Frasi Bambini

Frasi Bambini ♥♥♥ Frasi di Bambini Bellissime, Frasi Sui Bambini, Frasi Bambini D’Autore Famose e Celebri, Frasi e Aforismi Bambini!



Frasi Sui Genitori

ottobre 3rd, 2014

“Un padre ha cuore e braccia così grandi
per sopportare il dolore con un sorriso.”
Stephen Littleword

*

Naturalmente i genitori sono una bella cosa, persino i nostri. Ma se esistesse un esame per gli adulti, un esame da superare per poter avere il permesso di fare dei figli, onestamente, quanti lo supererebbero? E anche quelli che lo passassero, non sarebbe per il rotto della cuffia?
P. Høeg, “I figli dei guardiani degli elefanti”

*

Il mestiere del genitore è il mestiere più difficile e splendido del mondo.
Stephen Littleword, Aforismi

*

Si dice che i genitori rimangono giovani nei figli, ed è questo uno dei pù preziosi vantaggi psicologici ch’essi ricavano da loro.
Sigmund Freud, totem e tabu’

*

Un genitore saggio lascia che i figli commettano errori. E’ bene che una volta ogni tanto si brucino le dita.
Mahatma Gandhi

*

La condotta dei genitori è la guida dei figli.
Proverbio

*

Ecco cosa vuol dire essere buoni genitori: indicare a tuo figlio le strade del mondo.
Sophie Kinsella, I Love Mini Shopping

*

Quando i genitori fanno troppo per i loro figli, i figli non faranno abbastanza per se stessi.
Elbert Hubbard, The Notebook

*

Amare e rispettare i propri genitori non è mai ripagarli abbastanza del dono più grande, la vita.
Stephen Littleword, Aforismi

*

Il genitore deve resistere all’impulso di cercare di costruire il figlio che lui vorrebbe avere, e aiutarlo invece a sviluppare appieno, secondo i suoi ritmi, le sue potenzialità, a diventare quello che lui vuole essere, in armonia con al sua dotazione naturale e come risultante della sua individualissima storia.
Bruno Bettelheim, Un genitore quasi perfetto

*

Chiunque sia adulto può e deve, soprattutto per il suo bene, riuscire a provare tanto amore e tanta gratitudine per i propri genitori, anche se il loro rapporto di coppia è stato conflittuale. Loro stessi hanno, a loro volta, molto probabilmente acquisito il loro modello affettivo dai loro genitori e così via. Per chi non ama se stesso giungere a questa consapevolezza può sembrare molto difficile perché sembra molto più facile dare sempre la colpa agli altri. In realtà provare amore e gratitudine per qualcuno a cui si è stati e si è, nel bene e nel male, collegati, è la cosa più facile e naturale che verrebbe spontanea a tutti, se non fosse per il fatto che ognuno ha una memoria dalla quale attinge continuamente e con particolare attenzione a tutto ciò che ha prodotto in lui sofferenza. Ognuno ha anche una mente che, quando soffre, cerca sempre un colpevole a cui poter attribuire la responsabilità del proprio dolore e lo fa quasi sempre cercando nel posto sbagliato: all’esterno di sé.
Fabio Marchesi, La coppia illuminata

*

Sii paziente, rispondi a ogni domanda che i bambini ti porgeranno: quella che oggi è la soddisfazione di una curiosità, domani diventerà un grande tesoro le cui gemme, monete e pietre preziose saranno il sapere acquisito, e tu genitore avrai contribuito ad arricchirli, comincia adesso!
Anton Vanligt, Mai troppo folle

IL BAMBINO E’ IL PIU’ POTENTE MIRACOLO

settembre 19th, 2014

552638_382744945118962_1772625674_n

“Un bambino risponde «grazie» perché ha sentito che è il tuo modo di replicare a una gentilezza, non perché gli insegni a dirlo.

Un bambino si muove sicuro nello spazio quando è consapevole che tu non lo trattieni, ma che sei lì nel caso lui abbia bisogno di te.

Un bambino quando si fa male piange molto di più se percepisce la tua paura.

Un bambino è un essere pensante, pieno di dignità, di orgoglio, di desiderio di autonomia, non sostituirti a lui, ricorda che la sua implicita richiesta è «aiutami a fare da solo».

Quando un bambino cade correndo e tu gli avevi appena detto di muoversi piano su quel terreno scivoloso, ha comunque bisogno di essere abbracciato e rassicurato; punirlo è un gesto crudele, purtroppo sono molte le madri che infieriscono in quei momenti. Avrai modo più tardi di spiegargli l’importanza del darti ascolto, soprattutto in situazioni che possono diventare pericolose. Lui capirà.

Un bambino non apre un libro perché riceve un’imposizione (quello è il modo più efficace per fargli detestare la letteratura), ma perché è spinto dalla curiosità di capire cosa ci sia di tanto meraviglioso nell’oggetto che voi tenete sempre in mano con quell’aria soddisfatta.

Un bambino crede nelle fate se ci credi anche tu.

Un bambino ha fiducia nell’amore quando cresce in un esempio di amore, anche se la coppia con cui vive non è quella dei suoi genitori. L’ipocrisia dello stare insieme per i figli alleva esseri umani terrorizzati dai sentimenti.

«Non sono nervosa, sei tu che mi rendi così» è una frase da non dire mai.

Un bambino sempre attivo è nella maggior parte dei casi un bambino pieno di energia che deve trovare uno sfogo, non è un paziente da curare con dei farmaci; provate a portarlo il più possibile nella natura.

Un bambino troppo pulito non è un bambino felice. La terra, il fango, la sabbia, le pozzanghere, gli animali, la neve, sono tutti elementi con cui lui vuole e deve entrare in contatto.

Un bambino che si veste da solo abbinando il rosso, l’azzurro e il giallo, non è malvestito ma è un bambino che sceglie secondo i propri gusti.

Un bambino pone sempre tante domande, ricorda che le tue parole sono importanti; meglio un «questo non lo so» se davvero non sai rispondere; quando ti arrampichi sugli specchi lui lo capisce e ti trova anche un po’ ridicola.

Inutile indossare un sorriso sul volto per celare la malinconia, il bambino percepisce il dolore, lo legge, attraverso la sua lente sensibile, nella luce velata dei tuoi occhi. Quando gli arrivano segnali contrastanti, resta confuso, spaventato, spiegagli perché sei triste, lui è dalla tua parte.

Un bambino merita sempre la verità, anche quando è difficile, vale la pena trovare il modo giusto per raccontare con delicatezza quello che accade utilizzando un linguaggio che lui possa comprendere.

Quando la vita è complicata, il bambino lo percepisce, e ha un gran bisogno di sentirsi dire che non è colpa sua.

Il bambino adora la confidenza, ma vuole una madre non un’amica.

Un bambino è il più potente miracolo che possiamo ricevere in dono, onoriamolo con cura.

«Non insegnate ai bambini la vostra morale è così stanca e malata potrebbe far male /…/ Non indicate per loro una via conosciuta ma se proprio volete insegnate soltanto la magia della vita /…/ Non insegnate ai bambini ma coltivate voi stessi il cuore e la mente, stategli sempre vicini, date fiducia all’amore il resto è niente». (Giorgio Gaber “Non insegnate ai bambini”)”.

Federica Morrone

Penso che nel cuore di un uomo ci sia un luogo creato per la meraviglia.

luglio 23rd, 2014

BAMBINA

Penso che nel cuore di un uomo ci sia un luogo creato per la meraviglia. Per tutta la vita raduniamo tesori per riempirlo. A volte sono minuscoli gioielli che brillano: un fiore che sboccia al riparo di un albero caduto, l’arco della fronte di una bambina combinato con la curva della guancia.
Robin Hobb

FRASI NASCITA

marzo 17th, 2014

fathers-day-etiquette

Da oggi la vostra vita sarà cambiata per sempre, siete nati una seconda volta, nati come genitori, insieme al vostro bambino che conosce oggi il mondo. Congratulazioni!

A.P.
***

La nascita di un bambino rende tutto il mondo diverso. Un esserino così piccolo è capace di attirare attenzione, affetto, senso di protezione. È un piccolo grande miracolo della natura

A.P.

***

Congratulazioni per la nascita della vostra meravigliosa creatura. Che il cielo guidi sempre i suoi passi. Che la sua vita sia meravigliosa sempre.
A.P.

***

Una nuova vita che si affaccia a questo mondo è sempre un capolavoro dell’esistenza. Godetevi ogni sorriso, ogni scguardo, ogni istante.
A.P.
***

La Nascita, quale evento c’è di più bello nella vita. Auguri Piccola vita!
A.P.

***

Che la saggezza dei tuoi genitori possa trasferirsi piano piano a te che nasci oggi, affinchè i tuoi passi in questo mondo siano sempre leggeri e sicuri. Diventerai, lo so, una persona Meravigliosa!
A.P.
***

Da oggi il mondo non sarà più lo stesso. Da oggi avrai tanti motivi in più per sorridere, tante responsabilità, tante risate e giorni da inventare, tante lezioni da imparare, da questo piccolo esserino che entra prepotentemente nella nostra famiglia come il più bel dono mai avuto. Auguri per la nascita di questa incantevole creatura!

A.P.

***

Nasco oggi insieme a te piccolo mio. Nasco oggi come mamma, in quello che resterà per sempre la giornata più importante della mia vita
AP

***

AMORE DI ZIA! quante volte ho sognato di dirla questa frase ed oggi finalmente tenendoti in braccio la potrò pronunciare. Augurissimi a te e ai tuoi genitori, di una buona vita ricca di gioia e stupore.
AP

Nessun bambino…

novembre 20th, 2013

Nessun bambino è triste,
nessun bambino piange,
nessun bambino ha fame.
Nessun bambino è maltrattato,
nessun bambino è abbandonato,
nessun bambino è sfruttato,
nessun bambino è discriminato,
nessun bambino non è amato.
E’ un sogno?
No, è una Speranza… (Alessia S. Lorenzi)

(Tutti i diritti riservati – E’ vietata la riproduzione, anche parziale, del testo o parte di esso senza la citazione dell’autrice)

107foto_20110210113157

LA BIMBOTECA

ottobre 1st, 2013

BIMBI
Ogni classe
è una bimboteca.
Se vuoi ridere
leggi un bimbo allegro.
Se vuoi piangere
leggi un bimbo triste.
Se vuoi sapere
leggi un bimbo saggio.
Se vuoi indagare
leggi un bimbo segreto.
Se vuoi sognare
leggi un bimbo poeta.
Se vuoi cantare
leggi un bimbo di musica.
E se invece
ti vuoi annoiare
non leggere i bimbi.
Lasciali chiusi e muti
seduti
in bimboteca.

Roberto Piumini

I BAMBINI E IL MISTERO DELL’INNOCENZA

settembre 21st, 2013

DSC_8854-Edit

I bambini sono senza passato ed è questo tutto il mistero dell’innocenza magica del loro sorriso.

Milan Kundera

PIANGERE COME I BAMBINI

agosto 23rd, 2013

PIANGERE
“Se devi piangere, piangi come un bambino.
Una volta sei stato un bambino, e una delle prime cose che hai imparato nella vita fu piangere, perché il pianto fa parte della vita.
Non dimenticare di essere libero, e che mostrare le tue emozioni non è vergognoso.
Urla, singhiozza forte, fai il chiasso che vuoi. Perché così è come piangono bambini, e loro conoscono il modo più veloce per confortare i loro cuori.
Hai mai notato come i bambini smettono di piangere?
Smettono perché qualcosa li distrae. Qualcosa li chiama alla prossima avventura.
I bambini smettono di piangere velocemente.
E così sarà per te. Ma solo se riesci a piangere come fanno i bambini.”

PAULO COELHO – “Maktub”

INVECE IL CENTO C’E’

giugno 28th, 2013

kids_bathing

Il bambino
è fatto di cento.
Il bambino
ha cento lingue
cento mani
cento pensieri
cento modi di pensare
di giocare e di parlare
cento sempre cento
modi di ascoltare
di stupire di amare
cento allegrie
per cantare e capire
cento mondi
da scoprire
cento mondi
da inventare
cento mondi
da sognare.
Il bambino ha
cento lingue
(e poi cento cento cento)
ma gliene rubano novantanove.
La scuola e la cultura
gli separano la testa dal corpo.
Gli dicono:
di pensare senza mani
di fare senza testa
di ascoltare e di non parlare
di capire senza allegrie
di amare e di stupirsi
solo a Pasqua e a Natale.
Gli dicono:
di scoprire il mondo che già c’è
e di cento
gliene rubano novantanove.
Gli dicono:
che il gioco e il lavoro
la realtà e la fantasia
la scienza e l’immaginazione
il cielo e la terra
la ragione e il sogno
sono cose
che non stanno insieme.
gli dicono insomma
che il cento non c’è.
Il bambino dice:
invece il cento c’è.

Loris Malaguzzi

Next »