Frasi Amore

Frasi Amore Le Più Belle Citazioni Sull’Amore che parlano D’Amore Vero. Pensieri e Frasi Famose D’Amore Autentico! FRASI AMORE!!!



AFFRESCO IN BRICIOLE

aprile 23rd, 2012

Ieri a Paros ho conosciuto un medico. E’ un uomo del Sud, della nostra Creta, penso, anche se non gliel’ho chiesto. E’ un uomo basso e robusto, con delle venuzze sul naso. Io guardavo l’orizzonte e lui mi ha domandato se stessi guardando l’orizzonte. Sto guardando l’orizzonte, gli ho risposto.

L’unica linea che frange l’orizzonte è l’arcobaleno, ha detto lui, l’inganno di una riflessione ottica, una pura illusione.

E abbiamo parlato di illusioni, e non volendo ho parlato di te, ho fatto il tuo nome senza farlo, e lui mi ha detto di averti conosciuto perché aveva suturato le tue vene un giorno che ti tagliasti i polsi. Non lo sapevo, e ciò mi ha commosso, e ho pensato che in lui avrei trovato un poco di te, perché aveva conosciuto il tuo sangue.

Così l’ho seguito nella sua pensione, si chiamava Thalassa, era infatti sul lungomare, ed era squallida, abitata da stranieri di classe modesta che vengono a passare le ferie in Grecia e detestano i greci. Però lui non era come loro, era gentile, si è spogliato con pudore, e aveva un membro piccolo, un po’ ritorto, come certe statue di satiri delle terrecotte del museo di Atene. E non voleva tanto una donna ma soprattutto parole di conforto, perché era infelice, e io ho finto di dargliele, per umana pietà. Ti ho cercato, amore mio, in ogni atomo di te che è disperso nell’universo. Ne ho raccolti quanti mi era
possibile, nella terra, nell’aria, nel mare, negli sguardi e nei gesti degli uomini.

Ti ho cercato perfino nei kouroi, nella lontana montagna di una di queste isole, solo perché una volta mi dicesti che ti eri seduto sul grembo di un kouros. L’ascesa non è stata facile.

La corriera mi ha lasciata a Sypouros, se così si chiama un villaggio sconosciuto anche alle mappe geografiche, e poi c’erano tre chilometri da fare a piedi, ho salito lentamente la strada sterrata a curve che più avanti scende verso una valle di ulivi e cipressi. C’era un vecchio pastore lungo la strada, e gli ho solo detto l’unica parola che importava, kouros.

E nei suoi occhi è brillata una luce di complicità come se avesse capito, come se sapesse chi ero io e chi cercavo, che cercavo te, e senza dire una parola ha steso una mano indicandomi il cammino, e io ho raccolto il suo gesto che mi ha guidato e quella luce che è brillata un attimo nei suoi occhi e li ho messi in tasca, guarda, li ho qui, potrei disporli sul tavolino di questa terrazza dove sto cenando, sono altre due pietruzze di questo affresco in briciole che sto disperatamente raccogliendo per ricostruirti, oltre all’odore dell’uomo con cui ho passato la notte, l’arcobaleno sull’orizzonte e questo mare celeste che mi angoscia.

ANTONIO TABUCCHI, TRISTANO MUORE

OCCHI

aprile 19th, 2012

Dicono che le donne fingono bene.
Solo se ad occhi chiusi.
Ammira gli occhi di lei mentre la possiedi.
Sono la porta dell’anima.
Se brillano di luce propria, se spalancati si nutrono di te.
Non sta fingendo…

ECLISSI

aprile 13th, 2012

Li è nascosto il nostro amore…
Nel miracolo dell’ eclissi,
tra la luce della luna,
e i riflessi del sole…

Li è nascosto il nostro amore,
nell’ eterno piacere
di un estasi naturale.

FRASI SUL PRIMO BACIO*

aprile 3rd, 2012

Il primo bacio è l’abbraccio del cielo e della terra in un istante d’amore.
Stephen Littleword, Aforismi

*

L’emozione del primo bacio, l’innocenza e la naturalezza di quelle labbra che s’incontrano la prima volta tra paura, inesperienza, voglia di crescere e di vivere.
Nell’emozione del primo bacio è racchiusa l’essenza della giovinezza pura.
Anton Vanligt

*

Il Primo Bacio è il vincolo che unifica l’estraneità del passato con la luminosità del futuro.
Kahlil Gibran, La Voce del Maestro

*

Oggi seduti prima volta vicini, quell’aria spavalda che avevi fra le amiche, sparita con le mani in grembo i capelli sulle spalle, silenziosa eri una bimba. Timida nel tuo fare mi vedevi un veterano pur avendo  un poco più della tua età. Volevo darti il bacio quello tanto sognato, quello che non avresti mai  dimenticato. Anch’io di timidezza malato con voce rotta e tremolio alle dita, con una mano ti sollevai il mento, guardami sussurrai: amore, e il bacio fu uno dei più dolci che mai più  scorderai!! Ancora raffiora quel momento che fu per noi solo l’inizio.
Mirella Narducci

*

Il Primo Bacio è l’unione di due fiori odorosi; è la mescolanza delle loro fragranze verso la creazione di un terza anima.
Kahlil Gibran, La Voce del Maestro

Immagini allo specchio

aprile 1st, 2012

Gesti delicati,
pensieri complicati.

La dolcezza del sorriso,
un sogno improvviso.

Lo sguardo penetrante,
un profumo avvolgente.

Un bacio rubato,
un bisogno donato.

MA IL BELLO E’ CHE, ESSENDO POCHE LE PERSONE per cui nutro affetto

aprile 1st, 2012

Ma il bello è che, essendo poche le persone per cui nutro affetto, le amo per davvero, senza ambiguità, senza riserve, non come chi vuole bene a tutti e lo fa pure male.
M. Serrano

Una favola

marzo 18th, 2012

Un mondo incantato e di favole e quello che vivo con te, raggiante e innamorarsi di quel sorriso, che non ti abbandona mai, mi piace farti ridere, mentre gli altri potranno dire e pensare quel che vogliono, in realtà è solo invidia e intanto che loro dentro muoiono, noi saremo stretti l’uno con l’altro e possiamo godere di questa favola, una favola dove la protagonista e una bella farfalla che vola sempre nei miei pensieri.

Dio mio se avessi un pezzo di vita, non lascerei passare un solo giorno

marzo 14th, 2012

Dio mio se avessi un pezzo di vita, non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che le amo. Direi ad ogni uomo e ad ogni donna che sono i miei prediletti e vivrei innamorato dell’amore. Mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.
Gabriel Garcìa Marquez

L’AMORE è UNA PICCOLA MORTE

marzo 2nd, 2012

“L’amore è una pic­cola morte, e la morte è un grande amore; non si tratta di due cose dis­tinte. L’amore è una pic­cola onda nell’oceano della morte. Per questo si ha paura dell’amore tanto quanto si ha paura della morte. La gente sem­plice­mente recita il gioco dell’amore, non ci va a fondo. Si guarda bene dal pren­dere qual­si­asi impegno, dal coin­vol­gi­mento totale; per­ché, se entri pro­fon­da­mente nel mondo dell’amore, la sua fiamma bru­cia il tuo ego.

La gente ama, o almeno finge, crede di amare, per­ché una vita senza amore non ha senso. Se non si ama, la vita non ha senso; se si ama davvero, l’ego scom­pare. Per questo nascono i com­pro­messi: più in là di tanto non si va. Non si arriva mai in pro­fon­dità: si sfiora la super­fi­cie. E senza amore non si può stare, ci si sente inutili, futili.

La vita diventa un deserto senza senso, senza musica, qual­cosa di des­o­lato. Ci si limita a veg­etare: non ami vera­mente, non vivi real­mente. Amare e vivere sono sinonimi.

E’ per questo che si tenta il gioco dell’amore: ci tiene impeg­nati. Ma non si va vera­mente in pro­fon­dità. La gente se ne tiene fuori per­ché, se entrasse davvero nella dimen­sione dell’amore, l’ego scomparirebbe.

A quel punto tu non ci saresti più: a quel punto esiste Dio”.

Osho

« Prev - Next »