Aforismi

Aforismi Aforismi Belli, Aforismi Per Tutti i Gusti, Scegli Un Aforisma Speciale, Aforismi e Aforismi Celebri ► AFORISMI BELLI!



tu

dicembre 18th, 2014

nei tuoi capelli il buio della notte

nei tuoi occhi il colore del mare

nel tuo sorriso la promessa di

giorni pieni d’amore

milano-barbiere-cristina-barbiere-cristina-pulizia-viso-per-uomo-sconto80-41017-WDO24a

PAROLE COME CADAVERI

dicembre 13th, 2014

Le tue parole ormai, sono come i cadaveri, morte è sepolte sotto il terreno della mia pelle, non le sento più, non le ricordo più, prima erano importanti ora sono morte.

Sai che ogni persona dentro di se ha un cimiterò dove seppellire le frasi e le persone che non fanno più parte della sua vita?

Il mio è grande, e c’è molto spazio, chiunque tu sia ora ti trovi li, non lascio vivo nessuno, tu fammi del male, ed io ti uccido, preparo la bara e ti chiudo li dentro, con le tue frasi, con i tuoi occhi, con i tuoi sguardi e gesti, chiusa o chiuso, non fa differenza, li dentro senza respiro, e non avrai più nulla da me, ne un saluto, ne un sorriso…

Non ti porterò fiori per la tomba, e non perderò tempo con nessun funerale.

E non proverò a riportarti in vita, per una seconda possibilità!

Rimmarai li nel mio cimitero, e con il tempo dimenticherò tutti quelli sepolti, diventeranno polvere e il vento, li soffierà via…

Per creare altro spazio per quelli che verranno da me, con cattive intenzioni!

(Ejay Ivan Lac)

cimitero

 

GRATTARE L’ASFALTO

dicembre 13th, 2014

Anche se la notte è profonda e il freddo gela il viso, mentre all’orizzonte la nebbia copre la visuale, illuminata dalla luce dei lampioni e soffocata dal bellissimo silenzio del momento, dentro di te, si sente la voglia di scavare il terreno e provare a raggiungere il centro della terra…

Con le dita che sfregano violentemente sull’asfalto, mentre le lacrime escono dal cuore e sgorgano dagli occhi, le unghie si spaccano e il sangue buca il terreno, non senti il dolore della carne quando dentro di te esiste un dolore ancora più intenso…

La paura di non riuscire a vivere ancora per molto, in un turbine di immagini che coprono gli occhi, l’ansia della notte e i batitti di ore senza sonno, la voglia di poter liberare il sangue dal fango che il tempo, ha macinato dentro di te!

Poi ti fermi e smetti di grattare, nel buio, nel freddo, nella nebbia, con lo sguardo rivolto verso il basso scopri che sotto al terreno esiste la luce, quella che indica che nulla è perduto…

E che quell’asfalto che tu gratti, puoi ancora percorrerlo per arrivare la…

Dove hai sempre sognato!

(Ejay Ivan Lac)

nebbia

I PETALI DEL CUORE

dicembre 13th, 2014

Raccogli ogni cuore come se fosse un fiore, il cuore ha tanti petali invisibili che puoi sentire solo se lo guardi con l’anima, non sfiorarlo mai con le mani in quanto lui è troppo delicato, ogni suo petalo rischia di cadere se lo urti troppo violentemente…

Coltiva ogni cuore nel giardino che respira dentro di te, loro cresceranno, e si prenderanno cura di te!

(Ejay Ivan Lac)

petalo

C’è chi ama, e chi vuole esserlo…

dicembre 8th, 2014

L’amore tra due persone si divide in due fasi, c’è chi ama, e chi vuole essere amato.
Ci sono quelli che amano il primo giorno, se sei fortunato anche il secondo, poi una volta gettati le basi, pensano di vivere di rendita, io ti amai, io fui, quella volta io…
Come se l’amore donato prima, fosse un favore ricevuto dopo.
Ci sono quelli che amano un giorno, il primo, e poi?
E poi vogliono essere amati per il resto dei giorni.
E allora il resto dei giorni diventa una sorta di pellegrinaggio, devi adorarli sempre, devi pregarli, e loro non hanno mai torto quando l’amore diventa discussione. Chi vuole essere amato può esprimere la propria rabbia senza pensare alle conseguenze, a quelle offese che per riprenderti la tua autostima ci vorrebbe il migliore dei piscologi in circolazione, e se cerchi di difenderti, loro ti ricordano sempre, il primo giorno, oppure il secondo, se fai sempre parte dei fortunati.
E allora chi ama, continua a farlo, senza sè, e senza mà, continuano perchè illusi si ricordano il primo giorno, perchè chi ama in fondo ha bisogno di un illusione quando l’amore non è corrisposto.
L’orgoglio l’hanno venduto il primo giorno, non guardano se hai chiamato per primo, se hai fatto un gesto piuttosto che un altro, amano senza la presunzione di essere corrisposti, amano perchè prima di tutto credono in quello che sentono loro e non in quello che arriva a loro.
Chi vuole essere amato, e sempre quello/a, che in passato ha amato tanto ( cosi dicono) quindi adesso tocca agli altri amare, loro hanno già dato, hanno già pianto, quindi in amore hanno il diritto di sputarti addosso, e quando lo fanno si prendono oltre il diritto di averlo fatto, anche la ragione….
Questo succede anche in amicizia, ci sono quelli che ti dicono (da oggi ci sono solo per quelli che ci sono sempre stati) Quindi se diventi amico di queste persone, non devi fallire un giorno, ti devi svegliare la mattina e ricordarti di esserci, perchè se no, sei fuori, sei uno che non sa amare, uno considerato e giudicato.
Le persone si dividono in due categorie nei sentimenti, e il bello è, che in queste due categorie opposti, le stesse si attraggono, e allora si dividono e condividono. Ma alla fine quelli che hanno sempre amato, a brandelli, con il cuore a pezzi, camminando e strisciando, cercano sempre di amare se stessi, e quando decidono di farlo, ci mettono un giorno, mai due….

Il piacere e l’amore…

dicembre 6th, 2014

Avrei voluto che di me lei avesse amato una piccola parte.
Che ne so, un sorriso, uno sguardo, un unghia, un sopracciglio, un profilo, qualsiasi cosa da far dire all’amore quando ti manca
…adesso mi manca quel particolare che tanto mi piaceva.
Un particolare. Quel particolare, piccolo, che non trovi in nessun altro, quel particolare che distante ne senti la nostalgia, perchè i tuoi occhi non possono vedere, le tue mani non possono toccare, il tuo naso non può respirare. Avrei voluto questo, una parte del mio essere nei suoi pensieri, nella sua felicità, nella sua nostalgia, nel suo amore, nella sua vita.
Avrei voluto non essere un nome piuttosto che un altro, ma essere qualcuno che altri non sarebbero mai stati.
Avrei voluto che lei avessi amato me, non il suo tempo quando era con me.
Avrei voluto non essere il piacere che ha dettato l’amore, ma essere un piccolo anche “insignificante” particolare, visto con gli occhi dell’amore, uno di quelli che gli altri non potevano mai vedere…
Essere speciale, semplicemente amore, magari in un piccolo spazio, per quel piccolo particolare.
Non puoi obbligare nessuno ad amarti, ma nessuno ha il diritto di sceglierti per i propri piaceri, per le proprie paure.
L’amore non è un cartello con scritto affitasi. L’amore è un piccolo particolare nel tuo cuore, che cresci e custodisci ogni giorno.
L’amore è ciò che vedi tu, e gli altri non vedono, perchè se sei come tutti, come tutti verrai amato.

Ho visto l’autunno arrivare

dicembre 6th, 2014

Ho visto l’autunno arrivare

tingere di giallo le foglie

farle volteggiare per poi spargerle

ho visto l’autunno tingere il cielo

con pennellate d’autore poi il vento

disperdere le nuvole e i suoi colori

Ho visto l’autunno sul volto dei passanti

incantati a guardare l’autunno passare

coloridautunnobq4

 

FRASI SULLA SEPARAZIONE

dicembre 4th, 2014

separazione

Non esiste separazione definitiva fino a quando c’è il ricordo.
Isabel Allende

***

Quando ci si accorge che l’amore del nostro partner nei nostri confronti va irrimediabilmente spegnendosi, un sano istinto di sopravvivenza imporrebbe di lasciarlo prima di essere lasciati, per evitare di aggiungere al dolore della separazione anche quello dell’abbandono.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci
***

Come gli uccelli, dopo essersi incontrati sull’albero che li ospita, si separano, così l’incontro delle creature finisce sempre con la separazione. E come le nubi si addensano e di nuovo si allontanano, così, credo, è l’unione e la separazione degli esseri viventi.
Buddha
***

Siamo a fine settembre. Il tempo non passa mai e nello stesso tempo vola. Le giornate sono frenate dalla fatica della nostra separazione ma, a guardarle dopo, si deve fare i conti su quanto tempo non abbiamo passato insieme.
Luciano Ligabue
***

La separazione e la morte sono atroci. Però un amore che non sembri l’ultimo della vita, per una donna non è che un inutile passatempo.
Banana Yoshimoto
***

Separarsi è un sì dolce dolore, che dirò buona notte finché non sarà mattina.
William Shakespeare
***

È sempre doloroso separarsi dalle persone che si conoscono da poco. Si può sopportare l’assenza di vecchi amici con animo sereno. Ma perfino una momentanea separazione da qualcuno a cui si è appena stati presentati risulta quasi insopportabile.
Oscar Wilde

***

Pensando al matrimonio, non è il legarsi a una donna che l’uomo teme: è il separarsi da tutte le altre.
Helen Rowland

IL SANGUE DI UNA DONNA

dicembre 3rd, 2014

Gessica aveva soltanto dimenticato di rispondere al messaggio del suo ragazzo, ma lui, non ha voluto sentire ragioni, mentre il vento spostava gli alberi lui spostò il viso si lei, con una sberla, gridando contro il suo viso dicendogli che deve essere veloce a rispondere, e che lui non accetta di essere preso in giro da lei…

Gessica aveva tanti pensieri per la testa, e cercò di fagli capire che ciò che diceva era la verità, ma davanti ad un ragazzo così, non esistevano ragioni, davanti ad un maschio che ha bisogno di sentirsi forte soltanto gridando contro una donna, davanti agli amici che lo guardavano ridendo, e sorseggiando quella birra che, stringevano tra le mani…

Lui la prese dai capelli e la spinse contro il cofano della macchina, chiamandola puttana, stronza, e che senza di lui nessuno gli aprirebbe le gambe da quanto è stupida!Il sangue di Gessica cominciò a gelare, guardare e sentire quella persona che amava, in quel modo, la faceva cadere in un fosso liscio, da dove non si riesce più a risalire, e più lui gridava e la picchiava, lei vedeva la luce sparire, non sentiva più il vento ne le foglie degli alberi muoversi!È stato un attimo, lei riprese coscienza e lui si rialzò i pantaloni, minacciandola che la prossima volta gli avrebbe tagliato la gola…

La ragazza tremava e scese dal cofano, salì in macchina per farsi riportare a casa, mentre il paesaggio scorreva, le immagini si disegnavano davanti ai suoi occhi, lo sguardo nel vuoto e il sangue che graffiava la carne, il suo cuore era come pietra, e non riusciva più a sentirlo battere d’amore, ma solo di odio, le sue mani tremavano mentre si caricavano di un’emozione mai sentita prima, la paura sembrava essere sparita e cominciò a sentirsi diversa dall’essere umano che era prima…

Quando lui si fermò davanti a casa di lei, Gessica prese il coltellino che aveva visto mentre saliva in auto, nella tasca della portiera, e con forza lo piantò nella gola di lui, gridandogli le parole più brutte che gli passavano per la testa.

Scese dall’auto e risalì in casa, mentre lui era agonizzante in macchina, lei si guardò allo specchio del suo bagno e chiamò la polizia…

Mentre sorrideva davanti allo specchio!

(Ejay Ivan Lac)

FEMMINA

« Prev - Next »



LIBRO: Ricette Vegan - Le 4 Stagioni