Frasi Libri

Leggi Le Più Belle Frasi Prese dai Libri. Scopri I Più Bei Libri da Leggere, Perchè un libro è un rifugio sicuro, un amico fedele. Frasi Dai Libri Più Belli!



L’universo gira in un altro modo quando il fuoco ama l’acqua.

agosto 19th, 2015

acqua e fuoco

Una vita senza amore è una vita senza importanza.
Non chiederti di quale tipo di amore andare in cerca, spirituale o materiale, divino o mondano, orientale o occidentale…

le divisioni portano solo ad altre divisioni.
L’amore non ha etichette né definizioni.
È quello che è, puro e semplice.
L’amore è l’acqua della vita.
E un amante è un’anima di fuoco.
L’universo gira in un altro modo quando il fuoco ama l’acqua.

Elif Shafak *Le quaranta porte

 

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

agosto 18th, 2015

memoriediadriano

Ogni uomo, nel corso della sua breve esistenza, deve scegliere eternamente tra la speranza insonne e la saggia rinuncia a ogni speranza, tra i piacere dell’anarchia e quelli dell’ordine, tra il Titano e l’Olimpico. Scegliere tra essi, o riuscire a comporre, tra essi, l’armonia

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Vi sono già zone della mia vita simili alle sale spoglie d’un palazzo troppo vasto, che un proprietario decaduto rinuncia a occupare per intero.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Confesso che la ragione si smarrisce di fronte al prodigio dell’amore.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

… e per la prima volta, stamane, m’è venuto in mente che il mio corpo, compagno fedele, amico sicuro a me noto più dell’anima, è solo un mostro subdolo che finirà per divorare il padrone.
Basta … il mio corpo mi è caro; mi ha servito bene, e in tutti i modi, e non starò a lesinargli le cure necessarie.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Accetterò di assimilare l’amore alle gioie puramente fisiche (ammesso che ve ne siano) quando avrò visto un ghiottone anelare di piacere davanti alla sua pietanza favorita come un innamorato sulla spalla dell’essere amato.

Di tutti i nostri giochi, questo è il solo che rischi di coinvolgere l’anima, il solo altresì nel quale chi vi partecipa deve abbandonarsi al delirio dei sensi. Non è necessario per un bevitore abdicare all’uso della ragione, ma l’innamorato che conservi la sua non obbedisce fino in fondo al suo demone.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

La morale è una convenzione privata; il decoro è una faccenda pubblica: qualsiasi licenza allo scoperto m’ha fatto sempre l’effetto di un’ostentazione di bassa lega.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Le mie virtù, le ho utilizzate come ho potuto. Dei miei vizi, ne ho fatto buon uso. Ma non ci tengo in modo speciale a lasciarmi in retaggio a qualcuno. Del resto, l’autentica continuità umana non si stabilisce attraverso il sangue …

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Sono giunto a quel punto in cui la vita è, per ogni uomo, una sconfitta accettata. Dire che ho i giorni contati non significa nulla; è sempre stato così; è così per noi tutti.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Ho amato quella lingua per la sua flessibilità di corpo allenato, la ricchezza del vocabolario nel quale a ogni parola si afferma il contatto diretto e vario delle realtà, l’ho amata perché quasi tutto quel che gli uomini han detto di meglio è stato detto in greco.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

La tecnica del vero seduttore esige, nel passaggio da un soggetto all’altro, una disinvoltura, un’indifferenza che io non provo e che, comunque perdevo prima di abbandonarle intenzionalmente: non ho mai compreso come si possa essere sazio di un essere umano.

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

La convenzione ufficiale vuole che un imperatore romano sia nato a Roma, ma io sono nato a Italica; a quel paese arido e tuttavia fertile ho sovrapposto in seguito tante regioni del mondo. La convenzione ha del buono: dimostra che le decisioni dello spirito e della volontà hanno la meglio sulle circostanze. Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi : la mia patria sono stati i libri

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

***

Piccola anima smarrita e soave, compagna e ospite del corpo, ora t’appresti a scendere in luoghi incolori, ardui e spogli, ove non avrai più gli svaghi consueti. Un istante ancora, guardiamo insieme le rive familiari, le cose che certamente non vedremo mai più… Cerchiamo d’entrare nella morte a occhi aperti…

Marguerite Yourcenar * MEMORIE DI ADRIANO

LA MIA PATRIA? I LIBRI

agosto 16th, 2015

BOOKS

Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi : la mia patria sono stati i LIBRI.

Marguerite Yourcenar * Memorie di Adriano

Felicità, speranza, sogno….parole da vivere

luglio 20th, 2015

copertinadendrohn

“I tuoi desideri, a volte, vengono imprigionati nelle convenzioni e nelle ragioni degli altri e, per liberarli e ricominciare a sognare, hai bisogno di rifare il percorso affinché  rientrino nel tuo cuore.”

***

Talvolta sembra che le nostre paure siano infondate solo perché tutti cercano di convincerci che è così. Ma le nostre sensazioni, spesso, non sbagliano.”

***

“La felicità e l’allegria, a volte, precedono tristi momenti che mai avresti pensato di poter vivere. Eppure erano lì in agguato mentre tu sorridevi ignaro.”

 ***

 “Cominciamo ad apprezzare le piccole cose, quando ci rendiamo conto di aver perso le grandi.”

 ***

 “La speranza è la forza che ci spinge ad agire anche contro gli ostacoli che si frappongono tra noi e il domani.”

***

 Ti manca anche ciò che pensavi non potesse mancarti mai e finisci per odiare anche ciò che un tempo amavi…”

  ***

“Talvolta non è importante riuscire in un’impresa impossibile, quanto l’aver creduto e lottato fino alla fine.”

***

“La felicità e l’allegria, a volte, precedono tristi momenti che mai avresti pensato di poter vivere. Eppure erano lì in agguato mentre tu sorridevi ignaro.”

 ***

 “Cominciamo ad apprezzare le piccole cose, quando ci rendiamo conto di aver perso le grandi.”

 ***

 “La speranza è la forza che ci spinge ad agire anche contro gli ostacoli che si frappongono tra noi e il domani.”

(Da  “Dendrohn., un mondo fantastico” di Alessia S. Lorenzi)

 

JESSICA: Lei è scomparsa, ed è una storia vera!

luglio 14th, 2015

Diario di Jessica, 28 Giugno 2010
“Ho schifo, di tutto quello che ho addosso, ancora l’odore di quell’uomo sulla mia pelle, ancora lui se chiudo gli occhi, ancora lui, se guardo la televisione il suo viso mi torna in mente, ho paura a raccontare tutto a Sandra, ho paura anche ad uscire di casa, mi da fastidio ogni tipo di abbraccio, ogni tipo di bacio, mi chiedo, se sia meglio morire, o rimanere in vita.
Penso che la morte cancellerebbe ogni pensiero brutto, anche se ho il terrore di chiudere gli occhi e non vedere più la luce del sole”

(Tratto dal romanzo JESSICA, scritto da Ejay Ivan Lac)

Jessica

Viaggio in un mondo fantastico

maggio 29th, 2015

Dendrohn, un mondo fantastico

Una strega, un albero misterioso, un ragazzino intraprendente e una ragazza scomparsa molti anni prima sono i protagonisti di questo racconto.  La storia ha inizio nel 1452, in piena caccia alle streghe nella tranquilla cittadina inglese di Sheffield. Mirya era una ragazza di vent’anni che viveva nel terrore di finire sul rogo, com’era accaduto qualche anno prima alla madre. La sua vita è un continuo scappare; anche quella mattina, per l’ennesima volta, riesce a sfuggire a dei contadini che cercano di catturarla, salendo su un gigantesco albero sul cui tronco nessun comune mortale avrebbe potuto arrampicarsi.

Termina il prologo di questa vicenda fantastica e la storia riprende nel  2010, anno in cui la famiglia Richards si trasferisce, dalla caotica Londra, nella campagna della cittadina inglese. Sembra che finalmente abbiano trovato il posto che fa per loro: tranquillità, aria pura, grandi spazi e paesaggi incantevoli.  Un vero paradiso!

Ben presto, però, Eva si accorgerà che così non è. Il figlioletto Ethan comincia ad attaccarsi in modo quasi morboso a un gigantesco albero che troneggia nel centro del giardino e che pare risalga al 1400. Da tutti è definito “albero della strega” e suscita la curiosità di tanti turisti che chiedono di poter vedere l’albero o di poter fare una foto ricordo vicino a quella pianta straordinaria. Ma cosa c’è di strano in quell’albero? Che cosa accade a chi tenta di salire lungo il tronco? Cosa c’è di vero nelle incredibili storie che si raccontano? Accadrà qualcosa che getterà tutti nello sconforto. E’ proprio in questo mondo fantastico che il protagonista Ethan cresce e matura, consapevole che dopo quell’esperienza, niente sarebbe stato più come prima.

***

“Talvolta sembra che le nostre paure siano infondate solo perché tutti cercano di convincerci che è così. Ma le nostre sensazioni, spesso, non sbagliano.”

 ***

 “La felicità e l’allegria, a volte, precedono tristi momenti che mai avresti pensato di poter vivere. Eppure erano lì in agguato mentre tu sorridevi ignaro.”

 ***

 “Cominciamo ad apprezzare le piccole cose, quando ci rendiamo conto di aver perso le grandi.”

 ***

 “La speranza è la forza che ci spinge ad agire anche contro gli ostacoli che si frappongono tra noi e il domani.”

 ***

 Ti manca anche ciò che pensavi non potesse mancarti mai e finisci per odiare anche ciò che un tempo amavi…”

  ***

“Talvolta non è importante riuscire in un’impresa impossibile, quanto l’aver creduto e lottato fino alla fine.”

(Da  “Dendrohn., un mondo fantastico” di Alessia S. Lorenzi acquistabile in tutte le librerie online)

DENDROHN COP

 

NEL NOME DEL PADRE * GIACOMO CELENTANO

marzo 12th, 2015

566-3396-2_301422160aea084d7ba054425117e0e0

La natura è da sempre il mio amore più grande, il primo, per il quale ho sempre avuto un forte trasporto che dura tuttora.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Sono un peccatore. E tuttavia ho completa fiducia nella divina e infinita misericordia di Dio.
San Giovanni nella Sacra Scrittura dice che se il nostro cuore ci rimprovera qualcosa, Dio è più grande e misericordioso del nostro cuore.
Questo è il nostro Dio, un Dio amore, e questo amore lo si evince anche guardando la natura che ci circonda.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Fin da bambino sono sempre rimasto affascinato dalla bellezza della natura, che ci avvolge nel suo abbraccio dall’origine dei tempi. Mi ricordo che all’età di dodici anni circa, mamma mi regalò una piccola cinepresa Super 8 con la quale cominciai  immediatamente a filmare gli eventi atmosferici, i temporali, l’arcobaleno e la neve, che è sempre stata la mia grande passione; ero attratto e lo sono
tutt’ora, da quei cristalli di ghiaccio che, leggeri e soffici, dolcemente ondeggiano in cielo fi no a posarsi sul suolo; ciascuno diverso dall’altro, racchiusi in un gelido mistero!
Il candore della neve e l’idea di purezza che ispira mi regala una sensazione di immenso piacere.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

La natura, opera del Signore ed eccelsa impronta del Creatore in ogni cosa, si manifesta nei variopinti colori di un fiore, nella maestosità del mare, nell’imponenza delle montagne, nelle nuvole candide che si stagliano nel cielo, nell’abbraccio caldo del sole…
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Tutto mi parla di te, o Signore, e del tuo amore con il quale hai circondato questo capolavoro della
creazione che è l’uomo. Già perché l’uomo è il capolavoro di Dio, tutto Egli ha voluto sottomettere all’uomo a patto che esercitasse il suo dominio con rispetto e amore; questo concetto sfugge oggi alla maggior parte di noi, l’uomo sfrutta la Terra e le sue risorse naturali senza valutarne prima le eventuali conseguenze, i cui terribili risvolti sono ormai evidenti.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

San Paolo dice: «La morte è entrata nel mondo per invidia del diavolo».
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

Ho sempre amato la luce. Come un pittore anelo a lei, la cerco e la riproduco sulla tela che è la mia
vita. Impalpabile, rarefatta, la luce crea la differenza fra un dipinto e un’opera d’arte, fra un’esistenza marginale e una vita trascorsa in pienezza.
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

E se Dio è la vita dell’uomo, la preghiera è il respiro dell’anima
Giacomo Celentano, Nel nome del Padre
***

STRUMENTI PER PENSARE * Daniel C. Dennett

febbraio 20th, 2015

DENNETT-DC_strumenti1

Senza strumenti, a mani nude, il falegname non può fare granché e senza strumenti, con il solo cervello, il pensatore non può fare granché.
BO DAHLBOM

***
Pensare è difficile. Pensare a certi problemi è così difficile che il solo pensiero di pensare a quei problemi può far venire mal di testa. Il mio collega neuropsicologo Marcel Kinsbourne suggerisce che quando pensare ci sembra difficile è sempre perché il percorso accidentato per arrivare alla verità è in competizione con altre vie più facili e allettanti, che poi risultano essere vicoli ciechi. È questione di resistere alle tentazioni e la fatica del pensare è dovuta per lo più a questo. Subiamo continui agguati e dobbiamo armarci di coraggio per realizzare il compito. Puah!
***

C’è un famoso aneddoto su John von Neumann , il matematico e fisico che trasformò l’idea di Alan Turing (ciò che oggi chiamiamo macchina di Turing) in un vero e proprio computer elettronico (ciò che oggi chiamiamo macchina di von Neumann, come per esempio un portatile o uno smartphone). John von Neumann era un virtuoso del pensiero, leggendario per la sua capacità di eseguire a mente calcoli incredibili con velocità fulminea. Secondo l’aneddoto, che come tutte le storie famose ha diverse versioni, un collega un giorno gli propose un problema che si poteva risolvere sia con una serie di calcoli complicati e impegnativi sia grazie a una soluzione elegante e istantanea, di quelle che vengono in mente in un lampo. Il collega aveva una teoria: in casi come questi, un matematico calcola la soluzione faticosa, mentre il fisico (più pigro, ma anche più geniale) si ferma a riflettere e trova la soluzione facile e rapida. Quale soluzione avrebbe trovato von Neumann? Il problema è: due treni viaggiano sullo stesso binario in direzione l’uno dell’altro e si trovano a 100 chilometri di distanza; il treno A viaggia a 30 chilometri all’ora e il treno B a 20. Un uccello che vola a 120 chilometri all’ora parte dal treno A (quando i treni sono a 100 chilometri l’uno dall’altro), vola fino al treno B, torna indietro fino al treno A e così via, fino a quando i due treni si scontrano. Quanti chilometri ha percorso l’uccello al momento in cui avviene lo scontro? “240 chilometri”, rispose von Neumann quasi all’istante. “Accidenti!”, replicò il collega, “avevo scommesso che avresti scelto la strada difficile ricorrendo alla somma di serie infinite.” “Ah!”, esclamò imbarazzato von Neumann, battendosi la fronte, “c’è una strada facile!” (Suggerimento: quanto tempo passa prima dello scontro?)

Certe persone, come von Neumann, sono naturalmente tanto geniali da poter superare facilmente le situazioni più complicate, e altre procedono lentamente e faticosamente, ma hanno la fortuna di possedere una “forza di volontà” straordinaria che le aiuta a tenere duro nella loro ostinata ricerca della verità. In mezzo ci siamo tutti noi che non siamo calcolatori prodigio e siamo un po’ pigri, ma comunque aspiriamo a comprendere tutto ciò che incontriamo. Che cosa possiamo fare? Possiamo usare strumenti per pensare, ne esistono decine e decine. Questi comodi apparati protesici per potenziare l’immaginazione e mantenere l’attenzione ci permettono di riflettere in maniera corretta e anche elegante su problemi veramente difficili.
***

Come tutti gli artigiani, un fabbro ha bisogno di attrezzi, ma — secondo una vecchia osservazione (per la verità ormai quasi del tutto dimenticata) — i fabbri sono gli unici che costruiscono i propri strumenti. Non sono i falegnami a fabbricare i martelli e le seghe, non sono i sarti a fabbricare le forbici e gli aghi, non sono gli idraulici a fabbricare le chiavi e le pinze, ma i fabbri sanno forgiare martelli, tenaglie, incudini e scalpelli dalla materia prima, il ferro. E gli strumenti per pensare? Chi li costruisce? E di che cosa sono fatti? I filosofi sono stati gli artefici di alcuni tra i migliori strumenti – fatti di null’altro che idee, strutture informative utili. Cartesio ci ha dato le coordinate cartesiane, gli assi x e y senza i quali il calcolo infinitesimale – uno strumento del pensiero par excellence inventato simultaneamente da Isaac Newton e dal filosofo Gottfried Wilhelm Leibniz – sarebbe quasi impensabile. Blaise Pascal ci ha dato la teoria delle probabilità, che permette di calcolare facilmente i quozienti di scommessa. Il reverendo Thomas Bayes, anch’egli matematico di talento, ci ha lasciato il teorema di Bayes, il pilastro del pensiero statistico detto appunto bayesiano. Gli strumenti che compaiono in questo libro, tuttavia, per la maggior parte sono più semplici, non sono le macchine precise e sistematiche della matematica e della scienza, ma gli utensili a mano della mente. Eccone alcuni:

Le etichette. A volte il solo fatto di dare un nome accattivante a qualcosa ci aiuta a non perderlo di vista mentre lo rigiriamo nella mente cercando di comprenderlo. Tra le etichette più utili, come vedremo, vi sono le etichette di avvertimento, o allarmi, che ci mettono in guardia contro probabili fonti di errore.

Gli esempi. Alcuni filosofi pensano che usare esempi nel loro lavoro sia, se non proprio un inganno, quanto meno superfluo – un po’ come i romanzieri evitano le illustrazioni nei loro libri. Il romanziere è orgoglioso di fare tutto con le parole, e i filosofi vanno fieri di fare tutto con generalizzazioni astratte presentate in ordine rigoroso, quanto più possibile simili a dimostrazioni matematiche. Buon per loro, ma non possono aspettarsi che io raccomandi il loro lavoro a più di un paio di studenti eccezionali. Molto semplicemente, è più difficile del necessario.

Le analogie e le metafore. Mettere in corrispondenza le caratteristiche di qualcosa di complesso con le caratteristiche di un altro oggetto complesso che già conosciamo (o crediamo di conoscere) è uno strumento del pensiero famoso per essere potente, ma lo è in misura tale da poter facilmente fuorviare i filosofi quando a catturare la loro immaginazione è un’analogia ingannevole.

Le impalcature. Possiamo mettere la copertura a un tetto, dipingere una casa o riparare un camino usando soltanto una scala, spostandola via via e potendo realizzare ogni volta solo una piccola parte del lavoro, ma alla fin fine spesso è assai più facile montare un’impalcatura robusta che permette di spostarsi rapidamente e in sicurezza per tutta l’area di lavoro. Molti dei più preziosi strumenti per pensare presentati in questo libro sono esempi di impalcature che hanno un tempo di allestimento un po’ lungo, ma poi permettono di affrontare insieme una gran varietà di problemi – senza dover continuare a spostare la scala.

Infine, vi è quel genere di esperimenti mentali che ho soprannominato pompe dell’intuizione.
***

Consideriamo una di queste espressioni: uva acerba. Viene da una favola di Esopo, La volpe e l’uva, e attira l’attenzione su come a volte le persone fingano di non provare interesse per ciò che non possono avere denigrandolo. Pensate quanto può essere significativo commentare qualcosa che vi hanno appena detto con la semplice domanda: “L’uva è acerba?”. Il vostro interlocutore prenderà in esame una possibilità che altrimenti gli sarebbe potuta sfuggire e questo lo indurrà senz’altro a cambiare idea o a riflettere sul problema in questione da una prospettiva più ampia — oppure a offendersi (gli strumenti possono essere usati anche come armi). La morale della favola è tanto conosciuta che si può aver dimenticato la trama della storia o le sue sottigliezze — se sono importanti, e a volte non lo sono.
***

È nel terreno di mezzo, grosso modo a metà strada tra la poesia e la matematica, che i filosofi, secondo me, possono offrire il contributo migliore, chiarendo in misura significativa problemi profondamente sconcertanti.
***

A vedere non sono i vostri occhi, siete voi. A gustare la torta al cioccolato non è la vostra bocca, siete voi. A detestare la fitta alla spalla non è il vostro cervello, siete voi.

A firmare un contratto non è la vostra mano, siete voi. Il vostro corpo può essere eccitato, ma siete voi a innamorarvi. Non è una mera questione “grammaticale”, come il fatto che quando c’è il temporale diciamo “Sta piovendo”, non “Il temporale sta piovendo”. A volte mi domandano, in tono sprezzante: “È solo una questione semantica, giusto?”, con il che intendono che poco o niente dipende da come “definiamo i termini”. E invece il modo in cui definiamo i termini spesso fa molta differenza, e questa è una di quelle volte. Il nostro modo di parlare delle persone e di ciò che possono fare e patire si basa su alcuni fatti importanti.

A prima vista sembra che una persona tutta intera possa fare cose che nessuna delle parti che la compongono può fare, e ciò è quasi corretto, ma un macabro esercizio di immaginazione lascia supporre che se la verità fosse questa, una persona sarebbe (approssimativamente) una parte vera e propria del corpo umano, cioè un cervello integro e funzionante. (Ho un cervello o sono un cervello? Non è facile rispondere.) Se mi amputate le braccia, posso ancora firmare un contratto (con un ordine orale o tenendo la penna con le dita dei piedi); ma se mi spegnete il cervello, nulla di ciò che possono fare le mie braccia e le mie mani è considerato equivalente a firmare un contratto. Se mi strappate gli occhi, non vedo più – a meno di non essere dotato di protesi dei bulbi oculari, che non sono una fantasia da fantascienza avveniristica. E se iniziate ad “amputare” qualche parte del mio cervello? Se rimuovete la corteccia occipitale lasciando intatti gli occhi e il nervo ottico, sono colpito da “cecità corticale”, ma potrei comunque avere qualche competenza visiva residua (per esempio, la famosa condizione nota come “visione cieca”). Senza dubbio potreste amputare un altro pezzetto di cervello ed eliminare la visione cieca, e io potrei comunque continuare a vivere. Si è tentati di pensare che un tale processo di eliminazione, sopprimendo l’udito, il gusto, il tatto e l’olfatto, potrebbe ridurre gradualmente il cervello lasciando soltanto il quartier generale fondamentale della persona – è lì che sarebbe, ed è anche ciò che sarebbe, una persona. L’idea è allettante, però è sbagliata. Le innumerevoli competenze del cervello sono intrecciate e interagenti in misura tale che non esiste un luogo centrale nel cervello “dove tutto converge” nella coscienza. Se è per questo, molte delle competenze, inclinazioni, preferenze e stranezze di carattere che fanno sì che voi siate voi dipendono da percorsi che attraversano il vostro corpo al di fuori del cervello; il sempre popolare esperimento mentale filosofico del trapianto di cervello (che cosa preferireste: essere il “donatore” o il “destinatario”?) è permesso da un’idealizzazione molto fuorviante. Come scrissi tempo fa (Dennett, 1996a, pp. 89-90), “Non mi possono separare dal mio corpo lasciando un bel margine netto”.
***

L’amore è come un pacco regalo – Barbara Schaer

febbraio 2nd, 2015

paccoregalo_800x600

L’amore è come un pacco regalo che non sai quando ti arriva.

Non è come uno di quei regali che hai chiesto di ricevere o un oggetto che sai già che ti serve. Non è qualcosa che ti risolve la vita, piuttosto è qualcosa che la complica. Come un soprammobile che non sai dove mettere o un paio di scarpe difficili da abbinare.

Eppure è una sorpresa che ti rende felice, che ti stampa sul viso un bel sorriso.

E bisogna conservarne il fiocco, piegare per bene la carta, fare buon uso della scatola e apprezzare quello che si trova all’interno perché custodire l’emozione che hai provato a scartarlo ti aiuterà nel futuro incerto, nei giorni che non saranno rosei ma grigi o neri. Perché sopportarsi non è sempre una passeggiata, e quando i difetti sembrano superare i pregi, i contro superare i pro, ricordarsi di quella prima volta, di quel primo momento di intensa meraviglia e sincero entusiasmo può preservarti dal mandare a monte ciò che speravi durasse per tutta la vita.

Barbara Schaer – L’amore è come un pacco regalo

*

Forse non sei quello che mi aspettavo, o quello che pensavo di volere, o quello che ho chiesto, ma sei arrivato lo stesso. E da quando ci sei tu la mia vita è cambiata, io sono cambiata, e non posso più tornare indietro facendo finta di essere come ero prima. Il bello dell’amore è che non si ama soltanto quello che è l’altra persona, quelli che sono le sue qualità e i suoi difetti, ma il modo in cui ci fa sentire. Il modo in cui ci migliora, come se avesse trovato la strada per tirar fuori doti che non sapevamo di avere. Quando non sono con te è come se vivessi a metà, come se i colori fossero sbiaditi e i sapori meno intensi. Quando non sono con te mi sembra di vivere una vita che non è la mia vita ma quella di un’altra persona, ordinaria e noiosa.

Barbara Schaer – L’amore è come un pacco regalo

*

La verità è che finché si è dentro a una storia, finché si è innamorati di qualcuno e il senso di perdita è tale da assomigliare a una voragine che ghigna sotto ai tuoi piedi pronta a divorarti, si è disposti a tutto, persino a negare l’evidenza o a rinunciare ai propri desideri pur di stare meglio. Pur di essere di nuovo riamati.

L’amore non è qualcosa che passa e se ne va. L’amore resta, ristagna, e tu, passerotto con le ali spezzate, saltelli, zampetti, e ti aggrappi a qualunque ramo, a qualunque speranza pur di credere che tornerai a volare.

Barbara Schaer – L’amore è come un pacco regalo

Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni