non udiva
più l’urlo. Emise delle risatine di gioia. Nel suo viso non c’era affatto preoccupazione,
ma qualcosa di peggio: una maschera di stanchezza e di rassegnazione, aveva l’aria di chi
ha combattuto ai limiti del possibile e aspetta il colpo di grazia. Gli balenò l’idea di
essere quasi in salvo. Il silenzio divenne pesante e pareva rompersi come se fosse di vetro.
Il territorio stesso era silenzioso, il mondo pareva trattenere il fiato. Solo il vento gemeva
fra gli alberi penetrando fra i vestiti come un coltello tagliente.
Nell’aria balenò una luce rossa che bruciava gli occhi e l’urlo lo avvolse nella sua gelida
morsa e fin dentro le viscere soffocandogli in gola le risatine isteriche.
Gridò per soffocare l’eco che lo perseguitava, ma l’urlo lo afferrò come un gorgo, strappò
a brandelli il vuoto cui s’aggrappava e lo travolse nelle tenebre e nella morte.

PAURA DI TE

dicembre 29th, 2011

Se penso al fatto che fai battere il mio cuore io comincio a tremare, la paura di sentire il profumo dei tuoi capelli, di guardare i tuoi occhi che sorridono, paura di chiamarti al telefono e memorizare la tua risata nei miei pensieri, il terrore di poterti abbracciare e assorbire il tuo calore, di poter fare l’amore con te e avere il tuo profumo su di me per ore quando tu non ci sei, ho tanta paura perchè se poi tu te ne andrai… tutto questo mi mancherà da morire, non voglio soffrire ancora, ora che ho riscoperto quanto è bello amare qualcuno!

(EJAY IVAN LAC)

IL CUORE SEGRETO DELL’OROLOGIO * ELIAS CANETTI

settembre 11th, 2011

E’ illusoria l’idea che con la vecchiaia subentri una maggiore tolleranza. Non si è diventati più magnanimi, soltanto sensibili ad altro.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

Forse è questo uno dei motivi principali per cui scrivo la mia vita con la massima completezza possibile. Dovrei mettere i pensieri nella culla della loro origine, perché appaiano più naturali. Può darsi che così io dia loro un accento diverso. Non voglio correggere niente, ma voglio ricuperare la vita che accompagna quei pensieri, richiamarla e farla rifluire in essi.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

Vive per disturbare se stesso. Pericolo della longevità: che si dimentichi ciò per cui si è vissuto.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

Non voglio sapere che cos’ero; voglio diventare quel che ero. Ha vestito d’aria la speranza.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

Nessuna poesia può essere l’immagine fedele del nostro mondo. La fedele, la tremenda immagine del nostro mondo è il giornale. E’ un pozzo di sapere. Non sa niente. Continua a voler sapere.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

La memoria si blocca. Ma è ancora lì tutta intera. Anche le cose più dimenticate si ripresentano, ma quando vogliono loro.
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

Talvolta, in circostanze particolari, è giusto soffocare
E.CANETTI * Il cuore segreto dell’orologio
***

L’AMORE E LA PAURA

luglio 26th, 2011

Tutte le azioni umane sono motivate al loro livello più profondo da uno o due sentimenti: la paura o l’amore. In effetti esistono soltanto due sentimenti, solo due parole nel linguaggio dell’anima. Esse rappresentano gli estremi opposti della grande polarità che ho creato quando ho dato vita all’universo, e al vostro mondo, come lo conoscete oggi.
Essi costituiscono i due punti, l’Alfa e l’Omega, dai quali è consentito al sistema da voi definito «relatività» di esistere. Senza questi due punti, senza queste due idee circa le cose, nessun altro concetto potrebbe esistere.
Ogni pensiero umano, e ogni azione dell’uomo, si basa sull’amore o sulla paura. Non c’è altra motivazione umana e tutti gli altri concetti derivano unicamente da questi due.
Sono soltanto versioni diverse, variazioni sullo stesso tema.
Rifletti con attenzione e vedrai che è vero. È questo ciò che ho definito il Pensiero Promotore.  Si tratta di un pensiero d’amore o di paura. Si tratta del pensiero dietro il pensiero dietro il pensiero. Si tratta del pensiero primario. Si tratta della forza primaria. Si tratta della forza bruta che guida il motore dell’esperienza umana.
È la ragione per cui il comportamento umano dà luogo a ripetute esperienze dopo ripetute esperienze; è la ragione per cui l’umanità ama, poi distrugge, poi ama di nuovo: c’è sempre l’oscillazione da un sentimento all’altro. L’amore promuove la paura che
promuove l’amore che promuove la paura…
E la ragione risiede nella prima menzogna – la menzogna da voi sostenuta come la
verità a proposito di Dio -, cioè che di Dio non ci si può fidare; che non si può fare affidamento sull’amore di Dio; che l’approvazione di Dio per quanto vi riguarda sottostà a determinate condizioni; che l’esito ultimo è perciò incerto. Perché se non vi è possibile fare affidamento sul fatto che l’amore di Dio è sempre disponibile, su quale amore potrete fare affidamento? Se Dio si allontana e si sottrae quando non vi comportate bene, non lo faranno anche i semplici mortali?
E così, nel momento in cui impegnate il vostro più elevato amore, date il benvenuto alla più grande paura.

da Conversazioni con DIO * NEALE DONALD WALSCH

NON DEVO AVERE PAURA. La paura uccide la mente.

giugno 1st, 2011

Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò.
Paul Atreides, nel film Dune

IL MODO TUO D’AMARE * Pedro Salinas

marzo 12th, 2011

Il modo tuo d’amare
è lasciare che io t’ami.
Il sì con cui ti abbandoni
è il silenzio. I tuoi baci
sono offrirmi le labbra
perché io le baci.
Mai parole e abbracci
mi diranno che esistevi
e mi hai amato: mai.
Me lo dicono fogli bianchi,
mappe, telefoni, presagi;
tu, no.
E sto abbracciato a te
senza chiederti nulla, per timore
che non sia vero
che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
senza guardare e senza toccarti.
Non debba mai scoprire
con domande, con carezze
quella solitudine immensa
d’amarti solo io.

PEDRO SALINAS * da la voce a te dovuta

***

La forma de querer tú

La forma de querer tú
es dejarme que te quiera.
El sí con que te me rindes
es el silencio. Tus besos
son ofrecerme los labios
para que los bese yo.
Jamás palabras, abrazos,
me dirán que tú existías,
que me quisiste: Jamás.
Me lo dicen hojas blancas,
mapas, augurios, teléfonos;
tú, no.
Y estoy abrazado a ti
sin preguntarte, de miedo
a que no sea verdad
que tú vives y me quieres.
Y estoy abrazado a ti
sin mirar y sin tocarte.
No vaya a ser que descubra
con preguntas, con caricias,
esa soledad inmensa
de quererte sólo yo.

PEDRO SALINAS * la voz a ti debida

Forse la PAURA di una nuova DELUSIONE può far sì che tu non ti affezioni alle persone..

gennaio 25th, 2011

non lasciare che rabbia e qualche vecchio rancore non facciano uscire ciò che di buono hai nel cuore!

Olli Vincent, L’unica Fra Tante
(Canzone)

Nei SOGNI si celano le nostre PAURE e i DESIDERI più reconditi!

Next »