Aforismi

Aforismi Aforismi Belli, Aforismi Per Tutti i Gusti, Scegli Un Aforisma Speciale, Aforismi e Aforismi Celebri ► AFORISMI BELLI!



Appesa

luglio 8th, 2012

 

Appesa nel nulla mi dicevamo,
appesa nel niente mi suggerivano…

Appesa nella notte..io dissi.
Appesa tra le stelle.. ti supplicai..
Appesa tra le tue braccia… rimango a osservare il tuo ventre, mente la mia mente vola verso di te… Madre )O(

un clik telematico

luglio 8th, 2012

Innocente, lo grido forte non è colpa mia se quelle pianticelle non sono mai nate, ne coltivate, nutrite dall’amore, non lo sono mai state.  Quella nota stonata che non è riuscita ad incantare il nostro amore, mai  è divenuta   musica del cuore. Tutte le nostre promesse  mutate in  nuvole, che un soffio di vento disperde  e  le  parole,  da dolci sussurri  son diventati  urli che  lacerano questa nostra prigione telematica. Quando  in  fine  i nostri  entusiasmi  si accendono  per  le  maree di frasi, la nostra mente  le  fa  sue, d’ improvviso  un doppio  clik  spegne  la simbiosi e sono ancora  quì sola , innocente  difronte  allo schermo con  nell’iride  le tue  ultime parole d’amore.

(Mirella Narducci)

C’è chi dice no

luglio 8th, 2012

Sono tornati tutti , o quasi ; si, perchè qualcuno ha deciso di restare in vacanza per sempre , forse affascinato dal rumore del mare , forse condizionato dall’eterno splendere del sole. Sicuramente trasecolato dinnanzi a cotanta spensieratezza , la quale , inevitabilmente, sottrae all’anima i sentimenti più puri e nasconde -quasi elimina- i comuni imbarazzi. Spensieratezza capace di trasformare i consueti turbamenti dell’inverno e l’introversione che caraterizza i giorni freddi nella più inaspettata vivacità e confortevole spudoratezza , tratti fondamentali della noncuranza. C’è , tuttavia , chi ha deciso di tornare. C’è chi l’ha fatto a malincuore , controvoglia , lasciando in riva al mare gli attimi più belli che ricordano la felicità. La mente libera , sgombra dalle imposizioni dei nove mesi del dovere.Chi è tornato , lo ha fatto attraversando una fase di alterazione dei propri sentimenti , una sorta di metamorfosi emozionale. La paura di disamorarsi da ciò che , sostanzialmente, li ha positivamente mutati li induce a conformarsi ad atteggiamenti insoliti , i quali, per chi è generalmente disavvezzo a tali cambiamenti, diventano imperscrutabili.Quasi fosse uno sgarbo alla altrui serenità , alla beatitudine di chi , impassibile dinnanzi ai richiami dell’estate e dalle emozioni inalterabili, ha atteso invano il ritorno di chi ama e spera in un connubio prima solido – almeno in apparenza – adesso vano , o quasi…C’è perfino chi ha deciso di rinunciare a partire , ad abbandonare la consuetudine e la monotonia dei giorni consumati tra libri , tensioni e qualche “contenuto” divertimento.L’austerità di tale decisione non è spiegabile nè , tantomeno , giudicabile… I sentimenti sono eternamente inoppugnabili.C’è , infine , chi -anch’egli tornato, inevitabilmente-ha deciso di restare a guardare i mutamenti comportamentali consapevoli o involontari di tutti coloro i quali hanno deciso di voltare pagina , almeno per un pò. Giusto il tempo di “cambiare”.E’ nella durata di tale cambiamento che si celano le paure e i timori di chi attende invano il ritorno alla normalità che si contrappongonoalla speranza di chi , protagonista quasi inconsapevole , cerca la rivalsa. Riscatto quasi naturale , forse per quella consapevolezza la quale fa fatica a prorompere anche nella quotidianità .

Il profumo d’amore

luglio 8th, 2012

L’amore è quell’inebriante essenza di felicità,
quell’emozione stupenda che ti segue ovunque,
che ti fa amare una persona pur sapendo che è lontana…
pur sapendo che non la rivedrai più…
E non ti frega dei sui difetti,
di ciò che possiede o di che lavoro fa,
la ami semplicemente per come è.
E continuerai ad amarla…
nonostante dovessi sapere…
che non sarà mai tua.

(by Michele Micky)

AMALA….

luglio 8th, 2012

Amala…Amala quando meno se lo aspetta, amala in tutte le sue forme..amala dentro, amala fuori, senza paura..senza un perchè..Amala stretta fra le gambe, tra le lenzuola..Amala sotto la pelle..amala dentro al cuore, amala senza una ragione..senza negare..amala come solo tu sai fare..senza una fine..senza lasciarla andare, amala fino in fondo..amala dentro a un sogno..

Tanya Bì ©

 

LA GENTE VUOL SENTIRE SOLO CIO’ DI CUI HA BISOGNO

luglio 8th, 2012

Quando travasa qualcosa, la gente inclina e ruota i vasi perché l’operazione riesca bene e non ci siano dispersioni, mentre, quando ascolta un filosofo, non impara ad offrire se stessa a chi parla e a seguire attentamente, perché non le sfugga nessuna affermazione utile. E quel che è più ridicolo è che se incontrano uno che racconta di un banchetto, di un corteo, di un sogno o dell’alterco avuto con un altro, restano ad ascoltarlo in silenzio e insistono per saperne di più; ma se uno li tira da parte e vuol dare loro un insegnamento utile, spronarli a qualche dovere, redarguirli in caso di errore o addolcirli quando sono irritati non lo sopportano e se ne hanno la possibilità si sforzano d’averla vinta e si mettono a controbattere le sue parole o, se proprio non ce fanno, lo piantano in asso e vanno alla ricerca di altri insulsi discorsi, riempiendosi le orecchie, quasi fossero vasi difettosi e incrinati, di qualunque cosa piuttosto che di ciò di cui hanno bisogno. I bravi allevatori rendono sensibile al morso la bocca dei cavalli: così i bravi educatori rendono sensibili alle parole le orecchie dei ragazzi insegnando loro non a parlare molto, ma ad ascoltare molto. Nel tessere gli elogi di Epaminonda, Spintaro diceva che non era facile incontrare uno che sapesse di più e parlasse di meno. E la natura, si dice, ha dato a ciascuno di noi due orecchie ma una lingua sola, perché siamo tenuti ad ascoltare più che a parlare.

PLUTARCO, L’ARTE DI ASCOLTARE

IL MIO NOME E’ ROSSO * ORHAN PAMUK

luglio 8th, 2012

Adesso io sono un morto, un cadavere in fondo a un pozzo. Ho esalato l’ultimo respiro ormai da tempo, il mio cuore si e’ fermato, ma, a parte quel vigliacco del mio assassino, nessuno sa cosa mi sia successo. Lui, il disgraziato schifoso, per essere sicuro di avermi ucciso ha ascoltato il mio respiro, ha tastato il mio polso, mi ha dato un calcio nel fianco, mi ha portato al pozzo e mi ha preso in braccio per poi buttarmici dentro. La testa me l’aveva gia’ spaccata a colpi di pietra, e cadendo nel pozzo e’ andata in pezzi, la mia faccia, la fronte e le guance, e’ rimasta schiacciata, e’ scomparsa, le ossa si sono spezzate, la bocca si e’ riempita di sangue.
Sono quattro giorni che manco da casa. Mia moglie e i miei figli mi staranno cercando. Mia figlia, sfinita dal pianto, probabilmente stara’ guardando il cancello del giardino; tutti mi staranno aspettando con lo sguardo fisso sulla porta.
Ma mi staranno veramente aspettando? Non lo so. Forse si saranno abituati, che orrore! Perche’ stando qui sembra quasi che la vita che ti sei lasciato dietro continui come sempre. Prima di nascere avevo alle spalle un tempo illimitato. Un tempo che non sarebbe finito neanche dopo la mia morte! Da vivo non pensavo a queste cose, continuavo a vivere
nella luce, nel tempo che passa tra due oscurita’.
Ero felice, ero veramente felice, ora lo capisco.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

posso affermare che le anime squartate in terra qui si ricompongono. E poi, al contrario di quanto affermano gli infedeli miscredenti e i bestemmiatori che credono a Satana, grazie al cielo un aldila’ esiste. Il fatto che io vi parli da li’ ne e’ la prova.
Sono morto, ma come vedete, non sono scomparso. Devo dire pero’ che non ho trovato i padiglioni d’oro del Paradiso, ne’ quelli d’argento sotto i quali scorrono i fiumi, gli alberi dalle foglie enormi e dai frutti maturi, ne’ le belle vergini di cui si parla nel Corano.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Per farla breve, io che nella corporazione dei miniaturisti e tra i maestri d’arte sono conosciuto come Raffinato Effendi, sono morto ma non
sono stato sepolto. Percio’ la mia anima non ha potuto abbandonare del tutto il corpo. Perche’ la mia anima possa andare verso il Paradiso, l’Inferno, o dove e’ destino che vada, deve uscire dalla sporcizia del corpo. Questa particolare situazione, che puo’ capitare anche ad altri, e’ per la mia anima causa di tremendo dolore. Non sento di avere la testa fracassata, non sento le fratture che spezzano meta’ delle mie ossa, l’orrore di putrefarmi nell’acqua gelida, ma avverto il dolore profondo della mia anima che si divincola nel tentativo di abbandonare il corpo. come se tutto l’universo cominciasse a contrarsi restringendosi in un qualche luogo dentro di me.
Posso paragonare questo senso di contrazione solo alla spaventosa liberazione che ho provato nel momento in cui sono morto.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Sapere che chi mi vuole bene pensa continuamente a me immaginando che stia perdendo tempo in stupidaggini in qualche angolo di Istanbul, oppure che sia andato dietro a una donna, aumenta il dolore della mia anima inquieta. Basta! Trovate il mio cadavere, seppellitemi e fatemi un funerale con tutte le necessarie preghiere rituali! Ma soprattutto che venga scoperto il mio assassino! Sappiate che finche’ non si scopre quel vigliacco, anche se sepolto nella piu’ bella delle tombe, io attendero’ aggirandomi inquieto per la tomba e insinuero’ in tutti voi la miscredenza.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Non ho nulla da fare, se non fantasticare
sulle torture che un’anima pia potrebbe infliggere a quel vigliacco del mio assassino, qualora lo trovasse
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Come nelle altre citta’, anche a Istanbul il denaro non aveva piu’ valore. I forni che, negli anni in cui ero andato in Oriente, tiravano fuori delle belle pagnotte grosse per un akçe, adesso, per lo stesso prezzo, davano solo la meta’ di quel pane, un pane che non aveva piu’ il sapore dell’infanzia. Se la buonanima di mia madre avesse visto che
toccava sborsare tre akçe per dodici uova, avrebbe detto «fuggiamo in un altro paese prima che le galline ci cachino in testa», ma sapevo che ovunque il denaro non valeva nulla.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Sono un cane, e voi che non siete creature ragionevoli quanto me dite che un cane non parla. D’altra parte, sembra che diate credito a una storia in cui a parlare sono i morti e i protagonisti usano parole che non conoscono. I cani parlano, ma solo a chi sa ascoltarli.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Il nostro Profeta sapeva che il caffe’ intorpidisce la mente, buca lo stomaco, fa venire l’ernia e rende sterili, aveva capito che era un prodotto di Satana e non ne beveva. E poi ormai le sale da caffe’ sono luoghi dove chi e’ in cerca di piacere e i ricchi lussuriosi siedono vicini per compiere ogni tipo di spudoratezza; in
realta’, prima dei conventi dervisci bisognerebbe chiudere quelle sale. I poveri hanno forse i soldi per bere caffe’?
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

e’ difficile abituarsi a essere un assassino. Non riesco a stare in casa, vado in strada, non riesco a stare per strada, ne prendo un’altra, poi da quella cammino verso un’altra ancora e quando guardo in faccia le persone vedo che molte di loro si reputano innocenti perche’ non hanno ancora avuto occasione di uccidere. difficile credere che la
maggior parte delle persone siano piu’ oneste o piu’ buone di me solo per questa piccola questione di fortuna o destino. In ogni modo, dato che non
hanno commesso ancora un omicidio, hanno l’espressione un po’ stupida e come tutti gli stupidi sembrano dei bonaccioni. Dopo aver ucciso quel poveretto, mi e’ bastato camminare quattro giorni per le strade di Istanbul per capire che tutti quelli che hanno uno sprazzo di intelligenza negli occhi e un’ombra d’anima in volto sono potenziali assassini. Solo gli stupidi sono innocenti.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Giunto a quest’eta’, so che il vero rispetto non scaturisce dal cuore ma dalle piccole regole e dalla
sottomissione.
Scoprire che gli piacevano i libri durante gli anni in cui sua madre, vedendo in casa nostra un futuro per il figlio, lo portava spesso qui con ogni scusa, ci ha uniti e – come dicono quelli che abitano nella casa – mi ha fatto da apprendista. Gli raccontavo di come i miniaturisti di Shiraz tracciassero la linea dell’orizzonte nella parte superiore del disegno dando cosi’ origine a un nuovo stile. E di come il grande Maestro Behzat non disegnasse Mejnun come fanno tutti, un pazzo che per amore della sua Leyla girovaga stravolto per i deserti, ma mentre cucina,
mentre cerca di accendere un fuoco soffiando sulla legna, mentre cammina tra le tende in mezzo a una folla di donne, facendo risaltare la sua solitudine molto meglio di chiunque altro. Gli spiegavo quanto fosse ridicolo che la maggior parte dei miniaturisti che disegna il momento in cui Cosroe contempla sirin completamente nuda mentre si bagna nel lago
nel cuore della notte, adoperi il colore per i cavalli e gli abiti degli innamorati in modo del tutto casuale, senza leggere il poema di Nizami, e che se un miniaturista e’ cosi’ distratto da non leggere con attenzione e intelligenza il testo che sta illustrando, l’unico motivo che lo spinge a impugnare penna e pennello non puo’ essere che il denaro.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Pensando alla mia infanzia rivolsi l’attenzione agli oggetti di casa.
Erano dodici anni che ricordavo il kilim blu proveniente da Kula, la caraffa, il vassoio del caffe’ e il secchio di rame, le tazzine e tutte le volte che mia zia buonanima aveva detto orgogliosa che venivano dalla lontana Cina, via Portogallo. Questi oggetti, proprio come il leggio intarsiato di madreperla nell’angolo, l’attaccapanni sul muro, il cuscino di velluto rosso che toccavo ricordandone la morbidezza, venivano dalla casa del quartiere di Aksaray dove avevo trascorso l’infanzia con seküre
e avevano ancora qualcosa dello scintillio dei giorni felici che avevo
passato disegnando li’.
Felicita’ e disegno. Vorrei che i lettori attenti alla mia storia e al mio destino tenessero sempre in mente questi due fattori come punto di partenza del mio mondo. Qui, un tempo, tra libri, matite e disegni, ero molto felice. Poi mi sono innamorato e sono stato cacciato da questo Paradiso.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

A voi fortunati che sapete leggere e scrivere capita spesso: una persona che non sa leggere vi prega di leggergli una lettera che ha ricevuto e voi la leggete. Le cose scritte possono essere cosi’ impressionanti, emozionanti e conturbanti che il proprietario, imbarazzato dal fatto che siate complici del suo segreto, vi puo’ chiedere, vergognandosi, di leggere la lettera un’altra volta. Voi la leggete. alla fine la lettera
viene letta talmente tante volte che entrambi la imparate a memoria. Poi prendono in mano la lettera e vi chiedono, e’ qui che dice questa cosa,
e’ qui che ha detto quell’altra e guardano il punto che indicate col dito senza conoscere le lettere. a volte, mentre guardano il verso delle lettere e delle parole che sono incapaci di leggere, ma che hanno  imparato a memoria, mi commuovo e, dimenticando che anch’io non so leggere e scrivere, mi viene da baciare queste ragazze analfabete che piangono per delle lettere.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Il rosso di un disegno affollato – mi resi subito conto che ciascuno dei miei maestri ne aveva toccato un angolo – mi fece teneramente paura. Una mano che non capivo a chi appartenesse aveva inserito nel disegno un rosso di una strana tonalita’ secondo una logica segreta, e tutto il
mondo che il disegno mostrava era gradatamente sprofondato nel rosso.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

Se non ci fosse stato scritto sotto, solo io avrei potuto capire che il ragazzo e la ragazza nel disegno eravamo noi, perche’ a volte quando scherzavamo, faceva il mio e il suo ritratto con gli stessi lineamenti e gli stessi colori, io vestita di azzurro e lui di
rosso.
Orhan Pamuk * Il mio nome e’ rosso.
***

scoppio.

luglio 7th, 2012

 

 

.Per me l’unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano…bruciano..bruciano..come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle… e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh…!!!)O(

Ritroviamo la passione

luglio 7th, 2012

Sedevo con la mia ombra accanto……..e sconsolata le chiesi: Ho conosciuto la passione! Certo sicuramente avrai dei bei ricordi, fu la risposta. Ma io non voglio che finisca devono esserci ancora tanti tramonti, lei ridendo mi  fece notare che  già  era un  ricordo, solo perche ne parlavo  con  tristezza.  Forse aveva ragione dovrò cercare  il fiore della fiducia, della consapevolezza, quella pianta che cresce spontanea  al  sole, sulla terra dell’amore, e poi trascinare la mia ombra  con me in un mondo senza mura, senza inibizioni  priva di confini  in  quella terra dove fioriscono  le passioni.  E  riuscirò  a  catturare  ancora  il profumo che fino  ad ora  mi  ha tenuto  in vita.

(Mirella Narducci)

« Prev - Next »