Aforismi

Aforismi Aforismi Belli, Aforismi Per Tutti i Gusti, Scegli Un Aforisma Speciale, Aforismi e Aforismi Celebri, AFORISMI BELLI!



ESCI DALLA MIA VITA!

ottobre 3rd, 2012

Questo è successo? Sono stata solo un accessorio in un culto privato?
Forse cambi donna a ogni stagione, e questa è stata “l’estate di Myriam”, a cui seguirà l’inverno di chissà chi… Forse misuri il tempo in donne, e io ero soltanto una lancetta che segna il trascorrere di un’altra ora… Forse la tua vera conversazione non si svolge con noi, povere e piccole figlie di Eva, bensì con Sua Maestà il tempo…
Esci dalla mia vita.

 

CHE TU SIA PER ME IL COLTELLO, DAVID GROSSMAN

Share

COME CI SEI RIUSCITO?

ottobre 3rd, 2012

Un pensiero che non mi abbandona: dove mi sorprenderà la prima pioggia della stagione? A casa? Per strada? In classe, durante una lezione? E in che parte del corpo mi colpirà la prima goccia? Di notte l’orecchio è teso a cogliere ogni più piccolo rumore.
Ma ci sono anche altre possibilità: rifiutare questa tortura. Non collaborare. Smettere di tormentare la ferita di questa attesa.
Alla lista delle cose perdute aggiungo stamattina, col cuore pesante: la libertà interiore.
Un altro giorno. Non ci sei. Non smetto di guardare il cielo. Come sei riuscito a trasformare il mondo intero in un’enorme morsa che, a poco a poco, si stringe intorno a me? Basta, basta, basta!

CHE TU SIA PER ME IL COLTELLO, DAVID GROSSMAN

Share

CI VORREBBE UN UOMO NUOVO, CHE RINUNCIA AD AVERE PER ESSERE

ottobre 2nd, 2012

La funzione della nuova società è di incoraggiare il sorgere di un uomo nuovo, la cui struttura caratteriale abbia le seguenti qualità:

Disponibilità a rinunciare a tutte le forme di avere, per essere senza residui.

Sicurezza, sentimento di identità e fiducia fondate sulla fede in ciò che si è, nel proprio bisogno di rapporti, interessi, amore, solidarietà con il mondo circostante, anziché sul proprio desiderio di avere, di possedere, di controllare il mondo, divenendo così schiavo dei propri possessi.

Accettazione del fatto che nessuno e nulla al di fuori di noi può dare significato alla nostra vita, ma che questa indipendenza e distacco radicali dalle cose possono divenire la condizione della piena attività volta alla compartecipazione e all’interesse per gli altri.

Essere davvero presenti nel luogo in cui ci si trova.

La gioia che proviene dal dare e condividere, non già dall’accumulare e sfruttare.

Amore e rispetto per la vita in tutte le sue manifestazioni, con la consapevolezza che non le cose, il potere e tutto ciò che è morto, bensì la vita e tutto quanto pertiene alla sua crescita hanno carattere sacro.

Tentare di ridurre, nei limiti del possibile, brama di possesso, odio e illusioni.

Vivere senza adorare idoli e senza illusioni, perché si è raggiunta una condizione tale da non richiedere illusioni.

Sviluppo della propria capacità di amare, oltre che della propria capacità di pensare in maniera critica, senza abbandonarsi a sentimentalismi.

Capacità di rinunciare al proprio narcisismo e di accettare le tragiche limitazioni implicite nell’esistenza umana.

Fare della piena crescita di se stessi e dei propri simili lo scopo supremo dell’esistenza.

Rendersi conto che, per raggiungere tale meta, sono indispensabili la disciplina e il riconoscimento della realtà di fatto.

Rendersi inoltre conto che una crescita non è sana se non avviene nell’ambito di una determinata struttura, ma in pari tempo riconoscere le differenze tra la struttura intesa quale un attributo della vita, e l’« ordine » inteso quale un attributo della non vita, di ciò che è morto.

Sviluppare la propria fantasia, non quale una fuga da circostanze intollerabili, bensì quale un’anticipazione di possibilità concrete, quale un mezzo per superare circostanze intollerabili.

Non ingannare gli altri, ma non lasciarsene neppure ingannare; si può accettare di essere definiti innocenti, non ingenui.

Conoscere se stessi, intendendo con questo non soltanto il sé di cui si ha nozione, ma anche il sé che si ignora, benché si abbia una vaga intuizione di ciò che non si conosce.

Avvertire la propria unicità con ogni forma di vita, e quindi rinunciare al proposito di conquistare la natura, di sottometterla, sfruttarla, violentarla, distruggerla, tentando invece di capirla e di collaborare con essa.

Far propria una libertà che non sia arbitrarietà, ma equivalga alla possibilità di essere se stessi, intendendo con questo non già un coacervo di desideri e brame di possesso, bensì una struttura dal delicato equilibrio che a ogni istante si trova di fronte alla scelta tra crescita o declino, vita o morte.

Rendersi conto che il male e la distruttività sono conseguenze necessarie del fallimento del proposito di crescere.

Rendersi conto che solo pochi individui hanno raggiunto la perfezione per quanto attiene a tutte queste qualità, rinunciando d’altro canto all’ambizione di riuscire a propria volta a « raggiungere l’obiettivo », con la consapevolezza che un’ambizione del genere non è che un’altra forma di bramosia, un’altra versione dell’avere.

Trovare la felicità nel processo di una continua, vivente crescita, quale che sia il punto massimo che il destino permette a ciascuno di raggiungere, dal momento che vivere nella maniera più piena possibile al singolo, è fonte di tale soddisfazione, che la preoccupazione per ciò che si potrebbe o non si può raggiungere ha scarse probabilità di rendersi avvertita.

ERICH FROMM, AVERE O ESSERE

Share

UNA LETTERA NASCOSTA

ottobre 2nd, 2012

Lo sai? forse sarò uno stupido ma, a distanza di tempo, guardo ancora le tue foto come se fosse la prima volta, quella sensazione di averti già vista da tempo, nelle mie fantasie, nei miei pensieri e magie, sai, ancora rileggo nella notte quello che ci siamo scritti, specie quando il mondo e triste e piove, come ora la fuori, scorro le nostre lunghe conversazioni, le nostre fantasie, i nostri pensieri, rileggo quei sentimenti confessati, tremando, nel letto, la paura di esprimermi, quella sensazione viva e amara di sbagliare tutto, ma poi, con le tue risposte tutto tornava piacevole e rilassante, e mi dicevo a me stesso di andare piano, perchè le sofferenze passate mi hanno lacerato, graffi, dove il sangue scivola via dalla pelle, il suo picchiettio sul pavimento si confonde con il gridare della pioggia su l’asfalto, il tetto e le finestre, ma con te tutto era diverso, ed ora non c’è più niente.

Sai che, ancora adesso, la mia mente mi riporta alla tua voce, i miei occhi su tutto quello che scrivi, e alle volte ti sogno, ma resto in silenzio, anche se la mattina sono tranquillo perchè i miei sogni sono vivi e accesi, è come se ti vedessi davvero, ed ogni volta che lo sguardo cade sulla tua immagine, il mondo dietro si zittisce, e il cuore comincia a scaldarsi, è una brutta sensazione ma allo stesso tempo una bellissima vibrazione, vederti sorridere mi piace, ma sapere che non sono io a disegnare quel sorriso mi fa tremare, di solitudine, di nostalgia, di delusione.

Avrei voluto che le cose fossero andate diversamente, anche se io sono ancora predisposto a farlo, ma nulla è come la prima volta, vedo intorno a me migliaia di occhi, di mondi, ma nessuno di essi, per quanto possano essere belli, mi fa battere il cuore, possono essere speciali per qualcun altro, ma non saranno mai come gli occhi che ho cercato per tutta una vita, quelli che speri sempre di trovare primo o poi, quelli che, si materializano davanti al tuo percorso, uscendo dai nostri sogni, quella voce che ti aspettavi di sentire da tempo, sei quell’anima che, quando la sfiori ha quel sapore tanto atteso, quella persona complessa che ha bisogno di essere guidata, con la forza, con l’amore e con la sincerità, la creatura che non ti vergogni a portare in giro, sei quella persona che ama il tempo e la vita senza guardare il futuro da vicino.

Anche ora che sei lontana, mi accorgo che sei ancora il sogno che mi porto dentro da tempo, mi accorgo che, anche se sei ancora davanti a me, mi manchi più dell’acqua, più del sole e della luna, sono solo senza te, ma se hai paura di tutto questo, allora me ne starò in silenzio, accontentandomi di vederti sorridere, e di vederti scrivere.

E mentre fuori la pioggia ha smesso di gridare ritorno nel mio letto, chiudo gli occhi, e comincerò a sognare.

(Ejay Ivan Lac)

Share

Rimpianto

ottobre 2nd, 2012

Amore che rimpiango, sciolto dai miei nodi,  ti stai disegnando una nuova vita, cercherai nuovi volti,  nuove voci,  labbra rosse, nuovi corpi  d’accarezzare.  Mi fa male non saperti mio, le  emozioni  e i ricordi  mi  si sono aggrappate all’anima. Per quanto  cancelli ogni traccia di  te non riesco  a terminare quel  gioco iniziato insieme, dove eravamo felici, ma come ogni gioco finisce, lo trasformerò  in favola ed  ogni  notte la vivrò con te. Sarà  incompiuta perche  la parola fine in questa  fola  e nel   mio sogno non la voglio, a domani amore………

(Mirella Narducci)

Share

Pace per gli uomini

ottobre 2nd, 2012

Non me la tolgo più dagli occhi
più la  rivedo e più mi turba
violata libertà
calpestata innocenza
porta una data
11 settembre 2001.
La guardo in faccia la paura
l’allontano
cerco fra quelle polveri
che soffocano
il grido  disperato
della parola,  Pace.
Negli  schianti
e infuocati tralicci
smunti volti  sparuti
come fantasmi
vagano  distrutti
la pace ha il loro volto
e tra tutte le  grida
è quella non udita
gettata  sotto i detriti
calpestata
affianca  i  morenti
innocenti di quel tragico giorno
flebile  lamento
come una preghiera, sale
nel  cielo azzurro
Pace!

(Mirella Narducci)

Share

A volte basta il mare

ottobre 2nd, 2012

a volte basta il mare per ricordarci che siamo parte di un disegno molto più grande!

Share

CUORE E RAGIONE

ottobre 2nd, 2012

 

Raramente il cuore segue il cervello,
raramente la ragione prende il sopravvento al sentimento.
Ma il cuore spesso non fa vedere la fine di un amore se non sei pronto a vederlo.
Ti accontenti di pochi istanti di felicità,pur sapendo di dover affrontare ore di illusione.
Ma… ad un certo punto la ferita presente nel cuore sanguina ininterrottamente,il dolore prende il sopravvento.
La ragione comincia a sussurrare al cuore che le bugie trasformate in verità,sono solo dannose per il tuo equilibrio interiore e l’accontentarsi di quei pochi attimi di poesia sono solo il preludio di una lunga sofferenza.
In quel momento la consapevolezza ti invade:
Ognuno di noi ha il proprio modo di amare l’altra persona, ma se quel modo non è il tuo, se non ti rende nè felice nè sereno, non accontentarti di un amore vissuto a metà….

 

Elisa M.

Share

Filastrocca della nonna

ottobre 2nd, 2012

Filastrocca della nonna
che mai vuole andare a nanna,
cinquemila amici ha
e con loro sta a chattar.
Nella piazza virtuale
tutti i post sta a guardare
sian prati, cieli o mare;
storce gli occhi, arriccia il naso
tagga sempre il buon Tommaso.
Ed il sabato la sera
cotta a punto come pera
con ombrello e cappellino
corre sempre in discoteca
con l’amato nipotino.
Balla ben la macarena,
non disdegna il tip tap
e del tango è la regina
sempre prima ballerina.
Alle tre de la mattina
torna a casa la nonnina,
lieta canta dolce ninna
lesta corre a far la nanna.

– copyright@Maria Savasta
Tutti i diritti riservati

Share

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni