Aforismi

Aforismi Aforismi Belli, Aforismi Per Tutti i Gusti, Scegli Un Aforisma Speciale, Aforismi e Aforismi Celebri ► AFORISMI BELLI!



LETTERA DI UNA MAMMA A UNA FIGLIA

aprile 19th, 2014

LETTERA

Se un giorno mi vedrai vecchia, se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi, abbi pazienza…
Ricorda il tempo che ho trascorso io ad insegnartelo quando eri piccola.
Se quando parlo ripeto sempre le stesse cose non m’interrompere, ascoltami…
Quando eri piccola io dovevo sempre raccontarti la stessa storia finchè non ti addormentavi.
Se a volte non ho voglia di lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare…
Ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perché non volevi farti il bagno.
Se vedi la mia ignoranza sulle nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico…
Ho avuta tanta pazienza io quando t’insegnavo l’alfabeto e t’aiutavo nei compiti.
Se non riesco a ricordare e perdo il filo del discorso, dammi il tempo di ricordare, e se non ci riesco non t’innervosire, la cosa più importante non è quello che dico, ma il bisogno d’essere li con te ed averti li che mi ascolti…
Se le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo, non mi trattare come fossi un peso…Vieni verso di me con le tue mani nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi…
Se dico che vorrei essere morta non arrabbiarti…
Un giorno comprenderai cosa mi spinge a dirlo e cerca di capire che alla mia età non si vive, ma si sopravvive.
Un giorno capirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te, che ho tentato di spianarti la strada.
Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua pazienza, dammi una tua spalla su cui appoggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te.
Ti amo figlia mia e prego per te anche se mi ignorerai.

***

Beltane

aprile 18th, 2014

a74966078377d9d6d134d434d47e42de

 

Questo è il momento in cui il dolce desiderio si unisce alla gioia sfrenata. La Vergine della Primavera e il Signore dell’Anno Crescente si uniscono sui campi verdeggianti, e gioiscono insieme sotto il tepore del sole. Tutta la natura si rinnova, l’albero della vita è intrecciato in una rete a spirale. Ci incontriamo nel momento della fioritura, per danzare la danza della vita.

Starhawk- La Danza a Spirale

La soffitta delle streghe
www.lasoffittadellestreghe.it

MODI DI DIRE E DETTI LATINI

aprile 18th, 2014

detti latini

Acta est fabula
Lo spettacolo è finito
Augusto
***

Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt
Abbiamo davanti agli occhi i vizi degli altri, mentre i nostri ci stanno dietro
Seneca

***

Ab ovo: dall’uovo. /cominciare da capo e ripetere tutto
***

Alterius non sit qui suus esse potest
Non appartenga a un altro chi può appartenere a se stesso
Cicerone
***

Castigat ridendo mores
Scherzando sferza i costumi
Jean de Santeuil
***

Cibi condimentum esse famem
La fame è il condimento del cibo
Cicerone
***

Corruptio optimi pessima
Ciò che era ottimo, una volta corrotto, è pessimo
Gregorio Magno
***

Credo ut intelligam, non intelligo ut credam
Credo per comprendere, non comprendo per credere
Sant’Anselmo
***

Ad libitum: a piacere. Come uno ritiene più opportuno
***

Deligere oportet quem velis diligere
Bisogna scegliere chi si vuole amare
Cicerone
***

Dictum factum
Detto fatto
Ennio
***

A priori – a posteriori: da ciò che precede – da ciò che consegue.
***

Doctum doces
Insegni a uno che già sa
Plauto
***

Dura lex sed lex
E’ una legge dura, ma è la legge
Digesto

***
Etiam capillus unus habet umbram suam
Anche un solo capello fa la sua ombra
Publilio Sirio
***

Homo homini lupus
L’uomo è un lupo per l’altro uomo
Plauto
***

Homo mundus minor
L’uomo è un mondo in miniatura
Boezio
***

Cui prodest?: a chi giova?
***

Ipse dixit
L’ha detto lui!
Pitagora
***

Manus manum lavat
Una mano lava l’altra
Seneca
***

Honoris causa: a motivo di onore.
***

Memento audere semper
Ricordati di osare sempre
Gabriele D’Annunzio
***

Relata refero: riferisco quanto mi è stato detto.
***

Mihi pinnas inciderant
Mi avevano tarpato le ali
Cicerone
***

Mors et fugacem persequitur virum
La morte raggiunge anche l’uomo che fugge
Orazio
***

Sui generis: del suo genere. Di quel tipo. Fatto a modo suo.
***

Mors omnia solvit
La morte scioglie tutto
Giustiniano
***

Nascimur uno modo, multis morimur
Nasciamo in un solo modo, ma moriamo in molti
Cestio Pio
***

Necesse est multos timeat quem multi timent
Deve temere molti chi molti temono
Laberio
***

Necesse habent cum insanientibus furere
Tra i pazzi devon necessariamente impazzire
Petronio
***

Nihil inimicus quam sibi ipse
Niente vi è di più nemico di sestessi
Cicerone
***

Nil est dictu facilius
Niente è più facile che parlare
Terenzio
***

Odi profanum vulgus et arceo
Odio la massa ignorante e la tengo lontana
Orazio
***

Omnia fert aetas
Il tempo porta via tutte le cose
Virgilio
***

Omnia munda mundis
Tutto è puro per i puri
San Paolo

***

Omnia mutantur
Tutto cambia
Ovidio
***

Ora et labora
Prega e lavora
San Benedetto
***

Parce sepulto
Risparmia chi è sepolto
Virgilio
***

Patria est ubicumque est bene
La patria è dovunque sis stia bene
Pacuvio
***

Pulvis es et in pulverem reverteris
Sei polvere e polvere ritornerai
Genesi
***

Qui autem invenit illuminvenit thesaurum
Chi trova un amico trova un tesoro
Siracide
***

Quis custodiet ipsos custodes?
Chi sorveglierà i sorveglianti?
Giovenale
***

Quod erat demostrandum
Come volevasi dimostrare
Euclide
***

Quot homines tot sententiae
Tanti uomini tanti modi di pensare
Terenzio
***

Ridendo dicere verum
Scherzando dire la verità
Orazio
***

Risus abundat in ore stultorum
Il riso è abbondante sulla bocca degli sciocchi
Menandro
***

Verbum de verbo
Parola per parola
Terenzio

TUTTI UGUALI

aprile 18th, 2014

Io non faccio distinzioni, non guardo di che colore sei, o se ti piace lo stesso sesso, non guardo se sei alto o basso, se sei grasso o magro, non esiste questo disegno per me, davanti ai miei occhi vedo solo esclusivamente esseri umani…

(Ejay Ivan Lac)

no_razzismo

QUANDO TI PERDI

aprile 18th, 2014

Mentre torni a casa, con il mondo fuori dalla porta, lasciando cadere il capotto sul letto, ti fermi a guardare il muro, con quella lacrima che scende dai tuoi occhi e ti perdi in quei pensieri che sembrano di cemento, ad ogni azione ti perdi, quando guardi la televisione o stai davanti al tuo pc, ad ogni respiro ti perdi, quando ti affacci alla finestra o cammini per strada…

Pensi a come sarebbe stato diverso se le cose fossero andate in altro modo, come sarebbe stata la vita, se avessimo scelto una strada differente, i pensieri girano, i pensieri, si disegnano sopra ogni parte del nostro corpo e rimangono stampati per sempre, come quando un piano suona note che si incidono sul cuore, non svaniscono mai, ogni volta che lo riascolti si riformano tali uguali a prima, imparare a condividere con essi e porsi milioni di domande, cercare delle risposte, che non arriveranno mai…

I ricordi si mischiano ai pensieri, ti domandi se il suo cuore ogni tanto pensa a te, mentre tiene per mano qualcun’altro, se la sua mente si è pentita da come ti ha trattato, pensi, se tutti i tuoi progetti un giorno ti porteranno davanti a quel mare che brilla e salta insieme a te, sotto il sole ricco di calore, se la nostra felicità un giorno farà cambiare il mondo, che vive nel freddo e piange nella paura, per essere sicuri di poter regalare un sorriso a chiunque senza essere guardati male, sperare che le persone un giorno, si possano accettare per quello che sono e non per quello che dicono di essere…

Sperare… di poter entrare in casa, lasciando il mondo fuori dalla porta, mentre poggi i vestiti sul letto guardando il muro, con un sorriso..

(Ejay Ivan Lac)

Perdere-lutto-elaborazione

Che cos’era facebook…

aprile 18th, 2014

-Nonno che cos’era facebook?

Facebook era una grande piazza, dove tutti si ritrovavano con le loro idee, c’era chi metteva il proprio gusto musicale, c’era chi scriveva poesie, chi si occupava di moda, era un mondo dentro il mondo.

-Nonno ma se c’era il mondo, perchè un altro mondo?

Perchè non tutti riuscivano a vivere nel mondo, e allora tutti se ne creavano uno personale, c’era chi amava e passeggiava seduto su una sedia, c’era chi sognava ad occhi aperti…

-Nonno perchè passeggiavano seduti su una sedia, avevano le malattie alle gambe?

No, avevano i sogni in testa, quelli irrealizzabili, quelli che ti fermavano davanti alla porta, quelli che svanivano la sera e li ritrovavi all’alba….

-Nonno come mai non c’è più facebook.

Perchè un giorno tutti hanno deciso di camminare.

-Dove sono andati nonno…

Fuori, dove i sogni diventavano realtà….

 

persone che camminano

Vivere

aprile 17th, 2014

 

 

0a80632b583b12bef0db650466df39fa

 

 

Vivete soltanto nel presente, non nel futuro. Fate del vostro meglio oggi; non aspettate il domani.

Paramahansa Yogananda
La soffitta delle streghe

www.lasoffittadellestreghe.it

Il pozzo delle lacrime

aprile 17th, 2014

C’è… un pozzo delle lacrime?
Quant’è profondo non saprei
mi sporgo e dal fondo salgono
echi e lamenti…..non credo più
all’amore.
Se n’è andato e ha lasciato
una finta pace che non conforta.
Strappato via, è rimasto il vuoto
una mancanza profonda.
Getta nel pozzo i tuoi fantasmi
i tradimenti, i dolori, sulle gote
scivolano lacrime che in tonfi leggeri
si uniscono all’ acquitrino dolciastro.
Quando avrai il coraggio di guardare
giù nel profondo, saprai che tutto è passato
il pozzo ingoiato avrà l’energia, il pianto
e nulla ti darà in cambio……

(Mirella Narducci)

 

Il pozzo delle lacrime

Sarò tua…..

aprile 17th, 2014

Mi vuoi per una notte
già avverto il preludio
di un carnale abbraccio.
Prima del corpo sposa
la mia anima, conquista
la mia mente che più
perversa e passionale
cederà anzi tempo alle
carezze.
Il tuo sensuale bacio
sull’orecchio mette in moto
invisibili farfalle mentre
il cuore prende a battere forte.
L’arsura dei tuoi baci, mi asciuga
la lingua, riarsa da taglienti lame
e la gola trafigge.
Dissetami col tuo amore anche se
per una notte, avrò vissuto quel
sogno che mi tormenta e sfinisce….

(Mirella Narducci)

Sarò tua.....

Next »