Frasi

FRASI CARINE ♣♣♣ Frasi Straordinarie Da Scrivere a chi Ami! Dedica una Frase Significativa, una Frase Carina e Straordinaria, FRASI SIGNIFICATIVE! Scegli le Tue FRASI!



I FILI INVISIBILI DEL SILENZIO

dicembre 12th, 2012

Esistono fili invisibili di silenzio che, al di là del tempo e delle distanze, riescono a tenere unito il pensiero di due anime, avvolgendole in un abbraccio senza fine. Ma ne esistono altri ancora più forti, che stringono in morse talmente strette da far male: sono quelli rimasti in sospeso. ♥ℐℬ

- Imma Brigante -

 

 

 

Il coraggio di sognare …

dicembre 11th, 2012

La paura non appartiene ai coraggiosi,

ed i coraggiosi hanno la voglia di rendere realtà un loro sogno,

per cui se ne fregano della paura e rischiano cercando di andare incontro a quel sogno,

cadono e si rialzano e continuano a provare, cuore e anima

e in quel percorso imparano tante cose  della vita e migliorano se stessi

solo cosi avranno magari la chiave del loro sogno.

È il percorso che facciamo verso un sogno che rende più bello il sogno diventato poi realtà. Dobbiamo avere fede in noi stessi e nella ricchezza delle nostre anime, il dono più prezioso che ci ha dato Dio. SumyFrasi ©

Sarebbe la forza magica dell’amore …

dicembre 8th, 2012

Sarebbe la forza magica ed imbattibile dell’amore che ci fa tornare sempre e comunque da lui o la fragilita’ e l’ingenuita’ del cuore che, pur soffrendone, continua a credere di poter nutrirsi e vivere solo d’amore? SumyFrasi ©

vedi che sto bruciando?

novembre 30th, 2012

Lo vedi??Vedi a che punto mi hai fatto arrivare??Sono sui piedi di un abisso, ho le ali bruciate. Ma lo vedi che bruciano anche da dentro? sono i miei pensieri e le miei colpe che mi ardono dentro e non c’è acqua che plachi questo fuoco,non ci sono parole per placare quello che sento, la paura, la rabbia,l’orgoglio,la gioia e la tristezza che mi porto ancora dentro.Non ho trovato qualcosa capace di cancellare tutto questo perchè forse è indelebile e fa male ogni volta di più,ad ogni minimo sussulto del cuore,in ogni istante.

E intanto continuo a bruciare senza sapere cosa fai,dove sei….perchè…

Le migliori

novembre 29th, 2012

Comunque le migliori sono quelle senza foto con 9798mila mi piace, senza decine di ragazzi che scrivono loro cuori in bacheca, Quelle che invece di pubblicare frasi fatte scrivono quello che pensano, anche a costo di non essere cagate da nessuno.
Quelle che ti contattano perchè hanno qualcosa da dirti su cosa pensi tu, non su come sei venuto in una foto.

Quelle che non si fanno problemi a mostrarsi per quelle che sono,
Quelle sono le migliori.

Andrea D’Anca

TI RICORDI DI ME? * SOPHIE KINSELLA

novembre 28th, 2012

Ho il peggior titolo professionale che esista. Imbarazzante. Quasi non entra nel biglietto da visita. Ho deciso che più è lungo il titolo più il lavoro è di merda. Cercano di abbagliarti con il titolo perchè tu non ti accorga che sei confinata in un angolo dell’ufficio a fare dei noiosissimi conti che nessun altro ha voglia di fare.
Sophie Kinsella * Ti ricordi di me?
***

la mattina dopo avrei dovuto alzarmi presto. Perchè….
Oh no…
Il funerale di papà. Il giorno successivo, alle ore undici. Il che significa…
Me lo sono perduto? D’istinto faccio per alzarmi, ma anche stare seduta mi provoca un terribile capogiro.
Alla fine cedo, se pure con riluttanza. Me lo sono perduto. Me lo sono perduto. Non posso farci niente.
Non che lo con oscessi bene, mio padre. Non era granchè presente, anzi, per la verità sembrava più uno zio che un padre. Quel genere di zio scherzoso e un po’ canaglia che ti porta i dolci a Natale e puzza di alcol e sigaretta.
La sua morte non è arrivata come un terribile choc.
Doveva farsi mettere un bypass coronarico, e si sapeva che l’operazione aveva solo il cinquanta percento di probabilità di riuscita.
Eppure oggi avrei dovuto esserci insieme alla mamma e Amy. Insomma Amy ha solo dodici anni, e tra l’altro è piuttosto timida per la sua età. All’improvviso me la vedo seduta nel crematorio di fianco alla mamma, tutta seria sotto la frangetta da pony delle Shetland, tra le mani un malconcio libretto per bambini. E’ troppo piccola per vedere la bara del padre senza la sorella più grande a tenerle la mano.Nel raffigurarmela mentre cerca di mostrarsi coraggiosa e adulta, sento d’un tratto una lacrima scendere lungo la guancia.. E’ il giorno del funerale di mio padre, io sono in ospedale con il mal di testa e forse una gamba rotta…
Sophie Kinsella * Ti ricordi di me?
***

preoccupata sorseggio la spremuta. E’ normale pensare che la propria madre sia matta. Ma la mia è tutta fuori. E se deve essere ricoverata? Che ne faccio dei cani?
Sophie Kinsella * Ti ricordi di me?
***

“credo di aver bisogno di rinfrescarmi”
In preda alle vertigini, trotto in bagno, mi spruzzo in po’ di acqua fresca in faccia, poi guardo allo specchio il mio riflesso stravolto, familiare e sconosciuto allo stesso tempo.
Ho la sensazione di essere sul punto di sciogliermi.
Qualcuno mi sta facendo un colossale scherzo? Sono in preda alle allucinazioni?
Ho ventotto anni, denti bianchi e perfetti, una borsa Louis Vuitton, un biglietto da visita che mi definisce “direttore” e un marito.
Come cavolo è potuto succedere tutto questo?
Sophie Kinsella * Ti ricordi di me?
***

e pensare che ci sono tante cose orribili e mortificanti che ricordo benissimo: quando a scuola all’età di sette anni, ho dovuto mangiare semolino rischiando poi di vomitare; la volta che a quindici, mi sono messa un costume da bagno bianco e quando sono uscita dalla piscina era trasparente e tutti i ragazzi sono scoppiati a ridere. Ricordo l’umiliazione come fosse ieri. Eppure non riesco a ricordare quella passeggiata lungo una perfetta spiaggia di sabbia a Mauritius. Nè di aver danzato con mio marito a un ballo prestigioso. Ehi cervello, non ce l’hai qualche priorità?
Sophie Kinsella * Ti ricordi di me?
***

IL DOLORE…

novembre 28th, 2012

Il dolore è un topo -
sceglie l’intercapedine nel petto
per timido nido -
ed elude la caccia -

…Il dolore è un ladro – rapido nel trasalire -
tende l’orecchio – per cogliere un suono
di quel vasto buio -
che ha trascinato la sua vita – indietro -

Il dolore è un giocoliere – ardito nell’esibirsi -
perché se esita – l’occhio per di lì
non colga i suoi lividi – siano uno o tre -
Il dolore è un buongustaio – moderato nel lusso -

Il dolore migliore non ha lingua -
prima che parli – bruciatelo in piazza -
le sue ceneri – lo faranno
forse – se rifiutano – come sapere -
ormai nemmeno la tortura ne caverebbe una sillaba

Emily Dickinson

 

FRASI 25 NOVEMBRE* Frasi Contro la Violenza sulle donne

novembre 25th, 2012

Violenza Donne Foto 25 Novembre

“I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano; lottare contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne è un obbligo dell’umanità; il rafforzamento del potere di azione delle donne significa il progresso di tutta l’umanità.”
Kofi Hannam

*

“La violenza distrugge ciò che vuole difendere: la dignità, la libertà, e la vita delle persone.”
Giovanni Paolo II

*

Distesa sul divano, con le mani tra le ginocchia, Mariam fissava i mulinelli di neve che turbinavano fuori dalla finestra.
Una volta Nana le aveva detto che ogni fiocco di neve era il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. Che tutti i sospiri che si elevavano al cielo si raccoglievano a formare le nubi, e poi si spezzavano in minuti frantumi, cadendo silenziosamente sulla gente.
“A ricordo di come soffrono le donne come noi” aveva detto. “Di come sopportiamo in silenzio tutto ciò che ci cade addosso”.
K. Hosseini, Mille splendidi soli

*

Ho giurato di non stare mai in silenzio, in qualunque luogo e in qualunque situazione in cui degli esseri umani siano costretti a subire sofferenze e umiliazioni. Dobbiamo sempre schierarci.
La neutralità favorisce l’oppressore, mai la vittima.
Il silenzio aiuta il carnefice, mai il torturato.
Èlie Wiesel, Premio Nobel per la pace

*

Invece di una donna che ama qualcun altro tanto da soffrirne, voglio essere una donna che ama abbastanza se stessa da non voler più soffrire.
Robin Norwood, Donne che amano troppo

*

Che il sole risplenda nei cuori dell’Umanità, che la gioia penetri nell’animo umano e vibri la vita sulla Terra, di ogni donna, di ogni uomo, di ogni essere vivente che in quanto tale ha diritto alla vita.
Emanuela

*

25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Una violenza che viene spesso tollerata, dalla donna stessa, o dalla “giustizia”.

*

Mi auguro che questa giornata venga presto eliminata. Non è un giorno da celebrare, non ritengo necessario ricordare gli abusi che sono stati resi pubblici, ma certo questo non vuol dire scegliere di vivere nell’ignoranza. Piuttosto oggi bisognerebbe mettersi in gioco e almeno tentare di comprendere le parole di Goethe “Chi è nell’errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza.”, ma non con la ragione, con la nostra stessa esperienza. Ricordando che violenza non è solo quella fisica, ma sono anche le parole e molto spesso, senza rendercene conto è proprio con le parole che compiamo la più sottile delle violenze.

foto © Steve McCurry: conosciuta come “la ragazza (o la bambina) afgana dagli occhi verdi” è stata scattata nel 1984 da Steve McCurry e pubblicata su National Geographic Magazine nel 1985. La storia di Sharbat Gula, la protagonista identificata solo nel 2002, è la metafora della vita di tutti i rifugiati; l’Afghanistan è uno dei paesi dove i diritti delle donne sono calpestati e questa donna ne è diventato il simbolo.

**

Storia del 25 Novembre.

Erano tre giovani donne le sorelle Mirabal, assassinate il 25 novembre di oltre mezzo secolo fa perché si erano opposte alla tirannia di un governo brutale come quello di Rafael Leonidas Trujillo, nella Repubblica Dominicana. La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra in tutto il mondo il 25 novembre, prende le mosse proprio dal sacrificio di Maria Argentina Minerva, Antonia Maria Teresa e di Patria Mercedes, uccise il 25 novembre del 1960 mentre andavano a trovare i propri mariti in carcere. L’assassinio delle sorelle Mirabal è stato dunque preso ad esempio dall’Onu, su indicazione nel 1981 di un gruppo di donne riunitesi in un consesso femminista a Bogotà, per designare – con la risoluzione 54/134 del 1999 – il 25 novembre come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La ferocia dell’atto perpetrato dagli uomini di Trujillo spiega bene l’intendimento delle Nazioni Unite: il 25 novembre del 1960 le tre sorelle furono intercettate dagli uomini del dittatore mentre si dirigevano a trovare i propri mariti in un carcere del Paese latino americano. Portate nei campi, vennero uccise a bastonate per poi essere riportate in macchina e spinte in un burrone, per simulare una loro morte casuale. Una vicenda che da lì a poco si diffuse dalla piccola Ojo de Agua, nella provincia di Salcedo, in tutto il mondo, fino a diventare il triste emblema delle violenza maschile, che ancora oggi, 52 anni dopo quell’accadimento, continua a perpetuarsi in tutto il mondo, anche in quello più civilizzato, declinandosi dal femminicidio alla violenza fisica, dallo stalking allo stupro, dalle violenze domestiche fino al mobbing sui posti di lavoro. Tutte espressioni distorte del potere diseguale tra donne e uomini.

1465394_710565262289320_1224933140_n

*

FRASI SUL CIOCCOLATO

novembre 21st, 2012

Ti sei mai chiesto se il cioccolato fa bene o fa male? Se è adatto ad una dieta o quali proprietà possono essere utili alla salute? Finalmente un libro che ne parla in una maniera assolutamente “dolce”. Sì dolce perchè fa riscoprire a tutti il lato “buono” del cioccolato, buono perchè fa bene alla salute e puo’ essere assaggiato, assaporato e gustato da tutti, proprio tutti!
Le proprietà antiossidanti, le virtù afrodisiache, la capacità di migliorare l’umore sono solo alcune delle caratteristiche dei semi di cioccolato, che possono fornire all’organismo tutte queste meraviglie attraverso l’uso corretto e salutare del cacao. Per conoscere questo seme prezioso chiamato cibo degli dei leggi il libro “Il cioccolato che fa bene” per scoprirne tutti i segreti e… tante succulente ricette.
W Il buon cioccolato!

Scopri questo splendido libro qui:
Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cioccolato che fa Bene - David Wolfe, Shazzie

Frasi Sul Cioccolato:

Il cioccolato, piacere dei sensi e della mente. Dolce rifugio in una giornata di pioggia.
Stephen Littleword, Aforismi

*

Poi mi sono ricordata che era rimasta un po’ di torta al cioccolato del giorno prima e così ho tirato fuori la testa per respirare.
Vale la pena di vivere per certe cose.
Cecelia Ahern, Scrivimi ancora

*

La cascata è molto importante, mescola il cioccolato. Lo rende leggero e schiumoso. Nessuna altra fabbrica al mondo mescola la cioccolata con una cascata, cari ragazzi, e su questo non ci piove!
dal film “La fabbrica di cioccolato” di Tim Burton

*

Il sorriso di un bambino sa di cioccolato e lamponi, sa di magia e vita.
Stephen Littleword, Aforismi

*

Il cioccolato non è un privilegio: ma un diritto. Come tale deve essere fornito, e quindi essere disponibile, come un vero e proprio servizio in ogni stato, in ogni comunità, in ogni isolato.
Sandra Boynton

*

La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita!
Tom Hanks, in Forrest Gump

*

Il mondo si divide in: quelli che mangiano il cioccolato senza il pane; quelli che non riescono a mangiare il cioccolato se non mangiano anche il pane; quelli che non hanno il cioccolato; quelli che non hanno il pane.
Stefano Benni, Margherita dolcevita

*
Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cioccolato che fa Bene - David Wolfe, Shazzie

« Prev - Next »