Frasi

FRASI CARINE ♣♣♣ Frasi Straordinarie Da Scrivere a chi Ami! Dedica una Frase Significativa, una Frase Carina e Straordinaria, FRASI SIGNIFICATIVE! Scegli le Tue FRASI!



FRASI SUGLI INVIDIOSI

febbraio 25th, 2014

coppia-letto-donna-crisi_650x447

L’invidia poi, congiunta a malizia e livore, non va bene in nessun caso, e se la sua presenza ostacola ogni retto comportamento, diventa pessima assistente e consigliera di chi ascolta, perché gli rende fastidiose, sgradevoli e inaccettabili le osservazioni utili, dato che gli invidiosi godono di qualunque altra cosa piuttosto che di quelle dette bene. Eppure chi si sente mordere dalla ricchezza, la fama o la bellezza di un altro è solo invidioso, in quanto lo tormenta la felicita altrui: chi
invece soffre nel sentire un discorso giusto è infastidito dai suoi stessi beni, perché come la luce è un bene per chi può vedere, Così un discorso lo è per chi può udire,sempreché lo voglia accogliere.
PLUTARCO, L’ARTE DI ASCOLTARE

***
L’invidia è una confessione d’inferiorità.
Honoré de Balzac
***

Dove regna l’invidia non può vivere la virtù, né dove sta la miseria può aver luogo la liberalità.
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia
***

L’invidia è una terribile fonte di infelicità per moltissima gente
RUSSEL
***

gli invidiosi sono coperti da ruvido cilicio ed hanno gli occhi serrati, come cuciti da fil di ferro
Sapia da Siena
***

Per mia esperienza, coloro a cui non piacete sono divisi in due categorie: gli stupidi e gli invidiosi. Gli stupidi vi apprezzeranno tra cinque anni; gli invidiosi, mai.
The Libertine, Laurence Dunmore.
***

“altieri, e dove non è differenza gran­de di titolo, non si cedono l’uno all’altro; ardenti amici e pessimi inimici, subbietti ad odiarsi, invidiosi e di lingua velenosa, di intelletto secco, atti ad ap­prendere con facilità varie cose; e in ciascuna loro operazione usano astuzia
Leonardo Sciascia
***

La sventura è un pane unto per gli invidiosi.
proverbio italiano
***

Ci sono gli invidiosi, ma quando viene il momento sono costretti a dire la verità. L’onestà ha l’ultima parola.
Wolfgang Amadeus Mozart

***

L’entusiasmo l’arma vincente  contro gli invidiosi
Francesco Alberoni
***

Frasi Sulla Resilienza

febbraio 12th, 2014

primo-chakra

Resilienza: la capacità di far fronte in maniera positiva alle difficoltà coltivando le risorse che sono dentro di noi.

***

Gli uomini discendono da gente che è sopravvissuta a un’infinità di predatori, guerre, carestie, migrazioni, malattie e catastrofi naturali. Sono costruiti per convivere quotidianamente con lo stress. A questo scopo gli uomini possiedono, come un dono, un insieme di risorse che hanno ereditato dal passato: è la “resilienza” ad essere la norma negli esseri umani, non la fragilità; la “resilienza” psicologica è la capacità di persistere nel perseguire obiettivi difficili, fronteggiando in maniera efficace le difficoltà relative.
Pietro Trabucchi,  Resisto dunque sono
***

La forza d’animo (che con termine più specifico viene detta “resilienza“), cioè la resistenza alle avversità unita alla capacità di fronteggiare gli avvenimenti e ricostruire positivamente la propria realtà, è una qualità fondamentale e complessa, che va coltivata in noi stessi, nei nostri figli, nelle nostre famiglie.
Anna Oliviero Ferraris, La Forza d’Animo
***

L’uomo più forte è quello che resiste di più da solo.
Henrik Ibsen, Un nemico del popolo

***

In psicologia il concetto di «resilienza» si applica alle persone capaci di condurre una vita serena, nonostante i colpi del destino o un’infanzia difficile. Gli individui dotati di resilienza non crollano dinanzi a una crisi, ma ne escono arricchiti interiormente. Sono ottimisti e realistici assumono le proprie responsabilità, confidano nelle loro capacità e sanno cercare appoggio quando serve.
Moritz Huber, La Strategia dell’Orso Bianco

***

La resilienza è la forza delle persone che, nonostante siano state ferite, si considerano non vittime ma utilizzatori delle proprie risorse e si preparano a recuperare le risorse necessarie per affrontare il futuro con speranza progettuale. La parola resilienza (dal latino resilire, rimbalzare) in fisica indica la proprietà dei materiali di riprendere la forma originaria dopo aver subito un colpo. In sociologia e psicologia evidenzia la capacità umana di superare le difficoltà della vita con elasticità, vitalità, energia, ingegnosità. Resilienza è l’abilità di superare le avversità, di affrontare i fattori di rischio, di rialzarsi dopo una crisi, più forti e più ingegnosi di prima: è l’abilità di superare le ingiustizie della vita senza soccombere.
Cunsuelo Casula, La forza della Vulnerabilità
***

Il termine “resilienza” in origine proveniva dalla metallurgia: indica, nella tecnologia metallurgica, la capacità di un metallo di resistere alle forze che vi vengono applicate. Per un metallo la resilienza rappresenta il contrario della fragilità. Così anche in campo psicologico: la persona resiliente è l’opposto di una facilmente vulnerabile. Etimologicamente “resilienza” viene fatta derivare dal latino “resalio”, iterativo di “salio”. Qualcuno propone un collegamento suggestivo tra il significato originario di “resalio”, che connotava anche il gesto di risalire sull’imbarcazione capovolta dalla forza del mare, e l’attuale utilizzo in campo psicologico: entrambi i termini indicano l’atteggiamento di andare avanti senza arrendersi, nonostante le difficoltà.
La mia personale definizione del termine è la seguente: la resilienza psicologica è la capacità di persistere nel perseguire obiettivi sfidanti, fronteggiando in maniera efficace le difficoltà e gli altri eventi negativi che si incontreranno sul cammino. Il verbo “persistere” indica l’idea di una motivazione che rimane salda. Di fatto l’individuo resiliente presenta una serie di caratteristiche psicologiche inconfondibili: è un ottimista e tende a “leggere” gli eventi negativi come momentanei e circoscritti; ritiene di possedere un ampio margine di controllo sulla propria vita e sull’ambiente che lo circonda; è fortemente motivato a raggiungere gli obiettivi che si è prefissato; tende a vedere i cambiamenti come una sfida e come un’opportunità, piuttosto che come una minaccia; di fronte a sconfitte e frustrazioni è capace di non perdere comunque la speranza.
Pietro Trabucchi,  Resisto dunque sono
***

La Resilienza La Resilienza
La capacità di superare i momenti critici e le avversità della vita
Domenico Di Lauro

Compralo su il Giardino dei Libri

Il Vantaggio della Resilienza Il Vantaggio della Resilienza
Come uscire più forti dalle difficoltà della vita
Dott. Al Siebert

Compralo su il Giardino dei Libri

Il Segreto del Tuo Successo: Costanza e Resilienza Il Segreto del Tuo Successo: Costanza e Resilienza
Allenati ogni giorni a migliorare te stesso, superando gli ostacoli e i momenti difficili
Erica Chilese

Compralo su il Giardino dei Libri

La Resilienza (eBook) Domenico Di Lauro La Resilienza (eBook)
La capacità di superare i momenti critici e le avversità della vita
Domenico Di Lauro

Compralo su il Giardino dei Libri

Resisto Dunque Sono Resisto Dunque Sono
Chi sono i campioni della resistenza psicologica e come fanno a convivere felicemente con lo stress
Pietro Trabucchi

Compralo su il Giardino dei Libri

La Strategia dell'Orso Bianco La Strategia dell’Orso Bianco

Moritz Huber

Compralo su il Giardino dei Libri

Frasi Sulla Creatività

febbraio 5th, 2014

creatività_

Che cos’è la creatività?…è la capacità di “vedere”…e di “rispondere”.
Erich Fromm
***

Non tutte le prigioni hanno le sbarre: molte sono meno evidenti ed è difficile evadere perché non sappiamo di esserne prigionieri. Sono le prigioni dei nostri automatismi culturali che castrano l’immaginazione, fonte di creatività.
Henry Laborit
***

Indipendentemente da ciò che crei, non è importante che tu dipinga o scolpisca, oppure che tu faccia il giardiniere, il calzolaio o il falegname. E’ importante che ti chieda: sto riversando tutta la mia anima in ciò che creo?”
Osho

***

Il principale  nemico della creatività è il buonsenso.
Pablo Picasso

***

In ogni attività creativa, colui che crea si fonde con la propria materia, che rappresenta il mondo che lo circonda. Sia che il contadino coltivi il grano o il pittore dipinga un quadro, in ogni tipo di lavoro creativo l’artefice e il suo oggetto diventano un’unica cosa: l’uomo si unisce col mondo nel processo di creazione.
Erich Fromm
***

La creatività è senza dubbio la risorsa umana più importante. Senza creatività non ci sarebbe progresso e ripeteremmo sempre gli stessi schemi.
Edward De Bono
***

Gli uomini comuni guardano le cose nuove con occhio vecchio, l’uomo creativo, osserva le cose vecchie con occhio nuovo
Gian Piero Bona
***

Se l’uomo non può creare qualcosa…per sfuggire al senso insopportabile di impotenza vitale, di essere nulla, non ha altra soluzione che riaffermarsi distruggendo quella vita che è incapace di creare
Erich Fromm: Anatomia della distruttività umana

***

Se creo qualcosa usando il cuore, molto facilmente funzionerà; se invece uso la testa sarà molto difficile.
Marc Chagall
***

La creatività è in ciascuno di noi. Per meglio dire era in ciascuno di noi, quando eravamo piccoli. Nei bambini la creatività è un elemento universale. Fra gli adulti è pressoché inesistente. Il grande problema è di riuscire a sapere che cos’è accaduto di quest’immensa, universale risorsa umana, un problema attuale, che costituisce l’oggetto della nostra ricerca.
Harold Anderson
***

L’uomo che non può creare vuole distruggere
Erich Fromm

***

La creatività è la risposta che apre
Aldo Carotenuto
***

Più si ragiona meno si crea.
Raymond Chandler

***

Il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti.
Albert Einstein

***

È l’arte suprema dell’insegnante, risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza.
Albert Einstein
***

La capacità di provare ancora stupore è essenziale nel processo della creatività.
Donald W.Winnicott
***

FRASI DI ANNA FRANK

gennaio 27th, 2014

ANNA FRANK

La verità è tanto più difficile da sentire quanto più a lungo la si è taciuta.
ANNA FRANK

Nonostante tutto io ancora credo che la gente sia davvero buona nel proprio cuore. Io semplicemente non posso costruire le mie speranze su basi fatte di confusione, infelicità e morte
ANNA FRANK

Ah, quante cose mi vengono in mente di sera quando sono sola, o durante il giorno quando debbo sopportare certa gente che mi disgusta o che interpreta male tutte le mie intenzioni! Perciò finisco sempre col ritornare al mio diario, è il mio punto di partenza e il mio punto di arrivo, perché Kitty è sempre paziente; le prometterò che nonostante tutto continuerò a fare la mia strada e a inghiottire le mie lacrime.
ANNA FRANK

La pigrizia può sembrare attraente, ma il lavoro dà soddisfazione
ANNA FRANK

Viviamo tutti con l’obiettivo di essere felici; le nostre vite sono diverse, eppure uguali.
ANNA FRANK

Lasciatemi essere me stessa, e sarò contenta
ANNA FRANK

La coscienza tranquilla rende forti
ANNA FRANK

Pensa a tutta la bellezza ancora rimasta attorno a te e sii felice
ANNA FRANK

Trovo meraviglioso quello che mi succede, e non soltanto quello che è visibile all’esterno del mio corpo, ma quello che vi si compie internamente. Appunto perché non parlo mai con nessuno di me e di queste cose, ne parlo con me stessa.
ANNA FRANK

Se un cristiano compie una cattiva azione la responsabilità è soltanto sua; se un ebreo compie una cattiva azione, la colpa ricade su tutti gli ebrei.
ANNA FRANK

Sono felice di natura, mi piace la gente, non sono sospettosa e voglio vedere tutti felici e insieme.
ANNA FRANK

È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo.
ANNA FRANK

Chi è felice farà felici anche gli altri, chi ha coraggio e fiducia non sarà mai sopraffatto dalla sventura.
ANNA FRANK

***

Un libro speciale:

Io Voglio Vivere Mirjam Pressler Io Voglio Vivere
La vera storia di Anne Frank
Mirjam Pressler

Compralo su il Giardino dei Libri

FRASI SUL LAVORARE INSIEME E SUI TEAM

gennaio 23rd, 2014

8

Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo.
Henri FORD
***

“Da soli possiamo fare così poco; insieme possiamo fare così tanto.”
Helen Adams Keller
***

Ciò che si chiede agli individui è di essere agili, flessibili, elastici, di essere dei grilli salterini, e per essere ciò è necessario non avere convinzioni molto profonde
Si chiede di non essere portatori di un’idea forte, per poter lavorare con tutti, la mattina al centro dia- gnostico, il pomeriggio di là, poi magari do- mani si cambiano gli orientamenti organizza- tivi, si cambia l’organizzazione del lavoro, ecc. Quello che si chiede ai giovani, ma in genere alle persone che lavorano, è di non avere così grandi convinzioni ma anche di non porsi trop- pi problemi di coscienza . Per lavorare con venti persone in cinque contesti diversi devi farlo con una certa indifferenza.
CESARE Kaneklin
***

Un gruppo diventa un vero team quando tutti i membri che lo compongono sono abbastanza sicuri di sé e del contributo che possono dare, da riuscire a lodare la preparazione degli altri partecipanti
Anonimo

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati
Michael Jordan

Lieve è l’oprar se in molti è condiviso.
oMERO
***

Ora la cosa più importante è il lavoro di squadra. Il che significa: fate tutto quello che vi dico.
Dal cartone Galline in fuga
***

Offri dei bouquet di affari. Presenta i tuoi clienti tra loro in modo che possano lavorare e prosperare insieme.
Mark Victor Hansen

***

Lavorare in collaborazione, vuol dire perdere la metà del proprio tempo per spiegare all’altro che le sue idee sono stupide.
***
Il miglior risultato si ottiene quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sé e per il gruppo… Dinamiche dominanti, signori, dinamiche dominanti.
Russell Crowe – John Nash
***

I risultati di un’organizzazione sono i risultati dello sforzo combinato di ciascun individuo.
Vince Lombardi
***

Il nano vede più lontano del gigante, quando ha le spalle del gigante su cui montare.
Samuel Taylor Coleridge
***

Nessuno di noi è tanto in gamba quanto noi tutti messi insieme
Roy Kroc (fondatore di McDonald’s)

FRASI CHIUSURA ATTIVITA’

gennaio 21st, 2014

negozio_chiuso+

Dopo tanti anni di attività questo esercizio, messo in ginocchio da una crisi senza fine.Grazie ai clienti che ci hanno sostenuto fino ad oggi.
***

Un fallimento è l’opportunità di ricominciare in modo più intelligente
H.Ford
***

Il viaggio del negozio è oramai giunto al termine.
Qui, ferma al capolinea, voglio innanzitutto ringraziare i clienti che hanno creduto in me che hanno apprezzato il lavoro e i prodotti Charme, che hanno scelto al negozio accessori per giorni particolari della propria vita, ma anche per la quotidianeità, che mi hanno offerto amicizia, stima, regalato sorrisi e soddisfazioni , compagnia, risate, passaparola, chiacchiere, caffè, parole di conforto e complimenti.

Buona Vita e sempre sorrisi e gioia a tutti voi!
Carla Pianura
***

Grazie a chi ha creduto in me, ha chi mi ha sostenuto, sorretto, accompagnato in questa impresa, putroppo le cose non vanno sempre come ci aspetteremo che fosse, e dunque anche questa attività in cui abbiamo messo il cuore deve chiudere. Porteremo sempre con noi il ricordo di questi difficoltosi ma bellissimi anni!
***

Ci scusiamo e ringraziamo tutti i nostri clienti ma siamo costretti a chiudere la nostra attività, non per nostra volontà, ma per un affitto troppo alto che non ci permette di continuare a lavorare come vorremmo. Grazie a tutti di cuore, per il sostegno e l’affetto,
***

Chiusura definitiva
si ringrazia questo stato di merda.
Messaggio al sindaco
ora che sono nomade anche io …

trattami almeno come loro.
***

chiuso…per sempre
***

chiuso per rapine
***

chiuso per tasse
***

chiuso per caro fitto
***

chiuso per indignazione
***

GRAZIE ai nostri politici e alla giustizia italiana, chiuso per FURTO
***

Dispiaciuti comunichiamo la chiusura della notra attività. Speriamo in un futuro sereno, diverso, di successo
***

Tu non hai bisogno di fingere che sei forte, non devi sempre dimostrare che tutto sta andando bene, non puoi preoccuparti di ciò che pensano gli altri, se ne avverti la necessità piangi perché è bene che tu pianga fino all’ultima lacrima, poiché soltanto allora potrai tornare a sorridere.

P. Coelho
***

Dicono che si chiude una porta e si apre un portone. Speriamo bene. Oggi questa porta si chiude. Il domani lo scopriremo vivendo.

***

La maggior parte di noi non è preparata ad affrontare i fallimenti ed è per questo che non siamo capaci di compiere il nostro destino.

Sergio Bambarén, Il delfino
***

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio.
Samuel Beckett, Worstward Ho
***

Soltanto una cosa rende impossibile un sogno: la paura di fallire.

Paulo Coelho, L’alchimista, 1988

***

Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere il tuo entusiasmo.

Winston Churchill

FRASI SUL PARTIRE E SULLE PARTENZE

gennaio 19th, 2014

Road-Beauty-Travel-1050x1680

Desidero partire: non verso le Indie impossibili o verso le grandi isole a Sud di tutto, ma verso un luogo qualsiasi, villaggio o eremo, che possegga la virtù di non essere questo luogo. Non voglio più vedere questi volti, queste abitudini e questi giorni. Voglio riposarmi, da estraneo, dalla mia organica simulazione. Voglio sentire il sonno che arriva come vita e non come riposo. Una capanna in riva al mare, perfino una grotta sul fianco rugoso di una montagna, mi può dare questo. Purtroppo soltanto la mia volontà non me lo può dare.
Fernando Pessoa
***

Per certi viaggi non si parte mai quando si parte. Si parte prima.
Fulvio Ervas – Se ti abbraccio non avere paura
***

Sai qual è il bello di ogni partenza? Sapere che tornerai.
Perfect Strangers
***

In un mondo d’arrivisti buona regola è non partire.
Gesualdo Bufalino,  Il malpensante
***

Partire è la più bella e coraggiosa di tutte le azioni. Una gioia egoistica forse, ma una gioia, per colui che sa dare valore alla libertà. Essere soli, senza bisogni, sconosciuti, stranieri e tuttavia sentirsi a casa ovunque, e partire alla conquista del mondo.
Isabelle Eberhardt
***

Partire è un po’ morire, ma è meglio partire. Spegni le luci si va a casa. L’aereo più pazzo del mondo… sempre più pazzo

***

Partire era stato un momento magico. Partire aveva significato prima di tutto una prospettiva di guadagno, poi ritrovare vecchi amici e conoscerne dei nuovi… un’esperienza affrontata con lo spirito sereno di chi si dice: Non sarà per molto, in fin dei conti. Me la godrò e presto sarò di ritorno. Agatha Christie

***

Partire è vincere una lite contro l’abitudine.
Paul Morand, Il viaggio
***

Il mondo è rotondo. Chi parte, perde tempo.
Ignazio Silone, Una manciata di more
***

Quando la vita chiama,il cuore sia pronto a partire e a ricominciare, per offrirsi sereno e valoroso,
ad altri nuovi vincoli e legami. Ogni inizio contiene una magia che ci protegge e a vivere ci aiuta.
Hermann Hesse
***

Se un giorno mi facessero l’autopsia sono sicura che troverebbero tracce della tensione terribile causata dal dolore di ogni partenza.
Magdeleine Hutin
***

La vigilia di non partire mai
per lo meno non ci sono valigie da fare
né si devono fare progetti per iscritto,
con la scorta involontaria delle dimenticanze,
per la parte ancora libera del giorno dopo.

Non c’è da fare niente
la vigilia di non partire mai.

Che grande quiete che non ci sia nemmeno più nulla
per cui desiderare la quiete!
Che grande tranquillità, quella che neppure si preoccupa
perché, povero tedio, è passato il tedio
e si è arrivati deliberatamente a niente.
Che grande allegria di non dover per forza essere allegri,
come un’opportunità rovesciata.

Da quanti mesi vivo
la vita vegetativa del pensiero!
Tutti i giorni sine linea…

Quiete, sì, quiete…
Grande tranquillità…
Che riposo, dopo tanti viaggi fisici e psichici!,
poter guardare le valigie chiuse come fossero niente!
Sonnecchia, anima mia, sonnecchia!
Approfittane, sonnecchia!
Sonnecchia!

E’ poco il tempo che hai! Sonnecchia.
E’ la vigilia di non partire mai…
Fernando Pessoa

FRASI SUL BOSCO

gennaio 10th, 2014

bosco3

Se corriamo troppo velocemente nel sentiero del bosco, possiamo non accorgerci del profumo dei fiori nascosti e delle gocce di pioggia suoi loro petali, simili a pietre preziose; probabilmente non ci accorgeremo nemmeno dell’altissimo tronco di un albero morto che, nel cuore della foresta, si è trasformato nella casa comune di uccelli diversi. Vivere è intendere ogni istante della vita come un miracolo che non potrà mai ripetersi.
Marcio Kuhne, Osa e il futuro sarà tuo

***

Niente è complicato, se ci cammini dentro. Il bosco visto dall’alto è una macchia impenetrabile, ma tu puoi conoscerlo albero per albero. La testa di un uomo è incomprensibile, finché non ti fermi ad ascoltarlo.
Stefano Benni, Saltatempo
***

La Società delle Ombre era forse nata a causa dell’affogato? Daniel e Virginia avevano presentato l’incantato e pericoloso inizio dell’ignoto, quell’impulso che nasceva dalla paura.
Daniel le aveva detto:

«Adesso fondiamo la Società delle Ombre».

Prima ancora di sapere di cosa si trattasse, Virginia col suo corpo aveva già confusamente capito e aveva aderito. La Società delle Ombre aveva dei fini strani e poco definiti. Loro stessi non li conoscevano e mescolavano i regolamenti con una sorta di disperata ignoranza. La Società delle Ombre doveva esplorare il bosco. Sì, così. Ma perché? Vicino al grande caseggiato c’era un sentiero quasi ostruito dal quale si raggiungeva l’oscurità, già, l’oscurità, ma perché?

«Perché la solitudine… Solitudine è il fine della Società», impose Daniel.

«Come?» Virginia non capiva bene.

«Tutto quello che ci fa paura perché ci lascia soli è quello che noi dobbiamo cercare», pontificò lui.
Clarice Lispector, Il segreto
***

Per Wexford era l’ultima passeggiata in Framhurst Great Wood. Non poteva essere diversamente. Aveva attraversato quel bosco per molti anni, praticamente per tutta la vita. Camminare non costituiva un problema: Wexford era forte come sempre e tale sarebbe rimasto ancora a lungo. Non lui, ma il bosco sarebbe cambiato, anzi sarebbe scomparso. Difficilmente sarebbero sopravvissuti Savesbury Hill, Stringfield Marsh e River Brede, nelle cui acque s’immetteva il Kingsbrook a Watersmeet. Anche questo piccolo corso d’acqua sarebbe stato irriconoscibile.
Per il momento non sarebbe accaduto nulla. Gli alberi sarebbero rimasti al loro posto per altri sei mesi, e indisturbata la vista sulla collina, come pure le lontre nel Brede e la rara farfalla carta geografica nel cuore di Framhurst Deeps. Ciononostante lui non avrebbe avuto il coraggio di tornare.

E così se ne andrà l’Inghilterra.
Ombre, prati, sentieri,
Municipi, cori di legno intagliato.
Ci saranno libri, tracce resteranno ancora
Nelle pinacoteche; ma altro non rimarrà
Per noi che cemento e gomme d’automobili.

Camminava tra castagni, grandi faggi dalla corteccia grigia, querce con i rami tinti di verde dai licheni. Gli alberi erano radi e le fronde si protendevano sopra l’erba che i conigli provvedevano a tenere rasata. Le farfare, le più precoci a spuntare, erano in piena fioritura. Da giovane Wexford aveva visto nel bosco anche le azzurre fritillarie, che crescevano soltanto in un raggio di quindici chilometri da Kingsmarkham. Ma era stato molti anni prima. Quando andrò in pensione, aveva detto alla moglie, voglio vivere a Londra per non vedere lo scempio della campagna distrutta.

Ruth Rendell, La strada delle farfalle
***

Andai nei boschi per vivere con saggezza, vivere con profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto.
Henry David Thoreau – Walden, ovvero La vita nei boschi
***

Siamo derubati meno offensivamente in un bosco che in un luogo sicuro.
Michel de Montaigne
***

Voi disboscate imbecilli
voi disboscate
Tutti i giovani alberi con la vecchia ascia
voi distruggete
Disboscate
imbecilli
voi disboscate
E gli annosi alberi con le loro radici
le loro vecchie dentiere
voi li conservate
E un cartello attaccate
Alberi del bene e del male
Alberi della Vittoria
Alberi della Libertà
E la foresta deserta appesta il vecchio bosco crepato
e partono gli uccelli
e voi restate là a cantare
Voi restate là
imbecilli
a cantare e a fare la parata.
Jacques Prevert, la guerra

FRASI DI Alma Gjini

gennaio 9th, 2014

AlmaGjini

Quando l’amore inizia,
Ancorata alle alchimie meravigliose
Come una farfalla
Alla ricerca d’un tripudio di colori
Nella vuota stanza, dove devota,
Ho bisogno di sfumature senza risveglio

Io Ti pretendo

Negli attimi pieni di te
Dove ti vivo e perdo l’anima
Nello stelo di sentimento
Tra cielo e terra cui canti

O quando passi
Verso un sentiero buio e oscuro
Lontano dal dolce alito
Che risalta il tuo respiro
Ed entra nel mio cervello

Io Ti pretendo

Anche quando verso lacrime rare
Di fronte a foto tenere che sfoglio
E al lungomare quando sonnecchio
Viaggiando tra i bordi delle tue labbra
Nel meriggio assolato
Dove il grigio macchiamo di fiamme
Nel ascoltare la notte che ci sorprende amanti

O all’alba a rincorrere
L’amor che tanto c’invade
Cibandomi di te

Io ti voglio, Ti pretendo
Devota a te, serva all’amore …
Alma Gjini
***

Manchi e te lo scriverò
Perfino nel sedersi a misura
Su un grande prato
A guardar il sol che sorge
E sentire la brezza leggera
Con occhi notturni stanchi e scavati
Che alzano il coperchio del tempo
Che passa all’improvviso
Senza lasciar tracce di noi

Perché l’inchiostro mi è come una droga
Fra le note che piovono da un cielo
Dove albergano constanti frammenti di pensieri
Attimi scalpitanti e ceneri lasciate dall’ultimo incontro
Portati via come una foglia dal libeccio del sud

Manchi e te lo scriverò,
Dovessi anche far danzare leggere a festa le lettere
E dovessi far cadere le parole
Respirarti e cercarti tra le radici

Manchi, ma non serve che cadano le parole
Per saper d’amarti anche se il labbro tace …

Alma Gjini
***
La notte porterà anche consiglio. Ma il giorno dopo il consiglio della notte mi sembra una gran cazzata, in più con le occhiaie.
Alma Gjini
***

Sei dentro quell’abisso dove nascondo i miei più intimi segreti
Dentro la campana che suona, contando le ore senza di te,
Dentro i pugni chiusi e le lacrime che piange il cuore greve
Allo spegnersi del giorno che rabbuia tutto intorno.

Dentro questo cupo presente pieno di nubi
Dentro quel tormento che mi parla d’amore
E ha la memoria,
Dentro mille idee che annebbiano la mente
E anche al silenzio che parla
Senza dire nemmeno una parola

E so che ci sei, che m’accarezzi stanco di osservare
Senza distinguere il sorriso del sole o il pianto della pioggia
Quei respiri spremuti che mormorano parole di ritorno
E affondano echi sordi ingoiando lo stesso pensiero
Che come uno squalo ti prende lasciandoti solo briciole

Ma tu sei dentro, dentro di me
Anche se respingo la tua voce, il tuo profumo
Quel breve ritornello di quel che fu
Che come corda nell’aria spande cilici di tenerezza

Sei dentro di me
La mia croce sul cuore…
Alma Gjini
***

Sono le donne difficili quelle che hanno più amore da dare, ma non lo danno a chiunque. Quelle che parlano quando hanno qualcosa da dire. Quelle che hanno imparato a proteggersi e a proteggere. Quelle che non si accontentano più. Sono le donne difficili, quelle che sanno distinguere i sorrisi della gente, quelli buoni da quelli no. Quelle che ti studiano bene, prima di aprirti il cuore. Quelle che non si stancano mai di cercare qualcuno che valga la pena. Quelle che vale la pena. Sono le donne difficili, quelle che sanno sentire il dolore degli altri. Quelle con l’anima vicina alla pelle. Quelle che vedono con mille occhi nascosti. Quelle che sognano a colori. Sono le donne difficili che sanno riconoscersi tra loro. Sono quelle che, quando la vita non ha alcun sapore, danno sapore alla vita.
Alma Gjini
***

Non serve che mi giudichi, tu sai di me solo quello che io voglio farti sapere, cioè meno di niente.
Alma Gjini
***

La notte porterà anche consiglio. Ma il giorno dopo il consiglio della notte mi sembra una gran cazzata, in più con le occhiaie.
Alma Gjini

« Prev - Next »