Aforismi Morte

Aforismi Morte ❤❤❤ Aforismi Sulla Morte, Aforismi Celebri Morte. Aforismi e Frasi sulla Morte, Aforismi Morte Di un Amico ► Aforismi Morte!



Volare Significa Credere, Paradiso Sinaptico

marzo 4th, 2015

Fabio Meneghella WebSite (Click Here)

Quando la vita andrà oltre se stessa, la realtà sorpasserà il sogno. Se sei nato sei già un vincente, nell’Universo grembo della tua preziosa madre hai battuto milioni di candidati alla vita, sei tu il prescelto, hai già volato una volta. Ora Dio ti chiede di compiere il tuo ultimo volo, conquista la mente dei tuoi fratelli, conquista il Paradiso Sinaptico e conquisterai l’eternità, e il vero Paradiso ai tuoi occhi si aprirà.
Un cuore di donna accompagnerà il trascorrere senza tempo, simbolo della tua rinascita sarà. Per salvare il Mondo non serve un eroe, ma un buon genitore.
Sei un ricordo, sei rinato, la Terra avrà te.
Sei nella mia mente, volerai tra le menti dei tuoi fratelli, come il Verbo di Dio tra sinapsi, questo sarà il tuo Paradiso, volerai, perché volare significa credere! Fabio Meneghella

FRASI 2 NOVEMBRE

novembre 2nd, 2014

frasi-2-novembre

Il 2 Novembre è il giorno della memoria, il giorno in cui si ricorda chi ha sfiorato la nostra vita e che la vita ce l’ha donata. Il 2 Novembre è solo un giorno della memoria, la memoria delle persone che si sono amate e che non ci sono più, ma che vivono nei ricordi di ognuno di noi, ogni giorno.
Stephen Litteword, Aforismi

*

Il dolore è sordo, il dolore è muto. Il dolore è sordomuto. Sordo perché ascolta solo se stesso, muto perché non ci sono parole che possano parlarne.
A. G. Pinketts, L’assenza dell’assenzio

*

Non lasciare che la morte o i dolori ti rubino i ricordi gioiosi.
Tieniti stretta questa tua felicità che hai conosciuto, che hai condiviso.
Non andrà mai persa.
Pam Brown

*

Se un giorno non mi vedessi più varcare la soglia della porta
come sono solita fare,
alza gli occhi al cielo turchese di un nuovo giorno
e cercami fra le stelle che accendono la luce della volte celeste,
fra le odoroso ginestre gialle che incorniciano le nostre colline.
Cercami negli occhi di chi ami.
Cerami nel silenzio del tuo Cuore.
Stephanie Sorrel

*

Il 2 Novembre si celebra la commemorazione dei defunti.

Per la commemorazione dei defunti segnaliamo le Poesie sulla Morte pensieri e riflessioni per i nostri cari che non ci sono più.

Leggi anche la raccolta di Frasi sulla commemorazione dei defunti

FRASI DI COMMEMORAZIONE PER I DEFUNTI

novembre 2nd, 2014

candela

Una lacrima
per i defunti evapora.
Un fiore sulla loro tomba
appassisce.
Una preghiera
per la loro anima
la raccoglie Iddio.
S. Agostino
***

I morti percepiscono la luce della verità spirituale. La cosa più bella, la cosa più importante che possiamo donare ai nostri morti è di leggere per loro qualcosa che abbia un vero contenuto spirituale.
Come la pioggia scende benedicente dalle nubi sulla Terra, così il pensiero luminoso si solleva verso i morti, su, fino alle regioni dello Spirito.
Rudolf Steiner
***

E se un giorno me ne andassi,
sappi che VIVO nelle quiete del tuo Cuore.
Stephanie Sorrel
***

Nessuno muore sulla terra
finchè vive nel cuore di chi resta.
***

L’assenza non è assenza, abbiate fede,
colui che non vedete è con voi.
S. Agostino
***

“… Non piangere”,  ti dicevo,  “E’ vero, me ne andrò prima di te, ma quando non ci sarò più ci sarò ancora, vivrò nella tua memoria con i bei ricordi: vedrai gli alberi, l’orto, il giardino e ti verranno in mente tutti i bei momenti passati insieme. La stessa cosa ti succederà se ti siederai sulla mia poltrona, o quando farai la torta che ti ho insegnato a fare oggi, e mi vedrai davanti a te con il naso sporco di cioccolato.. e sorriderai!”
Susanna Tamaro
***

Non lasciare che la morte o i dolori ti rubino i ricordi gioiosi.
Tieniti stretta questa tua felicità che hai conosciuto, che hai condiviso.
Non andrà mai persa.
Pam Brown
***

Lasciate che i morti partano tranquillamente, non tratteneteli col vostro dolore e la vostra sofferenza. Pregate per loro, inviate loro il vostro amore, pensate che si liberino e si elevino sempre più nella luce. Se li amate veramente, sappiate che sarete un giorno con loro. Questa è la verità. Là dove è il vostro amore, là un giorno sarete anche voi. Per incontrare nuovamente quell’essere là dove si trova ora, l’unico mezzo infallibile consiste nel fare lo sforzo di coltivare le stesse qualità che si sentivano e si apprezzavano in lui quando era in vita. Se volete veramente ritrovare un essere a voi caro, non avete altra soluzione che cercarlo attraverso le sue virtù, perché un tale incontro può verificarsi soltanto per la legge di affinità. Sviluppando le sue stesse qualità, ritroverete il suo spirito, che è realmente quell’essere.
 O. Mikhaël Aïvanhov

LO SPARO NEL CUORE

aprile 24th, 2014

Alzo la pistola e ti sparo nel cuore, metto fine alle tue sofferenze, metto fine ai tuoi problemi, alle tue sciagure, metto fine al tuo fastidio verso di me…

Metto fine al mio, verso di te!

Ma questo è impossibile, tutto questo è illegale, ma gratificante con l’immaginazione!

(Ejay Ivan Lac)

sparatoria

SOTTO I PIEDI

marzo 29th, 2014

Il piacere di sentire le tue ossa spaccarsi sotto le mie scarpe, cominciando dalle mani, camminando sulle tue gambe, percorrere la tua schiena ed arrivare alla testa, così la tua mente sarà priva di dire menzogne, di parlare della mia vita, senza neanche aver mai assaggiato una mia lacrima, che nel buio, quando cade, buca il pavimento e affoga l’anima!

Schiacciarti con il sorriso sulle labbra, senza distogliere il mio sguardo dal tuo corpo, restando a guardarlo per un istante, come si guarda un brutto insetto spremuto sull’asfalto…

(Ejay Ivan Lac)

nonvedononsentononparlo

Volare Significa Credere (parte 1)

marzo 27th, 2014

Fabius Meneghella
“Basta una tempesta a far precipitare i nostri sogni.
Due ali non sono sufficienti per spiccare il volo.
Dietro ogni tramonto s’innalzerà un progetto divino e il male non trionferà!
Se tutto hai perduto c’è sempre un Paradiso da conquistare,
perché il dolore una nuova vita partorirà.
Un’aurora accenderà il firmamento e una corrente ascensionale ti solleverà!
Oltre l’uragano brillano le stelle, la gravità si dissolve, un soffio gelido irrora il tuo cuore, dove il Sole è un’alba immobile, laddove una nuvola mai più sorpasserà i tuoi sogni!
Per risorgere ti basterà aver vissuto,
perché Volare Significa Credere!”
Fabio Meneghella

Volare Significa Credere, Aurea Resurrezione

marzo 24th, 2014

Fabius Meneghella

Fabio Meneghella WebSite ( Click Here )

 

Oceano e Gea come dinosauri, titani senza volto dominavano il mondo, come pianta senza sole o anima senz’amore. Quando i peccati pesavano come lacrime sul viso, e il bene risiedere su un territorio irriso, più lontano delle Caroline, più profondo delle Marianne. Vivevo nel nulla prima del tempo. Il perdono e l’amore le mie uniche armi, sostituiscono la vendetta e l’odio, trapassano come la notte e il giorno nell’oblio del mondo. Il destino, il riflesso dei miei fratelli sulla mia pelle… se vuoi slanciarti verso i cieli, devi prima aver toccato il fondo. Oh mia famiglia, miei fratelli… il vostro volto, il vostro riflesso riecheggerà lucido tra le mie ultime lacrime, che come pioggia d’estate vi rinfrescheranno l’anima, scivolando dolcemente sui nostri ricordi. Megiddo il mio ritorno attenderà, continuate a volare e a credere! Gravitoni, come un’alba, come un esplosione sorgono dal mio cuore, innalzando una nuova via, un ponte tra due mondi. Sono qui, l’Iperuranio ad un soffio d’angelo, ora sento il vuoto colmare il nulla, un’aria preme sul mio nuovo respiro, petali invisibili mi sfiorano l’anima e una spirituale armonia sfocia in me. Peccati, leggeri come pianeti, pesanti come uccelli appaiono ai miei occhi. Grandi sognatori di campi elisi con me vivono, la fine di tutte le cose mai giungerà, poiché in natura tutto è circolare! Io ho scelto il colore del mio tramonto, un’alba può cambiare una vita e la vita un tramonto! Sarò solo più lontano, la lontananza non elimina il creato, ma lo rende… invisibile! Fabio Meneghella

 

ESSERE QUALCUNO

gennaio 25th, 2013

Prendi me, – le dissi. – Anch’io da ragazzo studiavo le scienze. E non sono diventato nessuno.-
-Cosa dici? Tu hai la laurea, sei professore. Vorrei saper io le cose che sai.
-Esser qualcuno è un’altra cosa, – dissi piano – Non te l’immagini nemmeno. Ci vuole fortuna, coraggio, volontà. Soprattutto coraggio. Il coraggio di starsene soli come se gli altri non ci fossero e pensare soltanto alla cosa che fai. Non spaventarsi se la gente se ne infischia. Bisogna aspettare degli anni, bisogna morire. Poi dopo morto, se hai fortuna, diventi qualcuno.

Cesare Pavese

PENSIERI SULLA MORTE

novembre 2nd, 2012

Morire sì,
non essere aggrediti dalla morte.
Morire persuasi
che un siffatto viaggio sia il migliore.
E in quell’ultimo istante essere allegri
come quando si contano i minuti
dell’orologio della stazione
e ognuno vale un secolo.
Poi che la morte è la sposa fedele
che subentra all’amante traditrice,
non vogliamo riceverla da intrusa,
né fuggire con lei.
Troppo volte partimmo
senza commiato!
Sul punto di varcare
in un attimo il tempo,
quando pur la memoria
di noi s’involerà,
lasciaci, o Morte, dire al mondo addio,
concedici ancora un indugio.
L’immane passo non sia
precipitoso.
Al pensier della morte repentina
il sangue mi si gela.
Morte non mi ghermire
ma da lontano annunciati
e da amica mi prendi
come l’estrema delle mie abitudini.

Vincenzo Cardarelli
***

La morte è la curva della strada,
morire è solo non essere visto.
Se ascolto, sento il tuo passo
esistere come io esisto.

La terra è fatta di cielo.
La menzogna non ha nido.
Nessuno si è mai perduto.
Tutto è verità e via.

Fernando Pessoa
***

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla

Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.
Cesare Pavese

*

Per la Commemorazione dei defunti leggi anche: Frasi Sulla Morte

Next »